Storia di incesto erotico – Benvenuti sull’isola, 3

di | 9 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

3. Trucco (Parte II).

Il bagno della casa di Gogóia era così sontuoso che Monique ne rimase colpita. Era solo un po’ nervosa perché sarebbe stata la prima volta che prendeva il cazzo di qualcuno che non faceva parte della sua famiglia:

– È sempre strano per me, sai? Entra sotto la doccia senza doversi prima spogliare! ahahah – scherza Monique, cercando di rilassarsi.

– Hahaha! Sì, all’inizio ti deve sembrare strano, perché anche in piscina sei in “costume da bagno”, ahahah.

Monique sorride e riflette che quelle cose non hanno senso. Poi il signor Carlos continua:

– Beh, cosa preferisci, Monique? La vasca o la doccia?

Monique guarda la bella vasca da bagno e poi le viene in mente una scena molto piacevole: lei e Carlos, rannicchiati nella schiuma; coccole Lei si sedette dandogli le spalle, appoggiandosi al suo petto, e lui le versò il vino in bocca mentre le stringeva i seni. Ma, pensò, come avrebbero fatto l’anale nella vasca da bagno? Impossibile elaborare l’immagine.

– Ah, Carlos, avevo pensato alla vasca da bagno, ma…

– Ma?

– Non è più difficile per…?

– Per…?

Quindi ricorda che ora dovresti eccitare quest’uomo il più possibile. Carlos aveva vissuto sull’isola tutta la sua vita, era abituato alle parolacce e al linguaggio osceno. Se avesse voluto fare bella figura, avrebbe dovuto presto perdere tutta la modestia tipica del continente:

– Nella vasca da bagno, non ti diventa difficile leccarmi il culo?

– Oh, non credo, sai? Ho già scopato un sacco di culi in questa vasca da bagno, ehehe. Solo anale con mia moglie e le mie figlie, c’erano così tante volte che non riuscivo nemmeno a dirlo. E ho scopato anche molti visitatori qui, per me non sarebbe un problema.

Monique arrossì, ma non troppo. Determinata a svolgere il ruolo di una buona visita, in linea con la cultura dell’isola, continua:

– Ah, allora va bene! Anche l’immagine di te che mi scopi in piedi, sotto la doccia, mi piace molto! ahahah – disse, felice di superare ogni imbarazzo.

– Non preoccuparti, ti mangerò il culo più volte prima di essere sazio ahahah. Poi andremo a fare la doccia, se è il caso, e mangerò anche te, ok?

– Combinato! – lei sorride

Con la vasca piena, il galante signor Gogóia prende delicatamente la punta delle dita di Monique e la guida, e così, in pochi secondi, erano già in acqua, esattamente nella posizione precedentemente immaginata da Monique. Il cazzo duro e le palle rosa di Carlos erano schiacciati tra il suo culo e la sua schiena.

Come previsto, il vino fu aperto e il bicchiere fu versato nella bocca di Monique, mentre l’altra mano del bastardo si diresse verso i suoi seni bagnati e insaponati. Era delizioso massaggiare i seni così morbidi che, nonostante le loro grandi dimensioni, non avevano perso nulla della loro forma. In questa atmosfera piacevole, Monique prepara presto un panino, tutto offerto a questo maschio, desideroso di sentire i suoi baci e il suo respiro affannoso sul suo collo nudo.

Quindi il momento è continuato in modo naturale. La conversazione va avanti e indietro…

– Perché hai scelto di mangiarmi il culo, eh? Avresti potuto scegliere il buco di Vick, per esempio. Non pensi che mia figlia sia sexy?

– Stai scherzando!? Tua figlia è deliziosa! E che faccia da stronza che ha! Ma lei avrà il suo turno, puoi starne certo, ahahah – tenendo i seni insaponati di Monique con entrambe le mani – È vero che le hai infilato un braccio nel culo?

Monique è un po’ imbarazzata:

– Oh, le persone sanno almeno come dirlo? ah ah. Beh, lo faccio solo di tanto in tanto, altrimenti si romperebbe ahahah. Ma qui sull’isola rimanere con il braccio incastrato dev’essere una cosa comune, vero?

– Beh, non è raro, ma non è nemmeno comune, perché non tutti hanno un culo così elastico. È una questione di anatomia ahahah. Ovviamente non vediamo alcun problema qui, pensiamo anche che sia bello quando succede, ma non tutti hanno un culo così grosso, giusto? La maggior parte delle donne che vogliono farlo vanno dalla strega per farlo.

– Hmm? Anche chi???

– La strega. È una lunga storia. C’è una strega sull’isola che prepara pozioni fantastiche con il frutto di gogoia. Ma questa cosa miserabile non insegna assolutamente nulla a nessuno. Ma ehi, ha una pozione di gabbiano nero che espande il culo e aumenta il piacere anale, e poi puoi infilarci tutto il braccio ahahah. Helen lo ha già fatto per me, mi è piaciuto intervenire. Ma è bello sapere che tua figlia può gestirlo in modo naturale, ahahah.

Altre storie erotiche  Fa un pompino nel bagno del centro commerciale

Monique pensa a questa strega, ma decide di lasciarla passare per restare in tema:

– E Leona o Karen? Perché non li hai scelti?

– Sono anche molto sexy, ma tu hai un fascino speciale, Monique – e le bacia il collo, con quel modo sporco che ogni isolano nato sapeva fare.

– In realtà? – i primi brividi scuotevano già Monique e lei non lo nascondeva nemmeno

– Uhm – e fa scivolare la mano, dal punto in cui si trovavano i suoi seni, sopra la pancia, fino alla morbida figa di Monique, adattandosi perfettamente lì.

– Hmm… Vuoi già scoparmi, vero? – Monique si voltò e gettò via il culo, massaggiandosi quel cazzo nel culo, per stuzzicare quest’uomo.

– Hmmm, delizioso! Questo è tutto, pedala di più, brasiliano, samba sul mio cazzo, vai avanti!

– LOL – non lo sopporta

– Cos’era?

– Non so fare la samba, la maggior parte delle donne brasiliane no, a dire il vero ahahah.

– Hmm, è vero, quando ero lì in Brasile, mi sono reso conto che la maggior parte delle persone ascolta solo funk, che tra l’altro è un ritmo molto sessuale. Quasi tanto sessuali quanto le canzoni che abbiamo qui sull’isola! Non ti capisco. Anche se sulla terraferma sono così modesti, ascoltano musica così pornografica! HAHAHA

– È difficile da capire, lo so. Ma ho sempre odiato queste canzoni, ammette.

– In realtà??? Ma perché? Sono così erotici! Ascoltiamo e i nostri cazzi si induriscono all’istante. Beh, ora che sei sull’isola e sei diventata una puttana, devi aver cominciato a piacerti il ​​funk, giusto?

Monique si arrabbia quando la chiamano così e riflette che non conosceva la risposta a quella domanda. Oltre a non sapere nulla della musica dell’isola, non sapevo anche se, ora che sono già una troia, il funk mi sarebbe piaciuto oppure no:

– Hmm… non so come dirlo, onestamente, ahahah.

È allora che Carlos prende un po’ il controllo della vasca da bagno, delle vibrazioni e del flusso dell’acqua, e avvia lui stesso una playlist:

– Facciamo il test? Ho un sacco di gemiti funk qui! HAHAHA

Monique annuisce e continua a muovere il culo sul cazzo di Carlos, facendo tremare l’acqua. E poi inizia la canzone, che era un mix di funk ed elettronica, con un ritmo molto forte:

“MUOVERSI, ESPERIENZA;

DAMMI IL TUO CULO COME SE FOSSE LA TUA FIGA!

VIENI DONNA,

VOGLIO VEDERE SE PUOI PRENDERE…”

Monique sapeva che in altre occasioni ciò sarebbe sembrato di pessimo gusto, ma ora provava un grande piacere nel sentire parole così esagerate e confuse. Le parole l’avvolgevano deliziosamente, dicendo le più grandi atrocità, e Monique sentì il dito medio di Carlos correre lungo i bordi delle sue natiche, accarezzandole in senso orario in cerchi completi e continui, ma senza entrare, preparando solo la zona. o per quello che sarebbe venuto dopo.

– Oh, Carlos, che delizioso, Hummmm! – Gemeva mentre ascoltava la musica porno e sentiva la dolce stimolazione nel suo ano.

Dopo un po’ cominciò un altro funk:

“Allora andiamo: uno, due, tre:

CINQUE ANATRE IN BOCCA IN UNA VOLTA!

E Monique si arrapa ancora di più, dondolandosi al ritmo funk e mostrando il suo culo, quasi implorando Carlos di penetrarla subito. Non aveva mai sentito pulsare così tanto le sue natiche, era come se l’energia di tutto il suo corpo passasse attraverso quella regione.

Aveva già la pelle d’oca quando vide, in mezzo alla schiuma, fluttuare un grosso gallo di gomma:

– Wow, cos’è questo? ahahah – un po’ sorpreso da questo oggetto, divertente ed emozionante

– Dev’essere delle mie figlie, adorano usarlo nella vasca da bagno. Ehi, detto questo, ne hai mai infilato uno in gola, così, davvero in profondità?

– No… Non ancora – disse, ricordando il porno che aveva visto una volta con Bruno e Vick, in cui l’attrice si strozzava con un cazzo di gomma simile – ma ero curioso, lo ammetto ahahah.

– O si? Allora vieni qui, lascia che te lo mostri! – prendere il rubinetto di gomma marrone e poi posizionarlo dolcemente a Monique, lasciandola in ginocchio, con il culo all’insù, guardando il soffitto e con la bocca spalancata. L’acqua lo copriva solo fino all’ombelico. Monique stava solo aspettando di vedere cosa sarebbe successo, con molta obbedienza.

Carlos, dietro di lei, tiene il cazzo di gomma per le palle e inserisce lentamente questa asta nella gola di Monique, impressionato dal suo diametro.

– Non forzarti, rilassati, tutto qui, rilassati, Monique…

Altre storie erotiche  Encoxadas del giorno

Monique poteva già sentire tutto il cazzo in gola, quindi Carlos allontanò la mano in modo che potesse riprendere il controllo di se stessa. Ma lui le lasciò qualche accenno all’orecchio:

– Deve essere molto veloce, ok? Molto veloce nel fare quei rumori! Molto veloce e forte da strappare, soffocare e persino avere qualche reflusso. Nel frattempo, ti metterò il mio cazzo saldamente nel culo, così starà davvero bene, ok? – con quella voce da bastardo e arrapata

– Eh eh! – questo fu tutto ciò che Monique riuscì a dire, con il cazzo incastrato in gola.

E cominciò un altro funk degradante:

“Rilassati, mi siedo;

INIZIA QUANDO TI CHIEDO,

MA TOGLILO QUANDO TE LO DICO,”

e Carlos continuò a dare istruzioni al visitatore:

– Vedrai che dopo aver soffocato tanto con questo cazzo e dopo aver rotolato tanto nel tuo culo, ti sentirai molto oggettivato. Ti sentirai come una puttana il cui unico compito è dare piacere agli uomini – le disse all’orecchio con voce roca piena di desiderio, stringendole forte i due seni – Sentirai che la tua figa, il tuo culo, il tuo viso e la tua bocca esistono solo per prendere lo sperma e nient’altro. Ti considererai una drogata di cazzi che pensa solo a farsi usare dai maschi. E troverai questo come il più bello e ammirevole. Quindi quando raggiungerai questo livello, avrai un orgasmo molto forte!

– Eh eh! – è quello che è riuscito a dire, con la cannuccia in bocca, d’accordo su tutto

Monique comincia allora a infilargli il cazzo di gomma in gola con una brutalità che impressiona Carlos. Tutte quelle parole strane, quel forte schifo, il fatto che fosse nuda con un altro uomo, tutto culminava in un immenso desiderio di essere scopata.

GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK – era il suono del cazzo nella sua gola, che le faceva scorrere l’acqua. Il rigonfiamento che si poteva vedere sul collo di Monique, ad ogni spinta di quel cazzo di gomma, era evidente. Carlos, stupito dal delizioso effetto visivo, le mise una mano attorno al collo e la strinse leggermente, tanto da farle sentire ancora di più la sensazione di soffocamento.

GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK, GAWK – non si è fermata, determinata a raggiungere il limite del degrado.

Quando la puttana era già completamente disconnessa dal suo senso di autoconservazione, dimenticandosi completamente della sua dignità, era ora di scoparla. Senza cerimonie, Carlos posiziona il suo grosso cazzo in quel culo, già precedentemente ammorbidito dalla stimolazione delle sue dita, e spinge con forza, FLOP, il cazzo dentro, scatenando immediatamente un ritmo intenso di martellate, godendo dello stato alterato di Monique.

C’erano così tanti colpi al secondo, e il culo era così liscio, scivoloso e caldo, che Carlos arrivò al ventesimo colpo, ma non volle fermarsi affatto.

La musica ad alto volume diceva:

“SIAMO GIÀ NUDI,

NON HO PORTATO IL PRESERVATIVO

E DEVI SEDERTI”

Et puis, oltre a incontrare l’elle-même la bit dans la gorge et, oltre a sentire gli involtini dans son anus, Monique obéit au funk et Begin à s’asseoir très serré, augmentant encore plus l’impact des crisis de Rabbia. Carlos era delirante:

– Ti piace, puttana? Ti piace così, stronza? Presto sarà la puttana di tua figlia, le scoperò la figa, puttana! Qui, qui, qui! Me li mangio entrambi… PLAC, PLAC, PLAC, PLAC… Le mangerò il culo e poi le darò un pugno nella figa!

E le buffonate continuarono, piene di scherzi e chiacchiere, finché Monique non sentì un fiotto di gelatina calda entrarle nel culo. In quel momento, Monique trascende. Era chiaro, lo sentiva: il suo culo era solo un semplice masturbatore di cazzi; Tutto il suo corpo, ogni buco che aveva, serviva solo a ricevere i cazzi; La sua persona non esisteva più, esisteva solo quella sensazione di essere la puttana perfetta, con nient’altro che la capacità di indurire un cazzo, sedersi sopra e farlo venire. In quell’attimo di trance, sentì ogni cellula del suo corpo vibrare, la sua carne tremare. Il suo udito e la sua vista stavano venendo meno, e nel culo, nella figa, nei capezzoli e nella gola scoppiarono sensazioni estremamente forti di contrazione e piacere, portando il suo orgasmo fino al punto della follia.

Poiché aveva in gola quel grosso oggetto di gomma, il suo grido di piacere si interruppe, “Mnnnmmm”, ma quando Carlos le portò via questo giocattolo con tutte le sue forze, GLOC, lei respirò forte e gemette allo stesso tempo:

– AaaaHhh

E poi crolla, lasciando ricadere tutto il peso del suo corpo sulle ginocchia del suo partner, costringendo così il suo cazzo, anche un po’ flaccido, su per l’asta di quel culo caldo e punito.

Altre storie erotiche  abusato in albergo

Stanno lì, storditi, ansimanti, tornando in sé, adattati e accoppiati.

– Wow… – respira, respira – Merda, Monique, che culo delizioso! – ansimò riprendendo fiato – Che culo meraviglioso… Calmati, non muoverti, lasciami il cazzo lì… Cazzo, Monique, mi è piaciuto tanto incularti…

– Sì… Wow, è stato fantastico, Carlos – e ho respirato e respirato – Non mi ero mai divertito così tanto nel culo, wow, mi sentivo come se stessi per svenire, l’orgasmo era così forte. E il tuo cazzo è così grosso che sembrava non andasse bene, ma era così bello, wow!

In quel momento, Kelly, la bionda dagli occhi azzurri di Gogóia, entra nel bagno, con l’aria assonnata e priva di sensi. Vede solo Monique e suo padre riposare, come nella posizione in cui hanno iniziato a fare il bagno, ma, da quello che sapeva di suo padre e dai suoi lineamenti esausti, sapeva che doveva esserci del buon sesso:

– Eh…? Ciao papà, mi siedo sul water a fare pipì.

Carlos sentì il suo cazzo indurirsi di nuovo nel culo di Monique:

– Ciao figlia mia. Saluta Monique ahahah

-Ciao Monica! – agita la mano, in mezzo al rumore della pipì – Hai dato la tua figa a mio padre?

Monique si riprende e cerca di rispondere in modo naturale:

– dico il mio culo

– Sì, lasciamelo succhiare? Ci deve essere ancora dello sperma dentro, giusto?

Carlos interviene:

– Figlia mia, sai che devi prendertela con calma, lui si sta ancora abituando e…

– Ah, papà, ma succhiamelo! Per favore ahahah

– Mia figlia, tua madre e tua sorella hanno chiesto la stessa cosa e…

– Papaiiiiii! Per favore! – si alza, scarica la catenella e pulisce il parrocchetto, ansiosa

Monique prende l’iniziativa:

– Oh, okay, Carlos, posso lasciargli succhiare il culo.

– Evviva! – la bionda sta festeggiando

Carlos non si era ancora arreso:

– Monique, ne sei sicura? Non è necessario farlo e…

– Va bene, Carlos, posso farcela. L’unico problema è che Helen e Veronica me l’hanno chiesto prima. E adesso?

La ragazza intelligente interviene subito:

– Ma Monique, lo darai solo una volta? Ovviamente no! ahahah Lasciami succhiare adesso e la prossima volta chiamerai mia mamma e mia sorella! Stanno già dormendo! Ascolta, se me lo permetti, ti lascerò succhiare la mia figa in cambio, cosa ne pensi?

Monique aveva un rapporto stabile con la sua famiglia. cognata, sua nipote e sua figlia. Allora sapevo che amavo le fighe. Quello che non sapeva ancora era che poteva essere facilmente attratta da una figa così casuale e sconosciuta:

– Ah ok! ahahah – e Monique esce dalla vasca stringendosi il culo per non far uscire lo sperma che contiene.

– Evviva! – la ragazza sta festeggiando

Monique poi si avvolge un asciugamano rosa attorno ai capelli, volta le spalle a Kelly, mette le mani sulle ginocchia, solleva il sedere e cerca di guardare dietro di sé. Questo è esattamente il momento in cui la nuova traccia funk dice:

“…PUOI VEDERE IL SUO CULO,

Ti sborrerò nel culo

COME UN MAMMONE, COME UNA LANCIA”

Kelly si inginocchia davanti a questo culo espressivo e perfetto, lo allarga con entrambe le mani e aspetta con un sorriso sulle labbra. Monique capì perfettamente cosa voleva la giovane donna. Poi fa forza, forza, forza… e… PRLLLLLLLLrrrrllll, una scoreggia sonora e imbarazzante, che schizza tutto lo sperma sul viso di Kelly, che ora sorrideva più felice, con la faccia tutta ricoperta di sperma. . Monique più energica, facendo altre due scorregge di sperma, prlllll, prllllllllllll, mentre la bionda dagli occhi azzurri delle Gogóia si leccava le labbra, felicissima, ancora in ginocchio e cieca.

Monique si sentiva realizzata. Sapeva che era una stronza ed era contento di averlo fatto fatto qualcosa del genere. Poi, senza dire nulla, si inginocchia davanti a Kelly e, tenendole il mento, le dà un bacio alla francese molto gustoso, sentendo su quelle labbra sia il sapore dello sperma che quello del suo stesso culo. . I due si baciavano appassionatamente, mentre Carlos già si masturbava pensando al secondo round.

…………..

(Ragazzi, aspetto i commenti per inviare il prossimo. Baci!)

*Pubblicato da larissaoliveira sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/04/09.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *