Storia di incesto erotico – Incesto – Mia sorella mi ha aiutato a mangiare la mia figlia tettona

di | 4 de Luglio, 2024

Ciao ragazzi. Mi chiamo José, ma tutti mi chiamano Zeca. Ho 40 anni, lavoro come caposquadra in una fabbrica tessile, che occupa gran parte della mia vita. Vivo con mia figlia, la gatta. Ha compiuto 18 anni la settimana scorsa e andrà alla scuola di veterinaria. La mia bellissima figlia è la gioia della mia vita, è studiosa, aiuta in casa, è responsabile. Sono vedovo da 16 anni, quindi ho allevato il gatto da solo, dando sempre priorità al suo benessere, impegnandomi molto per potergli offrire il meglio e, di conseguenza, non ho mai tempo per i rapporti con gli altri.

Ciò che sto per dirvi è iniziato qualche tempo fa. Di tanto in tanto io e i miei colleghi d’ufficio uscivamo a bere qualche birra dopo il lavoro, ma c’era un venerdì in cui ci suggerirono di andare tutti in un bordello. Ho spiegato che non potevo spendere soldi, ma hanno detto che la maggior parte della gente avrebbe semplicemente bevuto una birra e guardato le ragazze ballare, e alla fine mi hanno convinto. Ho detto a mia figlia che andavo a prendere una birra e che sarei arrivata più tardi. Quando sono arrivato c’erano un sacco di troie nude che ballavano sul palco, il che mi ha fatto arrapare moltissimo. Io e i miei amici ci siamo divertiti molto e abbiamo riso molto, anche se quasi nessuno di noi ha mangiato nulla. Quella notte ho finito per bere molto più del solito ed ero estremamente ubriaco. Ricordo vagamente di aver ordinato a un Uber di partire verso le 4 del mattino, dopodiché non ricordo più nient’altro.

Quel sabato mi svegliai alle 16 e mia figlia mi chiese se mi sentivo meglio. Mi siedo sul letto, con un forte mal di testa, e apro lentamente gli occhi con i terribili postumi di una sbornia.

– Ecco, papà. Vediamo se riesci a metterti le mutande adesso.

Gli prendo la biancheria intima dalle mani e non capisco, finché non abbasso lo sguardo e vedo che sono completamente nuda e ho ancora un’erezione. Mi vergogno completamente, ero nudo davanti a mia figlia e avevo ancora un segno, cosa che non mi era mai accaduta in vita mia. Mi alzo e indosso la biancheria intima, quasi cadendo a terra per l’effetto dell’alcol.

– Ragazza, mi dispiace. Non so come ho potuto essere così disattento… Mi dispiace, non indosso nessun vestito… Soprattutto in questo stato. – Stavo cercando di giustificare la mia erezione mattutina.

– Ok papà. Dopotutto, anche ieri era così. Disse il gatto ridendomi in faccia.

– Cosa vuoi dire Tesoro?

– Davvero non ricordi niente?

– Mio Dio, figlia mia, cosa ho fatto? “Ero disperato.

Mia figlia sapeva solo ridere, senza rispondermi.

– Non hai fatto niente di eccezionale, papà. È appena tornato a casa ubriaco.

– Cosa ha fatto tuo padre, figlia mia? Rispondimi.

– Ok papà. Te lo dirò, ma non importa. Non voglio che tu sia imbarazzato.

– Mi vergogno già, tesoro. Ma proverò. Ora parla.

– Tanto per cominciare, quando sei arrivato non potevi aprire la porta. Per tua fortuna, quando ho sentito i rumori, ho visto attraverso la finestra che eri tu.

– Ho aperto la porta e la mia camicetta era tutta sporca, non so cosa sia successo. Ho provato a chiedertelo, ma non hai detto niente.

– Ha detto che devi farti una doccia fredda, per superare l’ubriachezza e ripulire questo pasticcio. Ma hai detto che non potevi farlo, quindi ti ho aiutato.

– Non mi hai fatto il bagno, vero? “Avevo paura della risposta.

– Nessun padre. Non ti ho toccato. Non preoccuparti, ho detto che non è successo niente di brutto. Ti ho semplicemente aiutato a spogliarti e sono rimasto davanti alla doccia, aspettando che tu facessi la doccia. Ma prima che tu entrassi nel club, ho finalmente visto che tu… aaaa… eri…

– Che ragazza ?

– È difficile, ahahah.

– Oh figlia mia, che vergogna.

– Che hai fatto, sei arrivato ieri molto emozionato?

– Ascolta, figlia mia. Non te lo direi mai, ma giusto per giustificare la questione, lo dirò. Ieri i miei colleghi mi hanno invitato ad andare in un bordello.

– Wow, e anche dopo aver scopato una puttana eri così arrapato?

– No. Non ho mangiato nessuno.

-Ehi, perché no?

– Non posso spenderli. Devo comprare i tuoi libri accademici.

– A volte devi pensare a te stesso. Solo che tu vai in un bordello e non scopi nessuna puttana, papà. Hahaha.

– Comunque. Abbiamo semplicemente bevuto e guardato i ballerini.

– Nudo?

– Sì piccola.

– Aaahhhh, questo spiega l’essere così arrapato, ahahah. Ma andando avanti, dopo che hai fatto la doccia, ti ho dato l’asciugamano e ti ho portato in camera da letto. Ma anche l’acqua fredda non ha fatto dormire lì il tuo amico, lol.

Ero molto imbarazzato. Ho sempre rispettato mia figlia nel miglior modo possibile. Un episodio del genere non mi era mai passato per la mente.

– Ho anche provato a dirti di metterti qualcosa, ma tu non hai voluto. Ho buttato via tutti i vestiti che ti avevo dato.

– Ragazza, mi dispiace. Ora capisco perché mi sono svegliato senza vestiti. Grazie per avermelo detto, ragazza.

– Ma la storia non è finita, papà. Hahaha

– Perché ridi così tanto, figlia mia?

– Sei andato a letto con l’erezione per aria e hai detto che volevi guardare un porno. Hahaha. Ha provato anche a trasmetterlo lui stesso in televisione, ma non ci è riuscito e questo lo ha irritato. Indovina cos’è successo? Ho dovuto mettere il porno in TV per te, altrimenti ci sarebbero stati problemi. Quando l’ho indossato sono andato a dargli il controllo, ma si stava già masturbando. Hahahahahaha poi sono corso fuori dalla stanza e ti ho lasciato qui. Ah ah ah ah ah ah.

– Dio, tesoro. Mi scusi. Perdona tuo padre. Che vergogna, mio ​​Dio.

– Ok papà. È stato divertente. Sembravi un adolescente ubriaco.

– Perdonami, figlia mia, non so dove mettere la faccia. Ma visto che ero ubriaco non avrei dovuto fare nulla, avrei dovuto dormire prima di finire qualsiasi cosa.

– Penso che tu abbia finito, papà. – Lo disse il gatto, indicando le macchie di sperma sul lenzuolo.

– Mio Dio. Mi dispiace ragazza, mi dispiace così tanto.

– Ok papà. Eri solo ubriaco. E anche se non lo fosse stato, non avrebbe avuto importanza. Non voglio che tu ti senta male. È stato divertente perché non ti avevo mai visto così.

Non sapevo cosa fare, mi vergognavo e mi sentivo in colpa per tutto. Un uomo adulto della mia età, di cui doveva prendersi cura la figlia perché era ubriaco. Che imbarazzo.

Pochi giorni dopo, ho chiamato mia sorella qui a casa. Si chiama Flávia e ha 36 anni. Flávia vive nella nostra stessa strada ed è sempre stata la mia migliore amica. Siamo molto intimi e parliamo di tutto. Gli ho raccontato tutta la storia davanti a una birra. Ho detto che mi vergognavo e da quel momento in poi ho guardato a malapena il viso di mia figlia perché mi sentivo in colpa.

– Non devi sentirti in colpa, Zeca. Fai di tutto per il gatto, lavori come un prigioniero per pagargli gli studi e offrirgli tutte le comodità del mondo. Qual è il problema se vai a Gandaia solo una volta?

– Ma non è questo il problema, Flávia. Questo è il resto della storia. Sono diventato duro davanti a lei!

– Il gatto è troppo vecchio per capirlo. Sono sicura che fosse naturale per lei. Hai semplicemente bevuto troppo e lei si è presa cura di te come tu ti sei preso cura di lei mille volte.

– Ma Flavia! Oltre a diventare duro davanti a lei, le ho anche fatto mettere dei porno in TV e, peggio ancora, ho iniziato a masturbarmi prima ancora che lasciasse la stanza. Sono un mostro! – in fondo volevo che Flávia mi maledicesse, per farmi sentire meglio.

– Ammetto che questa parte è divertente! Sei ancora uno stronzo anche dopo tutti questi anni. Quante volte ti ho visto giocare quando eravamo giovani? – Flávia lo trovò divertente e si ricordò di quando vivevamo con i nostri genitori.

– Dici sul serio, Flavia? Mi sto sfogando qui!

– Zeca, in effetti è normale. Non mangi nessuno da anni. Per anni sei andato in un bordello, hai visto diverse ragazze sexy ballare nude e non ne hai mangiata nessuna! In effetti, sarei sorpreso se il tuo cazzo non diventasse duro.

– Il problema si stava facendo duro davanti a mia figlia!

— Per me è un motivo in più per la tua erezione.

– COSÌ? – Non ho capito a cosa si riferisse Flávia.

– Il gatto diventa ogni giorno più caldo. Il culo sodo e le sue tette sono più grandi delle mie, e questo perché ho il silicone. Eri ubriaco e arrapato, vedere una bomba del genere che ti aiutava sotto la doccia deve averti fatto perdere il controllo.

– Zitta, Flavia! Guarda di che merda stai parlando. E’ mia figlia.

– Eppure ti sei masturbato davanti a lei. Pensa con me, ha senso. E capisco che tu abbia un debole per lei, è naturale.

– Non avrei dovuto dirti niente, sai solo prendermi in giro, non prendi niente sul serio.

– Non sono scherzo, fratello. Penso che non investirai comunque in nessuna relazione fuori casa, quindi non fa male investire un po’ nella ragazza, dato che ha risposto molto bene alla tua sega davanti a lei. Ti dirò che c’è la possibilità che anche lei voglia qualcosa con te e si senta in imbarazzo perché sei suo padre.

– Sei pazzo? Hai idea di cosa stai parlando? – Sono rimasto sorpreso da quello che ho sentito.

– Non ti sto dicendo di chiedergli di scopare dal nulla. Ma dagli un suggerimento, mostragli un po’, mostragli il tuo interesse, solo per vedere come reagisce.

– Non lo farò mai, Flavia. È possibile che sia semplicemente ritardato mentale.

– Okay, okay, okay… Allora fai quanto segue. Masturbati mentre pensi a lei, guarda qualche foto sul suo Instagram, immagina quello che vuoi. Solo per vedere come ti senti. Nella nostra mente tutto va bene.

– Hai perso quel poco di buon senso che avevi, Flávia.

– Ok, ho perso. Ma me ne vado per darti il ​​tempo di masturbarti prima che arrivi la ragazza.

– Non mi masturberò.

– Credo di si! – Flávia ha mostrato il mio cazzo duro visibile nei suoi pantaloni. Non mi rendevo conto. Ancora una volta mi sono vergognato. Ridendo, Flávia se ne va e mi lascia lì, confusa, senza sapere cosa provare, e senza risposta la lascio andare.

Passò circa un’ora prima che arrivasse mia figlia. La mia mente era un disastro per tutto ciò che mia sorella aveva detto. La mia erezione non si è placata e ho pensato brevemente di seguire il suggerimento di Flávia, ma ho rinunciato subito per il senso di colpa. Ma il mio desiderio era ancora presente e avevo bisogno di sfogarmi. Quindi vado al computer e inizio a guardare porno e a rimproverare le persone come faccio quasi ogni giorno. Il sito che stavo guardando si è avviato automaticamente e dopo il video che avevo scelto, per ironia della sorte è apparso un video con una ragazzina di circa 18 anni, molto simile al gatto. Poi non riesco più a trattenermi, stavo già per venire e finisco per immaginare mia figlia lì. Con queste tettone che dondolano e immagino che leccano quella figa, deve essere stato molto bello. Vengo… Vengo per la prima volta pensando a mia figlia… Ogni getto di sperma che sparo sembra un grido di libertà… Ho ammesso a me stesso di essere innamorato della mia bambina…

Resto lì seduto qualche minuto a pensare. E poi cancello la cronologia del computer, visto che l’uso è condiviso da entrambi. Prendo il cellulare e mando un messaggio a mia sorella:

– Ti odio, figlio di puttana!

– Ti piaceva pensare a lei, vero? HAHAHA.

Non rispondo alla domanda, ma continuo la conversazione.

– E adesso? Sarò solo frustrato perché questo non può accadere.

– Ti aiuterò, fratellino. Sai che sono un ottimo amico di tua figlia. Cercherò di scoprire qualcosa parlando con lui e ti darò istruzioni su cosa puoi fare.

– Non posso credere che tu sia d’accordo.

– Sì, sembra che tu sia pervertito quanto me. Ora prenditi una pausa dal tuo sperma.

Altre storie erotiche  il vicino zoppo

– E se fosse vergine? Non voglio che perda la verginità con me.

-Hahaha. Puoi stare tranquillo, Zeca. Ha già perso la verginità qualche tempo fa. E poi ha avuto altri figli.

– Come fai a saperlo?

– Come ti ho detto, siamo amici, parliamo molto di tutto. Ma non ti senti più sereno all’idea di non doverti assumere questa responsabilità?

– Sì, lo farò, se questa follia porta a qualcosa, ho una cosa in meno di cui preoccuparmi.

Ero immerso nella folle storia di mia sorella, emozionato e, in un certo senso, impaziente di vedere come sarebbe andata a finire.

Passarono alcuni giorni e ora la mia mente era ossessionata dal gatto. La guardavo sempre e immaginavo cose perverse, e mi masturbavo sempre di più pensando a lei.

C’è stato un giorno in cui ero in soggiorno e mia figlia mi chiamava urlando dal bagno. Sono corso a vedere se stava bene, ho pensato che forse era caduto. Una volta lì, guardo nel bagno e vedo, attraverso il vetro della doccia, mia figlia nuda e, sebbene il vetro sia appannato, vedo la sagoma del suo corpo. Anche con la mia intenzione nei confronti di mia figlia, mi imbarazzo subito, mi giro e chiedo se va tutto bene.

– Ok papà. Ho dimenticato di portare un asciugamano, puoi portarlo in camera mia?

– Sì, lo farò, figlia mia. – Vado nervosamente nella sua stanza, prendo un asciugamano dal cassetto e torno in bagno.

– Ecco, figlia mia. — Provo a passargli l’asciugamano, con il braccio teso e il viso girato dall’altra parte.

– Papà, non riesco a raggiungere l’asciugamano così, guarda cosa stai facendo, ahahah.

– Ecco, figlia mia. – La guardo, apre la doccia e prende l’asciugamano, quindi la vedo nuda, soprattutto il suo seno grande, per soli 2 secondi, ma basta per eccitarmi.

– Grazie papà.

– Non c’è di che, figlia mia.

Esco e vado in camera mia, e informo immediatamente mia sorella via SMS dell’accaduto.

– Oh! Che delizioso, eh?

— Sì, ho visto questi bellissimi seni di mia figlia. Ero così eccitato.

– Adesso ti masturbi pensando a quello che hai visto?

– Sì, lo farò, è molto bella.

– Esatto, fatti una sega mentre pensi a tua figlia. Oh, lascia aperta la porta della tua camera da letto.

– Sei pazzo?

– Hai detto che mi avresti permesso di aiutarti. Ti sto aiutando, ascoltami. Può essere socchiuso e non devi nemmeno guardare la porta, ma se è curioso può spiare papà.

– È così pazza. Anche adesso non credo a questa follia.

– Sì, credimi! E farai quello che ti dico, pervertito. Baci.

Riattacca e faccio esattamente quello che mi dice. Lascio la porta aperta, mi sdraio sul letto sulla schiena e inizio a masturbarmi. La mia schiena è quasi rivolta alla porta, imbarazzata nel vedere mia figlia, ma la scuoto con fermezza e forza. Il mio momento di masturbazione è durato poco meno di 10 minuti, perché ero troppo eccitato. Mi alzo, chiudo la porta e faccio un pisolino.

Passarono alcuni giorni e un giorno, mentre ero in ferie e mia figlia era all’università, stavo parlando con Flávia tramite una chiamata vocale su come portare avanti le cose tra me e mia figlia:

– Dovrai dimostrare al gatto che sei più pervertito, in modo che se vuole davvero dartelo sappia che può andare avanti.

– Ma non ne ho il coraggio.

– Allora facciamo così. Usi lo stesso computer, vero?

– Sì.

– Perfetto. Vai, ora.

– Va bene. – Sono andata anche se non avevo capito il piano di mia sorella.

-Okay, ora fai quello che sai fare meglio. Sega.

– COSÌ? È tutto?

– Si, è così semplice. Ma cerca solo contenuti incestuosi, preferibilmente tra padre e figlia.

– È facile, ahahah. Questo è quello che ho visto di più in questi giorni.

– Hahaha, immagino che tu sia un pervertito. Ma è importante che i titoli dei video siano molto espliciti.

– Ho capito.

– Dimmi quali video apri.

– Va bene. “Ho scopato mia figlia. prima di andare a dormire”, “Ho dato la mia figa a mio padre dopo la scuola”, “Mia figlia è una puttanella”, “Succhio il cazzo di mio padre”, ecc. .

– Perfetto! Questi stessi.

– NOSTRO. Ne ho trovato uno qui la cui attrice somiglia molto al gatto. Seni giovani e grandi.

– Eccellente. Cerca di più con le ragazze tettone.

– Puoi andare.

Erano passati circa 20 minuti da quando mia sorella mi aveva chiesto di trovare e guardare video di incesto. Mentre le parlavo mi masturbavo, mi emozionavo moltissimo immaginando la mia bambina in ognuno di questi video.

– Lo sai che sento il rumore della tua masturbazione, bastardo.

– Non pensavi che avrei visto tutto questo e che sarei riuscito a restare calmo, vero?

– Certo che no, ahahah. Potresti sbattere il naso ma continua a cercare i video.

– Puoi lasciarlo, sorella mia.

Ne ho cercati altri, cercando di variare i titoli come mi ha detto mia sorella, ma l’emozione era troppo grande. E ho iniziato a piacermi guardare come una giovane ragazza viene scopata nel porno. Non riuscivo a trattenere il respiro e alcuni gemiti. Una mano mi colpisce il cazzo e l’altra mi tiene il cellulare all’orecchio.

– Ti è piaciuto, bastardo.

– Sì, l’ho fatto, sorella. Ahahah, non ne potevo più.

– Ahahah va bene. Finché durerai a lungo.

– Va bene, ma cosa c’è di nuovo? Adesso sono più emozionato. In che modo questo aiuterà?

– Ora lascerai questo nella storia, non cancellerai nulla.

– Ma cosa succede se il gatto lo vede? Allora saprà tutto quello che ho visto.

– Esattamente.

– Non lo so, Flavia. E’ molto rischioso.

– Se non corri nemmeno un piccolo rischio, non lo farai mai saprai se anche il gatto è interessato a te.

– È vero, Flavia. Ma sono preoccupato.

Abbiamo parlato ancora un po’ e mi sono addormentato per riposarmi dallo sperma. Quando sono andato a letto erano le 16 e mi sono addormentato, svegliandomi verso le 21. Mi alzai e andai a vedere se era arrivato il gatto, e in quel momento trovai la scena più bella che avevo visto fino a quel momento nella mia vita. La mia bambina era seduta sulla sedia davanti al computer e guardava uno dei video che avevo visto ore prima. Indossava un vestitino verde e lo sollevava fino alla vita, mentre con una mano si masturbava, le sue mutandine nere erano sul tavolo del computer accanto alla tastiera, e con l’altra mano si massaggiava uno dei suoi deliziosi seni che sporgevano dalla sua scollatura.

Il mio cazzo ha un’erezione istantanea, mi godo questa scena meravigliosa per circa 30 secondi, finché mia figlia non si accorge della mia presenza.

– Mio Dio! Che peccato, papà. – La gatta parlò sistemandosi il vestito in modo che le coprisse il corpo.

– Ragazza, mi dispiace. Mi sono appena svegliato ed ero preoccupato se fossi arrivato.

– Poi papà… sono arrivato… Ahahah…

– L’ho visto, figlia mia. – Entrambi erano imbarazzati.

– Mi dispiace, papà. Sono arrivato a trovare un sito web in cui avevo effettuato ricerche su un argomento accademico e poi ho guardato la cronologia di navigazione. E ti sei dimenticato di cancellare quello che hai visto oggi.

– Adesso sono io che mi vergogno. Mi dispiace tesoro. Cancello sempre. “Ho cercato di nasconderlo, di far sembrare che non fosse fatto apposta, ma ero così nervoso che non avrebbe potuto essere naturale.

– Ok papà. Dopotutto, tutti guardano il porno. Ahahah, poi mi sono incuriosito e ne ho guardati alcuni per vedere che aspetto avevano quelli che stai guardando tu, e alla fine mi sono emozionato. Trovo semplicemente che l’argomento sia curioso. Perché hai cercato solo video di incesto padre-figlia?

Avrei potuto essere sincero, avrei potuto scopare il gatto sul posto, ma mi mancava il coraggio, non ero ancora pronto ad ammetterlo.

– Mi piacciono i video con donne più giovani e in questa categoria ci sono sempre ragazzi della mia età con ragazze giovani. – Ho detto la prima cosa che mi è venuta in mente.

– Capisco, padre. Penso che sia per questo che è piaciuto anche a me. Perché preferisco gli uomini più anziani ed esperti. “Mi sembrava che dicesse che ero il suo tipo, ma non potevo essere sicuro di nulla. Una mossa sbagliata e rovinerei per sempre il mio rapporto con mia figlia.

– Forse, figlia mia. Ma comunque, mi dispiace.

– Ok papà. Ora so quale video riprodurre la prossima volta che torni a casa emozionato. Hahaha.

– Stai zitta, figlia mia. HAHAHA.

– Papà, ti dispiacerebbe lasciarmi qui per un minuto?

– Cos’è successo, figlia mia? È anche buono?

– Hahaha. Ok papà. Volevo solo finire di guardare i video.

– Ora?

– Sì, padre, adesso. È semplicemente brutto interrompere a metà.

– Ah… Certo, figlia mia. Poi andrò in camera.

– Grazie papà.

Mia nipote mi aveva appena chiesto di lasciarla in pace perché voleva godersi i video di incesto che aveva visto. Ero senza parole. Ma sono andato nella mia stanza e sono quasi morto per essermi masturbato così tanto. Sono venuto 3 volte in 1 ora pensando che mia figlia venisse a pochi metri da me. Dopo aver asciugato tutto il mio sperma, sono caduto morto sul letto e ho dormito fino al giorno successivo.

A quel tempo io facevo i turni di notte nella fabbrica dove lavoravo, e la ragazza studiava a turni alterni, perché era un’università federale. Il giorno dopo mi sono svegliato e mia figlia era già andata a lezione, e quando sono andata al computer ho visto che le sue mutandine nere erano ancora lì. L’ho preso, l’ho annusato e ho annusato qualcosa che non sentivo da anni, l’odore della fica. Mi sono seduto sul divano e ho chiamato mia sorella. Ti ho detto tutto, con tutti i dettagli:

– Ma perché non l’hai mangiato ieri, Zeca? Era l’occasione perfetta.

– Ascolta, Flávia, mi dispiace ma non è facile prendere la decisione di mangiare tua figlia.

– Ok, immagino. In ogni caso, questa volta hai fatto molti progressi. Cosa c’è di nuovo? Stai parlando con me e annusi le mutandine di tua figlia?

– Sì. – dissi con orgoglio.

– Siete tutti uguali, uomini. Passiamo al passaggio successivo. Queste mutandine hanno un buon profumo e quando è il momento di venire, vieni nelle sue mutandine e lasciale dov’erano. Allora saprà che le hai riempito le mutandine di sperma.

– Puoi andare. – risposi con decisione.

– Eh? Non giocherai duro per ottenere questo tempo, dicendo che è troppo?

– No. Sono così emozionato. Devo scopare questa ragazza porca il più velocemente possibile.

– Guardala! Che cambio di prospettiva. Mi è piaciuto. Ok fratello. Ti lascio concentrare lì.

– NO! Rimani online per parlare con me.

– Pazzo! Adesso vuole dire cose sconce anche a sua sorella.

-Avere un complice in questo caso è emozionante.

– Va bene. Continuo a parlarti. Devo ammettere che sapere che mio fratello sta per scopare mia nipote è molto eccitante. Ancora di più con il mio aiuto.

– Queste mutandine hanno un buon profumo.

– Allora annusalo, fratello. Annusa la sua figa. Devi indossarlo. Succhia quelle tette deliziose.

– Puoi star sicura che lo farò, sorella mia. Voglio scoparle la figa.

Sento mia sorella gemere dall’altra parte del filo. Amava tutta quella spazzatura.

– Ti stavi masturbando, Flávia.

– Si lo era! Ma ho già finito. Mi sono goduta una deliziosa siririca qui.

– E sto finendo adesso.

– Divertiti, fratello. Immagina che sia nella figa di tua figlia. Riempi quelle mutandine di sperma così la ragazza scopre che suo padre è un pervertito.

– Oh! Mi è piaciuto. Delizioso.

– È uscito molto sperma? Noterà che sei venuta in mutandine?

– Ti ho inviato una foto su WhatsApp. Guarda a.

– Puttana! Ha lavato lo sperma dalle mutandine della ragazza. Perfetto. Lascialo mostrare.

Abbiamo riattaccato, ho lasciato le mutandine dov’erano e mi sono messa al lavoro. Quando sono tornata lì, le mutandine non c’erano più. Dopodiché, sorprendentemente, per un po’ non accadde più nulla. Aspettavo una tua iniziativa. E non è successo niente. Finché quasi un mese dopo ci accordammo per andare al mare, e il giorno prima del viaggio ci aiutammo a vicenda a scegliere i vestiti per il viaggio, come facevamo sempre. È andato tutto bene e prima che finissimo mia figlia ha detto che dovevamo scegliere il mio costume da bagno. Le ho detto che ne avevo solo tre e lei ha chiesto di vederli. Gliele ho mostrate tre, erano bianche come la biancheria intima, nere come una scatola e anche rosse come una scatola.

Altre storie erotiche  io, tu e lei

– Papà, dobbiamo scegliere con cura i nostri vestiti da spiaggia, per vedere se riusciamo a trovare una fidanzata per te e un fidanzato per me.

– Quello? Chi ha detto che voleva una ragazza?

– Ne abbiamo bisogno entrambi, papà! Io non sopporto più di masturbarmi e nemmeno tu.

– Basta con queste cose, figlia mia.

– Ahahah ok. Ma vai a metterti il ​​costume da bagno così posso vedere.

– Dovrei usarlo?

– Certo che è vero. Come faccio a sapere se sono buoni?

– Ok aspetta. – Sono andata in bagno, ho indossato il mio costume da bagno nero e sono tornata a torso nudo così poteva vedere come sarebbe stata sulla spiaggia.

– Cosa ne pensi, figlia mia?

– Bellissimo. Ma penso che il bianco sia migliore.

– Il bianco segna moltissimo, figlia mia.

– Anche meglio! Ricorda, vogliamo trovarti una ragazza. Provalo lì. – Mentre parlava mi porse il costume da bagno bianco e io andai in bagno a cambiarmi.

– Ragazza brillante. Ma ho pensato che fosse così impressionante.

– Devi togliere la mano così posso dire la mia opinione.

– Oh, che peccato, tesoro. Inventi ciascuno di essi.

Avevo già un’erezione per la situazione, ma allo stesso tempo mi stavo lasciando trasportare dall’atmosfera da troia e alla fine ho accettato di togliere la mano.

– Perfetto, papà. Questo è magnifico.

– Ma figlia mia, fai troppa impressione.

– Segni perché diventi duro, vero?

– E pensi che in spiaggia non mi farò venire un’erezione con un gruppo di donne in bikini?

– Ma l’intenzione è questa, attirare l’attenzione delle donne. Ma ehi, ho già più o meno deciso quale bikini indosserò, ma lo proverò così potrai darmi la tua opinione.

Aspetto un po’ in salotto, ancora in costume da bagno e con la voglia di andare in spiaggia, mentre mia figlia va a mettersi il bikini per vedere come le sta. Quando torna, mi ritrovo letteralmente a bocca aperta. Senza reazione. Mia figlia sembrava un’attrice per non. Indossava un bikini rosso e se dicessi che era piccolo sarei generoso. C’erano solo linee di tessuto che sostenevano piccoli pezzi di stoffa che le coprivano i capezzoli e la vagina, e dietro solo un perizoma che si adattava a quel piccolo culetto caldo.

– Ciao papà? Sono diventata bella?

Non potevo rispondere, credo che la saliva mi colava dall’angolo della bocca.

– Parla, papà. Cosa ne pensi?

Mi sono seduto sul divano sperando di nascondere il battito del mio cazzo duro nel costume da bagno.

– Sei una bella ragazza, ma non puoi andare in spiaggia così.

– Perché papà? Ti è sembrato troppo?

– Non ci credevo, figlia mia. Sei praticamente nudo.

– Ma hai detto che era bellissima.

-E lo è, ma non posso lasciarti andare così.

– Ma papà, voglio trovarmi un fidanzato. In questo modo attirerò più attenzione. Prendi il cellulare e scatta qualche foto per vedere se è davvero tutto lì.

Prendo il cellulare, ma rimango immobile mentre il gatto si mette in posa per farmi delle foto. Scatto foto dal davanti, dal lato, dal retro. Concentrandosi sulle sue enormi tette e sul suo culo, per dimostrare che era molto piccola. Il mio cazzo stava diventando sempre più duro nel mio succinto costume da bagno. Mia figlia viene a trovarmi per vedere le foto.

– È molto piccolo, vero? Ah, ma stavo molto bene indossandolo.

– Sì ragazza, ma non c’è modo di portarlo in spiaggia. Se ti accovacci, ti verrà mostrato tutto.

– Diventerà padre? Scatta qualche foto sporgendoti così posso vedere. “Ha finito di dire questo ed era già davanti a me, chinandosi, facendo finta di raccogliere qualcosa da terra.

Le scatto qualche foto e riesco quasi a vedere le sue parti più intime, dato che stavo per chiamarla per vedere le foto, lei mi sorprende ancora e si mette a carponi sul pavimento con quei bei fondoschiena aperti. Il suo perizoma era così piccolo che potevo vedere il bordo del suo culo e della sua figa che volevano uscire dal bikini.

Guarda di nuovo le foto, ma questa volta si siede sulle mie ginocchia, toccando la sua pelle con la mia, proprio sopra il mio cazzo. Ha sicuramente sentito il mio cazzo sotto il tessuto del costume da bagno.

– Wow, hai ragione, vedi le pieghe del mio sedere, vero papà? – Ingrandiva sempre il suo sedere mentre parlava.

– Sì, figlia mia. Non puoi andartene così.

– Ok papà. Mi convinci. Anche le labbra della mia figa sono visibili.

– E non è solo questo, figlia mia, i tuoi seni stanno quasi per uscire. Se hai intenzione di indossare quel bikini, indossalo meno immediatamente.

– Ci credi, papà?

– Sicuro.

Allora accetta e si sbottona senza mezzi termini il top del bikini, lasciandomi libero di godere di questi meravigliosi seni.

– Così, papà?

Mi piacciono queste deliziose tette e non posso farne a meno. Li tengo con le mani, sentendo queste meraviglie. Sono enormi, morbidi e hanno un aspetto così appetitoso che rimango senza parole. Comincio a succhiare le tette bianche di mia figlia. Che cosa deliziosa. I tuoi seni mi affascinano, sembrano quelli di una bambina con un giocattolo nuovo.

– NOSTRO!!! Mi hai allattato volontariamente, vero papà? – Disse ridendo.

– Ragazza, mi dispiace. Non riesco più a contenere il desiderio che ho per te.

– Sei emozionato per tua figlia?

– Troppo. Guarda quella ragazza. È colpa tua. – dissi, tirando fuori il mio cazzo duro dal costume da bagno, tenendolo per la base e facendolo dondolare con mia figlia ancora in grembo, aspettando di vedere cosa avrebbe detto.

– Delizioso! Quindi ora tocca a me allattare con tutto il cuore. – Si inginocchia sul pavimento e mi affronta e senza alcuna vergogna inizia a fare un pompino molto sciatto al cazzo.

– Che cazzo delizioso, papà. Lo desidero da così tanto tempo.

– Anch’io, figlia mia! Mi masturbo molto pensando a questo momento.

– HAHAHA. Faccio anche un sacco di siririca pensando a te.

– Ora succhia il cazzo di tuo padre… Seno, figlia mia.

– Papà, puoi chiamarmi ragazza? Questo mi emoziona di più.

– Lo farò, ma solo se mi chiami papà.

– Affare, papà.

Mia figlia lo ha succhiato molto forte, lo ha leccato dalle palle alla testa e allo stesso tempo gli ha fatto una sega. È stato delizioso. Ho abbassato lo sguardo e ho visto i suoi occhi che mi guardavano, il visino della figlia che ho cresciuto come donna, una donna deliziosa. Non potevo più resistere.

– Ragazza, papà non ne può più.

– Ok papà. È da un po’ che non fai un pompino, vero? Puoi venirmi in bocca, lo adoro.

L’alimentazione della gatta è stata così ben fatta e ha parlato con tale sfacciataggine che ho capito che era molto più esperta di quanto immaginassi. Ho cercato di rimanere allo stesso livello.

– Allora sborrerò, piccolino. Voglio riempirti la bocca di sperma. Papà può?

– Certo, papà. Adoro il sapore dello sperma. Sborra nella bocca della tua bambina, sperma.

– Ok, piccola troietta. Se ti piace lo sperma ti darò molto latte.

L’ho tenuta per la parte posteriore del collo e ho controllato il ritmo della sua alimentazione. Le ho scopato la bocca come una fica e sono esplosa in diversi schizzi di sperma in fondo alla sua gola.

– Ecco, piccolo… Bevi il latte di papà… Arrivo, piccolo… Goditi la mia bottiglia di sperma… Aahhhh…

Mia figlia riceve tutto il mio piacere e poi mi guarda con il suo viso da ragazzina, con il mio sperma che gocciola dall’angolo della sua figa, è stato bellissimo da vedere. Mi ha pulito lo sperma e poi si è sdraiata con me sul nostro divano come una coppia innamorata dopo un periodo d’amore. Mi guarda negli occhi e poi mi bacia la bocca in un bacio ardente che entrambi aspettavamo da molto tempo. Sento la lingua di mia figlia invadermi la bocca. Ci siamo baciati per qualche minuto senza scambiare parole, godendoci semplicemente il momento. Il mio cazzo si è indurito di nuovo, pungendo le cosce di mia figlia.

– Sei ancora duro, papà?

– Mi fai impazzire, piccolo. Sono molto emozionato per te.

– Anch’io, papà. Volevo tutto questo con tutte le mie forze. Ebbene, l’ha detto la zia. Sono felice che tu abbia ragione.

– Cosa vuoi dire che tua zia aveva ragione? Ne hai parlato con lei?

– Oh, papà, mi dispiace. Ma il giorno in cui ti sei presentato ubriaco, ti ho visto nudo, duro e ancora masturbarti davanti a me, ero così arrapato. Mi sono ammalato così tanto pensando al tuo cazzo sexy. E come sai, tua zia è una mia buonissima amica, così l’altro giorno le ho parlato di questo, lei ha capito e mi ha detto di provare a sedurti, di farmi diventare così pazzo da volermi mangiare.

– Flávia ti ha detto di sedurmi? – Ero perplesso.

– In realtà avevo detto che volevo sedurti, ma avevo paura, quindi lei mi ha dato qualche consiglio e mi ha spiegato come fare.

– Che bambino?

– Fai finta che ho dimenticato l’asciugamano così puoi darmelo e vedermi nudo e poi ti spio mentre ti masturbi perché ero entusiasta di vedere le mie tette. Controlla la tua cronologia per vedere quale porno hai guardato e masturbati sul computer finché non ti svegli. Lascio le mutandine sul tavolo e poi le trovo piene di sperma. Fino allo spettacolo con il bikini con stringhe, infatti ieri è stata zia Flávia a regalarmi il bikini.

– Non posso credere che anche lei abbia incoraggiato te.

– Quello? Cosa intendi con papà?

– Ho parlato anche con lui, figlia mia. Mi ha anche fatto continuare con il mio desiderio. È stata lei a farmi ammettere che volevo scoparti, mi ha ordinato di masturbarmi con la porta aperta, mi ha suggerito di non cancellare da Internet le storie di incesto padre-figlia che stavo già cercando ma continuo a li hanno cancellati. , è stata lei a dirmi di venirti nelle mutandine e di lasciarle lì perché tu potessi vederle.

– Wow, che zia cattiva. Ho annusato e leccato il tuo sperma dalle mie mutandine per giorni. Hahahaha ma dobbiamo ringraziarlo, vero papà? Senza di esso, non avrei assaggiato il tuo sperma in questo momento.

– È vero, figlia mia. Mi masturberei e annuserei le tue mutandine. Hahaha.

– Papà, puoi credere che ho cominciato a parlare con mia zia al telefono? Continuavamo a parlare di cose che avrei potuto fare con te.

– HAHAHA. Credo a mia figlia, perché le ho fatto la stessa cosa. Figlia, che ne dici di fare una videochiamata per ringraziarti del tuo aiuto?

– Le piacerà, papà. Lasciami solo vestirmi.

– Non ha bisogno. Chiamiamoci lo stesso, baciandoci e stando qui sul divano.

– Ma papà, io indosso solo il perizoma e ho il seno in fuori. E sei nudo e il tuo cazzo è ancora duro.

– Lo so, figlia mia. Ma non importa quanto sia perversa mia sorella, le piacerebbe comunque. Chiama dal tuo cellulare.

– Ok papà. Penso sarà divertente.

Siamo rannicchiati sul divano e mia figlia fa la videochiamata con il cellulare. Ci vuole un po’ per farlo rispondere:

– Ciao tesoro. È anche buono?

– Ciao zia. Tutto è meraviglioso. Puoi parlare adesso.

– Sì, posso, sono tornato di recente.

– Ottimo, guarda chi c’è qui con me. – poi mia figlia ha allontanato il cellulare dal viso, mostrando che aveva i seni in fuori e io stavo appeso dietro di lei.

– Merda. Cosa sta succedendo lì? – disse mia sorella sorpresa, ma visibilmente felice.

– Volevamo chiamarti per ringraziarti del tuo piccolo aiuto, sorella. Senza di te, questo non accadrebbe.

– Ragazzi, avete scopato?

– Non ancora, zia. Ma ho appena fatto un pompino a papà.

– Ho riempito quella boccuccia con il mio sperma, sorella. È stato delizioso.

– Bastardi.

– La cattiva è la signora che ci ha incoraggiati entrambi a commettere incesto, ahahah.

– Tu sei una piccola puttana che muore dalla voglia di sedersi sul cazzo di suo padre e mio fratello è un uomo depravato che muore dalla voglia di scopare la figa di sua figlia. Penso di essere il ragazzo meno cattivo in questa storia. Hahaha.

Altre storie erotiche  costume di coppia

– Va tutto bene, sorella. Hai ragione. Ma ora che ti abbiamo ringraziato dovremo riattaccare perché voglio scopare mia figlia tettona.

– Fammi guardare, per favore! “Mia sorella chiedeva l’elemosina.

– Cosa ne pensi, figlia mia?

– Penso che sia giusto, papà. Merita di far parte di tutto questo.

– Ok allora. Puoi guardare. – ho detto, prendendo il cellulare di mia figlia e appoggiandolo sul tavolino, in modo che incornicia tutto il divano.

Torno dalla mia ragazza sexy e inizio a baciarle la bocca come un pervertito disperato, stringendole le tette, il culo, sembrando un polipo. Stendo mia figlia sul divano e finalmente le tolgo gli slip del bikini, rivelando la figa più perfetta che abbia mai visto in tutta la mia vita. Labbra rosa, completamente rasate, sottili e delicate, e un po’ di miele che gocciola da tanta eccitazione. Le sollevai le gambe, lasciandole del pollo arrosto e mi infilai in bocca su quella deliziosa figa, succhiandole le labbra, leccandola per tutta la lunghezza e prestando particolare attenzione al clitoride. Mia figlia inizia a respirare più pesantemente e a gemere piano.

– È vero, papà. Succhiami la figa.

– Puoi lasciarlo, piccolo. Ti ricambierò il piacere che mi hai dato con il tuo allattamento.

– CORRETTO! Sarà un piacere venire nella bocca del mio sugar daddy.

Il sapore della figa di mia figlia è delizioso, mi sono emozionato e le ho alzato ancora di più le gambe per poterle vedere il culo. Come immaginavo, era così bello! Un culo rosa con le pieghe delicate della sua giovinezza. Ho dato qualche bacio alla sua piccola protuberanza e poi ho spinto la mia lingua dentro di lei, cercando di leccarle il fondo del retto, infilando ogni centimetro della mia lingua nel culo di mia figlia.

– Delizioso! Mi scopi il culo con la lingua. Puoi sentirlo dentro.

Non ho risposto a mia figlia, ho continuato a succhiarla. Sono tornato alla figa e ho fatto dei movimenti circolari con la lingua sulla sua figa.

– Continua così, succhiami il clitoride, stronza.

Mi sono fermato un attimo e ho chiesto:

– Cos’è successo a “papà”?

– È molto eccitante. Ora, per favore, succhiami la figa.

Ricomincio a succhiare con tutte le mie forze.

– Aahhhh… Quello… Succhiami la figa… Aahhh… Sto per venire, birichino… Aahhhh… Sto per venire papà… Aaaaaahhhhhhh… Delizioso. ..Avanti…sono venuto…sono venuto nella bocca di mio padre…

Mi diletto con il delizioso liquido della figa di mia figlia. Ma l’eccitazione era fuori controllo e avevo bisogno di finire la nostra scopata! Mi sdraio sul corpo di mia figlia, il mio cazzo duro le strofina la figa dall’esterno e bacio di nuovo con passione la sua piccola bocca.

-Assaggia la tua figa, ragazza. Proprio come hai fatto quando mi hai baciato con la tua bocca che sapeva del mio sperma.

– Mi sento come papà ed è delizioso.

Guardo il cellulare e ricordo che mia sorella sta guardando tutto, la vedo già nuda, che si masturba mentre ci guarda. La cosa mi emoziona moltissimo, dopotutto anche la mia sorellina è deliziosa. Prendo il cellulare e parlo con Flávia:

– Ti stai divertendo lì, sorella?

– Oh Zeca, non ci posso credere. È bello vedervi entrambi.

– Fammi vedere la tua figa, sorellina.

Lei non risponde nemmeno e sta già girando la fotocamera del cellulare, mostrando la sua figa rasata. Si masturba la figa, si mette due dita nella vagina e poi allarga le labbra in modo che io e mia figlia possiamo vederle. Si alza anche per mostrarci il culo. È molto entusiasta di vederci e di mettersi in mostra. Metto a fuoco la telecamera sul seno di mia figlia:

– Ascolta, sorella. Ecco perché era arrabbiato. Guarda quelle tette. Troppo caldo per succhiare quei meloni.

– Merda! Sono davvero enormi e anche belli. Ora ti capisco, fratello. Tua figlia è davvero sexy.

Mia figlia tira fuori il cellulare, prende il mio cazzo e inizia a mostrarlo a sua zia.

– Ascolta, zia. Guarda quanto è delizioso il cazzo di papà. Te l’avevo detto che era delizioso. Guarda questa testa dall’esterno. Questo grosso cazzo pieno di vene.

– Congratulazioni a mio fratello. Che cazzo meraviglioso. Sarai molto felice di rimbalzare su questo monumento, tesoro.

Prendo il cellulare e mi concentro sulla figa di mia figlia.

—Questo gatto è magnifico. Sono sicuro che anche a te piacerà molto, fratello.

Tengo il cazzo per la base e inizio a massaggiargli la testa all’entrata.

– Pronta, figlia mia?

– Ne ho un disperato bisogno, papà. Scopami solo una volta, per l’amor di Dio.

Mi sfioro il cazzo ancora un paio di volte all’ingresso della sua piccola grotta e infine penetro con il mio glande nella sua piccola grotta, mostrandolo in video a mia sorella, che si sta masturbando dall’altra parte dello schermo. Quando inizio ad accelerare le spinte, mi fermo un attimo e rimetto giù il telefono per concentrarmi solo sul scopare la mia bambina. Quando torno da mia figlia, le infilo il cazzo nella figa in un colpo solo.

– Oh, papà… Finalmente ti regalo la mia figa… Ahhh… – gemette provando un grande piacere.

– Mi dispiace piccolo, ma è da tanto che non scopo una donna, non ho scopato una fica. Non riesco a controllarmi.

– Capisco, papà, sembri un cane che scopa una cagna di strada. Ma va bene, è davvero emozionante sentirsi così.

Scopavamo come animali, ma allo stesso tempo facevamo una conversazione perversa e faceva molto caldo.

– Non dovrei scopare la figa di mia figlia, soprattutto in questo modo, ma non posso controllarlo.

– Certo che dovresti, papà. Sei tu che mi hai creato. Sei entrato nella fica di mia madre, l’hai messa incinta, ti sei preso cura di me, hai sempre fatto tutto per me, hai aspettato che diventassi una puttana tettona e ora devo pagare tutto. Senza te e questo bel cazzo, non esisterei nemmeno. Hai il diritto di usare il mio corpo quando e come vuoi.

– Ti amo figlia mia. Non voglio oggettivarti.

– Ti amo anch’io, papà, ma è esattamente quello che non vedo l’ora di immaginare. Che sono un oggetto di piacere. L’oggetto del piacere di mio padre.

A questo punto scopo la mia ragazza con tutta la mia forza e velocità, il mio cazzo penetra in profondità nella sua figa poi lo tiro fuori quasi completamente mettendo dentro di lei tutto il mio piacere, risuona un rumore simile a quello di un applauso. in giro per il soggiorno, mentre il mio inguine si scontrava con il tuo, nella classica posizione di mamma e papà. Quando entro, le sue enormi tette rimbalzano, ipnotizzandomi e facendomi impazzire sempre di più. Nello stesso momento in cui mi fa impazzire sapere che è mia figlia che scopo, dimentico anche per qualche istante il rispetto che dovrei avere per lei.

– Merda… Fottimi, bravo ragazzo… Infilami il tuo cazzo dentro… Impalami su quel tuo pezzo di carne dura… Vengo di nuovo… Aahhhh… Fanculo. Io… Ehi zia… sto per venire… sto per venire dando la mia figa a mio padre…

– Ti vedo, piccola puttana! Sborra sul cazzo di papà, sperma!

– Aahhhhh… sto venendo… Ahhhh… Per fortuna… Fottimi papà… Mettilo in tua figlia puttana… Ahhhhh… Sto venendo…

La vedo venire e impazzisco. Me ne vado e decido di trattarla come una prostituta da quattro soldi.

– Mettiti a quattro zampe, stronza… voglio vedere quel culo!

– CORRETTO! Qualunque cosa tu chieda. – Fa quello che le dico, ancora senza forze perché è appena arrivata, ma pronta a soddisfare tutti i miei desideri.

Ho leccato un po’ il culetto della mia puttanella, ora era più sudato, delizioso!

– Ti piace dargli quel culo, puttana?

– Mi piace, papà. Ma devi stare tranquillo, altrimenti non sento dolore.

– Calmati, dannazione. Pensi che posso farcela nello stato in cui mi trovo? Scusa ragazza, ma il danno sarà enorme per il tuo sedere.

– Ok papà. Riesco a farlo. Voglio solo vederti soddisfatto.

– Bene cagna. Devi conoscere il tuo posto in questo momento. Infila dentro il tuo bel culo e mostralo per eccitarmi ancora di più.

– Così, papà? – Vedo questo culetto che fa l’occhiolino, come se mi chiamasse e mi mandasse baci.

– È vero, stronza! – Mi sono sputato sul cazzo e gli ho infilato la testa nel culo in un colpo solo.

– Oh, papà. Lentamente.

Quando dice così, infilo la testa altre due volte e la terza volta infilo tutto il cazzo, voglio vedere la mia piccola puttanella soffrire per il dolore al culo.

– Oh, oh, oh… Fa male… Oh, papà. – Ho visto una lacrima di dolore salire nei suoi occhi.

– Stai zitta, stronza! Volevi eccitarmi, ora puoi gestirlo. Ti farò scoppiare le pieghe del culo! – Ogni grido di dolore mi faceva spingere più forte e più a fondo e, sorprendentemente, vederla soffrire sul mio cazzo mi rendeva più felice e arrapato.

– Il dolore passerà presto, nipote. Mantieni la calma e soddisfa tuo padre! – mia sorella ha parlato in videochiamata, incoraggiando ancora una volta mia figlia.

– Va tutto bene, zia. Il dolore è sparito.

– Questo è tutto, stronza. Muovi quel culo, muoviti! È delizioso scoparti il ​​culo, troia!

– È anche delizioso, papà!

-Se avessi saputo che mia figlia era una stronza così troia, ti avrei scopato molto tempo fa! Piccola troia! Niente, stronza! Sei una vera stronza.

– Sono la tua puttana, papà. Cagna! La tua puttana! La tua puttana!

– Gli sborrerò in quel culo! Scopi così bene che sembri una prostituta, piccola.

– Sono quello che vuole il mio maschio! Metti solo un po’ di sperma dentro di me! Fammi sentire una vera puttana.

Sentiamo i gemiti di Flávia al cellulare. Le piaceva la sua siririca. E stavo per venire anch’io.

– Sto per venire, puttana. Il mio cazzo ti sputerà latte sul culo, stronza.

– Divertiti, papà. Usa il mio corpo. Usa i miei buchi per soddisfarti. Voglio essere il tuo piccolo giocattolo. Usami come vuoi.

– Approfitto! Sborrerò nel culo di mia figlia.

– Divertiti, papà. Vieni dentro tua figlia. Deposita tutto il tuo sperma nel mio retto.

– Aahhhhh… Puttana… Puttana… Aahhh ragazza… Cazzo… Sono venuto… Sono venuto… La mia piccola puttana!!!

Sborro e quasi cado morto addosso a mia figlia. Il mio cazzo è ancora duro nel suo culo.

– Cos’era? La migliore scopata che abbia mai visto in vita mia, devianti! – ha detto Flávia al telefono.

– È stata anche la mia migliore scopata, zia. Sono venuto anche nel culo, ma questa volta sono venuto in silenzio. Ho preso in giro mio padre tre volte oggi.

– Ero tutto sudato, con tutto il peso sul corpo di mia figlia, senza la forza di parlare.

– A quanto pare tuo padre non ha le forze, ahahah.

– Sì, zia.

– Allora riattacco e ti lascio goderti il ​​dopo-sesso lì. Baci per te.

– Baci, zia. Arrivederci.

– Papà, stai bene?

– Va tutto bene figlia mia, anzi è tutto perfetto!

– Il tuo cazzo è ancora duro nel mio culo, puoi tirarlo fuori un po’? Solo così posso riposarmi, per favore.

Le tiro fuori il cazzo dal culo e mi sdraio accanto a lei sul divano.

– Ascolta, papà. Il tuo sperma mi esce dal culo.

– Che bella cosa, figlia mia. Era troppo bello. Ma quello che abbiamo fatto è stato corretto?

– Non credo, papà. Ma è stato davvero bello e vorrò sempre farlo. Non importa se è buono o cattivo. Ciò che conta è che io sono una troia e tu un pervertito, quindi meritiamo di provare questa merda bollente.

– Hai ragione, piccolo.

Do dei baci alla mia principessa, ci baciamo e dormiamo tranquilli come due innamorati!

*Pubblicato da Tutti i feticci sul sito climaxcontoseroticos.com il 22/06/24.