Storia di incesto erotico – Un amore proibito tra fratelli

di | 11 de Maggio, 2024

È passato un mese con tutto questo, da quando mio fratello si è preso la mia verginità e ha abusato della mia bocca finché non è venuto.

Stranamente, non ho più guardato porno da allora, perché l’unica cosa che mi passava per la testa erano queste immagini di lui che mi scopava mentre mi copriva la bocca.

O l’immagine del suo enorme cazzo che mi copriva quasi completamente la faccia.

E come posso dimenticare il modo in cui mi guardava mentre mi veniva in faccia?

Non potevo più guardare il porno, perché volevo solo sentirlo di nuovo dentro di me, era un idiota, ma sapeva misteriosamente come farmi venire.

O forse ero solo una stronza e non mi importava affatto. Anni di porno possono distruggere il tuo cervello.

Ma era giunto il momento di lasciarci alle spalle per un momento, perché si stava avvicinando un viaggio di fine anno e finalmente sarei andato al mare. Mio padre non poteva andare a causa del lavoro, quindi io, l’idiota e mia madre abbiamo dovuto prendere l’autobus.

Quella mattina tutte le valigie erano già pronte, siamo andati in taxi alla stazione degli autobus e siamo arrivati ​​tardi, quasi perdendo l’autobus. Mia madre ha qualche problema a viaggiare su veicoli che tremano molto, quindi ha deciso di andare in banca da sola, fatta.

L’autobus non era pieno, ho potuto scegliere un posto per andare da solo comodamente. Avevo già scelto il mio, accanto a mia madre, ma mentre stavo per sedermi, mio ​​fratello mi ha afferrato il braccio e mi ha tirato indietro astutamente.

Mi è quasi saltato il cuore, forse per il nervosismo, l’ansia, non so come dirlo.

Ci siamo seduti su una delle ultime panchine, io ero vicino alla finestra e lui era sulla panchina bianca accanto al corridoio.

– Non puoi lasciarmi in pace? “Ho chiesto a bassa voce.

Altre storie erotiche  Felici anche moglie e marito.

Lui si limitò a sorridere, senza dire nulla.

L’autobus tremava molto mentre procedeva lungo la strada, siamo rimasti seduti fianco a fianco in silenzio per molto tempo. Ognuno con le proprie cuffie, immerso nel proprio mondo privato.

Ma la sua mano sulla mia coscia mi ha risvegliato alla realtà. L’ho guardato con fermezza quando l’ho sentito stringermi la gamba, ed era come sempre, con quel sorrisetto. Dato che volevo picchiarlo per rabbia, quel sorriso mi irritava sempre.

Ho provato a respingere la sua mano, ma non ci sono riuscita, ho pensato ad una mano dura!

– In realtà? In un posto come questo? – Chiede fissandolo, togliendosi subito le cuffie.

– Vuoi dire che non ti manca? “Mi sussurrò all’orecchio.

Avvicinandosi così tanto a me, potevi vedere che era un po’ sorpreso. Ha preso una delle mie mani e l’ha messa sul suo cazzo.

Cavolo, mi ha incasinato! Il cazzo era già duro, inconsciamente ho cominciato a strizzarmelo sui pantaloni, ricordando i due momenti indimenticabili trascorsi con questo delizioso cazzo.

Ho distolto lo sguardo, ho guardato fuori, mentre lui tirava fuori il cazzo dai pantaloni ed usciva, ho iniziato a masturbarmi lentamente. Quella cosa che pulsava nella mia mano era sincronizzata con la mia figa gocciolante, inzuppando tutte le mie mutandine.

Abbiamo trascorso alcuni bei minuti così, non potevo togliere la mano dal suo cazzo, non importa quanto lo volessi, non potevo!

Quindi ho buttato tutto all’aria e ho detto: “Fanculo”.

Mi sono girata verso di lui appoggiandomi un po’ a lui, la testa del suo cazzo stava già sbavando. Ho fatto passare la lingua nel pre-eiaculazione, ho succhiato la rossa e poi me l’ho messa in bocca, senza metterla tutta perché potevo soffocare e rischiare che qualcuno mi sentisse, e anche lui sembrava spaventato, perché in una di quelle avrebbe sicuramente fatto mettimi il suo cazzo in bocca e soffocami, non volevo perdere l’occasione.

Altre storie erotiche  Dormi con Nico Mineiro

Mi sono masturbato mentre succhiavo lentamente, sputavo un’ultima volta e poi mi sdraiavo su un fianco sulla panca, cercando di mettermi il più a mio agio possibile con il culo rivolto verso di lui. Ho abbassato un po’ i pantaloncini e ho messo da parte le mutandine completamente bagnate.

– Mettere in! “Ho chiesto.

Era solo per divertimento, gli ho chiesto qualcosa!

Hahaha!

Ma lui è venuto volentieri, ha strofinato il suo cazzo contro la mia figa e l’ha inserito lentamente. Ho sentito un po’ di dolore, dopo tutto il suo cazzo era troppo grosso per me, una ragazza magra.

Ma ho tenuto duro, tra sospiri e pause, tutto quel cazzo c’era dentro.

Merda, mi sembra di essere tornato indietro nel tempo, a quella notte nella mia stanza. Cavolo, era così bello che ho finito per venire ovunque solo per sentire le sue palle che mi schiaffeggiavano il culo.

Lo guardai ansimare, scossi la testa perché iniziasse a farlo, mentre lui teneva d’occhio gli altri passeggeri, per vedere se qualcuno ascoltava. Ma la nostra fortuna è stata che tutti dormissero, parlassero o fossero assorbiti dai loro cellulari.

Noi siamo fortunati!

Lo faceva, senza troppa forza, doveva fare meno rumore possibile e lo capivamo entrambi. Ma alla fine perse il controllo, sferrando una coltellata che fece un po’ di rumore, costringendoci a fermarci un attimo e guardare attentamente per vedere se qualcuno poteva sentirlo.

Beh, è ​​stata una fortuna, nessuno lo ha scoperto!

Ma ho lottato con lui perché se la prendesse con calma.

– La tua figa è troppo stretta, mi viene voglia di penetrarti. – Era la scusa del criminale.

Gli ho sorriso, ma gli ho chiesto comunque di stare più attento. Ed è quello che ha fatto, l’ha indossato con cura, con forza, ma con attenzione. A volte quasi dimenticavo che ero sull’autobus a fare sesso con mio fratello, e quando tornavo alla realtà ero sempre più bagnato.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto - Laura. Sesso sulla sedia del cornuto

La sensazione di pericolo, scopare in un posto non convenzionale.

E la cosa più bella è sentire il cazzo di mio fratello dentro di me, mentre lui si trattiene per non spaccarmi in due.

Accidenti, che bontà!

Sono arrivato uno, due, tre, ho smesso di contare il quarto. Sono venuto così tanto che la panchina si è bagnata un po’ dei miei liquidi.

Si teneva a malapena a nessuno dei due, finché non sono uscito da quella posizione e mi sono chinato di nuovo verso di lui, il suo succulento cazzo era sospeso davanti a me, era come una caramella, l’ho afferrato immediatamente.

Succhiava emettendo leggeri gemiti.

Non c’è niente di meglio al mondo che succhiare un cazzo immerso nel sapore del tuo stesso miele, dannazione!

In più, mi ha toccato mentre succhiava, mi ha avvertito che stava per venire e boom!

Ho sentito il suo cazzo pulsare nella mia bocca e sprizzare fuori tutto il suo sperma denso. Faceva caldo, era buonissimo, mi portava in paradiso, soprattutto perché tornavo mentre lui mi riempiva la bocca di latte.

Ho ingoiato tutto lo sperma e sono stata costretta a fargli vedere che la mia bocca era vuota. Il ragazzo, oltre a farmi venire in innumerevoli occasioni, ha voluto che ingoiassi tutto il suo sperma.

E non gli disobbedirò, dopotutto ero già diventata la sua puttana ufficiale.

*Pubblicato da Llorac sul sito climaxcontoseroticos.com il 19/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *