Storia erotica bdsm – A proposito di prede e predatori (finale)

di | 10 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Andrei era un uomo d’affari russo legato sia alla mafia del suo Paese che alla Triade cinese e amico di lunga data di Yuri con il quale aveva già effettuato diverse transazioni in giro per il mondo; Prima che potessi rispondere, zia Anastácia ha varcato la porta, camminando fiera e orgogliosa; Evitò di guardare direttamente Andrej, la cui espressione oscillava tra l’ironia e lo scherno, osservando i suoi passi rumorosi sul pavimento freddo. “Molto bene! Cosa aspettiamo, perché ho fretta! ” “Ma prima, cosa fai qui?” chiese mia zia, indicando il russo che rimase impassibile.

-Calmati, cara zia! Yuri non è ancora arrivato! – risposi in tono ironico – E Andrei è qui perché parteciperà anche lui alla trattativa…

-COSÌ? Cosa c’entra con quello che succederà qui? – chiese ancora, dimostrando già la sua ben nota impazienza.

È in quel momento che appare Yuri accompagnato dalle sue guardie giurate, sempre ben vestite e ben armate; È venuto da me e mi ha abbracciato, baciandomi sulla guancia; Poi andò a casa di Andrei ed entrambi si salutarono calorosamente. Yuri era un tipico rumeno, muscoloso ma elegante, con i suoi lunghi capelli grigi legati in una coda di cavallo e la barba accuratamente curata; Ho notato che Anastácia tremava mentre entrambi la guardavano mentre lei lottava per mantenere la sua figura e mostrare una falsa impersonalità.

-Ecco qua: vuoi la Polaquinha, vero? – esordì, cercando di mantenere il controllo della situazione – e tu hai comprato il mio debito da Yuri…, quindi siamo legati…, che ne dici?

-Non è così, caro – corresse Yuri con tono moderato – È vero che ho negoziato il mio debito con tuo nipote, ma avevo dimenticato che una parte era nelle mani del mio amico qui – ¦, e ha commentato Un accordo fallito in il che lo metti in una situazione complicata, vero?

-Wow, zia! Ci sono molti debiti in sospeso, giusto? – risposi senza perdere l’occasione di essere sarcastico – Nel caso di Andrei sono stato sfortunato e lui ha accettato solo ad una condizione…

-Condizione? Ma di che condizione si tratta? – Lo interruppe con tono d’acciaio, non nascondendo più la sua preoccupazione.

-Belgrado, stronza! – rispose Andrei, quasi digrignando i denti – Non ho mai dimenticato quello che hai fatto lì…, quindi ora è il momento di pagarmi quello che mi devi!

A quel punto, Yuri schioccò le dita e i suoi uomini avanzarono verso Anastasia, abbracciandola forte mentre le strappavano i vestiti, lasciandola nuda davanti a tutti noi; Uno degli uomini si avvicinò ad Andrei, portando con sé una valigia e tirando fuori dall’interno una frusta a dodici punte, il cui cuoio brillava alla luce della stanza. Anastasia non ha nascosto l’orrore scritto sul suo viso con le labbra tremanti e lo sguardo disperato.

Con movimenti improvvisi, le guardie di sicurezza hanno fatto inginocchiare Anastácia, tenendo le braccia tese; Andrei mi guardò come se chiedesse il permesso dato che era dentro casa mia e io annuii semplicemente. Mia zia resistette coraggiosamente ai primi colpi, ma presto cominciò a grugnire dolorosamente; Yuri stava di fronte a lei, sbottonandosi la patta dei pantaloni, esponendo il suo membro duro.

-Succhialo, puttana! E fallo bene questa volta – ordinò in tono duro, agitando il bastone e strofinandolo sul viso di mia zia, che aprì la bocca con un’espressione sconfitta; Naturalmente, Yuri non fu affatto gentile, tenendo la testa di Anastácia e colpendole la bocca con tutta la sua forza, lasciandola quasi senza fiato; Andrei continuò a sbattere le ciglia finché il sudore non gli colò lungo le tempie, facendo cadere la sua attrezzatura mentre si toglieva i vestiti.

Yuri alleviava la punizione orale mentre il suo amico si occupava di mettere Anastácia a quattro zampe sul pavimento, costringendola a mostrare il suo culo sodo e paffuto; Andrei, allargate le natiche, sbavava sulla fessura, cominciando a strofinare la zona con il suo glande gonfio fino a dare il primo colpo forte, al quale ne seguirono altri finché non riuscì a lanciare l’arma, aprendomi il sigillo anale. zia che stava cercando di liberarsi, venendo fermata da Yuri che le mise di nuovo il bastone in bocca, tenendole forte la testa. Quello che segue è uno spettacolo da vedere: quello di una vecchia dispettosa e opportunista che viene usata e abusata da due maschi la cui voracità non conosce limiti.

Mentre tutto si svolgeva, ho visto Helena salutare e presto lei, Aline, Vanessa, Lorena e Dominika hanno formato un semicerchio attorno al trio, deliziate da ciò che vedevano davanti ai loro occhi; Ho visto lo sguardo vendicativo della giovane polacca che non ha potuto nascondere il piacere di vedere il suo ex aguzzino usato da due maschi che non hanno risparmiato sforzi per punire il corpo del vecchio magnaccia. Il sacrificio durò a lungo e terminò solo quando i maschi eiacularono copiosamente, inondando gli orifizi di Anastasia con un voluminoso carico di sperma, ritirandosi fino a lasciare mia zia prostrata sul pavimento freddo gemendo e ansimando. .

-Penso che tu abbia saldato i tuoi debiti, vero? – ho chiesto agli invitati senza evitare una punta di sarcasmo nel mio tono di voce.

-Tesoro, da parte mia è già stato tutto regolarmente pagato! – ha detto esultante Andrei – e ti ringrazio per l’opportunità che mi hai dato!

-Fanculo! Picchierei comunque questa stronza! – Risponde Yuri in tono feroce e in serrant les dents – Je pourrais même l’emmener en Chine où des partenaires bien connus se chargeraient de lui donner ce qu’elle mérite…, mais par rispetto pour vous et votre Hospitalité, I sono soddisfatto!

Dopo che entrambi si furono ripresi, li seguii fino alla porta e tornai nel soggiorno dove mia zia faticava a restare in piedi cercando i suoi vestiti. “Non ancora, stronza!” Hai ancora un debito con me! » urlò Dominika, tirando i capelli di Anastácia, costringendola a guardarla. Zia Anastácia mostrò un’espressione di pura sconfitta, ma non perse il suo orgoglio, guardando il volto di Dominika con un’espressione di disprezzo.

-E cosa farai, sporco polacco? – ringhiò rabbiosamente.

-Prima ti fregheranno tutti! – rispose Dominika, indicando le donne intorno a lei che già brandivano le cinghie dei loro peni dai membri grossi e grossi.

Mia zia tentava ancora di reagire, ma non aveva la forza di agire contro il gruppo; L’hanno portata via e l’hanno messa su una panca da palestra che avevano portato nella stanza, con le mani e i piedi ammanettati mentre Helena le dava pacche violente sulle natiche, facendola urlare istericamente. Poi Vanessa è stata la prima a scopare mia zia, spingendo il vibratore contro il buco già aperto, usando così tanta forza che Anastácia non è riuscita a trattenere un forte grido; La bionda non ha risparmiato energie, dando colpi più veloci e più profondi, facendo tutto il possibile per godersi la scopata. Mi sono seduto comodamente in poltrona a godermi lo spettacolo perché mia zia meritava la punizione che ha ricevuto.

Poco dopo fu la volta di Aline, la cui squadra era un po’ più numerosa della precedente e che fu sepolta con la stessa ferocia del suo predecessore, colpendo in modo più doloroso il sigillo già punito di mia zia. Anche la bruna diede il massimo, rimanendo ignara delle urla e dei gemiti di Anastácia, che già ripeteva una richiesta di pietà che avrebbe avuto ben poco effetto in quella situazione; Dopo di lei fu la volta di Lorena, il cui strumento aveva dimensioni ancora più grandi dei precedenti. Ammetto che la punizione di Lorena è stata un po’ più selvaggia, il che mi ha sorpreso.

Helena è stata la successiva, ma prima si è assicurata che Anastácia leccasse e succhiasse la sua attrezzatura, infilandola anche in profondità nella bocca di mia zia, che quasi si soffocò con quella cosa, minacciando di allargarle la trachea. la mia segretaria dimostrò ancora una volta di avere una feroce abilità nel procurare sia dolore che piacere, perché passò del tempo prima che le suppliche di mia zia lasciassero il posto a gemiti prolungati, dimostrando che tutto il dolore aveva lasciato il posto a un piacere inspiegabile. che la lasciò sull’orlo dell’estasi.

-E tu, Polaquinha? Non hai intenzione di vendicarti del tuo carnefice? – chiesi quando Dominika arrivò e si sedette sulle mie ginocchia con espressione docile.

-Non credo… anzi, credo che abbia già avuto ciò che si meritava – rispose con tono gentile e un sorriso accattivante mentre si liberava della cintura – preferisco invece servire suo nipote che è ora il mio vero proprietario!

Queste parole risuonarono profondamente nella mia mente e quello sguardo pieno di dolcezza e desiderio mi fece impazzire, costringendomi ad abbracciarla a me per poter suggellare centinaia di baci impressionanti; Con una velocità sorprendente, Dominika mi ha lasciato nudo e poi si è inginocchiata tra le mie gambe, avendo cura di dare lunghe leccate al mio pene fino a portarlo alla bocca, facendomi un pompino pazzesco. Le accarezzai i capelli e trattenei il desiderio di inondarsi la bocca con il mio nettare mentre si godeva la frenesia erotica a cui era sottoposta mia zia Anastácia.

Senza preavviso, Dominika mi saltò sopra, sedendosi sulle mie ginocchia e guardandomi mentre strofinava la sua vulva calda e bagnata sulla pistola dura ed eloquentemente pulsante; Con il suo movimento unico e speciale, ha avuto cura di penetrare lui stesso, ricoprendo il bastone all’interno della sua caverna, permettendomi di godere della sensazione delirante di queste carni esuberanti che mi massaggiano il membro; Dominika si chinò e senza staccare i suoi bellissimi occhi dal mio viso cominciò a rimbalzare sull’asta, senza fare troppi sforzi per sentire un’incredibile onda orgasmica che la fece tremare, gemendo senza sosta.

Senza perdere il ritmo dei suoi movimenti, Dominika premette le sue labbra contro le mie, suggellando una nuova sequenza di baci torridi e deliranti che sembravano non avere fine; Il nostro accoppiamento procedeva pieno di reciproca voracità come se ciascuno di noi volesse che non avesse fine e spettava a me fare ogni sforzo titanico affinché quell’obiettivo fosse raggiunto; È chiaro che ad un certo punto la mia fisiologia mi ha tradito, costringendomi a capitolare, sentendo il mio corpo vibrare, sopraffatto da pelle d’oca, spasmi e contrazioni muscolari involontarie, la cui somma si è tradotta in abbondante godimento con getti di sperma che inondano la grotta di Dominika, i cui gemiti e le urla rendevano chiaro che il suo corpo era stato benedetto da un elettrizzante risultato orgasmico.

Anche con il corpo sudato da tutti i pori, il respiro quasi affannoso e le espressioni esauste, rimanevamo fidanzati, scambiandoci altri baci e carezze; e all’improvviso la nostra attenzione fu attratta dal grido rauco di Anastácia, il cui corpo tremava in modo incontrollabile sotto il ritmo imponente degli ultimi colpi di Helena contro il suo corpo devastato. Poco dopo, Helena stessa si incaricò di condurre Anastasia nella vasca idromassaggio, offrendole un bagno confortante e con la meritata lascivia con cui la mia segretaria dedicava a nascondere il suo desiderio di trasformare mia zia nella sua domestica.

Quando finalmente ci siamo liberate, io e Dominika siamo andate in cucina a dissetarci e ci siamo dirette in camera da letto dove abbiamo fatto una doccia rinfrescante tra altri baci e carezze. Già a letto ci scambiavamo altre carezze quando lo sguardo della giovane polacca rivelò la sua intenzione di dire qualcosa. “Da quello che ho capito, da oggi sono libero, vero?” chiese ancora con tono sospettoso e sguardo riservato, come se temesse la risposta che avrebbe sentito; Ho guardato il suo viso semplice e ho sorriso prima di rispondere.

-Sei sempre stato libero e lo sarai sempre – risposi qualche minuto dopo in tono amichevole – quello che hai da oggi è la libera scelta di fare ciò che vuoi della tua vita.

– E se volessi restare? Mi accetteresti? Mi accetterebbero? – insistette, volendo saperne di più.

-Come ti ho detto caro, puoi fare quello che vuoi! – risposi con tono enfatico – Se vuoi restare, sono sicuro che sarai ben accettato da tutti e soprattutto da me!

-Mi ami veramente? …, voglio dire…, con il tuo servitore? – chiese ancora, volendo essere sicura della risposta.

-Polaquinha, ti ho sempre amato… però so anche che hai una lucentezza speciale – risposi accarezzando il suo bel viso – Sento che un giorno seguirai la tua strada…, quindi considera la tua permanenza qui. come momento di riflessione per nuove opzioni.

-In questo momento voglio donarmi completamente a te! – rispose con tono fermo, appoggiando la sua manina sul mio attrezzo. Non ci è voluto molto sforzo per risorgere dalle ceneri.

Dominika ha afferrato di nuovo il mio cazzo, avendo cura di lasciarne la punta ancora nella sua bocca di velluto e girando il suo corpo in modo che potessimo goderci un lussureggiante middle nine in cui le ho dato tutti gli orgasmi che meritava. “Gioca con il mio culo…, Ahhh!” Preparalo per riceverti! » tubò tra un succhiotto e varie leccate. Con l’indice coperto di saliva, ho toccato il piccolo foro, ascoltando i gemiti soffocati di Dominika, facendole rimbalzare il culo su e giù.

Rapidamente, Dominika si è messa a carponi sul letto chiedendomi di penetrarla senza perdere tempo; Ho preso posizione e le ho chiesto di aprire le natiche, aprendo un po’ di più le gambe per poter prendere posizione; Ho toccato più volte la fessura prima di dare una prima spinta vigorosa, alla quale ne sono seguite altre ancora più veementi che hanno impiegato tempo per ottenere il successo sperato, lacerando l’iniziale resistenza del glande, lacerando il sigillo anale e scoppiando all’interno; Dominika non riuscì a controllare la sua reazione immediata al suo impalamento, emettendo urla penetranti che mi costrinsero a smettere di avanzare.

-Argh! NO! NO! Non fermarti! Da seguire! “Voglio che tu mi faccia tuo in ogni modo!” Ahnn! Ti amo! Ahhh! Perfavore continua!

Ho fatto un respiro profondo, ho stretto Dominika per la vita e ho ripreso forti movimenti pelvici, spingendomi freneticamente avanti e indietro, ascoltandola emettere urla dolorose che a poco a poco si trasformavano in veementi urla di piacere; Rilasciando una delle sue natiche, Dominika si mise la mano nella figa, applicando una diteggiatura vigorosa che la fece venire ancora e ancora, delirante di piacere. Abbiamo continuato questa scopata folle che sembrava implicare che stessimo prendendo il controllo dei nostri pensieri e delle nostre azioni. Gioivo di tutti i piaceri di Dominika, sentendo che la mia esistenza in quel momento aveva un solo significato: servire il desiderio che ci univa.

Confesso di non aver mai sperimentato una resistenza fisica di tale portata, perché ad ogni nuova spinta sentivo sempre più forte il desiderio di continuare fin dove la mia energia vitale me lo permetteva e le urla, i gemiti ed i sospiri di Dominika erano opera di uno stimolo inspiegabile che esercitava la mia corpo. in uno stato inesorabile. labirinto, qualunque sia la realtà che ci circonda. “Ahnnn!” Uh! Quando stai per venire… Ahnnn! Lo voglio in bocca! Nella mia bocca! Uff! “balbettò con un tono affannoso e implorante, che provocò in me un’immediata reazione per intensificare i colpi il più profondamente possibile; senza preavviso, estrassi la pistola mentre lei si girava verso di me impugnando il bastone, facendoselo scomparire in bocca; Spasmi e le contrazioni muscolari involontarie hanno esaudito il desiderio di Dominika versando il mio sperma nella sua bocca!

Per qualche minuto restammo nella stessa posizione, guardandoci con un’espressione di reciproca realizzazione; Alla fine crollammo sul letto, sudati e ansanti, ma ancora selvaggi dal piacere di altri baci e carezze. Qualche tempo dopo riprendemmo un altro litigio con Dominika che mi cavalcava con il suo stallone selvaggio e ancora una volta sperimentò una nuova ondata di orgasmi che la fecero rabbrividire, gemendo senza sosta; Finivo per godermi dentro di lei, il cui volto sorridente e illuminato era diventato per me l’unico spettacolo che valesse la pena vedere; Seduta sopra di me, Dominika si è chinata per chiedermi un bacio che si è moltiplicato. E per il resto della notte abbiamo combattuto in nuovi e lussuosi incontri finché non è rimasta più una sola goccia di energia vitale nei nostri corpi esausti ma felici e pieni.

Durante la mattinata, a colazione, trovavo zia Anastácia nuda e con indosso una collana, inginocchiata accanto a Helena che era intenta a darle da mangiare, in una scena che Dominika assaporava con sguardi a volte ironici, a volte sarcastici; Successivamente ho parlato con mia zia e le ho fatto capire che non doveva più cercare Dominika e tanto meno me. “Ricorda, zia, che Yuri e Andrei sono ancora miei amici! », conclusi in tono minaccioso; lei semplicemente annuì ed Helena la prese in braccio in modo che potesse riprendersi prima di andarsene. Poco prima del tramonto se n’è andata senza farsi notare e Aline, Vanessa e Lorena hanno circondato Dominika e hanno accolto il nostro tonno.

-Ben fatto, capo! Questa volta mi è piaciuto davvero tanto – ha commentato orgogliosa Helena, dandomi una pacca sulla spalla.

Avrei voluto ridere, ma l’espressione del volto della mia segretaria conteneva una sincerità rara e innegabile che mi commuoveva. Col tempo abbiamo ripreso la nostra solita routine che aveva assunto un tono particolare con la presenza di Dominika che amava divertirsi con i suoi nuovi amici come se non ci fosse un domani; A volte li sorprendevo tutti e tre sulla terrazza della piscina mentre facevano sesso orale strabiliante, compreso ditalino e schiaffi mentre avevano orgasmi senza sosta. In molti di questi giochi ho notato un comportamento sottile di Dominika che mi ha incuriosito ed è diventato ancora più rilevante quando ha indossato una cinghia per il pene e ha punito le fighe e i culi di Vanessa, Aline e anche Lorena che sembravano sperimentare la dominazione. che li hanno attratti.

È stato in quel momento che ho capito che anche Dominika era una predatrice… proprio come me, le piaceva lo stalking, la seduzione e il dominio, impossessarsi dei corpi e delle menti delle loro prede; Se da un lato la realizzazione mi ha sorpreso, dall’altro mi ha dato una strana sensazione di complicità che non avevo mai provato prima. E una notte, dopo una scopata incandescente, decisi che era giunto il momento di affrontare l’argomento; Ho spiegato a Dominika le mie impressioni su di lei, sempre attento alle parole, e quando ho finito mi ha guardato con un’espressione enigmatica. “Questo significa che mi stai lasciando?” » chiese con tono triste.

-Non ti lascerò mai…, ma devi seguire il tuo destino sapendo che io ci sarò sempre per te – risposi con tono gentile, accarezzando questo visino dalla pelle vellutata.

Dominika lasciò la mia casa e qualche mese dopo si affermò come redattrice per una grande azienda, abitando in un grande appartamento dove iniziò la ricerca di servitori e serve… Ho seguito da lontano la sua evoluzione e mi sono sentita felice e anche premiato. poiché di tanto in tanto mi cercava. Un giorno venne in ufficio indossando lo stesso vestito che aveva comprato quando eravamo ancora insieme. “Eccomi di nuovo qui… e senza mutandine!” » mi sussurrò all’orecchio in tono malizioso. Durante questi incontri, Dominika si è travestita da predatrice per diventare la mia preda preferita e abbiamo scopato come matti; Altre volte mi invitava a conoscere il suo drappello di uomini e donne che la salutavano perché si prendeva cura di loro come io mi prendevo cura dei miei servi…, continuavo ad essere un predatore e lo ammetto, un po’ innamorato. !

*Pubblicato da Prometeo sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *