Storia erotica bdsm: all’insegnante non piace il ritardo

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Alice si svegliò e si girò pigramente su un fianco, sbatté le palpebre un paio di volte finché i suoi occhi riuscirono a mettere a fuoco l’orologio sul comodino, quando riuscì a mettere a fuoco vide che era scritto 7:20, si girò sul letto , estensione. .

– Ahh no, non ancora!! – Saltò dal letto in bagno, fece una doccia veloce e andò a vestirsi, prese un tubino nero, un blazer dello stesso colore, indossò una Louboutin nera con finitura in vernice opaca e la classica L’ unico. La suola rossa era il punto forte. Ha scelto velocemente i suoi accessori, orecchini, collana, anello e orologio, tutti realizzati con perle con piccoli zirconi incastonati. Si asciugò i capelli in modo che fossero lisci e ondulati, quasi naturali, si truccò poco e in modo semplice ed era pronta. Ha preso la sua borsa Dior in pelle di vitello “C’EST DIOR” che fa parte della nuova collezione autunno 2017 e si è guardata allo specchio, era pronta, i suoi occhi sono andati automaticamente all’orologio, erano già le 8:05, aveva andare. Erano in classe, lui tirò fuori lo smartphone e aprì l’applicazione che, in quel momento, sarebbe stata la sua salvezza…

Uscì dall’ascensore, le mani sul polso dicevano 8:25, grazie a Dio c’è UBER, con un sospiro coraggioso si incamminò verso la porta dell’aula, il suo sguardo implorante incontrò quello del serio professore, nonostante la sua espressione di disapprovazione. . Lui annuì, abbassando lo sguardo per non più di 5 secondi sul primo gradino verso il solito posto. Passando dietro alla maestra, quasi sorrise quando riconobbe il profumo Olympea di Paco Rabanne che lei lasciava ovunque andasse. Sapeva di essere una delle sue preferite e le piaceva quando si vestiva, ma non poteva lasciare che questo interferisse con il suo giudizio, era di nuovo in ritardo e lui l’aveva avvertita che non avrebbe tollerato ritardi. La sua mente tornò alla classe di fronte a lui, in attesa che la lezione continuasse. Ogni volta che guardava Alice, lei abbassava lentamente la testa e lo guardava in segno di rispetto e rispetto per lui.

Il corso di diritto commerciale aveva già perso il suo fascino, poteva solo pensare a quale delle diverse possibilità avrebbe scelto per punirla. Con la mente non più concentrata e provocatoria, pensando di essere riuscito a sfuggire alla punizione, si morse il labbro e la matita mentre accavallava le gambe e continuava con il resto della lezione. In modo divertente la lezione finì, ne finì un’altra e gli studenti universitari cominciarono a fare le valigie e ad andare alla lezione successiva, che sarebbe stata una prova della giuria. Alice seguì gli altri studenti, essendo l’ultima della classe a lasciare l’aula, l’insegnante la stava salutando sulla porta quando lei se ne andò velocemente e quasi abilmente la afferrò per il braccio e la spinse di nuovo nella stanza. porta. Subito si inginocchiò, con la testa chinata, aspettando il primo ordine da parte di chi, oltre ad essere il suo maestro, era anche il suo padrone.

Altre storie erotiche  Storia di incesto erotico: io, la mia ragazza e sua madre

Il professore aprì il cassetto, prese le manette e gli ordinò di alzare entrambe le braccia in alto. Lei ha immediatamente obbedito e lui li ha ammanettati e le ha chiesto di tenerli in posizione verticale. Afferrò il suo corpo e le fece appoggiare la pancia sulla scrivania e le legò le braccia allo schienale della sedia, sollevò la gonna del suo vestito e poté vedere la lingerie di pizzo nero che contrastava con la sua pelle pallida, le cinghie infilate tra loro. le sue cosce. nuotando, si accarezzava da un lato e dall’altro, beh il pollice teneva il filo e poteva vedere il suo buco del culo con le pieghe quasi intatte, ammirava sempre come per quanto aprisse il buco dopo 2 o 3 giorni, sembrava un vergine. Ancora. Le ha sputato sul culo, che ha reagito subito sbattendo le palpebre e “ingoiando” lo sputo, ha ripetuto il movimento e il culo ha reagito ancora, questa volta il suo pollice le ha massaggiato l’entrata, lei si è morsa il labbro per non gemere, in fondo continua qui . Non le aveva permesso di mostrare piacere. Lei era pazza e lui lo adorava. Il pollice cominciò a fare pressione come se chiedesse passaggio, si rilassò e si allargò e lui ne approfittò per inserire il dito, cominciò a muoversi avanti e indietro con il pollice mentre le altre dita premevano con forza contro le sue natiche, il pollice di un altro La mano cominciò a danzare spudoratamente attorno alle sue natiche, chiedendo anche lei il passaggio, e lei glielo diede. La maestra alternava l’inserimento delle dita mentre l’una usciva e l’altra entrava, era già bagnata e si muoveva sul dito che la invadeva. L’insegnante notò che lei dava i primi segni di essere quasi all’apice del piacere, ritirò un dito accarezzandole le natiche e quando stava quasi per venire, arrivò la prima frusta, lei inarcò il corpo.

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Mi hanno sorpreso a fare sesso sulla spiaggia

– Ho detto che non avrei tollerato ritardi, giusto? – chiese, preparando la scheda successiva.

– Si signore! – È arrivata una nuova scheda con la risposta.

-E il cane era di nuovo in ritardo?

– Si signore! – Un’altra scheda.

– Ti piace catturare le puttane? Ciò potrebbe essere semplicemente dovuto al fatto che insiste per arrivare in ritardo invece di aspettare nella stanza come ha ordinato il proprietario.

– Mi dispiace, signor! – Ancora una volta inclinò il corpo, questa volta le diede due ciglia in fila.

– Darò 5 linguette alternando i lati. Sei punito per non aver obbedito al mio ordine. Voglio che tu lo dica a ognuno di loro, lo capisci?

– Si signore! – Dopo aver ricevuto la sua risposta positiva, si strappò il pezzo di pizzo che gli copriva il pene e applicò la punizione come aveva promesso. Contò e alla fine del quinto, il suo sedere era rosso e in fiamme. Mise da parte lo strumento della punizione e le si avvicinò. E le accarezzò il viso e la baciò sulla guancia. Lo guardò mentre la sua mano si posizionava sotto il suo mento ed esercitava una leggera pressione. Il suo viso era sereno, i suoi occhi azzurri erano profondi, penetranti, e in quel momento erano pieni di pura emozione, desiderio, passione, la sua pelle leggermente abbronzata e i capelli scurissimi le donavano una bellezza senza eguali. – Grazie signore per la punizione, la vostra serva ha imparato la lezione. – Sorrise grato che finalmente potessero divertirsi, il suo cazzo era già dolorante per l’erezione e la sua biancheria intima era già leggermente bagnata di precum.

Si è tolto i pantaloni e il suo cazzo è saltato fuori, ha camminato con un piede su ciascuna sedia accanto a lui, uno a sinistra e uno a destra, ha tenuto la cartella a cui era attaccato il braccio e il cazzo è scattato al suo posto. lei stessa all’ingresso della sua figa e spinse una volta velocemente e con forza, lui la tirò fuori dalla sua figa completamente bagnata e inserì il suo cazzo all’ingresso del suo culo, lui la baciò di rimando e seppellì il suo cazzo immediatamente, lei gemette forte, lui lui cercò di soffocare il suo gemito con un bacio. Rimase fermo finché lei non si abituò all’asta spessa otto pollici nel suo sedere, quando si rilassò lui iniziò a spingere lentamente dentro e fuori, godendosi ogni centimetro che andava e veniva, lei sollevò di più il culo e lui aumentò il ritmo. , sussurrò, chiedendo di più e più chiedeva, più lui inserirà. Puttana, puttana, cattiva, puttana, ecco come la chiamava e lei rispondeva “sì signore!” Ogni volta che le chiedeva se voleva di più, lei sporgeva di più o twerkava in risposta. Le palle le colpirono la figa e allontanandosi le tolsero il filo di miele che sgorgava da questa donna. “Prendi il pene del professore, mia cara studentessa,” gemette chiedendo del latte e dicendo che si sarebbe goduta il culo . . Entrambi non riuscirono più a trattenersi quando lui sentì il suo culo ingoiare tutto il suo membro e mordicchiarlo con le contrazioni dello sperma dentro quel culo e lei sentì il liquido caldo, venne di più, il liquido che già le scorreva lungo le cosce fece la scena. Ancora più succulento, ansimando lasciò cadere il suo corpo su quello di lei, i suoi padroni sorrisero, mentre il suo cazzo si ammorbidiva lui lo tirò fuori stancamente. Da dentro di lei lo leccò e lo baciò per pulire il seme rimasto, lui si vestì, la pulì con la bocca e l’asciugò con un asciugamano, le slacciò le manette e la baciò sulla bocca.

Altre storie erotiche  Io, Sabrina e Vanessa a Serra Gaucha

– Oggi ti vengo a cercare a casa, usciamo. Sarò lì alle 19:00. Non fare tardi.

Richiuse il cassetto. Prese la sua valigetta e se ne andò.

__________________________

E-mail: Alice [email protected]

*Pubblicato da aliciachrangels sul sito climaxcontoseroticos.com il 07/09/17.