Storia erotica BDSM – Capitolo 03: Il pianista

di | 4 de Luglio, 2024

Mentre Veronica si ritirava nella stanza degli ospiti, io mi ritiravo nella mia dove mi sedevo in poltrona e accendevo una sigaretta, con la mente piena di ricordi che avrei preferito tenere sepolti nel profondo della mia memoria; Verónica infatti non era solo la mia matrigna, perché rappresentava l’unica immagine che avevo di madre, dato che la mia vera madre era morta poco dopo avermi dato alla luce; Non ho mai saputo come Veronique si sia avvicinata a mio padre, che era fragile e bisognoso, ma so che ha saputo sfruttare tutta questa debolezza a suo vantaggio; Durante la mia adolescenza, il surtout contribuisce allo sviluppo della mia passione per le arti, même si je savais que mon destin était trace au préalable par mon père, qui s’apprêtait à quitter au plus vite l’entreprise familiale for me. account; e dovevo fare tutto il possibile per compiacerla e anche per assaporare le delizie che il mondo mi offriva per le mani di mia suocera.

Nella sua giovinezza, Verónica era stata una pianista eccezionale, con doti artistiche uniche e particolari che sorpresero i suoi tutori; Pur non appartenendo a una famiglia benestante, i suoi genitori disponevano di risorse sufficienti per finanziare la sua carriera che divenne presto folgorante, attirando l’attenzione non solo del pubblico accademico, ma anche della critica più autorevole; Purtroppo non ho mai saputo come lei e mio padre si fossero avvicinati poiché appartenevano a mondi diversi, ma la verità è che il vecchio cedette alla seduzione del pianista; Va notato che lei è ed è sempre stata una bruna bella ed esuberante che sprigionava sensualità da tutti i pori. Da parte mia è sempre stata vista con amore e affetto, comportandosi come la mia suocera sempre disponibile, gentile e gentile.

Tuttavia, col passare del tempo, man mano che avanzavo nell’adolescenza e diventavo un uomo adulto, ho notato che Verónica mi guardava con uno sguardo diverso, risvegliando la mia curiosità di sapere cosa stava succedendo tra noi; Durante i miei primi tentativi di avvicinarla a questo proposito, ho finito per ritirarmi con un certo timore reverenziale nei confronti di mio padre e anche di lei come sua moglie. Un pomeriggio tornavo dall’università e dopo pranzo mi sedetti al pianoforte per suonare uno spartito di un’opera di Chopin nell’ambito dell’apprendimento che mia suocera richiedeva; La mia performance allo strumento è sempre stata mediocre, ma ho insistito nel rispettare Veronica e non mi sono mai stancato di sottolineare la necessità di una borsa di studio per completare la mia formazione.

Ero così concentrato nel portare a termine il lavoro che mi ci è voluto un po’ per rendermi conto che c’era qualcuno seduto accanto a me; e quando ho guardato, ho avuto uno shock enorme, perché era Veronica quella che era lì, esibendo una nudità scioccante. “No, tesoro! Continua a giocare… fai finta che non ci sia!” mi sussurrò all’orecchio dopo avermi messo un braccio intorno al collo. Quel corpo caldo e nudo, combinato con il respiro caldo e morbido nel mio orecchio, mi rendeva difficile concentrarmi su qualsiasi cosa che richiedesse più sforzo del possibile; e tutto divenne ancora più confuso quando si voltò verso di me e mi morse il lobo dell’orecchio, provocandomi un brivido elettrizzante e allo stesso tempo la sua mano si posò sul mio inguine sporgente.

-Non credo che questo giocattolino sia stato ancora utilizzato, vero? – chiese a bassa voce, già stringendo il volume che si era formato in questa regione – Penso che sia giunto il momento della tua iniziazione!

Con queste parole, Veronica si incaricò di sbottonarmi i pantaloni, tirando fuori il mio membro duro e palpitante e cominciando a manipolarlo, dando inizio ad una vigorosa masturbazione che mi fece impazzire dall’eccitazione; Ignorando le mie reazioni, la mia matrigna ha continuato a masturbarmi in modo eloquente.

L’eccitazione era al culmine quando lei semplicemente interruppe la manipolazione alzandosi e dirigendosi verso le scale che portavano al piano superiore; Prima di salire si voltò verso di me, sfoggiando la sua esuberante nudità con un sorriso malizioso sulle labbra; Durante il breve intervallo in cui non fu detto nulla, vidi questo spettacolo abbagliante; Veronica era un buon esempio di donna capace di far emergere gli istinti più animali di ogni uomo; Di profilo davanti alla scala, con una mano appoggiata al corrimano e il piede sul primo gradino, Verónica ha sfoggiato un profilo imponente con gambe tornite, una vita snella, un sedere dal volume proporzionato al limite della perfezione e un paio di graziosi gambe. . . seni coronati da capezzoli conici già rigonfi che sembravano chiedere di essere assaporati come meritavano.

Anche il viso era un’altra opera d’arte divina con zigomi definiti, labbra sottili e inquietanti, profondi occhi neri, il tutto coronato da vasti capelli neri ondulati e ben curati, componendo una bellezza invidiata da molte donne, anche le più giovani che non dovrebbero essere . . paura della concorrenza. “Vado in camera mia…, ti aspetto… e vieni a spogliarti per non perdere tempo!” disse in tono autoritario, senza aspettare risposta. mentre si salgono le scale; Stordito da tutto quello che stava succedendo, ho esitato a obbedire all’ordine di Veronica, soprattutto perché fino a quel momento lei era l’unica figura materna che avevo nella mia vita e ora ho abbandonato questa immagine per adottare quella di una donna lasciva che cerca sesso con te. figliastro; Le urla insistenti di mia suocera mi riportarono bruscamente alla realtà.

Poco prima di entrare nella stanza mi sono tolto i vestiti e sono andato avanti; Notai subito che si trattava della camera da letto della coppia, il che la rendeva ancora più scomoda; Con gesti e movimenti rapidi, Veronica mi ha ammanettato le mani dietro la schiena e poi ha messo una specie di cavezza sul mio membro e sui testicoli, stringendolo forte fino a provocarmi un doloroso disagio; Vedendo la mia sottomissione al trattamento, Veronica si è dotata di un frustino e ha cominciato a sculacciarmi le natiche, provocando in me un risultato sorprendente, perché sebbene i colpi non avessero intensità, il mio corpo li ha ricevuti in modo strano, risvegliando un desiderio sconosciuto e aumentando il mio entusiasmo.

Dopo essersi divertita a sculacciarmi, Véronique ha unito il suo corpo al mio, riprendendo la masturbazione mentre le dita dell’altra mano frugavano nello spazio tra le mie natiche, prendendosi il tempo di trovare il mio sigillo anale, che fu subito invaso. adottando una certa brutalità che lo eccitava. Tutte le manipolazioni abusive di Veronica sul mio corpo provocavano un’inspiegabile eccitazione che mi faceva rabbrividire, provare insolite sensazioni di piacere e che divennero ancora più intense quando mi gettò sul letto e mi coprì, rimanendo accovacciata e tenendomi il membro con una mano mentre scendeva In ciò.

Altre storie erotiche  Gay Story - Il mio primo sesso in bagno

Nel momento in cui la sua vulva ha ingoiato il membro, ho assaporato un piacere fino ad allora sconosciuto derivante non solo dalla penetrazione ma anche dai suoi effetti sul mio corpo con brividi, spasmi e contrazioni muscolari involontarie che hanno devastato il mio corpo e la mia mente in un modo così intenso da rasentare sulla deliziosa follia; e quando Véronique iniziò i movimenti rapidi e profondi su e giù, facendomi deglutire e sputare nella sua caverna, l’allucinazione che mi invase divenne un delirio ineffabile che alla fine avrebbe creato dipendenza. Mia suocera mi guardava con un’espressione tra il libidinoso e il profano, sembrava divertirsi ad usarmi in quel modo.

Veronica non si stancava, mi saltava addosso, si chinava addirittura, mi metteva le mani sulle spalle e mi strofinava i seni in faccia, facendo i movimenti più veementi, come un mortaio. “Succhia le tette della mamma, succhiale, figlio mio birichino!” Ahnn! Quello! COSÌ! Quanto velocemente impari! sussurrò mentre succhiavo e mordevo i suoi capezzoli, a volte tenendoli intrappolati tra i denti, facendo sì che mia suocera lanciasse grida rauche e contrattaccasse sedendosi più vigorosamente, provocando un aumento tutt’altro che sottile del dolore che provava. Stavo soffrendo. i miei genitali Veronica mi saltò addirittura addosso e le sue urla e gemiti folli che riempirono la stanza furono semplici conferme che si aggiungevano alla sua gioia che scorreva come un fiume possente lungo il mio membro e imbrattandomi lo stomaco.

Ero sulla soglia tra il dolore e il piacere che devastavano il mio corpo ed eccitavano la mia mente, fungendo da oggetto di piacere per mia suocera la cui voracità sessuale era qualcosa di insolito; Molto tempo dopo cominciai a gemere, sussurrando che il mio orgasmo era molto vicino; Veronica, senza rendersi conto del dolore che mi causava quest’ansia di liberazione orgasmica, continuò con le sue molestie e quando finalmente arrivai il mio climax, rimase seduta su di me, contraendo il suo sfintere come se mordesse il membro e allo stesso tempo cercava di contenersi. . il mio abbondante e caldo carico di sperma. e sperma denso dentro di te; L’intenso piacere che provavo condivideva i suoi effetti sul mio corpo con il dolore che affliggeva anche me, determinando un equilibrio inspiegabile.

Il sudore le penetrava in tutti i pori del corpo e il suo respiro era difficile. Veronica si alzò e prima di liberare il mio membro dalla sua prigione, decise di massaggiarsi un piede, allargando la zona dolorante. Alla fine mi hanno liberato dalla cavezza e dalle manette, ma non avevo ancora la forza di alzarmi dal letto. Veronica mi saltò addosso, mi leccò il viso e mi infilò la lingua in bocca in uno spettacolo di dominio che la lasciò deliziata.

-Sei stato molto bravo nella tua iniziazione, nipote mio! – mi sussurrò all’orecchio tra leccare e succhiare – ma c’è ancora molto da imparare e io sarò la tua governante…, la tua padrona e anche la tua amata dama! Sii sempre pronto per me!

Detto questo, Veronica mi lasciò andare e si diresse in bagno per scaricare tutta la tensione del momento con un bagno nella sua vasca idromassaggio; Da parte mia mi sono alzato, ho preso i miei vestiti e sono andato zoppicando in camera dove ho fatto una doccia calda che deve essere durata quasi un’ora. E Veronica manteneva la sua affermazione utilizzandomi quasi quotidianamente per soddisfare il suo immenso appetito sessuale che sembrava infinito; In ogni occasione usava e maltrattava il mio corpo in ogni modo immaginabile, raggiungendo un certo livello di violenza che si rivelava in lividi che cercava di nascondere a tutti e soprattutto a mio padre che non meritava un’umiliazione di questa portata.

Una notte, Verônica ha oltrepassato ogni limite, costringendomi a restare nascosto nella camera della coppia, a spiare mentre lei e mio padre facevano l’amore; Infatti, prima di tutto si prese la responsabilità di punire mio padre, che sembrava provare un piacere indescrivibile nell’essere umiliato fino all’estremo, permettendogli perfino di urinargli addosso mentre gemeva di eccitazione; e durante l’accoppiamento non perdeva occasione per guardare in direzione del mio nascondiglio, con una risatina maliziosa; Confesso che dopo quella notte vidi mio padre con occhi diversi, abbandonando l’immagine di modello e provando nei suoi confronti una certa vergogna.

Per mesi continuai ad essere il giocattolo della mia matrigna, che non si risparmiò nel procurarmi la stessa umiliazione che aveva inflitto a mio padre; D’altro canto non ho potuto resistere alla sua dominanza fisica e mentale, e in più occasioni ho provato a respingerla senza successo, rimanendo sconfitto di fronte a lei; Una mattina, durante le vacanze universitarie, scesi a fare colazione e la trovai seduta nuda in una posa imponente e con uno sguardo feroce; Con le gambe elegantemente incrociate, Veronica sorseggiava il suo caffè senza staccarmi gli occhi di dosso. “Prima di tutto vieni qui e baciami i piedi!” mi ordinò con il suo solito tono energico e con una certa impersonalità, senza guardarmi.

-NO! Non è così che lo voglio! – urlò mentre cercavo di inginocchiarmi davanti a lei per eseguire il suo ordine – prima spogliati e poi fai quello che ti dico!

Preso da un dominio che sembrava più una coercizione, obbedii al suo ordine e, nudo, mi inginocchiai davanti a lei, baciandole i piedi; Ad un certo punto, Veronica sembrò insoddisfatta della mia azione e mi ordinò di leccarle e succhiarle le dita; Ho eseguito il compito mentre ascoltavo insulti di ogni tipo e all’improvviso sono stato preso da un movimento di reazione che mi ha fatto alzare in piedi, afferrando mia suocera per i capelli e facendola inginocchiare davanti a me.

-Basta, stronza! – gridai con tono rauco e minaccioso, tirandole i capelli e avvicinando la sua bocca al mio membro – ora tocca a te! Succhiami il bastone! ORA!

Lo sguardo di Veronica passò dalla consueta aura dominante ad un tono sottomesso e non esitò a prendere il mio membro in bocca, succhiandolo con impressionante avidità; Ero in tale stato e in tale ribellione, che non gli risparmiai punizione più umiliante tenendogli ferma la testa mentre gli davo forti colpi nella bocca che avevo trasformato in una grotta calda e umida destinata solo a servirmi. senza pietà; Con la spinta virile di un maschio alfa, ho battuto forte e sono stato soddisfatto solo quando lo sperma è fluito nella bocca della mia matrigna, che non riusciva a trattenere tutto il carico che scorreva attraverso il suo corpo.

-COSÌ! Questo è quello che volevi, fottuta stronza! – chiesi in tono minaccioso, tenendo ancora Veronica per i lunghi capelli.

-Era proprio quello che volevo da te! – rispose ironico – Volevo risvegliare il maschio dominante che dormiva in te… lo stesso maschio che non sono riuscito a risvegliare in tuo padre!

Altre storie erotiche  Ho dato molto al mio insegnante di judo.

Sentendo queste parole, non potei contenere il mio impulso e diedi due forti schiaffi in faccia a Veronica, che immediatamente arrossì, pur mostrando un ghigno, facendomi capire che era esattamente quello che volevo…, lei. Il suo sogno di una vita era quello di avere un uomo che la dominasse e la sottoponesse a ogni abuso sessuale immaginabile. La rivolta mi divorava dentro e io la lasciai andare, lasciandola cadere in ginocchio sul pavimento freddo, osservando il suo deplorevole stato di vertiginosa sconfitta, scoprendo che non solo avevo invertito la tendenza ma mi ero anche liberato dalla sua libidine giogo. .

Mentre i ricordi svanivano, vidi il sole sorgere annunciando un nuovo giorno; Non ero più nella mia stanza, ma nella stanza principale, crollato in poltrona dopo aver fumato quasi un pacchetto di sigarette e consumato la stessa quantità di whisky, vodka e cognac; Mi sentivo sporca e avevo bisogno di una doccia e pochi minuti dopo, con l’acqua calda che cadeva sul mio corpo, la dolce immagine di Catarina occupava la mia mente come un soffio divino contro i ricordi vertiginosi indesiderati che avevo avuto tutta la notte prima.

Quando tornai in soggiorno, desideroso di una buona colazione, trovai mia suocera seduta al tavolo, in attesa di essere servita; Come al solito, era nuda con lo stesso sguardo sbalorditivo che era diventato il suo marchio di fabbrica. “Ciao, mio ​​​​caro nipote! Hai dormito bene? Lo spero, perché ho passato una notte confortante! » ha commentato con lo stesso tono sarcastico che usava quando vivevamo sotto lo stesso tetto. All’inizio ho scelto di ignorarlo, sedermi e soddisfare la mia fame. Veronica ha anche fatto alcuni commenti inutili ai quali ho deciso di non prestare attenzione.

-Non so perché sei venuto, ma so che non ti voglio qui! – annunciai, interrompendo la serie di discorsi inappropriati di mia suocera – Voglio che tu vada via e non torni mai più!

Per qualche minuto Veronica sembrò sorpresa dalle mie parole, ma presto riprese il suo atteggiamento arrogante, esibendo una risata ironica. “Se è quello che vuoi, lo sarà… ma c’è una condizione!” ripeté la parola, mantenendo la sua aria di superiorità. Ho preso un respiro profondo davanti all’impertinenza quasi ottusa di mia suocera, contenendo l’impulso di schiaffeggiarla fino a farla sanguinare, e ho chiesto quale fosse la condizione proposta. Veronica, dopo un altro sorriso sfacciato, ha rivelato questa condizione.

-Ho conosciuto una giovane pianista molto talentuosa che vorrei farti conoscere – spiegò in tono lento – non importa come l’ho conosciuta, ma la verità è che ‘ha un talento innato…, proprio come io in tempi buoni… ., purtroppo viene presentato in posti di pessima qualità e di dubbia reputazione ad un prezzo miserabile…, quindi vi prego di andare ad ascoltare e verificare quello che dico…

-Ed è tutto quello che vuoi? – lo interruppi, molto incuriosito dalla situazione – vuoi solo che vada a trovare questa giovane talentuosa? È tutto? …e perché dovrei andarci?

-Perché? Perché sei bisognoso e senza scopo! – rispose con un tono sorprendentemente affettuoso – So che non abbiamo più una storia comune…, so anche che lei non era la migliore suocera del mondo…, quindi, quando ho sentito questo ragazza, mi è venuta l’immagine. la mia mente.

Queste parole suonavano con una sincerità cruda e insolita quando si rivolgevano a Veronica e questo, oltre a impressionarmi, suscitava in me un certo stupore; Restammo in silenzio, semplicemente scambiandoci sguardi; Mia suocera bevve gli ultimi sorsi di caffè dalla tazza, alzandosi subito e dirigendosi in camera da letto. “Me ne vado aspettandomi che tu faccia la tua parte e sapendo anche che non ci vedremo più!” concluse senza giri di parole. Cet après-midi-là, ho iniziato a riflettere su ciò che Veronica aveva fatto a proposito di questo pianista talentuoso e mi sono reso conto che non sapevo come commentare il retro e ho avuto l’impressione di commettre une trahison envers me stessa ; Però, mentre controllavo la posta sul cellulare, ho trovato un sms di Veronica con un indirizzo e una raccomandazione: “Non perdere questa occasione! » diceva il testo.

Quella stessa notte mi recai nel luogo indicato da mia suocera e scoprii che in realtà non era altro che un inferno stagnante; Sono entrato e mi sono seduto al bancone per ordinare una birra; per molto tempo non ci fu altro che un brusio scandito da conversazioni amorfe e canzoni fallite che cominciarono a darmi fastidio; Pagai la birra e mi avviai verso l’uscita quando i primi tasti di un pianoforte chiamarono il mio nome. Attenzione; qualcuno stava suonando un classico popolare con tocchi delicati che riempivano l’atmosfera e attenuavano il trambusto. Quando mi sono voltato e ho guardato il palco piccolo e poco illuminato, ho visto una bellissima giovane donna che strimpellava un pianoforte arcaico ed estraeva qualcosa di straordinariamente fluido; Ero così felice che mi sono avvicinato per ascoltare meglio e ho scoperto l’autore di una simile impresa.

Davanti allo strumento musicale c’era una bellissima bruna dai capelli lunghi, lisci e lucenti, la cui concentrazione e raffinatezza erano in totale contraddizione con l’ambiente circostante; Al termine della presentazione iniziale si è alzato e ha ringraziato i pochi applausi che si sono sentiti; A uno sguardo più attento sono rimasto incantato non solo dalla sua iconica bellezza, ma anche dalla dolce ingenuità del suo sguardo che sembrava cercare qualcosa che non c’era. Non ho perso tempo a cercare maggiori informazioni su di lei e ho scoperto subito che si chiamava Gisèle e che si guadagnava da vivere con le sue esibizioni. Ancora affascinato dalla sua bellezza e talento, non sono rimasto fermo e la mattina dopo ho chiamato il mio agente di fiducia per dargli istruzioni precise sul da farsi.

Senza rivelare le sue fonti, andò a conoscere Gisèle e in poche settimane lei perfezionò la sua tecnica presso la mia fondazione; La mia amica avvocato insisteva perché mi rivelassi presto a lei, ma io resistevo e insistevo per restare in incognito almeno per un po’; Come Catarina, Gisele si è rivelata al mondo dell’arte e ha intrapreso una carriera fulminea come non si vedeva da molto tempo. “In un certo senso mi sembra di assistere a un déjà vu! “, mi disse l’agente, con le lacrime agli occhi e la voce strozzata, durante la prima esibizione solista di Gisèle; Anche se sapevo a chi si riferiva, ho preferito restare in silenzio.

Ho scoperto i suoi occhi luminosi quando sono entrata nel suo camerino e ho trovato un centinaio di tulipani rossi, il fiore che amava di più in vita; In poco tempo ho saputo tutto di Gisèle mantenendo il mio anonimato, cosa che è durata poco, perché anche lei stava facendo i compiti per scoprire la mia identità. Mi sono fatto coraggio e l’ho invitata a una cena informale, che lei ha accettato facilmente. Gisèle era splendida con un abito midi che le lasciava scoperte le spalle e il petto, con i suoi capelli lunghi e sciolti che creavano una silhouette degna della sua bellezza; Durante la cena ci siamo conosciuti e ogni sorriso mi scaldava il cuore.

Altre storie erotiche  Cinquant'anni e non mi sopporto

“Non so perché, ma mi sembra che ci conosciamo da molto tempo!” ha commentato ad un certo punto, sfoggiando un sorriso accattivante che mi ha lasciato senza parole; Di carattere impulsivo, le ho raccontato un po’ della mia vita e soprattutto del mio rapporto con Catarina e della sua perdita prematura, che ha commosso Gisèle. “Puoi portarmi dove vuoi… ma preferibilmente in un posto dove possiamo goderci questo momento magico!” ha risposto quando le ho chiesto dove potevo portarla; Sono stato costretto a chiedermi se quello che provava non fosse solo un’attrazione momentanea per un filantropo ingannato dalla sua bellezza. “Non so come spiegartelo, ma mi hai affascinato la prima volta… e le mie esperienze con gli uomini sono state poche e frustranti…, promettimi che mi offrirai qualcosa di più! » fu la risposta di Gisèle.

Entrammo in casa mia e osservai lo sguardo incantato di Gisèle che esaminava ogni dettaglio del soggiorno e dell’ingresso. E quando le ho chiesto se voleva qualcosa da bere, la risposta è arrivata con un gesto rapido e inaspettato, Gisèle mi teneva il viso mentre le sue labbra cercavano avidamente le mie; baci infuocati si susseguivano senza che noi potessimo controllare il nostro gesto; Allo stesso tempo, le nostre mani scorrevano sui nostri corpi ancora vestiti e proprio mentre pensavo di spogliarla, Gisele mi mise le mani sul petto, allontanandoci e guardandomi in faccia. “Lasciamelo fare, per favore!” chiese esitante e con uno sguardo implorante; Annuii mentre mi allontanavo, lasciando Gisèle libera di muoversi. Con movimenti lenti e timorosi si spogliò, cercando di proteggere le sue parti intime con le mani, guardandomi con un’espressione di sincera modestia.

Mi sono avvicinato a lei e l’ho abbracciata, baciandole il viso con immensa tenerezza; poi l’ho presa sulle ginocchia e siamo andati in camera da letto dove l’ho adagiata delicatamente sul letto; Mi sono occupato di spogliarmi davanti allo sguardo ansioso di Gisèle e appena mi sono spogliato mi sono sdraiato accanto a lei, tirandola in modo che potessimo sentire il calore dei nostri corpi mentre riprendevamo i nostri baci infuocati. Senza preavviso, ho potuto sentire la sua mano calda e morbida accarezzarmi il membro e sussurrarmi all’orecchio affinché il gesto fosse ricambiato; Ci siamo toccati per un po’ e con sorpresa ho scoperto una grotta torrida e molto umida.

-Vieni e fammi tuo! Ma ti chiedo di essere gentile e attento, per favore – chiese, mettendosi sulla schiena, con le gambe aperte, in un sincero invito alla dissolutezza.

L’ho coperto con il corpo e ho guidato il membro duro verso la grotta senza usare le mani né dondolarmi, strofinandogli attorno il glande fino a quando sono riuscito a spingerlo vincendo la resistenza iniziale; Ho continuato con penetrazione lenta e ritmata ascoltando Gisèle gemere dolcemente con le sue mani sulle mie spalle, implorandomi addirittura di baciarla perché si sentiva riempita da me; Iniziai una lenta e profonda successione di movimenti pelvici, cogliendo l’occasione per assaporare i suoi bellissimi capezzoli gonfi.

A poco a poco, Gisèle si liberò dall’esitazione che la dominava e presto diventammo una coppia di amanti pazzi che si accoppiavano con tutta la forza dei nostri corpi; Più di una volta gemette più forte, annunciando l’arrivo di una gioia nuova che scaturiva dalla sua caverna, scorreva tra noi, ungendo le nostre pance e provocando un’intensificazione dei movimenti che diventavano armoniosamente ritmati. E nel provare la sensazione inebriante del nostro sudore che lubrifica la nostra pelle, mi sono lasciato trasportare da una gioia inaspettata e abbondante che ha irrigato la grotta di Gisèle, che a sua volta ha goduto anche lei di un piacere finale e senza precedenti.

“Non devi scusarti, tesoro! È stata la sensazione più bella che ho provato da molto tempo!”, ha risposto in tono eccitato quando mi sono scusato per non averle detto del mio arrivo e del mio orgasmo; Guardavo quel viso delicato con uno sguardo misto di innocenza e desiderio sorridendomi e ancora una volta nella mia vita mi sono sentita gratificata. Pensavo che per la prima volta nella sua vita, Veronica avesse fatto qualcosa che compensasse tutte le sue decisioni contorte. Quella notte abbiamo assaporato tutto il piacere di cui la vita ci aveva privato, come se volessimo recuperare il tempo perduto. C’è stato un momento in cui ho toccato la schiena di Gisèle e ho scoperto delle cicatrici; Non osavo chiederglielo perché qualcosa dentro di me mi diceva che conoscevo la sua origine.

Senza cercare risposte a domande che non avevano bisogno di spiegazioni perché i sentimenti rispondevano a tutto, io e Gisèle cominciammo a convivere e io mi occupai perfino della sua carriera, che decollò fulminea con esibizioni in tutto il mondo in recital solistici o accompagnata da altri musicisti prestigiosi. . e registi famosi; ed era sempre felice di tornare nel camerino e vederlo pieno di tulipani di tutti i colori. Un pomeriggio, durante uno spettacolo, notai la presenza discreta e silenziosa di mia suocera e sospettai che avesse le lacrime agli occhi; Non abbiamo parlato perché non era necessario. Non ho mai chiesto a Gisèle delle sue cicatrici, ma ogni volta che eravamo coinvolti nel piacere carnale, cercavo di compiacerla emotivamente in modo che si sentisse accolta al mio fianco con la certezza che non le avrei fatto del male. Un freddo pomeriggio, stavo camminando verso l’edificio della fondazione quando in un’altra occasione fui avvicinato da questa stessa vecchia curva che portava una rosa rossa tra le mani. “Ehi, ragazzo… non ho bisogno di dirti che ci ha ordinato di regalarti questa rosa… sappi solo che è molto felice per te!” disse allontanandosi senza aspettare. per una risposta.

*Pubblicato da Prometeo sul sito climaxcontoseroticos.com il 29/05/24.