Storia erotica bdsm – Carina, modesta e con un bel culo

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

La mia seconda storia è accaduta circa dieci anni fa. Avevo quarantacinque anni. Su un sito per cattivi ho contattato una ragazza di trentacinque anni. Ci siamo scambiati almeno venti messaggi. Uno più caldo dell’altro. Ha detto che era una dottoressa e le piaceva il sesso BDSM. Mi piace il sesso violento ma all’epoca avevo poca esperienza con il BDSM. Ci siamo incontrati in un ristorante. L’ho vista per la prima volta quando è entrata. Aveva capelli rossi, occhi verdi, alta, circa 175 centimetri, atletica, forte, giocava a pallamano, stimo pesasse 70 chili. Con tette seminaturali e culo rotondo. Sembrava più una forza naturale che una donna umana. Sono sicuro che ogni uomo, e alcune donne, si sono chiesti: “Ho quello che questa donna chiede?” » Per ragioni sconosciute, mi amava. Sono un uomo ma non estremamente macho, sono alto 180 centimetri, 85 chili, piuttosto atletico. Penso che la cosa più importante fosse che potesse fidarsi di me. Il tipo di sesso che amava è troppo pericoloso con l’uomo sbagliato. Dopo cena mi ha invitato nel suo appartamento.

Eravamo molto emozionati quando siamo entrati. Abbiamo iniziato a baciarci e ad accarezzarci. Mi ha abbracciato forte. Era un invito al sesso violento. Gli afferrai i capelli e gli inclinai la testa all’indietro. Disse: “Calmati stronza, qui comando io”. “Sì, maestro”, sussurrò. Ho spinto la sua testa contro il mio inguine. “Succhiami il cazzo gratis!” ho ordinato. Tirò fuori il cazzo e lo ingoiò. Sapeva come ingoiare l’intero cazzo. È stata un’esperienza paradisiaca quando mi ha leccato le palle con tutto il cazzo in gola. Tirò fuori il cazzo, era carico della sua saliva.

Ho notato che c’era una borsa aperta sul letto. Nella borsa c’erano tutti gli strumenti per il sesso BDSM. L’ho trascinata sul letto e l’ho spinta sulla schiena. “Togliti i vestiti!” chiesi. Ho tirato fuori dalla borsa delle corde spesse. Gli ho legato le braccia alla testiera. Gli ho messo un cuscino sotto le natiche. Le ho spinto le gambe sopra e le ho legate strettamente a cavallo della testiera. Era uno spettacolo magnifico! I suoi capelli rossi sparsi, la sua bocca golosa, i suoi seni morbidi con i capezzoli sporgenti, la sua figa aperta e bagnata e il suo culo scuro con lo sfintere che vibra d’impazienza. Era interamente in mio potere. “Voglio un po’ di sesso osceno?” gli ho chiesto. “Sì, per favore, maestro”, risponde. “Non puoi adesso, voglio prima una bella leccata,” disse. Mi sono seduto sulla sua faccia. Mi ha leccato avidamente il culo, le palle e l’asta del mio cazzo. Il mio cazzo si stava divertendo tantissimo. Gonfio, palpitante, carico di saliva, era in paradiso.

Mi sono messo tra le sue gambe e ho iniziato a leccarle la figa. Gli ho succhiato il cazzo e gli ho infilato la lingua nel buco. Lei gemette e fece un respiro profondo. Ho messo un dito nella sua figa e ho trovato il suo punto G ruvido. Ho inserito un altro dito e l’ho mosso avanti e indietro, su e giù. Alternanza lenta e veloce. Ti ho succhiato il clitoride. Respirava sempre più forte. “Non sei stata una brava ragazza!” disse. “No, maestro”, gemette. “Quindi devi punirlo”, ha detto. Tolsi la mano e la ricoprii con la crema scivolosa. Ho inserito lentamente le dita. Lei gemette piano. Esitai quando raggiunsi le nocche, la parte più spessa della mano. “Spingi, mascalzone!” gridò. Ho spinto forte. L’intera mano scivolò nel suo buco. Lei gemette più forte. Ho fatto piccoli movimenti da un lato all’altro e ho girato la mano. Aumenta la forza e l’intensità. Iniziò a urlare di piacere. “Divertiti, stronza, dimostra che ami ciò che fa il tuo insegnante!”, ho gridato. All’improvviso, tese il suo corpo e tirò le corde. I suoi fluidi si riversavano sulla mia mano a ondate e scorrevano lungo la fessura del suo culo. L’odore della sua fica, dolce, fragrante e amaro allo stesso tempo, riempiva la stanza. Non ne potevo più. Ho sbattuto forte il mio cazzo nella sua figa soffocante. Le ho riempito tutta la figa con il mio grosso cazzo. Era come metterlo in una stufa sigillata. Ho sentito il glande toccare il suo utero. Le diede un pugno e le strinse forte il seno. Ho urlato: “Torna da me, dannazione!” e ho sentito forte la mia eiaculazione. Sono quasi svenuto dal piacere. La sua figa mi strinse il cazzo e lo inondò dei suoi fluidi. Ho tirato fuori il mio cazzo e gliel’ho messo in bocca. Lo succhiò e leccò leggermente la mia sborra. Ho sciolto le corde. Ci siamo baciati teneramente. Entrambi avevamo dei sorrisi pazzeschi sui nostri volti. Ci siamo riposati e abbiamo bevuto delle birre fredde.

Poco dopo indicò un gancio attaccato al soffitto della stanza. “Forse hai qualche idea su come sfruttare questa esca?” chiese con un sorriso malizioso. Questo è stato per me il segnale di riprendere il mio ruolo di regista. “Sì, penso che dovresti essere mite. Non puoi parlare così contro il tuo padrone”, risposi. “Sì, maestro, devo essere punita”, disse tranquillamente. Gli ho legato i polsi e ho legato la corda al gancio. Ho usato la corda per spingerlo su. Le sue gambe erano divaricate grazie ad una sbarra di ferro attaccata ai suoi piedi. Era ancora una volta sotto il mio controllo assoluto. Tirai fuori dalla borsa una frusta di cuoio nero. Le ho sculacciato un po’ forte il culone. Il suo culo divenne rosso. Lei gemette e gemette alternativamente. “Questo è quello che succede quando disobbedisci, stronza”, ha detto. Ho trovato un dildo rosa nella borsa. È piuttosto grande, ha la forma di un gallo. L’ho acceso e l’ho inserito nella sua figa bagnata. Sono andato da un posto all’altro. Le ho schiaffeggiato leggermente i seni e le ho succhiato i capezzoli. Li ho morsi leggermente. Era sempre più eccitata. Lei gemette e mi chiese di avere pietà di lei. All’improvviso è arrivata. Le sue gambe divennero flosce. Lei era per metà appesa alle sue braccia.

L’ho liberata dal gancio. L’afferrai per le braccia legate e le gettai la faccia sul bracciolo del divano. Le sue gambe erano ancora divaricate con la sbarra. Disteso così, aveva una vista magnifica. Il suo culo e la sua figa erano spalancati. Lui le ha leccato il culo e le ha scopato la figa con le dita. Ha ricominciato a gemere. All’improvviso disse: “Mi fa male il sedere, dottore, può visitarmi?” Per me è stato un grosso ordine! Mi sono messa i guanti di plastica che erano nella sua borsa e ho inserito prima un dito, poi due dita. “Forse il dolore scomparirà se metti con attenzione il tuo cazzo lì?” ha detto. Ho tolto le dita e ho lubrificato il mio cazzo e il suo culo. Ho inserito lentamente il mio cazzo. L’ingresso era molto stretto. Lei gemette. “Stai zitta, donna, ecco cosa meritano le puttane come te!”, disse. Ho spinto più forte e all’improvviso il cazzo è scivolato dentro. E ‘stata un’esperienza meravigliosa! Gemetti di piacere e infilai dentro tutto il mio cazzo. L’ho scopata forte. Gemette ad alta voce. Ho tirato fuori il gallo e ho visto la meravigliosa creazione. La sua figa bagnata era spalancata, con le labbra rosse gonfie, grondanti dei suoi succhi. Il suo culo rosso, con le natiche rotonde luccicanti d’olio e il buco del culo semiaperto, mi fa l’occhiolino. Ho spinto di nuovo il cazzo ed è andato fuori controllo. “Vieni con me, troia!” Ho urlato. Ho sentito le contrazioni del suo corpo e finalmente ho rilasciato il mio flusso con forti pulsazioni. Entrambi abbiamo urlato forte. Mi sono tirato indietro e ho ordinato: “Spingi, troia! Voglio vedere il mio sperma uscire dal tuo culo”. Lentamente, una pozza di piacere.

L’ho slegata e ci siamo abbracciati e baciati. Siamo tornati con sorrisi pazzeschi. “È stato incredibile”, ha detto. “Sì, è stato meraviglioso”, ha aggiunto. “La prossima volta magari vuoi un vibratore nel culo?” chiese con un sorriso. “Assolutamente no, donna! Il mio culo è vergine e deve rimanere intatto”, ho risposto con una grande risata. “Nessuno sa cosa potrebbe accadere in futuro”, ha concluso.

*Pubblicato da isocracker sul sito climaxcontoseroticos.com il 01/01/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *