Storia erotica bdsm: come sono diventato tuo

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

La dominanza non è mai stata qualcosa che ho visto negativamente. Al contrario, il potere è sempre stato qualcosa che ho cercato nella mia vita. Ma prima sia chiaro che la mia emancipazione non è mai avvenuta rimproverando o sottomettendomi a qualcosa e a nessuno. È stata solo una semplice conquista di un territorio: il mio spazio.

Padrone delle mie opinioni, del mio corpo, del mio canto, della mia vita… Tutto questo mi ha dato una sola cosa: la Libertà. La cosa migliore che puoi fare è fare qualcosa o stare con qualcuno perché lo vuoi, non perché ne hai bisogno.

Questo modo di vivere e vedere la vita, rafforzato ovviamente dal mio carattere forte, è sempre stato confuso con l’autorità. Il semplice fatto di sapere cosa vuoi e non aver paura di difenderti ti dà potere. È pazzesco, vero? Indipendentemente da ciò, sono sempre stato il membro dominante nel mio posto di lavoro, nei miei gruppi di amici, nella mia famiglia e nelle mie relazioni.

Anche se può essere estremamente faticoso avere la responsabilità di organizzare gli eventi e di riunire le persone, di coordinare il lavoro, di riprodurre i drammi familiari o di organizzare tutti, mi assicura sempre una scelta : il controllo. E avere il controllo mi ha sempre dato un (falso) senso di sicurezza, perché anche se molto dipende da me, so che posso realizzarlo (a modo mio, lol).

Forse nella mia mente folle speravo di essere attratto da qualcuno che spostasse i pesi su quella bilancia, ma non è stato così, almeno non per me. Ovviamente, so che ci sono persone molto più intelligenti, perspicaci e malvagie di me (perché io sono tutte queste cose), ma ho sempre pensato che questo ragazzo fosse disgustoso per me, nello stesso modo in cui ho sempre predetto che non lo sarebbe stato. . attratto da loro. .

Ma quando incontri qualcuno così, è fantastico. Tutto è nato da un’ammirazione per il suo modo di scrivere e per il suo modo di vedere la vita, così diverso dal mio. Ad ogni scambio di messaggi ed e-mail abbassavo la guardia perché volevo di più. La curiosità mi ha fatto lo stesso di Alice, ma il mio paese delle meraviglie è molto diverso.

Altre storie erotiche  Cambio di abitudine - 9

Al posto d’un lapin en retard, d’une ciniglia défoncée, d’un Chapelier fou et d’une reine, souffrant d’une maladie psychiatrique dont je n’aurais pas la training pour attester, mon monde se concentre sur un homme senza volto. Sì, non ho mai visto né il suo viso né il mio. Ma perché, se ciò che ci connette è l’intelletto?

In ogni caso, mi ha condotto lungo un percorso come nessun altro. Sì, ha stabilito le regole fin dall’inizio e con riluttanza glielo ho lasciato fare. A poco a poco, ho lasciato andare il controllo del mio amato e gliel’ho offerto su un piatto. Ho notato i suoi giochi di potere, le sue manipolazioni e le sue bugie. Ma cosa guadagneresti gareggiando? Ciò che contava era dove tutto ciò portava.

La destinazione è stata il piacere. Un piacere come nessun altro che abbia mai provato, per un semplice motivo: quando lasci andare il controllo, tutto diventa imprevedibile. Poi ha smesso di essere solo un ragazzo con cui amavo scambiare idee ed è diventato il mio nuovo percorso verso la libertà.

È strano pensare che ciò possa essere ottenuto attraverso un dominatore, ma probabilmente dipende dal dominatore. In ogni caso, dal momento che lui vede le cose in un modo molto diverso dal mio, mi ha aperto un campo di possibilità, principalmente in un ambito: il sesso.

La prima volta che ho sentito la sua voce, anche da lontano, ha preso per sé il mio corpo. Le sue parole guidavano le mie mani e, anche attraverso il mio tocco, sentivo che mi possedeva intensamente e senza pietà.

Tutto quello che devo fare è ascoltarti o leggere un tuo messaggio e il mio corpo risponde, soprattutto se contiene le parole “vieni dal tuo uomo”. Sono completamente sconvolto, scioccato e ovviamente molto emozionato.

Tante volte, abbandonata così, mi sono ritrovata a venire a casa, al lavoro, in macchina… A volte mi chiedo cosa succederebbe se quelle mani grandi e sode toccassero davvero la mia pelle.

Altre storie erotiche  Bellezza GG: Priscilla

Domenica scorsa avevo programmato di trascorrere il pomeriggio al Museo Nazionale, vedere una mostra e pattinare fino a quando la luce della luna si rifletteva nella piscina riflettente dell’Esplanade. Salii come sempre questa rampa, abbagliato dalla scala dell’asse monumentale. museo e ho iniziato a guardare i dipinti, quando all’improvviso il mio cellulare ha vibrato.

Quando ho visto il tuo nome sullo schermo, mi sono disconnesso da tutto.

-Ciao Blu.

– Ciao caro. come sta andando il tuo fine settimana?

– Fantastico, sta per essere fantastico. E tu?

– Calmati, oggi ho deciso di uscire di casa e rilassarmi.

– Ti piace la mostra?

– COME?

– Ti ho chiesto se non ti piaceva…

– Come fai a sapere che sto vedendo una mostra?

– Sei deliziosa con il tuo vestito rosso. Sai come mi sento quando vedo le tue cosce!

Quando ho capito che era lì, in bella vista, mi sono allontanato. Mi sentivo osservato, ma non sapevo da dove. Cercavo freneticamente tra gli sconosciuti intorno a me un indizio che mi permettesse di identificarlo.

Una parte di me avrebbe voluto correre dritta tra le sue braccia, ma ammetto che il sentimento travolgente in me era la disperazione. Prima che potessi pensare a cosa avrei fatto, ho sentito le sue mani stringermi intorno alla vita e ho sentito questa voce che mi ordinava di dire: “Non sei felice di vedere il tuo proprietario?”

La notte era fredda, ma mi sono svegliato ancora sudato e con il cuore a mille. Non ero emozionato, ma piuttosto nervoso. Ho fatto un respiro profondo quando ho capito che non era altro che un sogno. Era sempre dove avrebbe dovuto essere, nei miei pensieri.

Dopo essermi rilassato, mi sono masturbato immaginando il resto di questo sogno. Ho sentito la sua bocca sul mio collo, le sue mani che mi afferravano il seno e il suo delizioso cazzo che mi massaggiava il culo. Mi sono ritrovata trascinata nel bagno del museo, dove i miei seni sono stati rapidamente scoperti, il mio vestito tirato su e le mie mutandine strappate.

Altre storie erotiche  Le persone cambiano e non se ne rendono nemmeno conto.

Sentivo la sua mano correre sul mio corpo, mentre io, abbandonandomi, gemevo. Il mix di dolore e piacere derivante dall’avere il mio seno strizzato, i miei capelli tirati e il mio orecchio vicino alla sua bocca mi stava facendo impazzire. Il calore del suo respiro sul mio orecchio mi fece rabbrividire!

Ero davvero perso quando il suo cazzo è entrato in me una volta per tutte. La mia figa, per quanto bagnata, non era pronta per questo. Proprio mentre si apriva al suo membro duro, si dimenò sentendosi martellata fino in fondo. I gemiti lasciavano il posto alle urla, a volte per le sue spinte decise, a volte per i suoi duri schiaffi sul sedere e sulle cosce.

Il colpo finale è arrivato quando anche il mio proprietario ha preso in mano il mio clitoride. Le sue dita che sfregavano e stringevano il mio clitoride mi hanno fatto raggiungere il limite e come sempre siamo venuti con passione.

È stato solo uno dei nostri momenti. Abbiamo scopato in ogni modo possibile nelle nostre case, nei nostri posti di lavoro, nei nostri hotel, nelle nostre spiagge, nei nostri posti freddi, nei nostri luoghi pubblici, nelle nostre feste scambiste, tra tante destinazioni a cui le nostre menti ci hanno portato.

E, come sempre, eccomi qui, aspettando con impazienza un nuovo messaggio da parte tua che chiami il mio nome. Dove andiamo? Cosa vorrai fare con me oggi? Non posso aspettare…

Io spero tu ti sia divertito!

Baci, Blu!

*Pubblicato da bambina blu sul sito climaxcontoseroticos.com il 20/06/17.