Storia erotica bdsm – Diventare la puttana del signor José II

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

“Per l’amor di Dio, fottimi in ogni modo, fottimi come una puttana”….

Queste parole provocarono un’immediata reazione da parte del signor José, che mi afferrò per i capelli e mi trascinò sul letto della camera da letto.

Poi il signor José mi ha tolto il vestito, le mutandine con il vibratore, che erano bagnate e appiccicose per la mia erezione, mi ha adagiato sul letto, mi ha legato mani e piedi alla testiera con manette di cuoio e ha messo dei cuscini sul letto. . livello. all’altezza del mio sedere, il tutto senza dire una parola.

“Sei una tale puttana, non hai resistito al nostro giochetto per un giorno intero, vediamo cosa abbiamo qui.”

Si è sdraiato al centro della mia gamba e ha iniziato a giocare con la mia figa con la mano, poi si è chinato sul suo corpo, mentre il suo dito mi massaggiava il clitoride e guardandomi negli occhi ha detto.

“Guarda queste sciocchezze, oggi spariranno, perché sei una puttana arrabbiata che ha supplicato di farsi scopare dal tuo padrone, d’ora in poi sarai il mio cagnolino.”

“Sì signore, sarò il tuo cane.”

Quando ho parlato, mi ha dato uno schiaffo e mi ha chiesto chi mi aveva ordinato di parlare.

Poi il signor José ha iniziato a succhiarmi il clitoride, facendomi impazzire e senza che aspettassi, ha messo il suo mignolo nella mia figa, era scomodo, e io ho gemito “Non vuoi più puttana?”

“Per l’amor di Dio, signor José, fottimi.”

Poi si è inginocchiato davanti alla mia figa e ha iniziato a giocare con il suo cazzo dentro, ha strofinato la sua morbida testolina sul mio clitoride, me l’ha spinto un po’ dentro la figa, ho sentito dolore e lui ha riso vedendo la mia faccia, giocando con la sua testa. Il mio cazzo di nuovo sul clitoride, finché non ha spinto la testa del suo cazzo dentro di me.

“Ahhh” ho urlato, lui ha riso, mettendo dentro e fuori tutto, senza darmi la possibilità di fare nulla, ho sentito la mia figa bagnarsi del mio sangue, nello stesso momento in cui il signor José è entrato e mi ha lasciato, guardandomi dentro occhi e allo stesso tempo osservando il risultato della penetrazione del suo cazzo nella mia figa, ha iniziato a massaggiarmi il clitoride con le dita, che ha immerso nel sangue misto al mio desiderio, ho iniziato a provare piacere, anche se non mi muovevo . , non sapevo quali mosse fare.

I miei muscoli si contrassero sempre più forte e il signor José disse: “Divertiti, puttana, ti riempirò di latte”. Le sue parole erano quasi come un ordine indiscutibile e il mio corpo ha risposto immediatamente, il mio clitoride è diventato più duro e io iniziato. . gemendo ad alta voce, traboccante di piacere. Dopo aver sentito i miei gemiti, è venuto anche il signor José, lasciandomi piena di sperma.

Appena finito, il signor José si è buttato sul letto accanto a me, senza lasciarsi andare, ha riposato così un attimo, poi si è alzato, è andato in bagno, ha fatto la doccia, e una mattina dopo ha messo la pillola nella mia bocca. .

Poi si è preparato e mi ha dato un foglio con tutto quello che dovevo fare quel giorno.

Puttana, devi seguire esattamente il tuo programma, tutta la casa ha una telecamera, la tua giornata sarà sempre registrata, e io terrò un registro di tutto quello che fai, mi ha anche dato un quaderno, dove devo scrivere la seguente frase 100 volte al giorno:

“Sono una puttana, nata per soddisfare il mio maschio. Sono una cagna che va in calore ogni volta che il mio maschio viene a cercarmi. Non prendo nessuna decisione da sola, perché l’unica cosa che ha valore in me sono i miei buchi .così che il mio maschio “li ho scopati”

Inoltre, durante il giorno dovevo sempre tenere il vibratore acceso e il mio proprietario mi mandava un messaggio ogni volta che aveva bisogno di accendere e spegnere il vibratore.

Mi ha dato un cellulare chiuso a chiave che riceveva solo messaggi da lui, mi ha chiuso in casa, ha preso il mio cellulare e in quel momento mi ha lasciato senza internet o qualsiasi altro mezzo di contatto con nessuno diverso da lui.

Quando mi spiegò tutte queste regole, mi fece scrivere che accettavo e volevo essere trattata così da lui, cosa che feci volentieri.

*Pubblicato da sottotroia sul sito climaxcontoseroticos.com il 13/12/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *