Storia erotica bdsm – Giochi sessuali

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

“Un giorno in più, un dollaro in più”, come diceva mio nonno. Alla fine di un’altra giornata di lavoro come promotore di eventi, mi riprendevo e andavo a un altro spettacolo; Quella è sempre stata la parte più divertente del lavoro. Quello che non immaginavo nemmeno era che quella serata sarebbe stata piena di sorprese, alcune delle quali davvero “punk” e che da quel momento in poi avrebbero cambiato la mia vita.

Poco dopo mi trovavo nell’auto di un direttore commerciale di un rinomato settore, era uno dei miei clienti preferiti con cui fissavo appuntamento ogni settimana (ne mancava solo uno perché era all’estero). “Mi ha sorpreso dicendomi che quel giorno avrei conosciuto la sua residenza, questo mi preoccupava anche perché abitavamo nella stessa zona di un piccolo paese, il che ci avrebbe dato la possibilità di essere visti da persone che conoscevamo. Ho trovato la sua scelta imprudente, ma mi spiegò che eravamo protetti attraverso il finestrino filmato del veicolo ed entravamo direttamente nel garage di casa.

Non contraddirei in alcun modo uno dei miei migliori clienti, ho detto che amavo la sorpresa e la consideravo un additivo che rendeva il nostro incontro più pericoloso, cioè divertente.

Era venerdì sera e sua moglie, durante il giorno, si stava recando con il figlio della coppia e i suoi genitori a una casa di famiglia dove nel fine settimana si sarebbe celebrato un matrimonio. Il mio cliente ha mentito a sua moglie dicendole che quella sera aveva una cena di lavoro e che non l’avrebbe vista fino a sabato.

Appena arrivati ​​nel comfort della sua casa, ci ha preparato da bere e poi mi ha mostrato le stanze principali della casa. Infine ho visitato la stanza della coppia dove mi ha detto che aveva una piccola sorpresa per me; Ha tirato fuori dalla valigia due manette e non erano quelle carine, colorate, imbottite, erano manette di ferro come quelle che usano la polizia… ahah.

Altre storie erotiche  Ho preso la verginità del mio migliore amico

Ho guardato il paio di manette che aveva in mano, poi il letto con la testiera e le gambe in tubolare di ferro… ho guardato ogni dettaglio e ho pensato: “Non lascerò che quel bastardo mi ammanetti a questo letto”. Continuavo a chiedermi mentalmente, scherzosamente: “Quest’uomo ha un’anomalia sessuale pericolosa che si è manifestata proprio oggi?”

Non era preoccupata, solo sorpresa, dato che lui non aveva mai mostrato alcun interesse per questo tipo di feticcio, né per la perversione. Ho iniziato a pensare che il gioco potesse essere divertente, che ci avrei giocato se avessi avuto un po’ di soldi in più, dopo tutto, gli affari sono affari.

Non dovevo nemmeno contrattare il extra, lo aveva previsto lui dicendo che oltre ai soldi extra per la partita mi avrebbe pagato anche per passare la notte con lui.

Sono stata onesta quando mi ha chiesto quanti appuntamenti avrei avuto quella sera, non volevo ricattarlo e gli ho risposto che, eccezionalmente, avevo prenotato solo con lui. Il ragazzo è stato generoso in altri incontri e questa volta mi ha dato anche l’equivalente di quanto avrei guadagnato su cinque spettacoli.

Contrariamente a quanto pensavo, il suo feticcio era ammanettato e non ammanettato a me, non lo avevo ancora immaginato. Il gioco per me era usarlo come oggetto sessuale tenendolo legato.

L’uomo si è spogliato nudo e l’ho ammanettato alla testiera con una manette su ciascun polso.

La selezione musicale che avevo scelto si adattava a quello che avevo intenzione di fare in quel momento, quindi ho messo in pratica tutto il mio talento ballando sensualmente durante il mio spogliarello.

Ho ricevuto innumerevoli complimenti dal mio osservatore per ogni capo di abbigliamento caduto a terra. Il vecchio emise un ruggito da lupo mentre mi slacciava il reggiseno, mi massaggiava il seno, poi lo lasciava cadere e continuava il massaggio con le mie mani, offrendogli il mio seno nudo.

Altre storie erotiche  Sesso con il passeggero

Mancava l’ultimo pezzo – le mie mutandine – le ho prese per la cintura, infilando le dita all’interno e, piena di erotismo, ho fatto scivolare dolcemente il mio corpo lungo la lingerie fino a quando sono rimasta nuda.

Il momento clou della mia esibizione è stato masturbarmi per lui, gemendo mentre toccavo il mio pene e ondeggiavo nella mia danza birichina.

Dopo il piccolo spettacolo ho messo la sua camicia sul mio corpo nudo e la sua cravatta. Ho chiamato la polizia e lo hanno arrestato per atti osceni. La punizione era lavoro sessuale volontario… ahah.

Mi sono messo sopra di lui e mi sono seduto con la mia figa sulla sua faccia. L’uomo mi faceva sempre del delizioso sesso orale, facendomi venire selvaggiamente nella sua bocca, era come un campione. Mi ha leccato la figa dal basso verso l’alto con la sua lingua piatta, ferma e piena di pressione. Persone! Ero ossessionato da lei che succhiava e premeva le labbra sul mio cazzo, e non appena la sua lingua rigida è entrata in me e mi ha leccato di nuovo il clitoride… Ahh! Questa dannata cosa mi ha portato in viaggio.

Era magico, ma ancora non ne avevo avuto abbastanza, volevo sentire qualcosa di più grande nel profondo di me.

Ho preso un preservativo, ma prima ho giocato con il suo pene in bocca, succhiandolo delicatamente e lasciandolo sbavare prima di passarci sopra la mano e segarlo (al vecchio piaceva moltissimo). Giunto il momento di unire i nostri rapporti sessuali, ho continuato il nostro gioco sessuale mettendomi un preservativo in bocca, coprendo il suo membro e sedendomi sul suo forte muscolo, posizionandolo sul mio cazzo. Brividi di piacere percorrevano il mio corpo e l’eccitazione era al culmine mentre giocavo a “cowgirl” cavalcando tra urla e gemiti.

Altre storie erotiche  Sbattuta, scopata e sborrata ovunque

La notte era ancora giovane dopo aver terminato la prima fase di questa sessione di sesso. Pieno di idee, inizierei un altro gioco, il gioco delle pietre di ghiaccio… Accidenti! Il mio drink era finito e il suo bicchiere era vuoto, entrambi con ghiaccio sciolto. Guardando maliziosamente il mio compagno, ne ho bevuto un sorso e ho fatto roteare il fondo del bicchiere, girandolo con due dita. Mi sono avvicinato al suo ombelico, ho tolto le dita dalla tazza e l’ho lasciato scorrere su di lui. Poi gli ho fatto succhiare le dita e, per brindare al suo buon comportamento, gli ho messo in bocca il mio drink e gli ho lasciato bere l’ultimo sorso.

– Resta lì, prigioniero! – Porterò più bevande e gelati per trattarti.

Ha sorriso e mi ha chiesto di portare la bottiglia e il secchio che erano sul bancone.

Sono sceso dalle scale e non sono nemmeno arrivato al bar della stanza, sono quasi svenuto quando qualcuno mi ha afferrato e mi ha coperto la bocca, un altro ragazzo con una felpa con cappuccio è apparso dal nulla davanti a me, puntando una pistola e ringhiando dolcemente:

– Tieni alto il morale o “Nonno, tocca il tuo dito”!

I momenti di terrore erano appena iniziati…

Baci, continuate con la prossima storia!

Grazie per il tuo tempo.

E se puoi commenta se ti piace.

*Pubblicato da medusasexy sul sito climaxcontoseroticos.com il 25/01/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *