Storia erotica BDSM – Il viaggio – Parte III

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Il suo sonno è pesante. Tellement lourd qu’on ne le remarque pas quand il sort du lit, et à juste titre aussi, car il se lève le plus doucement possible et va vers son sac de Voyage et en sort quelques Affairs… Elle ouvre les yeux, encore un po. Assonnata, guarda la persona seduta accanto a lei che la guarda, sorride e lo saluta mezzo rotta dalla sua voce assonnata, e vede che accanto a lei sul letto c’è un vassoio con succhi, frutta tagliata, yogurt e griglia . Lei sorride di nuovo e pensa che le piace la sua cura e attenzione ai dettagli, si alzerà per baciarlo e non potrà.

Alza lo sguardo e solo allora si rende conto che le sue braccia sono ammanettate al letto. Un paio di manette su ciascun polso la fissano alla testiera, così come ai suoi piedi. È completamente nuda, ammanettata al letto, completamente vulnerabile, inizia a diventare un po’ nervosa, sorride un po’ goffamente, cerca di muoversi e lui la fissa e basta. Sembra voler scoprire ciò che c’è di più nascosto e profondo in lei, quello sguardo curioso la infastidisce un po’.

Si sente completamente invasa dai suoi occhi castani, sa che lui nota la sua crescente angoscia, è troppo meticoloso per non notarlo, ma non mostra alcuna reazione. Il suo viso è impenetrabile: non sorride, aggrotta la fronte, non muove un solo muscolo, si limita a guardarla, lei si sentirebbe completamente nuda e indifesa davanti a quello sguardo, se non fosse esattamente come appariva. Ora. Poi si ricorda che la sera prima, era lo stesso sguardo che lui le aveva rivolto due volte e la faceva rabbrividire… Qualcosa era diverso e sbagliato, non sapeva cosa aspettarsi da lui, lo spaventava e lui non lo sapeva. fallo. Non lo so. Non mostro alcuna reazione…

Dopo alcuni secondi che sembrano ore (a conferma che Einstein aveva ragione sulla relatività del tempo), il silenzio è finalmente rotto, e questa voce che conosceva la saluta con un “Ehi nera, hai dormito bene?” , un sorriso, sembrerebbe tutto normale senza quello strano luccichio negli occhi, sinceramente non sapevo cosa pensare, e per chi ama essere sempre sicuro di tutto, è quasi inutile.

E poi: “Ti ricordi che dicevo sempre che la reciprocità è tutto? Avevo portato con me alcune cose ma non ero sicuro se le avrei usate su di te, fino a ieri… Del resto lo avevi già detto. Ancora non riuscivo ad associare un dolore forte al piacere, tuttavia il tuo giochino di dominio di ieri – molto piacevole tra l’altro – mi ha fatto riconsiderare i miei piani.

La fece sudare freddo… Sapeva che la sua immaginazione a volte andava molto lontano, le poesie e i racconti che scriveva lo dimostravano, era questo che lui aveva in mente con lei? I suoi pensieri vengono interrotti quando lui le dice che dovrebbe mangiare e le mette il succo in bocca.

Lei è già nervosa e dice che non vuole, non vuole, che voleva essere rilasciata subito e che questo gioco non era divertente… mentre parlava le apparve un sorriso sul viso, le dava fastidio . lei, cosa che la fece parlare sempre più forte, presto cominciò a dibattersi e lui sorrise. Che merda noiosa, lui si limitava a sorridere e questo la rendeva ancora più nervosa, l’aria diventava sempre più difficile da raggiungere, stava sudando e il suo corpo era caldo e… che diavolo? Non è possibile, sente che la sua figa si sta bagnando a poco a poco… Non era possibile che si stesse divertendo… non se ne sarebbe accorto altrimenti era letteralmente fregata…

Poi dice che va tutto bene, è lei che lo sa… e va in cucina e torna con un cubetto di ghiaccio, lasciandolo accanto al letto, nell’altra mano ha una scatola di fiammiferi. Lui va alla borsa, la porta a letto e tira fuori le cose che lei può vedere: una scatola di candele profumate, qualcosa come una pagaia, con un manico di silicone, una piccola frusta con cinghie di cuoio, qualcosa del genere. una palla di silicone con delle cinghie, una specie di strana catena con quelle che sembravano clip di metallo alle estremità, una grande sciarpa nera…

Guarda ogni oggetto con un misto di paura ed eccitazione, cerca di nasconderlo ma lui se ne accorge e lei lo sa. Cerca di controllare il respiro e finge di avere il controllo. “Non permetto mai a me stesso di perdere il controllo”, ha detto durante una delle conversazioni avute il giorno prima. Ricorda chiaramente il suo sorriso beffardo e ora capisce il perché. Lui non aveva detto nulla, ma sentiva che sarebbe stata messa alla prova e non sarebbe stato facile.

Intanto il suo sguardo la invade, lei sorride e apprezza il suo atteggiamento quasi infantile nel mostrare atteggiamenti a cui non si sottometterebbe… Era un gioco del gatto col topo, e i giochi erano la sua specialità, lei lo sapeva e ancora ci provo. …Lui pensava che fosse carino, ma lei lo scelse così. Tutto è iniziato nel momento in cui lei lo ha legato a quella sedia, nel momento in cui lo ha schiaffeggiato… Adesso avrebbe ricevuto una ritorsione, dopo tutto, la reciprocità era fondamentale…

Mentre cammina verso il cubetto di ghiaccio, prende una roccia e inizia a camminare sul suo corpo con essa. Il tocco freddo sulla sua pelle la fa sussultare (o almeno si sforza di farlo per quanto le manette lo consentono) e lui sorride. Con la pietra le tocca i capezzoli e li vede sollevarsi… Lei sospira senza smettere di guardarlo stupita, mentre lui le passa la pietra di ghiaccio sul seno, si china e la bacia e le morde il collo, lei chiude gli occhi pensando. . Non sarebbe poi così male… Prende il ghiaccio e se lo mette sul collo, lo lascia per un po’, sente che il ghiaccio comincia a bruciarle la pelle, ma prima di pensare a lamentarsi, sente il suo calore lingua nel punto esatto….Quanto era bella quella sensazione.

Una volta che la prima pietra di ghiaccio si è sciolta, ne prende una seconda e la usa per scendere sul seno, sullo stomaco, sull’inguine e sulle cosce. I gemiti diventano più forti e lei lo adora, all’improvviso sente il tocco freddo della pietra e del suo clitoride. Cercò di chiudere le gambe e rannicchiarsi, ma era impossibile. Lei apre gli occhi e lo guarda scioccata mentre lui continua a sorridere.” Tira fuori quel dannato affare e smettila di sorridere,” disse nervosamente e con un tono di voce che sperava infantilmente lo avrebbe fatto arrendere, dopo tutto, lui le aveva obbedito. Ieri.

Lascia cadere il cubetto di ghiaccio nel secchiello e si avvicina al suo viso. “L’ho fatto”, pensa, chiaramente sbagliando. Lui le si avvicina e, guardandola con un misto di tenerezza e severità, le dà uno schiaffo con il dorso delle mani. Il movimento è veloce e lei non se lo aspettava, perché in un attimo le è bruciato il viso e si è girata di lato a causa dell’impatto del colpo. Quando il suo volto ritornò, l’espressione non era quella dura che aveva mostrato la sera prima, era quella di stupore, sorpresa e un po’ di paura… Cominciava a capire che stava bene, diverso dagli altri giorni e forse no . facile come immaginava. La sua voce è profonda, stranamente dolce e bassa: “Ieri hai passato la giornata a giocare a commando… Oggi ti mostrerò un po’ di quello che so fare.”

Ogni parola le penetrava nell’orecchio come un pugnale, ma allo stesso tempo la emozionava, sicuramente nessuno l’aveva mai trattata così. Non voleva provarne piacere, questa situazione era almeno vicina all’umiliazione, ma lo sentiva e la lasciava confusa… Prova a lamentarsi e riprova ad alzare la voce. “Basta così, fermati lì, lasciami andare adesso che non mi va…” Ancora una volta la mano è rapida e precisa, questa volta con i palmi delle mani, e dopo aver ricevuto lo schiaffo, sento il bruciore la mia pelle. viso (questa volta con più forza, sente la sua vagina bagnarsi.

Le si avvicina molto vicino con la mano sinistra, tenendole il viso fermo e anche un po’ rudemente, e con la destra le accarezza il viso mentre parla e dice: “Se ancora non capisci, no, se ieri apparteneva a Te, oggi mi appartieni, e non ha senso dire che lo odi per questo” – e le prende la mano destra nella figa e la spinge dentro, sentendola completamente bagnata – “questo qui indica che tu gli piace molto. Tuttavia, c’è un divario tra i tuoi desideri e ciò che chiamiamo volontà, è di questo che parleremo oggi. Quando avremo finito, ti chiederai cosa stai cercando di rifiutare ora. .

Lei comincia a litigare freneticamente, urlando, dicendo che avrebbe fatto una scenata finché non fossero arrivati ​​i vicini. Poi prende la pallina di silicone con la cinghia di cuoio e se la mette in bocca, si mette le cinghie di cuoio intorno alla testa e la chiude con uno spillo. “Cazzo, mi ha imbavagliata, sono proprio fottuta…” pensò, ma ciò non fermò la sua figa dall’inondarsi ad ogni azione che faceva. Dopo averla imbavagliata, si alza e si avvicina al vassoio dove ci sono le cose che ha portato per entrambi e comincia a mangiare con calma mentre lei si dibatte invano. “Lo sai che non ho ancora mangiato niente? Mentre tu sei qui a sprecare energie inutilmente, io mangio, in fondo abbiamo tutta la giornata davanti…”

Dopo circa mezz’ora in cui lei lottava violentemente e lui semplicemente rideva, seduto sulla sedia davanti al letto, finalmente lui era stanco. Questa sensazione era senza speranza, non poteva più muoversi, non poteva nemmeno parlare, un sentimento di impotenza la invase e cominciò a piangere. Cerca di controllarsi, non vuole arrendersi, ma le lacrime scendono dal suo bel viso e per un attimo vede un po’ di tenerezza nei suoi occhi. Lui si avvicina e le chiede se vuole mangiare qualcosa adesso, alla quale lei risponde sì con un cenno del capo.

Lui slaccia delicatamente la spilla che chiudeva il bavaglio, si avvicina al vassoio e porta un pezzo di pane tostato con marmellata e un bicchiere di succo d’arancia e glielo mette in bocca, lei mangia e beve con gusto (tanta fatica ci è voluta). lei), poi le asciuga la bocca con un fazzoletto e la guarda con amore e dice: “Non puoi negare che ti piace. Il tuo corpo smentisce quello che dicono le tue parole. Può essere più facile o più difficile per te, alla fine il risultato sarà lo stesso, dipende da te… Dovrei imbavagliarti di nuovo?

Lei non ha detto nulla, ha semplicemente scosso la testa. Lui le tiene il mento e la costringe a guardarlo negli occhi, quello sguardo duro e freddo nei suoi occhi è tornato (era spaventoso quanto fosse cambiato) e le dice di verbalizzare la sua risposta. Lei dice che non dovrebbe farlo, e in risposta riceve un altro schiaffo, chiede perché l’hanno picchiata questa volta e la risposta è che dovrebbe chiamarlo signore… “Era troppo, signore…” Gli lancia uno sguardo di sfida e non lo dice mai. Lui sorrise e disse: “Vedremo”…

Apre il pacchetto di candele profumate al sandalo e le sparge per la stanza, accendendole una per una. L’aroma presto riempie la stanza e lui tiene un’ultima candela nella mano destra, si siede accanto a lei e le porta il cubetto di ghiaccio. Segue con apprensione ogni suo movimento. Inclinare poi la candela in modo che la cera calda ricada sul seno, esattamente sul capezzolo. Lei urla di dolore e riceve un altro schiaffo, questa volta più leggero. “Non voglio che urli, stai zitto o ti dovrò imbavagliare di nuovo e picchiarti ancora, lo vuoi?” chiese, coprendoti rudemente la bocca con una mano. Le lacrime agli occhi, lei scuote la testa, lui le toglie le mani dalla bocca e le dice di verbalizzare. Lei risponde semplicemente: “No, non ne hai bisogno”.

Lui ride e dice che se lei volesse così, sarebbe così… Poi scende con le gocce della candela che le bruciano il seno, la pancia, l’interno delle cosce e lei lo guarda disperata, si stava avvicinando troppo a lei… Prima di finire il pensiero sente una goccia di candela proprio sopra la sua griglia, inizia a urlare ma lui la guarda serio e lei si morde forte il labbro per contenerlo. perché avevo paura della sua reazione.

Mentre tutta questa sessione di tortura continuava e lei veniva sottomessa e umiliata, maggiore era il dolore inflitto, maggiore era l’eccitazione causata, a questo punto la sua figa era già bagnata e lei segretamente voleva essere domata e mangiata da lui.

Quando lui prese un cubetto di ghiaccio e glielo infilò nella figa, lei quasi svenne per tanto piacere. Non avrebbe dovuto sentirsi così, ma lo sentiva, non doveva perdere il controllo, doveva pensare, resistere ma stava diventando sempre più difficile.

Poi gli toglie tutti i vestiti, lasciandolo nudo. Va alla borsa e tira fuori una specie di spina che si infila senza tante cerimonie nel culo, preme un pulsante e comincia a darle piccole scosse elettriche. Immediatamente la sua figa diventa ancora più bagnata e non riesce più a trattenere i gemiti mentre lui la masturba e riceve una stimolazione elettrica nel suo ano. E poi è arrivato un orgasmo intenso che ha portato con sé un po’ di vergogna… Come potevo provare piacere in questa situazione?

Ora non aveva più importanza, era solo sensazione, vergogna, eccitazione, senso di colpa e desiderio. Tanti sentimenti controversi la stavano facendo impazzire, tanto che non si era nemmeno accorta quando il suo cazzo le era entrato in bocca, lo succhiava con avidità mentre la schiaffeggiavano e la chiamavano puttana. Sente il suo cazzo crescere nella sua bocca e muore dalla voglia di sentire tutto quello sperma in gola, ma lui aveva altri piani.

Lui si sdraia sopra di lei e le infila il cazzo nella figa. Che sensazione deliziosa, il plug che la stimolava elettricamente nel culo e quel cazzo che le penetrava la figa con forza e senza cerimonie mentre la sua mano destra la strangolava, e la sinistra si teneva stretta alla testiera e su di essa prendeva slancio per andare più forte . e più profondamente dentro di lei.

Le girava la testa e non si accorse di quando aveva messo su Imigrant Song dei Led Zeppelin, ma in quel momento le chitarre distorte di Jimmy Page e la cadenza della batteria di John Bonhan dettavano il ritmo di pompe e gemiti. Le urla acute di Robert Plant.

Prima di venire, si alza, si avvicina al suo viso e inizia a masturbarsi e le chiede: “Vuoi che ti venga in faccia?” Lei risponde di sì, al che prende una coperta e riascolta la domanda. Lei ha capito cosa voleva, e alla fine ha capito, lo voleva anche lei, e ha deciso di arrendersi… Lei lo guarda e, sorridendo e venendo di nuovo per la stimolazione dell’ano, risponde con voce rotta: “Sì, mio Signore.” “Sborrami in faccia”

Lui sorride e le viene sul viso con un’intensità mai provata prima. Finalmente capì che lei gli apparteneva…

*Pubblicato da angelo13 sul sito climaxcontoseroticos.com il 10/11/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *