Storia erotica bdsm – La nuova sottomessa su Telegram

di | 11 de Maggio, 2024

Questa storia è iniziata tramite un gruppo Telegram, dove cercavo un sub.

Un giorno stavo parlando con alcuni sottomarini senza proprietario, finché un sottomarino in particolare attirò la mia attenzione.

Era una bella giovane bionda, di carnagione chiara, di 20 anni, alta 1,60 m, che vive in una città vicino a Vitória – ES.

Abbiamo iniziato a chiacchierare, a conoscerci e a scoprire gli interessi comuni che avevamo.

Ho subito scoperto che il suo nome era Bella (immaginario). Ci siamo scambiati i contatti, abbiamo iniziato a diventare sempre più intimi con ogni conversazione che abbiamo avuto. Anche se viviamo lontani l’uno dall’altro, Bella ha accettato di essere la mia sottomessa, abbiamo iniziato ad avere una relazione virtuale dominante-sottomessa.

Ogni ordine che facevo, lei lo faceva e me lo mostrava attraverso i suoi video, foto e audio, mandandomi sempre un messaggio molto cattivo e ringraziandomi per tutto quello che le avevo chiesto.

– Ringrazia il mio Signore. Sono sempre qui per servirti.

E ho sempre detto:

– Bravissima Bella, la mia bellissima bambina.

Con il passare dei giorni i nostri rapporti diventarono sempre più torridi. Più cattiva e intima, ha eseguito tutti i miei ordini e quando non lo ha fatto ha ricevuto le punizioni corrispondenti, come: colpirsi la figa e il culo con le scarpe da ginnastica finché non sono diventati rossi. Posiziona le clip sui capezzoli, sul clitoride e sulle labbra vaginali.

Un giorno ho proposto a Bella di trasformare la nostra relazione virtuale in una relazione reale. Bella era un po’ titubante, ma le ho spiegato dettagliatamente come ci saremmo incontrati. Con il passare dei giorni i suoi dubbi si sono attenuati e ha accettato questo incontro.

Gli ho dato tutte le istruzioni e come eseguirle passo dopo passo. Innanzitutto il nostro incontro sarebbe durato un fine settimana, che guarda caso era il fine settimana in cui avrei festeggiato il mio compleanno, lo avrei avuto come regalo speciale. Sabato mattina presto, Bella ha preso l’autobus per la mia città. Tuttavia, prima di prendere l’autobus, gli avevo ordinato il giorno prima di mandarmi le foto dei vestiti che avrebbe indossato.

Nelle foto ha inviato una minigonna di jeans, una camicetta bianca, un reggiseno bianco e senza mutandine. Le ho ordinato di applicare il rossetto più rosso che aveva. Assomiglia molto ad una prostituta.

Non appena l’autobus è arrivato alla stazione degli autobus della mia città, stavo aspettando in macchina. In quel momento la chiamai al cellulare dandole il primo ordine, cioè di percorrere tutta la stazione degli autobus fino a raggiungere l’ingresso principale. Durante questa traversata ho visto che Bella attirava molta attenzione da parte degli uomini alla stazione degli autobus e anche di alcune donne.

Altre storie erotiche  Scopata bollente con 2 corone

Non appena ha raggiunto l’ingresso principale, mi sono fermato accanto alla mia macchina e ho fatto cenno a Bella di vedermi e di avvicinarsi alla mia macchina. Bella aveva un sorriso giocoso ma felice sul viso e non sapeva cosa l’aspettava.

Educatamente, da gentiluomo, ho aperto la portiera della macchina per far salire Bella, poi l’ho chiusa, poi sono salito in macchina dal lato del conducente e le ho chiesto come era andato il viaggio.

Bella ha detto:

– Ottimo signore.

Gli ho chiesto:

-E come sono avvenute le molestie?

Lei rispose:

– Poiché il Signore mi ha comandato di seguire questa strada, ho dovuto sopportare molte molestie, soprattutto da parte di anziani e pervertiti, durante tutto il viaggio.

Quindi ho detto:

– Ora che sei qui, sappi che da questo momento sei mio e mio, eseguirai tutti i miei ordini. La borsa che porti rimarrà chiusa nel bagagliaio della mia macchina fino alla tua partenza.

-Bella apri le gambe adesso!

Bella ha risposto:

– Sì signore, sono aperti.

Ho parlato:

– Beh, sei senza mutandine come ti avevo ordinato e in più hai la figa rasata come piace a me.

– Andiamo a fare un giro per la città, accendo l’aria condizionata in macchina, così fa fresco, i finestrini saranno chiusi, visto che c’è l’isolamento, togliti adesso la camicetta e anche il reggiseno.

Lei rispose:

“Signore, tutti lo vedranno, e fa molto freddo.

Ho parlato:

– Pensi che mi importi chi lo vede, non mi interessa, mia piccola puttana. Se proprio non vuoi che tutti ti vedano, fallo, altrimenti spengo l’aria condizionata e abbasso i finestrini, il che sarà ancora più imbarazzante per te, Bella.

– Inoltre non hai più la libertà di parola. Se vuoi parlare chiedi il permesso e vedrò se posso concedertelo.

-Dì la tua ultima frase prima che questa regola inizi a prevalere.

Lei dice:

– Sì Signore, farò quello che il Signore mi ha chiesto. Capito signore, non parlerò più.

Te l’ho detto:

– Brava ragazza, mi piace così, obbediente. Fare una passeggiata.

Abbiamo iniziato il nostro giro per la città, mentre camminavo ho visto che il mio seno diventava duro e si sollevava a causa del freddo causato dall’aria condizionata. Oltre a ciò, Bella cominciò a sentirsi in imbarazzo e abbassò la testa per non guardare cosa stava succedendo dove stavamo passando.

Poi ho ordinato ad alta voce, alza la testa! Chi ha ordinato il download? Riceverai la tua prima punizione, sarà leggera, ma vergognosa. Ho abbassato l’aria condizionata, ho rallentato, ho visto un uomo che camminava per strada e ho ordinato a Bella.

Abbasserò il finestrino dalla tua parte e chiederò all’uomo come arriviamo all’autostrada. La paura la sopraffaceva, la vergogna la faceva vergognare sempre di più. Poiché le avevo detto che avrebbe potuto parlare solo se le avessi dato il permesso, ha rispettato l’ordine anche se non voleva.

Altre storie erotiche  Storia eterosessuale - Marcela e io. Da Onlynfans alla vita reale

Bella voleva dirmi qualcosa, ma non gliel’ho permesso. Ti ho solo autorizzato a dire quello che dirai a quest’uomo.

Bella ha detto:

– Salve signore, per favore, come posso raggiungere l’autostrada?

In quel momento aveva appena abbassato il finestrino in modo che l’uomo potesse vedere solo i suoi occhi. Ha risposto, ma ha notato qualcosa di strano.

Allora ho detto: Bella, non ringrazierai quest’uomo? Ha detto “grazie” e allo stesso tempo ho abbassato completamente il finestrino permettendo all’uomo di vedere completamente il suo seno nudo.

Ci siamo diretti verso l’autostrada. Ho chiuso le finestre, permettendo a Bella di esprimere ciò che sentiva.

Bella ha detto:

– Signore, per favore non lo faccia mai più. Farò quello che vuoi, ma non farlo.

Ho detto:

– Bella, sei sicura di quello che hai detto? Sai che ciò che dici sarà e potrebbe essere usato contro di te.

Bella ha detto:

– Sì signore, lo so.

Allora andammo nel mio appartamento, dove non c’era niente e nessuno che disturbasse. Ho ordinato a Bela di togliersi la minigonna, che era l’unico capo di abbigliamento che indossava ancora.

In quella stanza non c’era modo di avere il senso del tempo, di sapere se era giorno o notte. Per illuminare questo spazio mentre Bella si toglieva la minigonna e si sdraiava sul letto, ho acceso alcune candele.

Ho preso la mia attrezzatura per iniziare la nostra sessione. C’erano corde di diverse dimensioni, una frusta, un paio di gioielli per il seno, pinze, bende, vibratori e altri giocattoli.

Ho legato Bella al letto come una X, così era esposta al 100%. Mi sono tolto i vestiti, ho cominciato a baciare la bella bocca di Bella, mordendole le labbra, la lingua, adorava i baci, ma non potevo immaginare il dolore che avrebbe sofferto.

Ho baciato il collo di Bella e poi i suoi seni angelici, baciando i suoi bellissimi capezzoli marroni, stringendole i seni, mordendo i capezzoli rendendoli duri come se fossero di pietra. Bella stava iniziando ad andare in estasi. Le leccò di nuovo i seni.

Presi la mia frusta che avevo lasciato accanto al letto senza che Bella se ne accorgesse, cominciai a frustarle i seni. Ha urlato, tuttavia, il suo urlo mi ha portato solo più piacere. Ad ogni ciglia che le davo, più provavo piacere, vedevo il suo bellissimo seno diventare rosso.

Fino a quando Bella, incapace di sopportarlo, mi disobbedì dicendo le seguenti parole:

– Per favore, Signore, fermati, non ne posso più.

Altre storie erotiche  Storia erotica etero - La mia ragazza mi ha dato il tè alla fica

Mi sono fermato e ho detto:

– Ti ho dato il permesso di parlare, stronza? Non l’ho fatto, ne pagherai le conseguenze per quello che hai detto.

Ho preso una delle candele che illuminavano la stanza e l’ho lasciata cadere sul seno sinistro di Bella, lei ha urlato. Poi è stata la volta del seno destro, e ho alternato i due, finché i seni non erano pieni di cera di candela.

Ho visto che la sua figa delicata era bagnata quando ho messo il dito lì, dopo tutto questo si è svegliata. Ho deciso che l’avrei fatto. Svegliandola molto dolorosamente, ho penetrato la sua figa succosa con tutto il mio pene.

Proprio mentre entravo, Bella si è svegliata così ho iniziato a pompare molto velocemente e forte. E con le mani ho grattato la pelle che prima sembrava intoccabile, tanto era morbida e bella.

Dopo qualche flessione, ho pensato che non avrei dato a Bella la possibilità di sapere quali sarebbero state le mie prossime mosse. Ho deciso di bendarlo e di mettergli anche delle protezioni per l’udito per impedirgli di sentire.

Era totalmente indifesa, alla mia mercé ho preso una piastra molto dura e delle clip, che ho inserito nel suo seno, nel suo clitoride e nelle sue labbra vaginali.

Con la paletta ho cominciato a sculacciarlo, dopo averlo sollevato un po’, visto che non c’era molto spazio per sculacciarlo ho dato solo un po’, di nuovo ho preso la frusta e ho cominciato a sculacciare dove c’erano le mollette.

Uno dopo l’altro i fermagli si staccarono provocando dolore a Bella, per attutire le sue urla le infilai il pene in bocca, lei cominciò a fare un delizioso pompino, era così bello che non riuscivo a trattenermi e venni.

Bella aveva difficoltà a respirare a causa della mia sborra e del pene nella sua bocca, ho tolto il pene e mi sono divertita con Bella che ingoiava la mia sborra. La figa di Bella continuava a mostrare la felicità che provava nel ricevere tutto questo.

Dopodiché, è svenuto, senza capire veramente cosa stesse succedendo. E visto che era già notte fonda e ci siamo addormentati, quando è arrivata l’alba ho fatto fare a Bella un pompino delizioso e le ho inculato a modo mio, davvero delizioso. Ho chiamato UBER e l’ho lasciata andare. Dopotutto avevo già un biglietto di andata e ritorno per il giorno successivo.

Quel giorno era il mio regalo di compleanno.

*Pubblicato da DominatoreRJ sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/01/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *