Storia erotica bdsm – Le avventure di Dom Yago

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Le avventure di Dom Iago

Prefazione

Innanzitutto vorrei presentarmi affinché tu possa realizzare un’immagine del tuo Signore! Sono bianco, alto un metro e ottanta, ingannevolmente magro, capelli lunghi fino a metà schiena (di solito indosso una treccia), barba da media a grande, tatuaggi su tutto il corpo, pene spesso 7,5 pollici e bisessuale attivo . Ho 38 anni e ho scoperto il mondo del BDSM a 18, che attualmente mi regala una grande esperienza degna di spiegare cosa faccio qui. E siccome oltre a Dom sono anche uno scrittore, vengo qui per raccontare la mia storia e affinché non ci sia spazio per l’immaginazione, la racconterò dall’inizio. Ti racconterò come ho scoperto il mondo del BDSM e le sue infinite possibilità di avere e procurare piacere. Ora che ti ho raccontato come sta andando, comincio la mia storia e spero che ti piaccia e che ti diverta molto.

Capitolo 01

Valchiria (o come tutto ebbe inizio)

Domenica 4 settembre 1988

Erano le 8:30 del mattino di quella fatidica domenica, mi sono svegliato con qualcuno che bussava alla porta e i postumi del sabato, alimentati da sesso, droga e un sacco di Raúl Seixas. Mi alzo ancora intontito e vado a vedere chi mi chiama a quest’ora del mattino. Apro la porta e mi trovo faccia a faccia con mio fratello maggiore Ygor che mi racconta un fatto che mi lascerebbe senza parole. Mio padre e mia madre erano morti il ​​giorno prima in un incidente stradale! In quel momento ho sentito solo che le mie gambe si stavano indebolendo e mi sono seduta per terra e c’era mio fratello, come sempre molto pratico e diretto, che mi diceva di stare calma perché lo shock dell’incidente era stato così forte che erano morti entrambi. Allo stesso tempo, non hanno sentito nulla quando l’auto su cui viaggiavano è stata carbonizzata. Sentendo questo ho provato un’immensa disperazione mentre immaginavo la scena dei miei cari genitori intrappolati in mezzo alle fiamme all’interno dell’auto schiacciata, il mio cuore sembrava sul punto di fermarsi e le mie lacrime scorrevano liberamente. Mi sono ritrovato a pensare a quanto ero stato un figlio cattivo e a come avevo perso diverse opportunità che entrambi mi avevano dato! Lo shock e il dolore della notizia furono tali che sentii il mio braccio cominciare a formicolare, la mia bocca si seccò e sentii un dolore terribile al petto. Ho avuto un infarto (ovviamente l’uso costante di varie sostanze legali e illegali ha aiutato! Hahaha).

Domenica

11 settembre 1988

Dopo una settimana senza trasmissioni, mi sono svegliato in ospedale e ho ricevuto la notizia di quello che mi era successo. Ero sotto l’effetto di tranquillanti, quindi ho potuto accettare meglio il fatto che i miei genitori erano morti e ho sentito mio fratello spiegarmi che dovevo essere io responsabile ora che i nostri genitori se n’erano andati e i soldi che ricevevo da loro non erano più . Non siamo più arrivati ​​perché erano quasi in bancarotta a causa degli investimenti che avevano fatto in cattive aziende e l’unico bene che avevamo era la nostra azienda agricola (che mio padre aveva ceduto a me e a mio fratello durante la sua vita, come se stesse già progettando qualcosa ) e io Lui ha detto che avremmo dovuto trasferirci entrambi all’interno di MG per prenderci cura di lui perché non c’erano più soldi per pagare gli amministratori che lavoravano per mio padre. Grazie ai tranquillanti che avevo preso, ascoltavo tutto con una calma disperata e accettavo semplicemente quello che mi veniva offerto!

Altre storie erotiche  Ho finito per mangiare il mio collega

Martedì 11 ottobre 1988

Un mese dopo il mio infarto ero già alla fattoria MG con mio fratello. Avevo già superato gli eventi che mi avevano scosso e accettavo che la mia vita avrebbe dovuto prendere una strada diversa. Addio pomeriggi pieni di sesso, droga e rock and roll, addio orge nei bordelli, addio soldi sul conto ogni mese senza dover lavorare! D’ora in poi dovremo mettere in pratica la nostra formazione (mio fratello si è laureato in Amministrazione e io in Agronomia e abbiamo preso il diploma solo per compiacere i nostri genitori!) ed essere responsabili per non finire in povertà. Mio fratello era già arrivato una settimana prima e aveva preparato tutto per il mio arrivo. Ha assunto una corona chiamata Valkyrie per aiutarmi a riprendermi. Valkyrie era alta (1,78 m) e 52 anni, con un seno grande, un sedere medio, la sua pelle era bianca, i suoi occhi erano castano chiaro e ciò che attirava maggiormente l’attenzione erano le sue labbra carnose e rosse (senza rossetto). Mi disse che per mancanza di soldi aveva concordato con Valkiria che lei potesse vivere nella fattoria per aiutarmi a riprendermi e che poi sarebbe stata aggiunta come infermiera all’unità medica che aveva intenzione di installare nella nostra fattoria. poiché ne mancava uno a causa della notevole distanza dalla città più vicina. Dato che Valkiria era disoccupata e non aveva famiglia nella grande città, accettò la proposta di mio fratello. Il recupero di cui parlava mio fratello proveniva dalla droga, perché anche se volevo cambiare vita e accettarlo, soffrivo ancora di astinenza dalla dipendenza che alla fine ho scoperto alla cocaina e ai tranquillanti (la cocaina avrebbe dovuto tenermi in vita tutta la notte e Quando sono tornata a casa mi ha mandato 3 pillole calmanti per farmi dormire e svegliarmi) e in precedenza aveva lavorato in una clinica farmaceutica. Mio fratello, per alleggerire l’argomento che finì per diventare serio, scherzò e disse in tono serio: – Ascolta, Ygor, so che sei un bastardo e che sei senza moglie da un mese, quindi non lo so fallo. So che otterrai qualcosa in più quando incontrerai Valkyrie o ancor meno che le sarai addosso gratuitamente, ehi! Valkyrie è il posto giusto per aiutarti, penso a quel momento in cui è prenata a me o è moquait de me perché non ho l’abitudine di restare senza sesso durante più d ‘giorno ! Mi sono arreso e mi sono sistemato nella mia stanza, subito dopo aver fatto le valigie sono andato in cucina a mangiare qualcosa e lungo la strada sono passato davanti ad una stanza che era la camera degli ospiti e ho visto un’immagine che mi è rimasta in mente fino ad oggi . Oggi. . La porta era leggermente aperta e ho visto questa giovane donna in mutandine e reggiseno inginocchiata con le spalle alla porta, aveva le gambe un po’ aperte e ho visto quando ha iniziato a tirare fuori un filo con diversi gomitoli dentro. .la sua figa e il suo culo dicono sottovoce tra due gemiti: -Sono una puttana! Ainnn, sarò sempre una puttana! Hmm. Anche se non ho un uomo che mi scopi e mi punisca come dovrebbe essere punita una puttana lasciva, merito comunque di soffrire! Condannare! Lo disse mentre la sua figa scorreva lungo le sue gambe, lasciando la sua pelle lucida e l’odore si sentiva già dalla porta. Il mio cazzo è diventato duro all’istante e volevo già entrare e scoparla. Non facevo sesso da molto tempo e mi aveva fatto impazzire! Ma è stato allora che ho sentito qualcosa che mi ha fatto fermare e ripensare alle mie azioni. Afferrò un plug dal letto e se lo infilò nella figa dicendo: – Anche se sono una puttana, devo stare in fila! Ain! “”Si è messo il berretto e se l’è tolto – Beh, sono già stato inseguito a San Paolo da Paulinho Moscatel (un trafficante di droga ben noto tra gli studenti di San Paolo per aver organizzato grandi feste ed essere un sadico estremamente violento con i suoi nemici) E se non mi trattengo finirò per lasciare una traccia e lui mi scoprirà! – Poi la sua figa comincia a gocciolare e cade a terra tremando e dicendo cose impercettibili. Esco di qui e penso a quello che ho sentito e al pericolo che io e mio fratello correvamo avendo Valkyrie in casa nostra senza saperlo! Paulinho Moscatel divenne famoso quando uccise 22 studenti dell’USP in un massacro coperto dalla polizia perché dovevano dei soldi a Paulinho. Prima di giustiziare i 22 studenti, li ha torturati e violentati alcuni di loro (non solo donne!) e tutte queste informazioni mi sono rimaste in testa, facendomi girare la testa e ho finito per morire, svenire e svegliarmi nella stanza con l’aiuto di Valchiria. ! In quel momento non sapevo cosa pensare. Potevo sentire il forte odore del suo sperma nell’aria, perché deve avermi sentito cadere ed è andata ad aiutarmi con le sue mani lavate di sperma! Sentivo il mio corpo debole e senza la forza di alzarmi e allontanarmi da lei che mi teneva. con la testa in ginocchio dicendomi che sarebbe andato tutto bene e che stava avendo un attacco di panico. Lo disse mentre mi accarezzava la testa (che in quel momento era quasi glabra) e io rimasi lì immobile, incapace di elaborare tutto ciò che avevo visto e sentito. Ma l’odore del suo cazzo era molto buono e finì per eccitarmi incredibilmente, e anche se mi sentivo debole, il mio cazzo cominciò ad indurirsi e poiché indossavo abiti da casa potevo notare il volume crescente del mio pene gonfio. tessuto dei pantaloncini. In quel momento decisi di godermi il momento e chiusi gli occhi come se facessi finta di addormentarmi, alzai la testa e sentii il suo seno sfiorarmi il viso. Ha corretto la sua postura e ha continuato l’affetto e ho sentito una leggera contrazione nel suo bacino, come se volesse tagliarsi l’urina o chiudersi il culo! Questo mi ha fatto arrapare ancora di più e ho aperto le gambe e ho fatto finta di russare! Poi lo sentii fare un respiro profondo e dire a bassa voce: – Dannazione, Valchiria! Tieni l’onda! Ho deciso di correre un po’ più di rischio e ho infilato la mano nei pantaloncini e ho stretto il mio cazzo, tirandolo verso il basso facendo cadere il tessuto e mostrando un po’ del mio cazzo duro e lucido. L’ho fatto e ho sentito una forte contrazione seguita da un sospiro e l’ho sentita dire: -Non è possibile! Signor Iago, posso alzarmi? Il Signore adesso sta bene e devo finire di fare le valigie! Ho continuato a fingere di dormire e ho appoggiato la testa sul suo grembo, come se chiedessi più affetto! Ha aperto un po’ la gamba e ho sentito che cercava di strofinarmi il bacino sulla testa mentre mi forzava la testa con la sua mano accarezzante! Ho tirato su col naso e mi sono girato verso il lato in cui avevo di fronte il suo stomaco e ho iniziato a respirare leggermente, molto vicino al suo ombelico e ho sentito questo bellissimo odore di sesso proveniente dalla sua figa che stavo scopando pochi istanti fa finché non è arrivato. ! Respirava affannosamente e la sentivo rotolare leggermente. Senza che io aspetti, si avvicina al mio cazzo, me lo tiene sopra i pantaloncini e inizia a provare a farmi una sega. Ma proprio quando pensavo che mi avrebbe fatto questa bella sega, lui toglie la mano e comincia a dire sottovoce: – Valchiria, non puoi e non devi farlo! Ricorda da cosa stai scappando! Poi la sento alzarsi dolcemente, mettermi un cuscino sotto la testa ed uscire dalla stanza! Resto lì statico e con il cazzo che mi scoppia i pantaloncini! Il mio sangue comincia a raffreddarsi e riesco a pensare normalmente e vedo che io, lì, nel mezzo della foresta di Minas Gerais, avevo appena scoperto che la mia infermiera era una libertina e che era minacciata di morte da uno dei criminali. più pericoloso. Ho già avuto la SM. La mia parte razionale mi dice che dovrei raccontare tutto a mio fratello e sbarazzarmi di Valkyrie il più presto possibile per non rischiare di essere scoperto e di diventare suo complice! Il lato malvagio mi dice che dovrei andare nella sua stanza e scoparla come dice di meritarsi, riempiendole la figa fino al mattino e riempiendo quella bocca carnosa di sperma! Ma il mio stato attuale mi permette solo di restare lì, elaborando tutto ciò che ho appena vissuto! Da seguire…

Altre storie erotiche  Succhiare l'università cafajeste

*Pubblicato da domyago13 sul sito climaxcontoseroticos.com il 12/12/16.