Storia erotica bdsm – Rossa, bella e sottomessa

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao, mi chiamo Hermes e sono curioso del sesso, ho provato molte cose e una cosa ha attirato la mia attenzione ultimamente, l’arte della dominazione. Ogni volta che vedevo film di sesso che parlavano di questa pratica, mi facevano impazzire dalla lussuria e dal desiderio di fare qualcosa di simile a dominare qualcuno, torturando queste cose per piacere, ma ammetto che era molto difficile trovare una donna che lo facesse . accettare. …esperienza, fino a quando il mio lavoro assunse una stagista, Nicolly, che divenne per qualche giorno un soprannome. Una bellissima rossa, 22 anni, con la pelle bianca come la neve, i capelli lisci lunghi fino alle spalle e un delizioso sedere che era sempre visibile nei leggings che indossava, e un

bel paio di seni di medie dimensioni che quasi facevano capolino attraverso le camicette che indossava, eccitanti, ma ancora timidi e pudichi. Essendo la più piccola dell’ufficio, ho avuto l’onore di accoglierla e di farla sentire più a suo agio, ma questo ci ha avvicinato, abbiamo pranzato insieme, abbiamo parlato molto e questo mi ha fatto sentire meglio. Invidia per questa ragazzina, continuavo a immaginare come sarebbero stati quei piccoli seni, se avessero avuto i capezzoli rosa, dove lei deve avere le lentiggini, era pazzesco, e lei si sedette al tavolo davanti al mio, wow, come la guardavo ogni spostamento, pensando a tutte le cose che potresti fare tra 4 mura.

Il tempo passava e non l’ho mai vista parlare di fidanzati o cose del genere, ma un giorno, un bel mercoledì, verso l’ora di pranzo, le si è rotto il portatile e mi ha detto che mi aveva chiesto di usare il mio e io gliel’ho permesso ma no. suo. per mettere una password ai miei archivi e ricerche sul BDSM (Bondage, Dominazione e Sadomasochismo) c’erano foto, testi, tutto ciò che mi ispirava, mentre sfogliavo il suo bigliettino ho notato che iniziava ad arrossire e arrossire, ma allo stesso tempo volta che ho visto un suo sorriso malizioso e ho notato che le sue labbra erano dure, PAPÀ MIO!!!! Ha trovato i miei file, e adesso? Ho corretto il suo messaggio e ho avuto accesso alla mia macchina da remoto e ho potuto vedere che ciò che lo eccitava erano le mie foto e i video di donne dominate, e ho continuato a fingere che stavo ancora aggiustando il suo messaggio e vedendo tutto, i suoi occhi erano vitrei mentre vedeva davanti allo schermo, mi sono morso il labbro inferiore e ho fatto una smorfia, era difficile controllare la mia erezione in quel momento, e il 90% dei miei video erano con capelli rossi, lei ha visto quello che mi è piaciuto di più, era una donna legata al letto , con un vibratore su tutta la figa e il ragazzo l’ha vista dimenarsi e venire più volte mentre la schiaffeggiavano, mentre mi fissava dallo schermo, i nostri occhi si sono incontrati e siamo rimasti così per qualche secondo. it, ho detto: è pronto, nick! Lei ci ringraziò e ci scambiammo di posto, prima di andare a pranzo io non ce la facevo più e corsi in bagno a liberarmi, pensando a lei ovviamente. Quando sono tornato sollevato siamo andati a pranzo, non abbiamo scambiato una parola sull’argomento ma ho visto che mi guardava diversamente, dopo pranzo quando sono tornato in ufficio l’ho invitata a bere una birra a fine giornata . giorno, in fondo oggi è venerdì e non c’è niente di più normale di un aperitivo e lei accettò subito.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di gruppo - Parte privata I

Non avevo mai pregato così tanto affinché la giornata finisse presto, ma quel dannato orologio mi dava fastidio, uff! 17:00 Ho preparato le mie cose come un fulmine e siamo andati in un piccolo bar lì vicino e abbiamo ordinato una torre di birra, la conversazione va avanti all’infinito, la birra continua e arriva la birra, poi la band ha suonato “Wish You Where Here” dei Pink Floyd e come eravamo già” Tutta emozionata mi prese la mano e mi trascinò a ballare, wow, un lento con Nick, il cuore quasi mi saltò fuori dalla bocca, il tocco della sua pelle, l’odore, quel corpo caldo premuto contro il mio, No, potevo controllarmi e mi sono eccitato, e lei ha sentito il mio cazzo duro toccarla, ho provato ad allontanarmi ma con mia grande sorpresa, lei si è avvicinata e si è stretta ancora di più contro di me e ha continuato a strofinarmi, sentendo la mia virilità al massimo, ci siamo scambiati un lungo bacio tornando al tavolo…

Seguente :

Tornato al tavolo, mi ha confessato di aver aperto i miei fascicoli sul taccuino e di aver visto tutto quello che avevo salvato lì, sono rimasto stupito e ancora di più quando mi ha detto che era rimasto molto commosso dalle foto e dai video. , e ho detto Un po’ noioso, il che è un bene, vero? Ha detto di aver sempre fantasticato al riguardo, di essere legata e dominata fino allo sfinimento. Mi ha fatto deglutire a fatica e in quel momento ha detto, ma volevo che fosse con un bravo ragazzo, di cui mi fidavo davvero e che mi piaceva, come te, me- ha confessato, la mia emozione è esplosa, ho detto con voce tremante, solo se nevica? Ho pagato il conto del volo e siamo andati al mio appartamento, che era lì vicino.

Altre storie erotiche  Storia erotica diretta - Coppia Daniel e Iris

Quando sono arrivato ho immediatamente riprodotto dell’audio e un video di bondage, lei è rimasta ferma a guardare la scena e ha detto questo è quello che voglio che tu mi dia Hermes!!! Ho detto no HERMES! Adesso è SIR e gli ho dato una pacca sul sedere, cosa che lo ha fatto sobbalzare, fare un respiro profondo e dire: sì signore, sono tutto tuo! Allora le ho detto, togliti i vestiti e resta in mutandine, lei ha obbedito subito, che bello spettacolo, non riuscivo a trattenermi le ho detto di spogliarsi come una brava sottomessa, mentre lei si è tolta le mutande le ho detto . Togliteli con la bocca, lei ha obbedito quando ha visto il mio cazzo duro davanti a sé ha detto FOTTUTO HERMES CHE MOSTRO, ho grugnito e ho detto: per la tua disobbedienza sarai punito Nick, mi sono seduto sul divano e ho detto per lei di sdraiarsi sulle mie cosce, lo ha fatto subito. Le ho detto di sollevare il sedere, le ho abbassato le mutandine fino alle ginocchia e le ho detto che ti serviranno 10 sculacciate per imparare a obbedire, sai? Lei ha detto sì signore, ma non ha visto che aveva già una palla (se non sa cos’è potete chiederlo nel mio resoconto) in mano. Senza che aspettasse, ho messo la palla nella sua figa rossa e l’ho accesa, tenendo il controllo in mano, ha provato a muoversi ed è stato allora che le ho dato la prima sculacciata, ha trattenuto il respiro e ha detto oh Signore, ho risposto, Dimmi!!

Gliene ho dato un altro e lui ha emesso un piccolo gemito di dolore e di piacere e ha detto “uno” e così le sculacciate continuavano, plaft, “due” quando gli ho dato l’ottavo già correva e piangeva, e ha detto che era delizioso. , piatto!! Nove, plaft tenzzzzzz si è ammorbidita sulle mie ginocchia, poi l’ho presa tra le braccia e l’ho portata a letto, l’ho legata a quattro zampe, Abertinha, e ho cominciato a succhiarla da tutti i lati, e stringendole i capezzoli, lei gemeva cercando di muovermi e ho iniziato. ho messo il mio cazzo in quella bella figa e l’ho infilato subito e l’ho infilato, l’ho spinta forte, lei gemeva, piangeva, chiedeva di più e io ho fatto venire di nuovo la mia rossa, ma non mi sono fermato. Anche se stavo per esplodere, sono tornato e sono venuto sulle sue bellissime tette. Poi ho fatto alla mia piccola rossa un bel bagno di sperma e le ho fatto succhiare il cazzo dappertutto, e anche leccare un po’ dello sperma che cadeva sulle lenzuola. E fino ad oggi abbiamo incontri BDSM e altre cose. Ma questo è argomento per altre storie…

Altre storie erotiche  Mia moglie lo regala a suo cugino paffuto

*Pubblicato da Ordnae L sul sito climaxcontoseroticos.com il 12/09/17.