Storia erotica bdsm – Sono diventato un contadino (finale)

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao cari lettori, spero che le mie storie vi piacciano tanto quanto a me piace condividere i miei ricordi e scrivere queste adorabili storie per voi. Questa è la continuazione della storia, sono diventata donna in campagna, se non l’avete letta, leggetela per evitare di prendere il tram a piedi (e per scaldarvi ;). Ricapitolando per chi non l’avesse letto, stavo per trascorrere qualche giorno a casa di un amico, un luogo isolato e non frequentato dalla sua famiglia, e ho pensato che sarebbe stata una buona occasione per trascorrere qualche giorno a m’install come CD e rilascerò il mio lato femminile. Ho finito per incontrare il ragazzo che gestiva il posto e dopo avermi trattato così tanto ha finito per mangiarmi, sono rimasto solo pochi giorni ma gli affari andavano così bene che alla fine sono rimasto due settimane. Leggi le storie precedenti perché questa riguarda proprio gli addii dell’ultimo giorno, quindi è meglio che tu capisca la storia (ti garantisco che almeno preparerai il tuo pene per questa piccola storia).

Ci siamo divertiti moltissimo lì, non ero mai stato un bambino così da così tanto tempo e ne ho amato ogni secondo. Certi giorni diceva che sarebbe andato a casa per parlare con i suoi genitori o per cenare con loro o per prendere qualcosa che aveva dimenticato e di solito tornava ubriaco o puzzava di bastone. Sapevo che stava bevendo con i suoi amici e non mi importava, avevo solo paura che si ubriacasse, vuotasse il sacco al bar e condividesse i nostri dettagli intimi. Negli ultimi giorni ha iniziato a parlare di come ha detto ai suoi amici che stava mangiando una puttanella in questo posto e tutto il resto, ma ha detto a tutti che era una donna e che era imbarazzato a dire loro che aveva mangiato un CD. L’ho capito chiaramente, super normale, io stesso non volevo che nessuno sapesse che ero una piccola cd dallo psichiatra, e lui ha iniziato a dire che gli sarebbe piaciuto che fossi una piccola stronza anche con alcuni dei suoi cari . amici ma nessuno poteva sapere che non ero una donna. Non capivo davvero come volesse farlo, ma gli ho detto che se lo avesse eccitato e non gli fosse dispiaciuto, avrei accettato, a patto che si prendesse cura di me in modo che nessuno mi facesse del male se c’era qualcosa del genere. un problema e qualcuno lo ha scoperto. Mi spiegò la sua idea che se nessuno mi avesse visto, nessuno avrebbe saputo se fossi un uomo o una donna e quindi nessuno avrebbe potuto disturbarlo più tardi, dato che tutti avrebbero mangiato lo stesso CD. Da brava ragazza porca, dopo essere stata picchiata parecchio nelle ultime settimane, questa idea mi ha davvero toccato e ho finito per accettarla, non sapevo come l’avrei fatta funzionare ma ho accettato. Ha confermato con i suoi amici al bar e abbiamo concordato che per l’ultima sera sarei stato lì sul posto, ha comprato cachaça e birre per i suoi amici, io ho preparato la zuppa perché avessero qualcosa da mangiare e abbiamo preso accordi con la gente. . nel pomeriggio verso le 7.

Il giorno stabilito arrivò la gente, io mi nascondevo in camera da letto, i ragazzi bevevano in soggiorno e piano piano le loro voci si facevano più forti, immaginavo che bevessero e si scatenassero. Entrò nella stanza e disse.

– Ascolta, servo la zuppa alla gente e ti chiamo, sei pronto?

– Sì, sono qui che ti aspetto.

Horny mi ha ripreso, ero molto in ansia e non sapevo cosa mi aspettava, è tornato nella stanza e ha detto vieni, seguimi, mi ha dato la mano e io l’ho seguito. Quando siamo arrivati ​​nella stanza era tutto buio, le luci erano spente, mi ha detto di mettermi sotto il tavolo e mi ha detto con le mani di succhiarglielo uno per uno.

Sono andato sotto il tavolo, ero coperto con un asciugamano, nessuno mi poteva vedere, sono andato con le mie mani palpabili e mi sono fermato alla prima che ho toccato, le ho accarezzato le cosce, le ho aperto i pantaloni, la cerniera, sono sceso . tutto e cadde, con la bocca sul cazzo. Ho succhiato senza nemmeno sapere di chi fosse il cazzo, me lo sono messo in bocca e l’ho succhiato come una brava puttanella. L’ho sentito gemere e sapevo che non era il mio uomo, conoscevo già questo cazzo a memoria e lo stavo succhiando. Ho succhiato quella merda fino a sentire la sborra in bocca, e sono passato a quella successiva, ho visto le sagome di 4 persone sotto il tavolo e sapevo che avevano già bevuto la cachaça, sarebbe stata una dura fatica. Il Secondo era ancora morbido, l’ho messo in bocca, ho succhiato, succhiato, scosso e non è uscito nulla. Sono passato al terzo, un cazzo grosso e pesante, ero già duro e arrapato, ho succhiato un po’ e poi anche la sborra mi è uscita in bocca. Sono andata al quarto cazzo, sapevo che sarebbe stato del mio maschio, gli ho strappato i vestiti e mi sono caduta in bocca, gemendo molto bene sulla sua verga, l’ho succhiata con grande entusiasmo finché non mi ha tolto il cazzo dalla bocca.

Ciao ragazzi, spero che vi sia piaciuto il mio cane e questo dolce che ho preparato per voi. Se ti è piaciuta la sua boccuccia, ora darà via il suo culo a tutti nella stanza che lo vogliono ancora. Lasciamelo preparare lì e ti porto.

Mi fece cenno sotto il tavolo, mi mise un asciugamano in testa e mi aiutò a intrufolarmi in camera da letto.

-E al mio cane è piaciuto?

– Mi è piaciuto molto, ma dei quattro cazzi solo due mi sono entrati in bocca. Non gli piace?

– Non preoccuparti, rilassati, Tonho è completamente ubriaco e sto conservando la mia sborra per il suo culo. Rimani a letto per 16 ore e ti manderò uno per uno a mangiarti deliziosamente adesso.

Mi sono messo a quattro zampe sul bordo del letto. Mi ha spalmato molto lubrificante sulle natiche, gli ha dato qualche carezza e tocco, ha lasciato la porta aperta, una piccola luce è entrata nella stanza, sufficiente a segnare la forma del mio corpo nell’oscurità. Ho sentito il rumore del primo che entrava nella stanza, avevo le mutandine di lato in mezzo al sedere per non mostrare la borsa e il cazzo. L’ho sentito sistemarsi dietro di me, raggiungere il mio buchetto, l’ho aiutato con una mano, appoggiandola sulla porticina e lui ha fatto scivolare dentro il suo cazzo. Non riuscivo a trattenere il gemito quando ho sentito il suo cazzo entrare nel mio culo, si è avvicinato e mi ha schiaffeggiato, sculacciato e io ero lì a quattro zampe a prenderlo nel culo. Ha accelerato il ritmo, mi ha afferrato per la vita e mi ha picchiato forte finché non ho sentito il suo cazzo schizzarmi su tutto il culo. Mi ha tirato fuori il cazzo dal culo, mi ha schiaffeggiato ancora qualche volta e mi ha lasciato in questa stanza buia. Il Secondo è entrato e allo stesso modo ho sentito il suo cazzo cercare il mio culo, l’ho aiutato con una mano e con il culo già allargato, tutto è entrato velocemente, lui è venuto ed è uscito. È arrivato il terzo e ho pensato che fosse il mio ragazzo, in fondo c’erano solo 3 duri sul tavolo, ma siccome non ha detto niente e non ho riconosciuto questo ragazzo sono rimasta in silenzio pensando che era finita e basta Esso. aspetto che il mio ragazzo mi dica se posso tornare nella stanza adesso. Ho sbagliato, ho contato una stanza, il quinto, il sesto e il settimo ingresso, non so se lo hanno ripetuto o se sono apparse altre persone dopo che sono entrata nella stanza, non riuscivo nemmeno a riconoscere il mio sesso maschile. Ho sentito il mio buco del culo spalancato e lo sperma caldo che scorreva lungo le mie cosce, sette carichi di sperma nel mio buco del culo, era già traboccante, ci ho fatto scorrere le dita dentro e mi sentivo come se le pieghe fossero già andate nello spazio. Questa volta il successivo ha impiegato un po’ più di tempo ad arrivare, non sapevo se fosse finito o no, sono rimasta lì ad aspettare, dopo pochi minuti il ​​mio maschio è entrato nella stanza e ha acceso la luce.

– È finita, ho licenziato tutti, ora sei di nuovo mio.

– Quello che è successo? Erano solo 4 nella stanza, ma qui ne sono entrati molti di più, credo di averne contati circa 7 o 8.

– Ahahah, è arrivato il resto dello staff del bar, pensavo che ti avrebbe fatto piacere.

– Guarda un po’ (ho mostrato le mie natiche allungate)…il latte continua a uscire dalle mie natiche.

– E ti è piaciuto tanto, stronza, lo ammetti…. hai succhiato diversi cazzi sotto il tavolo senza sapere di chi fosse, ti sei fatta mangiare il culo da diversi cazzi diversi, vero? Cosa ama la mia piccola puttana?

Sono rimasto senza parole senza rispondere, mi è piaciuto molto quello che è successo.

— Hmm, ma vedo che sei ancora duro lassù. Ti ha eccitato guardare i tuoi amici scopare la tua piccola troia?

– In più ce n’erano alcuni che erano così ubriachi che uscivano dicendo che le avevano mangiato la figa, immagina quanto ero felice… lei ne ha succhiati quattro sotto il tavolo e poi gliene hanno dati altri sette nel culo, mannaggia. Ti sono piaciuti gli addii che ho organizzato per te?

– Allora tesoro, nessuna mi ha mai fatta sentire una donna come te, grazie di tutto, vedi.

Ero completamente sciolta, volevo ancora fare di tutto per questo maschio, ma in quel momento non potevo proprio prendere altro nel culo, volevo succhiarglielo per sfogare la mia voglia, ma lui ha detto no, mi avrebbe salvato il cum per salutarci la mattina. Ho fatto la doccia, abbiamo bevuto ancora, ammetto che ho parlato tutta la notte, vedendo questo maschio nudo davanti a me, più volte ho allungato la mano per afferrare questo cazzo, sega, allattare, ma lui non voleva, ha detto. L’ho conservato per l’addio e ci siamo addormentati molto rumorosamente. La mattina dopo mi sono svegliato e lui mi ha spinto da dietro, strofinando quel cazzo dentro di me, mi faceva ancora male, ma dato che era l’ultimo giorno avrei comunque preso quel cazzo, anche se soffrivo. Sono andato a succhiargli il cazzo come facevo tutte le mattine, ma lui ha detto di no, oggi gli è andato prima nel culo. Ho schiaffeggiato KY, gli ho dato un cucchiaio e lui è venuto con tutto, mi ha messo tutto il bastone nel culo, io mi tenevo i fianchi e l’ho avvicinato al suo corpo, volevo trapanarmi con questo bastone. Gemevo come se mi avesse allenato, rotolando e implorando più cazzo nel mio culo e lui picchiava con virilità, spingendo tutto dentro e fuori con quel ritmo di martellamento, sono impazzito per quel cazzo. Era bello come se stessi dicendo addio a questa merda, mi ha dato un gran schiaffo sul sedere e ha rilasciato tutto il latte che era rimasto bloccato dalla sera prima e qualcos’altro, quando mi sono alzato per andare a farmi la doccia l’ho sentito correre . Mi è sceso di nuovo lungo le gambe, non so se fosse del giorno prima o se mi avesse riempito di nuovo il culo di sperma. Mi facevo la doccia in quell’atmosfera malinconica, quasi piangendo perché i miei giorni da donna stavano per finire. In fin dei conti la vita doveva andare avanti e avevo già prolungato la mia permanenza lì molto più a lungo di quanto mi aspettassi, 4, 5 giorni si sono trasformati in due settimane quindi era ora di tornare alla realtà e continuare a vivere. Abbiamo preso il caffè e ci siamo salutati, mi ha portato alla macchina e ha detto:

– Posso chiederti un’ultima cosa?

– Ovviamente?

– Voglio darti qualcosa a cui dirti addio così potrai ricordarti di me.

Era completamente convinto di aver fatto qualcosa di romantico.

– Cazzo mio, voglio che tu torni a casa con il sapore del mio cazzo e il mio latte in bocca, puttana mia.

Cosa fare in una situazione come questa con un uomo nudo e attraente di fronte a te, giusto?

Proprio accanto alla macchina mi sono innamorato di questo cazzo e gli ho fatto un lunghissimo pompino. Devo aver passato quasi un’ora a divorare questo cazzo con la bocca. Ancora oggi ricordo il sapore di questo cazzo solo immaginandolo. E ho succhiato abbondantemente e lentamente come chi non vuole dire addio a un amico, ho fatto tutto quello che dovevo fare con quel cazzo finché non ho sentito il sapore del suo sperma invadermi la bocca. Ho ingoiato tutto e ho continuato ad allattare come se nulla fosse successo, non volevo che tutto questo finisse. Mi ha tolto il cazzo dalla bocca, lo ha messo via e mi ha sollevato.

– Pronta puttana, vai adesso con il sapore del mio cazzo in bocca e non piangere, ok? Ora che hai imparato la strada, puoi tornare quando vuoi.

E così ci siamo salutati, me ne sono andato con il sapore di quel cazzo in bocca e il culo ancora grondante di sperma fino a notte, ma siamo diventati buoni amici e abbiamo mantenuto il nostro piccolo segreto. Spero che ti sia piaciuto, dagli un bel voto, se vuoi contattarci, [email protected]

*Pubblicato da Poutinehorj sul sito climaxcontoseroticos.com il 26/11/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *