Storia erotica bdsm – TRASFORMAZIONE DA SPOSATA A PUTTANA

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Di seguito è riportato un altro resoconto di un’altra esperienza che ho avuto. In questo la donna sposata voleva trasformarla in una cagna. Se sei sposato, fidanzato, fidanzata o single e hai lo stesso desiderio o un altro che non hai ancora avuto il coraggio di dire a nessuno, mandami una mail: [email protected]. Chissà, forse possiamo farcela.

Mi chiamo Lygia (il nome è fittizio, ma la storia è reale), ho 35 anni, sono alta 1,62 metri e peso 59 kg, pelle scura, occhi verdi e capelli ricci. Sto con mio marito da 10 anni e nonostante lo consideri un marito meraviglioso, non mi sentivo completa. Ho sempre sentito che mancava qualcosa nella mia vita sessuale… Questa relazione pacifica non mi soddisfaceva, sentivo un desiderio che ardeva dentro di me e, a causa della mia educazione religiosa, ho sempre dovuto reprimere questo desiderio. Mi sentivo sessualmente frustrata, ho iniziato a prendere l’iniziativa e ho parlato a mio marito del BDSM, che mi ha sempre emozionato e interessato, ma mio marito non approvava il mio comportamento, abbiamo continuato con la nostra vita vanigliata e per un po’ ha funzionato, ma non era così. Non lavorare, questa è la mia essenza… volevo essere dominato. A quel tempo amavo leggere l’erotismo e mi portarono al mio vero destino, Dom Renato, che a sua volta mi capì fin dall’inizio e sapeva prima di me di cosa avevo veramente bisogno, un proprietario che mi insegnasse a essere una ragazza. ancora una volta, sottomesso e servile. Abbiamo iniziato a parlare su Skype e ad ogni messaggio il mio corpo reagiva, il mio corpo era già suo. Durante il sesso con mio marito, mi toccava ancora fino all’orgasmo, ma gli orgasmi non erano più miei, appartenevano al mio proprietario. L’ordine che ha dato era chiaro: non avrai un orgasmo senza il mio consenso e non ti toccherai più senza il mio permesso. Sono quasi impazzita dalla voglia… mi ha chiamato e mi ha detto di andare in bagno… spogliati fino alle mutandine, ha detto… toccati per il tuo maschio, per il tuo padrone… quando avevo quasi esplodendo in un orgasmo, mi disse di fermarmi… sentii il mio corpo tremare dal desiderio di essere posseduto dal mio padrone. Il giorno prima del carnevale il mio padrone di casa mi ha detto che voleva usarmi quando mio marito cornuto era a casa, ero spaventata, ansiosa e arrapata per questa situazione. Come concordato, quando mio marito è tornato a casa dal lavoro, mi ha mandato in bagno e mi ha detto, oggi il cucciolo verrà per il suo padrone, togliti i vestiti, accendi il video di Skype, voglio vederti divertire. . In quel momento avrei voluto scappare, non avevo mai fatto una cosa del genere e fino ad allora ero una moglie politicamente corretta, ma un ordine del tuo padrone non è stato violato. Aveva le cuffie e la sua voce ferma al mio orecchio mi fece rabbrividire. Mentre mi toccava mi malediceva, mi dava della puttana, puttana e puttana e io mi sentivo davvero una cagna in calore… vieni da me, puttanella… ti scopo forte. .. mentre la mia piccola puttana soddisfa i desideri del suo padrone, il marito cornuto è nella stanza… sperma, puttana… sperma per il tuo padrone… non riuscivo più a trattenermi perché ero molto arrapata, sono venuta come non avevo mai avuto sperma prima, ero così bagnato che mi colava lungo la gamba, il mio proprietario era felice di avermi usato e io ero molto più felice di essere usata da lui.

E dopo tante conversazioni su Skype, abbiamo iniziato a considerare la possibilità di andare a incontrare il mio Signore. Euforia, paura ed eccitazione mi hanno invaso. Vivo a Minas Gerais e il mio Signore vive a Santa Catarina e, a causa della distanza tra noi, non immaginavo che un incontro sarebbe stato possibile. Questa idea maturò a poco a poco e si presentò un’occasione imperdibile, Milord sarebbe rimasto a Curitiba per qualche giorno e, per motivi di lavoro, avrebbe potuto stare via tutta la settimana, senza destare sospetti in casa. Ho prenotato il volo per incontrare il mio padrone di casa e in quel momento mi ha preso un senso di insicurezza. La paura di non piacergli mi dominava. Nonostante così tante insicurezze, qualcosa mi diceva che dovevo incontrarlo. Sono sempre stata molto organizzata nelle mie attività, con agende e orari per ogni cosa, non sapere come sarebbe stato quando fossi stata con il mio padrone era diverso, ma il padrone sa sempre come calmare il suo cane, e con una parola lo descriveva Esso. come sarebbe: perfetto! Non avevo bisogno di aggiungere altro… Il grande giorno è arrivato, nella sala partenze avevo le mani fredde, il mio capo mi ha accompagnato durante tutto il viaggio tramite messaggi Skype, i miei pensieri correvano, ero molto nervoso.. Arrivò il volo, presi la valigia e andai nella sala arrivi, il mio Signore mi avrebbe aspettato lì, sapevo già come mi sarei vestita, pantaloni bianchi e neri, camicetta e scarpe nere e cappotto beige, e di ovviamente, sotto la sua direzione, indossando i vestiti più piccoli interni che aveva e completamente rasato… Ad ogni passo, sentivo il mio cuore battere più forte… Sono arrivato al gate d’imbarco e l’ho visto, in piedi accanto a un pilastro dell’aeroporto , vestito con camicia e cappotto, bello… Mi resi conto che era molto più grande di quanto immaginassi. Ho cercato di calmarmi, ma non ci sono riuscito, mentre mi avvicinavo ho ricevuto un bacio sulla guancia, ero completamente insensibile, non sapevo cosa dire né come comportarmi… Poi si è ripreso . Ha preso in mano i miei bagagli, mi ha chiesto come era andato il viaggio e così ci siamo avviati verso la sua macchina, sulla strada verso l’hotel che aveva prenotato per entrambi, mi ha chiesto se ero ancora nervosa, e ovviamente il mio la risposta è stata positiva, ero nervosissimo, mi sentivo la voce tremare… Appena entrato in classe, ha detto il mio insegnante, si è tolto la giacca e, lasciandola da parte, mi ha chiamato vicino a sé, è stato istintivo fare quello che ricercato. Disse, il suo tono di voce era basso, come quando qualcuno non vuole dire qualcosa ma solo qualcosa per farsi sentire, fermo e morbido, le sue labbra sono bellissime e mi sono innamorato di loro… stando di fronte a me, mi sfiorò il viso con una mano… poi silenzio, poi con le dita fece una leggera carezza, il mio viso era all’altezza del suo petto, lui era alto ed io ero piccola davanti a lui… Lui ha messo il mio viso davanti al suo e mi ha detto: non faremo niente a meno che tu non voglia, non è un incontro sessuale e tu lo sai, il sesso esiste e mi piace, ma tu sei qui per servire. Me; Con quel tono mi ha dato la parola di sicurezza e mi ha chiesto: hai capito? Potevo solo annuire positivamente… In quel momento mi sentii inebriato dal suo odore, dal tocco morbido delle sue mani, dal suono della sua voce e dal movimento delle sue labbra. Con un tocco leggero mi chiuse gli occhi, sentii il suo respiro vicino al viso e mi fece pulsare la figa, ero bagnata solo dalla presenza del mio padrone; Ho sentito la sua bocca avvicinarsi alla mia e il suo bacio era sul lato sinistro, poi un altro bacio sul lato destro della bocca e mi sono sentito arrapato in quella bocca deliziosa, credo che il mio padrone se ne sia accorto e abbia deciso di lasciarmi in pace… Camminando lontano da me, ha detto: togliti i vestiti; Ammetto che sono rimasta paralizzata per qualche secondo, lui mi dava le spalle, camminava dall’altra parte della stanza e io stavo lì… In un turbinio di emozioni e pensieri, ho chiuso gli occhi, ho fatto uno sguardo profondo respiro. e ho cominciato a spogliarmi… In quel momento il mio maestro era già tornato e si è seduto su una sedia davanti a me, ha aperto una birra e io non sapevo come comportarmi… Il suo sguardo mi intimidiva. , mi sono tolto i pantaloni, mi sono tolto la maglietta ed eccola lì, solo in mutandine, piccola come aveva ordinato. Con tocchi leggeri mi guidò su cosa dovevo fare, dove dovevo girarmi, da dietro sentii il mio padrone aggiustare le mutandine al mio corpo, poi con le mani sui miei fianchi si voltò a guardarlo, mi tenne forte le mani . .e ho capito che dovevo inginocchiarmi davanti a lui, mi si accapponava la pelle ad ogni tocco, mi veniva voglia di buttarmi tra le sue braccia, ma la sua postura non mi permetteva di comportarmi così, ero il suo cagnolino e in quanto tale, volevo l’approvazione del proprietario. Il mio Signore mi ha insegnato ad essere un cagnolino, ma prima di togliermi le mutandine, seguendolo, camminavo come un cagnolino dietro al suo padrone e sentire che ero un cagnolino perfetto è stato bellissimo. Il mio proprietario mi ha chiesto di togliergli le scarpe e i calzini e io l’ho fatto… Mi ha detto di baciargli i piedi, dapprima ha avvicinato i piedi alla mia bocca e piano piano li ha allontanati fino a mettersi a quattro zampe con i suoi testa chinata. Baciarli è stato carinissimo, ho baciato ogni piccola parte di lui, ho fatto scorrere dolcemente la mia lingua su ciascuna delle dita del mio padrone, ho strofinato la mia faccia sui suoi piedi come una carezza ed è stato estremamente emozionante. Si è tolto i pantaloni e io gli ho baciato la gamba fino in fondo… Si è lasciato succhiare ed è stato incredibile, mi sono messo tutto il suo cazzo in bocca, a volte mi tirava i capelli impedendomi di succhiarlo. in una sequenza forzata tutto il suo cazzo nella mia bocca mi ha quasi soffocato, l’eccitazione mi ha sopraffatto, ho leccato ogni pezzetto del suo cazzo, ci ho fatto scorrere la lingua attorno, ho stretto il suo cazzo in bocca e il mio proprietario ha adorato il modo in cui lo succhiavo . Monsignore rimase qualche istante in silenzio e quegli istanti gli sembrarono un’eternità. con me si è girato e ha preso dei fili dall’armadio. Lanciando le corde a terra mi ordinò di alzarmi come un cagnolino, ero completamente esposto quando lo fece… mi sentii un po’ in imbarazzo in quel momento. Con un Con questo gesto il mio insegnante mi ha ordinato di chiudere le mani in parallelo, poi ha preso una delle corde e me l’ha legata ai polsi… Tutto questo in silenzio, ero molto ansioso e spaventato da quello che sarebbe successo. … In quel momento si è avvicinato, mi ha abbracciato e mi ha sollevato, ero in ginocchio, la sua bocca era vicinissima alla mia ed era una tortura… Fino ad allora non mi aveva baciato, abbracciandomi. Mi ha portato dall’altra parte della stanza con la corda, tenendomi con le braccia alzate, e in pochi secondi ha iniziato a colpirmi il sedere. È iniziato leggero ed è aumentato in forza ad ogni schiaffo, chiedendomi se potevo nascondere i segni sul sedere di mio marito per la settimana e quando ho detto di sì, ha detto, fantastico, ha fatto scorrere il dito lungo l’ingresso della mia figa ed è stato super bagnato….Il dolore mi eccitava, mi tirava i capelli, mi puniva il sedere con i suoi schiaffi, mi sussurrò all’orecchio… specie di puttana… puttana, il cane del padrone… insomma? ..in quel momento ho ricevuto il suo primo bacio ed è stata un’esplosione di sensazioni… Inspiegabile! Lasciandolo andare, l’ho seguito come un cucciolo in calore, mi sono sdraiato a faccia in giù sulle sue ginocchia e lui ha continuato a punirmi con i suoi schiaffi, ma ora dovevo dirglielo, mi ha mostrato con schiaffi leggeri come avrebbe fatto. All’inizio gli schiaffi iniziarono leggeri, erano 10 schiaffi da ogni lato, ad ogni schiaffo aumentava la forza, mi accarezzò il sedere e colpì, finendo il conteggio disse che ci sarebbero stati altri 5 schiaffi da ogni lato, comunque ora dovrei contare e dire grazie signore… Erano crudeli, erano molto forti e ad ogni schiaffo dovevo aspettare un secondo per poter parlare. Ha aperto un’altra birra e mi ha messo una lattina fredda sul culo… ero in fiamme. Mi ha detto di andare a letto e mi ha bloccato lì, la sensazione era come di essere in trappola, la migliore che abbia mai avuto, le braccia aperte e le gambe legate perché non potessi chiuderle, il mio signore mi ha toccato con le dita. Notando la mia eccitazione, ha inserito un dito dopo l’altro nella mia figa, che in quel momento gocciolava… dopo avermi punito così per molto tempo, ha continuato a giocare con il suo cazzo all’ingresso della mia figa… . Era crudele, avevo bisogno di farlo sedere, avevo bisogno di essere posseduta da lui… mi ha tirato i capelli, mi ha baciato in un modo che non dimenticherò mai… mi ha schiaffeggiato più volte in faccia ed è stato così emozionante… eccomi lì, ero di sua proprietà, stavo per accontentarlo e vidi nei suoi occhi che amava punirmi in quel modo… ero la sua puttana, la sua puttana. Ha iniziato ad allontanarsi… ho provato a trattenerlo con le gambe, ma il modo in cui erano legate non mi permetteva di fare molto, ha detto che si sarebbe fermato e quasi sono impazzita, l’ho implorato. non farlo. sono uscito, avevo bisogno di sentire il suo cazzo dentro di me, l’ha inserito una volta e l’ha tirato fuori, si è alzato, ho sentito la mia erezione dietro la testa… la mia figa pulsava… il mio padrone ha preso un preservativo tra le sue mani… si è fermato sul mio lato del letto con il suo cazzo molto vicino alla mia bocca… ho provato a succhiarlo ma non riuscivo a raggiungerlo… infilandomi il preservativo mi è venuto sopra me, mi ha succhiato ed è stato il miglior succhiamento che abbia mai avuto… ho sentito la sua lingua sul mio clitoride e le sue dita possedermi… si è posizionato tra le mie gambe e mi ha messo il suo cazzo dentro… con forza. .. a volte dava uno schiaffo al ragazzo che mi teneva i capelli e mi scopava forte… mi si è staccata la gamba… e mentre mi infilava il cazzo mi ha lasciato andare un braccio… lo sentivo sborrando… un’esplosione… si sdraiò sull’angolo del letto e disse al suo cagnolino di andarsene. e rimase vicino al suo padrone… in quel momento capii perché aveva lasciato andare uno dei suoi mani e lasciò l’altra. intrappolato, non c’era modo di avvicinarmi a lui in quel momento, il mio padrone era felice di vedermi così ed io ero sempre più disposto ad essere il suo schiavo e soprattutto il suo cane.

Quello che sarebbe successo sarebbe stato ancora meglio. Ma vi parlerò di un’altra opportunità. Arrivederci.

*Pubblicato da Domrenato sul sito climaxcontoseroticos.com il 10/11/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *