Storia erotica bdsm – UNA NOTTE CON IL PROPRIETARIO IN HOTEL

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ecco un altro rapporto da uno dei sottomarini che aveva. Tutte le storie che pubblico sono vere, scritte dalle ragazze stesse. Sono una Dominant da circa 8/9 anni e vivo sulla costa di Santa Catarina. Se vuoi vivere un’esperienza come questa, puoi mandarmi una email – [email protected] – ti risponderò sicuramente.

L’ultima volta che ho visto il mio padrone di casa mi ha detto che sabato sarebbe stato nella mia città, che avrei dovuto essere disponibile, che se avesse avuto tempo mi avrebbe utilizzato.

Ero emozionato, sono felice di poter servire il mio padrone, gli ho detto più volte quanto avrei voluto servirlo, se potessi lo farei tutti i giorni.

Il mio padrone avrebbe dovuto essere disponibile sabato, ma giovedì mi ha chiesto cosa ne pensassi di servirlo da venerdì a sabato. Trascorri la notte con lui. Una notte intera con il mio padrone di casa? Non riuscivo a trattenermi da tanta gioia. Ero eccitato. Il mio padrone mi ha detto che per lui più piccole sono le mutandine meglio è, non indossava mai mutandine troppo piccole, le trovava molto scomode, ma io gliene ho fornita una, piccolissima, quasi invisibile dietro. Nonostante l’inconveniente farò di tutto per accontentare il mio padrone, e spero che mi dica di portarlo via il prima possibile.

Venerdì aspettavo il mio padrone, stavo facendo alcune cose, dato che sabato, dopo che il mio padrone mi avrebbe rilasciato, avrei viaggiato e lunedì avrei iniziato il mio nuovo lavoro, venerdì avrei dovuto portare avanti tutto. Ero in officina e stavo sistemando il bagagliaio della mia moto quando il mio insegnante mi ha detto che sarebbe arrivato a Joinville al più tardi e mi ha chiesto se potevo prenotargli un hotel e se sarebbe stato pronto in 15 ore. Confermo. Sarò sempre pronto e disponibile quando il mio padrone mi vorrà.

Ho provato a controllare l’hotel sul mio cellulare, ma con solo internet 3G era difficile. Allora corsi a casa a comprarne uno buono dal proprietario. Ne ho cercato uno buono con buoni consigli, ho controllato i prezzi, ho controllato se dovevo effettuare una prenotazione. Ciò non era necessario poiché la domanda è molto bassa in questo periodo dell’anno. Gli ho dato l’indirizzo, sono andato a prepararmi, non volevo fare tardi, ho chiamato il taxi che è venuto a prendermi alle 14,40, un po’ tardi, ma c’era ancora tempo. Stavo andando quando il mio padrone mi ordinò di dirgli al suo arrivo che sarebbe venuto a prendermi davanti all’albergo. Quindi l’ho fatto. È venuto a prendermi, ben vestito come sempre, molto premuroso anche con me. Saliamo in camera. Mi ordinò di sedermi sul letto. L’ho fatto. Ho aspettato mentre scriveva qualcosa su alcuni fogli sul tavolo. Dopodiché, ha girato la sedia e mi ha fatto inginocchiare davanti a lui. Mi ha chiesto: sai che hai fatto degli errori questa settimana, vero? L’ho confermato, avevo fatto tre errori e sapevo che mi avrebbero punito. Il primo errore è stato che gli ho parlato dopo ore, 9 minuti dopo, e mi ha detto che ci sarebbero state 9 cinture, ecco perché. Il secondo errore è stato dimenticare di menzionare nel mio resoconto quotidiano che un altro dominante mi aveva contattato, cosa che ho fatto in seguito. Secondo lui, era la mia mancanza di attenzione. Poi ho scoperto quali erano i documenti. Mi ha detto che avevano i numeri 5, 10 e 15, che ne avrebbe scelto uno e quello sarebbe stato il numero di cinture per il mio errore. Li scelsi, mi disse di metterli sul letto e aprì gli altri due che avevano i numeri 5 e 10. Si vedeva la soddisfazione sul volto del mio padrone. Mi ha chiesto quante cinture c’erano a quel tempo. Ero troppo preoccupato per le cinghie per calcolare quante fossero. Casinò. Sono riuscito a parlare, ho balbettato, poi ho detto, 24, erano 24 cinturini, mi ha detto che non gli piacciono i sottotitoli stupidi, mi sono offeso, so di non essere stupido, ero solo nervoso. Poi, terzo errore, mi ha ordinato di alzarmi alle 9 tutti i giorni. E si è svegliato dopo quell’ora. Anche così, ho ammesso che volevo nasconderglielo, pensavo che gli avrebbe dato fastidio, ma l’ordine era di dire tutto quello che sentivo e pensavo, quindi l’ho detto anche a lui. Ma lui disse che era naturale per me pensare di nascondergli qualcosa, ma se avessi ceduto a quell’impulso avrei perso il senso di appartenenza e non sarei riuscita a guardarlo negli occhi. , e mi ha chiesto se potevo. Sono molto timida, molto imbarazzata, e lui mi costringeva a guardarlo, era difficile non abbassare lo sguardo, ma se lo facevo avrebbe potuto pensare che nascondevo qualcosa, quindi mi sottoposi all’esame dei suoi occhi attenti e perspicaci. Fino a quando non mi ha permesso di abbassare lo sguardo e scegliere un altro ruolo, che avrebbe avuto 5, 10 o 15 cinture in più. Mi diceva ancora che avremmo visto se era fortunato lui, o se ero fortunato io, o entrambi. Quindi ho scelto. E l’ho messo a letto come ho fatto con l’altro. Aprì il primo, 10. Aprì il secondo, attese, cominciò a girarlo lentamente. Mi ha mostrato un 5 e poi un 15. Dopotutto sono stato fortunato. Se avessi scelto 5, sarebbero 29 cinture. Si tolse la cintura dai pantaloni, spostò la sedia e mi tirò con forza per i capelli, mettendomi a quattro zampe. All’inizio avevo paura. Il mio signore non aveva mai usato una forza simile. Sono rimasto sbalordito, avrà già regalato circa 6 cinture, non lo so per certo, si è fermato e mi ha chiesto quante fossero, gli ho detto che non avevo contato, poi ha detto che anche lui si era dimenticato di contare e ricomincerebbe. Poi ha dato 29 cinghie, senza diminuire la forza e dalla prima ho sentito bruciare il sedere. Alla fine volevo piangere, avevo paura, tremavo. Poi sono arrivate le cure del mio padrone, mi ha abbracciato e mi ha tranquillizzato. Poi mi ha ordinato di togliergli la maglietta. Lo sbottonai e stavo per toglierlo quando mi fece capire che c’erano dei bottoni anche sui polsini. L’ho aperto, mi sono tolto la maglietta e l’ho appoggiato sullo schienale della sedia. Ho aspettato in ginocchio per il prossimo ordine. Mi ha detto di chiudere la tenda che era un po’ aperta. Poi si è sdraiato e mi ha ordinato di togliergli le scarpe. Poi gli ho tolto le scarpe e i calzini. Ha iniziato a togliersi i pantaloni e io ho finito per lui. Mi disse di spogliarmi e di avvicinarmi al letto, l’ho fatto subito, leggevo nel suo viso, nei suoi occhi la soddisfazione di vedere il pezzettino di stoffa che aveva addosso, ero felice della sua reazione, intenzione era compiacerlo. Mi ha chiesto se l’avevo vestito per il mio padrone, ho annuito un po’ timidamente. Non indosserei mai qualcosa di così scomodo su nessun altro. Disse che gli piaceva, passò la mano sul mio sedere completamente scoperto e sul piccolo pezzo di stoffa appena visibile, nascosto da un nodo. Mi ha schiaffeggiato più volte e ci ha passato sopra la mano per controllarmi, ed ero già molto bagnato. Intanto caddi in bocca, succhiando come mi aveva insegnato, leccandogli le palle e risalendo lasciandolo bagnato e poi cominciai a prenderlo lentamente in bocca. Con il piede mi ha indicato che potevo usare la mano, così ho cominciato a massaggiarle le palle mentre lo succhiavo, smettevo solo di massaggiarle per succhiarle e darle piccole leccate, oppure masturbarla passando la lingua sulla punta mentre Ho fatto schifo. e passando leggermente con i denti. Un paio di volte mi ha costretto ad ingoiarlo e mi ha detto di provarlo anch’io, l’ho fatto, sto imparando a fare tutto come vuole il mio padrone. Ho passato un po’ di tempo a fare tutto da sola, finché il mio padrone non ha preso il controllo, ero in paradiso, sapevo che mi avrebbe fatto assaggiare ancora il suo latte, allora mi ha detto di avvicinarmi alla bocca, e ho tirato fuori un po’ la lingua toccarlo. .. lui ad ogni occasione finché non mi ha ordinato di pulire tutto, poi mi è entrato in bocca, la mia mano ha ripreso il controllo, la sentivo pulsare, volevo stimolarla affinché uscisse tutto. L’ho ingoiato intero e l’ho leccato per pulirlo. Mi sono quindi inginocchiato accanto al mio proprietario aspettando il suo comando successivo e lui mi ha lasciato riposare. Mi ha accarezzato la testa, dopo un po’ si è alzato, mi ha chiesto dov’era il mio cellulare e io ho detto che era nella borsa. Mi ha detto di svegliarlo alle 4:15, che se ne sarebbe andato lasciandomi in una posizione comoda e che avrei dovuto rimanere in quella posizione finché non fosse tornato o avesse svegliato il cellulare. Mi ha detto di sdraiarmi a pancia in giù e mi ha dato un cuscino. E per sapere se avevo ubbidito, mi appoggiò sulla schiena il menù dell’albergo in modo preciso per sapere se disobbedivo. Ha sottolineato che avrebbe potuto alzarsi solo quando ha suonato la sveglia, ma ha assicurato che sarebbe arrivato presto. E lui è venuto e mi ha detto che il mio padrone di casa non mi lasciava solo e che si prendeva cura di me, forse per via del sogno che dicevo di aver fatto nell’ultimo rapporto. Non mi sono mosso, ho aspettato l’ordine del mio padrone. Poi mi prese il menù e mi disse di sdraiarmi sul letto. Poi ho visto cosa stava facendo. Ho portato delle corde. Mi legò il polso e me lo legò alla caviglia, e con un’altra corda fece lo stesso sul lato sinistro, dandogli libero accesso per fare quello che voleva.

Altre storie erotiche  Ricattato da suo cugino - Storie erotiche

Questo mi ha preso in giro, mi ha massaggiato il clitoride, mi ha messo un dito addosso, ho sentito quanto ero bagnato e mi ha proibito di venire. A volte si fermava e mi chiedeva se avevo sperma, il che era sospetto visto quanto ero bagnato. Ma non gli era piaciuto. Mi diceva sempre di non tirarmi le mani, lo faceva perché il dolore mi dava più controllo su come mi sentivo, penso che fosse preoccupato che il le corde bloccheranno la circolazione. È rimasto così a lungo, mi ha chiesto se volevo venire, io gli ho detto che lo volevo, lui ha detto, forse domani mattina.

Poi si è fermato, mi ha dato la mano perché potessi succhiargli tutte le dita come gli avevo detto che avrei fatto nella storia precedente, si è sdraiato accanto a me e mi ha detto di mettermi in ginocchio, non potevo farlo quindi lui mi ha aiutato. mi tiro i capelli. Poi mi sono inginocchiato e lui mi ha detto di andare al centro del letto, mi ha tirato giù e mi sono ritrovato a faccia in giù sul letto. Ho provato a sdraiarmi su un fianco, mi faceva male il collo, ma non volevo usare quella parola. Ho detto al mio proprietario che mi faceva male e lui ha lasciato andare una delle mie mani per poterlo tenere. E lui continuava a prendermi in giro, ha cominciato a giocare con il mio sedere, non ci sono abituato, era scomodo, ma allo stesso tempo era bello perché mi riduceva la voglia di venire. Dopo un po’ è uscito, mi ha permesso di allentare le corde e le ho lasciate andare. Si è seduto su una sedia accanto al letto, gli ho chiesto dove dovevo lasciare le corde e lui mi ha detto di lasciare le corde sul letto, ha detto stronza, indicando il pavimento e io sono subito sceso dal letto e mi sono messo su tutto quattro zampe sul letto. pavimento. Sono andato da lui, mi ha abbracciato, mi ha accarezzato, si è preso cura del suo cagnolino come sempre. Mi ha detto di mettermi comodo. Mi sono seduto per terra, ho appoggiato la testa sulle sue ginocchia e sono rimasto così a lungo, finché non mi ha detto di prendermi cura dei suoi piedi, come ogni volta, ho baciato e leccato entrambi i piedi. Finché non se ne è andato, mi sono sdraiato sul letto e sono rimasto lì. Poi mi ha permesso di dormire con lui. In questi momenti parliamo normalmente, mi sento ancora più rilassato, mi chiama ragazza, è attento, affettuoso, penso che non si stia abituando bene a me, secondo lui arriverà il momento in cui dovrò vincere. questi momenti. Per ora ne sto approfittando. Abbiamo parlato un po’ e poi mi ha detto che si era dimenticato di portare i preservativi e pensava di andare a comprarli. Mi ha chiesto se c’era un problema, perché ho nascosto la faccia nel suo petto, ho scosso la testa e lui ha detto: non hai scelta, vero? Ho accettato e gli ho detto che ero imbarazzato, gli piaceva, sono sempre stato molto timido, imbarazzato, non ho mai comprato preservativi in ​​vita mia. Poi mi ha detto di andare a vestirmi, mi ha dato dei soldi e sono andato in farmacia in un centro commerciale vicino all’albergo. La farmacia era piena e come se non bastasse ho incontrato una che conoscevo, mi sono vestita, ho aspettato che uscisse, ho preso i preservativi e sono andata dritta alla cassa, ho pagato e sono uscita il più velocemente possibile, mi bruciavano le guance, immagino che erano rossi. Sono andato in hotel, ho bussato alla porta, ho inviato un messaggio su WhatsApp al mio padrone di casa affinché mi aprisse e ho bussato di nuovo. Mi ha aperto la porta. Sono entrata, ho lasciato i preservativi e il cambio sul tavolo, mi sono spogliata e sono andata a letto. Mi ha chiesto se fosse difficile, gli ho detto di sì, mi ha abbracciato e, come sempre, mi ha protetto.

Altre storie erotiche  Minha Bucetinha compartilhada - Contos Eroticos

In un’altra occasione, com’è andata la notte con il mio padrone di casa? Aspettare!

*Pubblicato da Domrenato sul sito climaxcontoseroticos.com il 23/03/17.