Storia erotica del bdsm – Presentazione di Gabi al BDSM

di | 4 de Luglio, 2024

Pratico il BDSM dal 2015, ma ogni volta che ho la prima sessione con un nuovo sottomesso, la sensazione di eccitazione e lussuria è completamente diversa e rinnovata.

Questa storia parla di una di quelle prime volte…

Ma prima mi presenterò adeguatamente. 33 anni, eterosessuale, single di Rio, senza figli e sadomasochista da 10 anni.

La sottomessa per questo incontro era Gabi, una bellissima donna di 22 anni, alta 5’6″, con un corpo ingannevolmente snello e capelli neri lisci, lunghi fino alla vita, che adoro avvolgere intorno alla mia mano e usare come cavezza. per addestrarla.

Gabi ed io ci siamo conosciuti tramite gruppi WhatsApp dove lei postava foto e spiegava pratiche masochistiche… Non aveva mai avuto una vera esperienza, ma era molto curiosa ed emozionata e mi ha contattato.

All’inizio usò la scusa di voler semplicemente rispondere alle domande, ma in breve tempo stavamo parlando e negoziando una sessione. Era imbarazzata e aveva paura dei feticci che aveva, poiché proveniva da una famiglia rurale tradizionale ed era intrappolata in una relazione da quando aveva 15 anni, dove per molti anni non sapeva cosa fossero i feticci, pensando lì. Era solo un piacere da solo e usando le dita. A poco a poco decostruiamo questa immagine e rimuoviamo la paura.

Dopo 3 mesi di negoziazione della nostra sessione, abbiamo concordato un incontro. Sapeva già come aspettarmi e cosa fare… (i suoi genitori erano andati nella capitale per il matrimonio di un parente questo fine settimana e lei ha inventato una buona scusa per non essere MIA questo fine settimana).

Quando arrivo a casa sua, vado direttamente alla porta del garage, che era il posto con lo spazio migliore per i nostri giochi, busso alla porta, ma non entro, anche se so che la porta è già chiusa. aprire. .. aspetto 1 minuto fuori, mentre lo ascolto dare gli ultimi ritocchi al garage.

Quando arriva l’ora stabilita, entro nel garage e la prima cosa che vedo è lei nuda e inginocchiata, con lo sguardo rivolto a terra e una cintura alle ginocchia. Il garage ha abbastanza spazio e vedo che ha fatto di tutto per accontentarmi… Ci sono candele decorate in varie parti, le fruste e le palette che le avevo mandato erano già sul tavolo per i ventagli. Facile accesso e. Alle pareti venivano appese delle corde per immobilizzarli.

Aspetta che sia io a parlare per primo e mi accorgo che si sta trattenendo dall’alzare la testa e guardarmi.

Altre storie erotiche  Ho mangiato la mia sorellastra di 23 anni.

Poi comincio a parlare:

“Buonanotte, piccolo mio.

“Buon pomeriggio signore. È un piacere avere il Signore in casa mia.

Continua a guardare in basso e le dico di guardarmi negli occhi… Alza lo sguardo spaventata, ancora spaventata da quello che succederà. Guardo il suo corpo nudo sul pavimento… È magnifica. Mi guarda come un maschiaccio, il tipo che teme la punizione, ma non può fare a meno di divertirsi facendo errori.

Le tendo la mano e la aiuto ad alzarsi… In questo momento di contatto, mi accorgo che sta ancora tremando di paura e, per farla finita una volta per tutte, tiro il suo corpo verso di me e le regalo una mano. . un bacio inaspettato… la colse di sorpresa. All’inizio risponde spaventata ma poco a poco si lascia andare e comincia a baciarmi come un pazzo. La mia lingua gioca nella sua bocca e la sua nella mia…

Quando noto che è più rilassata, all’improvviso smetto di baciarla e mi allontano, lasciando che la sua lingua cerchi di trovare la mia bocca. Metto la mano sul suo corpo e la tiro con forza misurata contro il muro… Lei sospira e si mette nella posizione per cui è stata addestrata. Mani sul muro, gambe aperte e culo in fuori.

Con mia grande sorpresa (e piacere) vedo già che è emozionata, con il miele che le cola tra le gambe. Prendo la cintura che aveva ancora in mano e inizio a far scorrere le dita sul suo corpo… Scoprendo e sentendo ogni centimetro della sua pelle. Avvicino il viso e le annuso i capelli, le bacio il collo e comincio a sussurrarle all’orecchio:

“È davvero questo quello che vuoi, troia?”

“Sì signore. Questo è ciò che desidero di più… voglio essere la tua puttana, il tuo possesso… – disse

“Sei sicuro? Una volta entrato in questo mondo, niente sarà più come prima… Anche se provi a uscirne, non ti sentirai mai più completo. – Mentre dico questo, la mia mano comincia a stringerti forte il culo .

Lei risponde sottovoce, cercando di nascondere il dolore alle natiche e l’eccitazione: – Sì, mio ​​Signore. Voglio essere la tua puttana e la tua schiava. Io sono con te!

– Allora da oggi non sei più una puttana, sei la Mia puttana, la mia cagna in calore… Il mio possesso!

In quel momento gli mordo la spalla e gli stringo più forte il sedere… La sua prima reazione è cercare di sfuggire al morso, ma sa che sarebbe peggio se scappasse.

Altre storie erotiche  Storia mista: il secondo uomo di Casada.

Mi allontano da lei e uso la cintura per la prima volta… Poiché volevo ancora scoprire la sua resistenza, il colpo fece più rumore che forza, ma tanto le bastò per lanciare un grido di paura.

Dato che è bianco, il segno diventa presto rosso e io dico:

– Guarda com’è carino… Il tuo primo segno sul culo. Ti è piaciuto, cane mio?

– Sì, mio ​​Signore… Ma voglio molto di più.

Gli do un’altra cintura

– Non vuoi niente, stronza… Decido io cosa vuoi e cosa puoi avere. La mia cagna in calore, le do un’altra cintura

Comincia a gemere, soffocando un grido ad ogni carezza…

– Fa male, cane mio?

Lei risponde, con le lacrime agli occhi e un’emozione crescente.

– No, signore… No, signore… Ne voglio ancora di più…

– Te l’ho già detto che non decidi niente, stronza… – e colpisco ancora, ma con più forza.

Rimbalza e chiude le gambe…

– Apri le gambe, puttana mia? Non hai detto che non ha fatto male? – Le metto la mano tra le gambe e comincio a toccarle la figa… È completamente intrisa di desiderio.

– Non fa male, signore… Per favore continui.

Mentre gioco con la sua figa, lei allarga le gambe e sporge il culo… Allo stesso tempo, mi chino e le mordo forte (adoro mordere) il suo delizioso culo. Emette un gemito di dolore misto a lussuria e chiude le gambe:

– Diventerai così, cavolo… vedo che ti dovrò allenare diversamente…

La prendo per i capelli e inizio a trascinarla con me. Mi avvicino al muro, prendo una delle corde che era sul gancio e la porto sul tavolo. Lego ciascuna delle sue gambe a una delle gambe del tavolo e i suoi polsi all’altra estremità del tavolo.

– Adesso voglio vederti chiudere le gambe, mia deliziosa puttana…

È immobilizzata sul tavolo con un volto che unisce eccitazione, sorpresa e paura per ciò che accadrà dopo.

Prendo la pagaia e comincio ad accarezzarle leggermente il culo… Le bacio il culo, lo accarezzo, faccio scorrere la lingua proprio tra il suo culo e la sua figa. Comincia a gemere forte e cavalcare il mio viso fino quasi ad arrivare, e in quel momento le do il primo colpo di pagaia… Geme e piange di desiderio e di dolore.

Ho cominciato a colpire a turno la pagaia, a succhiarle il culo e a sditalinarle la figa… Abbiamo giocato a lungo a questo gioco fino al momento in cui ha praticamente iniziato a urlare:

Altre storie erotiche  Storia mista: sono stato colto in flagrante con il pastore dietro la chiesa

– Sto per venire, Signore… Merda, sto per venire…

– Non ti ho lasciato venire, puttana… Non hai ancora il permesso. – Parlo senza sosta di toccarti il ​​clitoride e morderti il ​​culo

– Ti prego, mio ​​Signore… Lasciami venire, non ne posso più… Farò quello che vuole il Signore.

– Allora pregalo, puttana… Prega il tuo padrone, umiliati come sai che voglio – L’ho sculacciato di nuovo.

– La tua puttana vuole venire, mio ​​Signore… Per favore, lasciami venire… Questa puttana di strada non ce la fa più… Farò qualsiasi cosa. Quello…

– Allora vieni, mia bella puttana… Vieni nella bocca del tuo proprietario.

Mi metto sotto di lei e inizio a succhiarle la figa… faccio scorrere la lingua attorno al suo clitoride e le inserisco le dita nel culo.

– Sto per venire, proprietario… Cavolo, sto per venire… Cavolo, che delizia!

Si rotolava sempre di più e iniziava a gemere più forte (poi ho scoperto che c’era un vicino che ci sentiva).

Lo sperma esce forte, delizioso e con un sapore di libertà… Sotto di lei, gusto tutto il suo miele e gioco con la mia lingua nella sua figa. Lascia cadere il corpo sul tavolo, impotente e incapace di uscire poiché è ancora legata.

Quando ne ho avuto abbastanza, mi sono alzato, l’ho slegata e ho iniziato a massaggiarla un po’ gli arti che erano legati. Lei mi guarda con un sorriso malizioso e dice:

– È stato meraviglioso, il mio padrone di casa. Adesso possiamo farci una doccia per riposarci?

– Riposo???? Non hai detto che avresti fatto qualsiasi cosa? La nostra partita non è ancora finita…

In quel momento lei mi guarda e nota il mio cazzo che pulsa e sbava… Solo allora si rende conto che quella notte sarebbe stata usata e abusata ancora molto… Allora le racconto come è andata avanti la notte e la sua prima esperienza.

*Pubblicato da DominadorRJ sul sito climaxcontoseroticos.com il 28/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *