Storia erotica del cornuto: ossessione per un’immagine

di | 11 de Maggio, 2024

Ossessione per un’immagine.

Marcelo è sempre stato diverso fin dalla sua prima infanzia. Figlio unico di un avvocato e di un insegnante di geografia al liceo, era fonte di costante preoccupazione per i suoi genitori. Suo padre insisteva che il ragazzo fosse autistico, ma sua madre non era d’accordo. Poi lo portano dal medico, che respinge l’ipotesi avanzata dal padre.

—Ma allora che succede, dottore? Questo bambino ha dei momenti in cui sembra di entrare in un’altra dimensione… Guarda un punto o un’immagine e solo Dio sa cosa gli passa per la testa.

“L’età passa velocemente. – ha detto il medico per rassicurare i genitori.

A scuola, più mal di testa. I suoi voti erano pessimi e i suoi genitori pensavano che soffrisse di qualche tipo di ritardo mentale o qualcosa di simile.

Ma si sbagliavano. Il ragazzo era molto più intelligente della maggior parte dei suoi compagni di classe. Quello che aveva era un’assurda fissazione per le immagini. La luce, il colore e la luminosità lo affascinarono a tal punto da raggiungere quasi l’estasi e fu una collega insegnante di sua madre ad accorgersi del problema. Poi, come in un ultimo e disperato tentativo di risolvere il caso del figlio, i suoi genitori, nel giorno del suo tredicesimo compleanno, gli regalarono una macchina fotografica affinché potesse registrare le immagini che più gli piacevano.

Marcelo rimase sorpreso. Aveva finalmente trovato il suo posto nel mondo. Il ragazzo passò dall’acqua al vino. I suoi voti sono migliorati molto; la sua socializzazione è tornata a livelli normali ed è diventato un bambino normale. La sua macchina lo accompagnava ovunque andasse e sembrava già far parte del suo corpo.

Ha fotografato tutto. Animali, piante, paesaggi, architetture, insomma tutto ciò che attirava la sua attenzione veniva registrato dalla sua macchina fotografica.

Ma quello che gli piaceva di più era fotografare le persone. Marcelo era affascinato dalle espressioni umane e riusciva sempre a trovare l’angolazione migliore, la luce migliore. Ho fotografato la gente per strada, nei bar, nelle piazze, insomma ovunque. Catturare le espressioni umane di sorpresa, senza sorrisi finti o pose strane, è stato ciò che mi è piaciuto di più. Trovava belle le espressioni umane. Sguardi, sorrisi, bocche. Espressioni di paura, rabbia, desiderio, dolore, ecc.

Il suo talento per la fotografia fu subito notato da un fotografo professionista nelle cui mani finirono alcune delle sue fotografie. Gli è piaciuto così tanto che ha deciso di sponsorizzare il bambino e ha organizzato la sua prima mostra fotografica. È stato un successo.

Marcelo è cresciuto, migliorato ed è diventato uno dei fotografi più riconosciuti nel paese e tutto indicava che sarebbe stato tra i migliori al mondo.

Ha lavorato per diversi giornali e riviste. Ha viaggiato per il mondo, fotografando conflitti armati, rivoluzioni e paesaggi storici. Il ragazzo, un tempo timido e introverso, era diventato estroverso e simpatico.

Era un bel ragazzo ricercato tra le ragazze e che aveva diverse amanti. Amava la vita e pensava che il matrimonio non fosse per lui. Finché, a trentacinque anni, fu assunta per scattare fotografie per una pubblicità di lingerie e bikini. Questo è il tipo di lavoro che gli piace di più, dato che ha un vero debole per le donne in bikini.

Il lavoro è stato realizzato in una località remota sulla costa del Ceará. Alcune foto erano sulla spiaggia in costume da bagno e altre nella casa in riva al mare che illustravano la sensualità della lingerie.

È stato durante questo lavoro che ha incontrato Paula, una delle modelle. Era bella; Carioca, ventidue anni, lunghi capelli neri, corpo ben definito, tonico e abbronzato. Non era magra come le modelle in passerella, né alta così (ha 175 anni), ma era la più bella di tutte. Le sue cosce erano spesse, il suo sedere sodo e sodo e il suo seno era bellissimo, super sodo, insieme a un bellissimo viso angelico da ragazzina. Marcelo era affascinato. “Ho bisogno di avere questa ragazza”, pensò.

Dopo averci provato per un po’, riuscì ad uscire con lei e scoprì che l’unica cosa che doveva sembrare innocente era il suo viso. La ragazza gli ha dato il tè alla fica, che gli è costato molto. Paula ha fatto tutto a letto e il suo pompino è stato magnifico. “…Adoro succhiare…” ha detto. Da allora, Paulinha (come la chiamavano i suoi cari) non ha più lasciato la sua testa né il suo letto.

Ciò che lo affascinava di più era l’immagine di lei che veniva. Le sue espressioni al culmine dell’orgasmo lo stavano facendo impazzire. Era l’immagine perfetta che avevo sempre cercato. Sembrava il culmine del piacere, oltre agli orgasmi multipli, era davvero pazzesco. I suoi occhi ruotano all’indietro e sembra che stia per svenire, tutto il suo corpo trema e sembra che gli sia rimasta senza aria. Era l’esatta espressione del piacere puro e perfetto di una donna in estasi, qualcosa che non aveva mai visto in nessuna ragazza con cui aveva avuto una relazione.

Volevo fotografare questo momento magico. Volevo immortalare queste espressioni di piacere come un’opera d’arte.

Tuttavia, quell’espressione esatta si manifestava solo quando la ragazza era pazza di desiderio e lui era solitamente troppo occupato a farla venire. Se ti fermassi per prendere la macchina fotografica, la magia si spezzerebbe e l’attimo andrebbe perso.

– “Quanti ragazzi sono riusciti a strappargli quell’espressione?” » – Questo fu il dubbio che da quel giorno si formò nella sua mente. “Quanti altri hanno avuto il piacere di portarti tra le nuvole? –

Sentì in quel preciso momento che lei era la donna della sua vita, perché era diversa dalle altre. Sentì che tra loro stava accadendo qualcosa di speciale e, a poco a poco, si ritrovarono completamente innamorati.

All’improvviso non aveva più occhi per un’altra donna, non importa quanto fosse sexy. All’improvviso si rese conto che non la vedeva come qualcuno destinato semplicemente a soddisfare i suoi desideri sessuali, ma piuttosto la vedeva con profondo affetto ed erano già inseparabili. Fu allora che ammise di amarla. Gli ho scattato decine di foto ogni giorno e, un anno e mezzo dopo, si sono sposati.

È stato quattro anni fa. Oggi sono la tipica coppia dell’alta borghesia che vive in una bella casa ad Alphaville e trascorre lì i fine settimana.

Come ogni coppia, hanno i loro giorni brutti e qualche volta litigano, ma il ritorno è sempre travolgente, traboccante di desiderio di buon sesso. Sono inseparabili e fanno tutto insieme. Chi li vede dice che sono anime gemelle, perché ai loro occhi sembra che si capiscano. A volte abbiamo la chiara impressione di sapere cosa vuole l’altra persona.

Una notte Marcelo uscì dalla doccia e trovò sua moglie che dormiva a faccia in giù nel letto, vestita semplicemente con mutandine bianche, abbracciata al cuscino e con una gamba piegata, esponendo il suo culetto appetitoso.

La stanza era scarsamente illuminata, mettendo in risalto le sue forme scultoree. Non ha avuto dubbi e l’ha fotografato.

Quella notte ha deciso di approfondire i giochi sessuali e di mettere in pratica un piano per farla arrapare sempre di più. Farla venire divenne la sua eterna ossessione. Poi si sdraiò accanto a lei e cominciò ad accarezzarle leggermente il sedere mentre la baciava dolcemente sulla parte posteriore del collo. Paula cominciò a svegliarsi con un languido gemito. Prima che lei dicesse qualcosa, lui le sussurrò all’orecchio.

– Voglio che tu immagini che sia un altro uomo quello che è qui con te adesso… –

Le sue dita entrarono nel lato del perizoma, cercando la sua figa.

“Un altro uomo…?” disse con la sua voce rauca e sussurrata.

“Sì, un altro uomo e lui ti mangeranno. È completamente arrapato e ti mangerà.

” CHI ?

“Chi vuoi tu… Qualcuno che ti emoziona, che risveglia il tuo desiderio più intimo.

In quel momento sentì la sua figa bagnargli le dita. Avevo già qualcuno in mente, un amore segreto.

Paulinha si voltò lentamente finché il suo stomaco non si sollevò. Più che velocemente, rimise la mano nelle sue mutandine e continuò a toccarla.

“Baciami…” disse e Marcelo capì che aveva ceduto alla fantasia che l’aveva ispirata. Poi baciò quelle labbra carnose e lei rispose con un gemito di desiderio.

Paula si contorceva e gemeva con i movimenti delle dita nella sua figa succulenta. Lui, esperto, esplorò ogni centimetro di quel corpo, baciandole il collo e prendendosi un po’ più di tempo per succhiare quelle tette perfette dai capezzoli rosa. Assaporò ogni momento e gli venne la pelle d’oca ad ogni gemito gutturale che lei emetteva. Sapeva che era qualcun altro di cui era preoccupata in quel momento. Per quanto incredibile possa sembrare, immaginare che lei venisse sul cazzo di un’altra persona non lo rendeva geloso, anzi, anticipava il piacere di vederla contorcersi in un orgasmo infinito, più intenso e molto più delizioso di quanto avessi mai avuto accesso. . sentito prima. Poi si è ricordato della magica espressione della sua estasi ed è stato allora che gli è venuta l’idea di fotografarla con un’altra persona per catturare tutte queste meravigliose immagini e immortalarle.

Altre storie erotiche  utile patrigno

Continuò il suo viaggio verso le regioni inferiori di questo meraviglioso corpo, che non si stancò mai di divorare fino a raggiungere la profumata fica. Le tolse le mutandine e l’afferrò dolcemente, succhiando il suo gustoso liquido. Lei si stava semplicemente dimenando con i movimenti della sua lingua sul clitoride.

– Oh… Così… Così… Yum…” disse quasi delirante, dimenandosi addosso al marito che stava esplorando la sua deliziosa figa.

“Vieni, mettimelo, mettilo… non ne posso più…” – disse con la sua voce rauca e implorante.

Senza esitazione, si sistemò tra le sue deliziose cosce, spinse il suo cazzo fino in fondo e cominciò a muoversi lentamente. Mentre lui penetrava in lei, i suoi gemiti aumentavano di intensità. Le tue mani gli hanno incrociato la schiena, premendolo contro il tuo corpo. Marcelo accelerò sempre di più i suoi attacchi.

– Mettilo forte, mettilo dentro… Mettilo nel modo in cui solo tu puoi, puttana sexy, figlio di puttana, mangia la tua piccola puttana da spiaggia, mangiala… Rompimi la figa con questo grosso cazzo, rompilo . “Quello…” disse in completo delirio, avvolgendolo tra le gambe e stringendolo a sé, con gli occhi roteati all’indietro come se fosse in crisi. Marcelo si rese conto che lei avanzava meravigliosamente tra spasmi selvaggi, incarnando la fantasia che qualcun altro la stesse mangiando proprio lì.

Sentì i muscoli della sua figa contrarsi e rilasciare il suo cazzo e lei eiaculò profondamente dentro di lui con schizzi selvaggi di sperma che sembravano inondargli le viscere.

Poi crollarono, fianco a fianco, in uno stupore post-sessuale.

Rimasero in silenzio, ascoltandosi l’un l’altro il respiro, che all’inizio era rapido, ma a poco a poco tornò normale.

Da quel momento in poi, una domanda sorse nella sua testa. Chi aveva in testa cosa l’ha fatta venire in quel modo. Qualcuno del tuo passato? Ex fidanzati? O una fantasia irrealizzata? In quel momento, Marcelo si rese conto di non sapere nulla del passato romantico di sua moglie. Sapeva che lei aveva esperienza e che qualcuno glielo aveva insegnato, ma non aveva mai avuto la curiosità di chiederglielo, anche se lei gli aveva chiesto del suo passato e lui si era aperto con lei. Sapeva chi erano le donne con cui suo marito aveva avuto rapporti prima di lei e conosceva ed era anche amica di alcune di loro, ma lui non aveva mai avuto la curiosità di farle la stessa domanda su di lei.

“Cos’era?” disse, appoggiandosi al suo petto.

– Non lo so… all’improvviso ero curioso di sapere come sarebbe stato fare sesso con un altro uomo… all’improvviso mi faceva incredibilmente arrapare immaginarti venire su un altro cazzo… non lo so . “Non lo so, per sapere come ti comportavi con gli altri tuoi fidanzati… Magari farti delle foto mentre vieni… Sarebbe la cosa migliore…” disse accarezzandole i capelli.

“Idiota… non ti tradirò mai…” aggiunse sorridendo.

– Non lo so, anzi, non ne ho mai dubitato… Mi è solo venuto voglia di sapere qualcosa in più del tuo passato… Com’è andata con gli altri ragazzi… Altrimenti, se vuoi rispondere, questo è tutto. Beh, lo rispetto… – Ha aggiunto. Sapeva che non aveva via di scampo, perché le aveva già fatto tutte quelle domande molto tempo prima.

Poi si alzò dalla sua spalla e già lo guardava con i suoi bellissimi occhi che scrutavano le espressioni del viso di suo marito per vedere quanto fosse serio.

“Con loro non era diverso che con te…” rispose in tono pratico.

Poi si alzò e andò in bagno, scuotendo il sedere sodo e scolpito. Marcelo rimase a letto a guardare. Quando ritornò, lei gli si gettò addosso e lo baciò.

“Quale preferisci a letto?” “chiese nel cespuglio.

– Di Jorginho, senza dubbio. Andavamo molto d’accordo a letto. Prima di te, era lui quello che mi faceva impazzire di più. Diciamo solo che mi ha fatto alzare gli occhi al cielo come piace tanto a te.

“Quindi era il tuo miglior ragazzo?”

«Sì, mettiamola in termini sessuali, sì. —Disse pensieroso.

“E com’è stato il tuo primo incontro sessuale?”

“Era delizioso. Non ci frequentavamo ancora davvero, io avevo diciassette anni e lui ventidue… Se ricordo bene, eravamo usciti un paio di volte prima, ma ci frequentavamo e basta e ricordo che davvero volevo darglielo, darglielo, me lo aspettavo, sai, non perché lo amassi, ma perché era già andato a letto con tutte le ragazze che conosceva e la pubblicità era buona avere i soldi per il motel. Così ci è venuta l’idea di andare nel capannone del meccanico dove lui stava facendo qualche piccolo lavoro. Là mi ha scopato dentro la macchina, sul cofano, sul tappeto dell’ufficio, insomma, abbiamo avuto tanto sesso quella notte e ha superato le mie aspettative, sul serio, non ha limiti Ha detto con un sorriso “La mia figa era gonfia.

“Quindi era davvero bravo a letto.

“Molto bene, aveva una presa molto salda. E allora il suo cazzo, cos’era, mio ​​Dio? “Disse con stupore nella voce. “Era enorme e spesso. La première fois que j’ai eu peur quand je l’ai vu, j’ai pensato que je n’y arrirais pas, mais Jorginho était très bon au lit, il savait manger une femme et, au final, c’était très Bene. Poi abbiamo iniziato a fare sesso ogni giorno. Ma era semplicemente bravo a letto, niente di più. Quel poveretto era stupido come una porta… Non c’è stata nessuna conversazione intelligente tra noi, si è solo fatto una bella scopata. —Disse appoggiandosi alla spalla di Marcelo.

“Sei fuori da molto tempo?”

“No. Solo un mese, o neanche quello. Poi ho cominciato a uscire con Carlinhos.

“Dopo ciò non hai più fatto l’amore?” – chiese incuriosito, perché se sapeva qualcosa erano le donne e sapeva che un uomo che le eccita è difficile non desiderare che ciò accada di nuovo ad un certo punto della sua vita.

“Sì, l’abbiamo fatto. Tra un ragazzo e l’altro, sono corso verso di lui, Jorginho è diventato una specie di amico”, ha detto ridendo.

“Era a questo che pensavi durante il sesso?” ” chiesto.

La conversazione tra loro era sincera, lo era sempre stata. Gli ha insegnato a essere così.

“Così è stato. Credo che tu e lui siate i ragazzi che mi hanno dato più piacere a letto e, visto che mi hai detto di pensare ad un altro uomo… Non poteva che essere lui…

I due risero e si baciarono.

“Stai ancora pensando a lui?

“Um…a volte…” risponde, alzando gli occhi al cielo e imbronciandosi come se stesse pensando alla risposta.

“Ti manca?”

“No.” Lei risponde senza battere ciglio e guardandolo negli occhi, cosa che lo calma.

“Vuoi uscire di nuovo con lui?” ” le chiese anche lui, guardandola negli occhi.

“Beh…” inizia, sembrando faticare a trovare le parole. “E se ti dicessi che a volte, solo a volte, voglio uscire di nuovo con lui?” —Il suo viso è serio e il suo sguardo scruta le espressioni del suo viso. — E se ti dicessi che a volte ho un desiderio folle per certe avventure erotiche, come fare l’amore su una spiaggia deserta, nel bagno di un ristorante o anche in un ristorante? Parcheggio del Centro commerciale. Questo tipo di fantasia a volte mi fa impazzire di desiderio. E se ti dicessi che mi piace attirare l’attenzione degli uomini quando cammino per strada o sulla spiaggia e che solo immaginare i pensieri sporchi che hanno su di me mi fa completamente impazzire? Cosa faresti se ti dicessi tutto questo? Perché questi sono tutti desideri normali che tutti hanno, ma nascondono. Non lo nascondo.

– Ti amerei ancora di più e mi considererei molto fortunato ad essere amato da una donna che, oltre ad essere bella, non si vergogna di essere una vera donna e di assumere i suoi desideri senza paura, senza termini. ..-disse accarezzandole i capelli.

Lei sorrise soddisfatta.

“Ogni donna ha un uomo nel suo passato che un giorno a letto l’ha fatta impazzire, se non ne ha uno è perché non ha vissuto. Ma tu significhi di più per me, perché non solo ti amo nel mio passato, ti amo nel mio presente e nel mio futuro. Voglio che tu capisca che non farei nulla al mondo che possa farti del male. Non rovinerei mai quello che abbiamo.

Si baciarono di nuovo.

“Posso dirti qualcosa?” ” Disse. Paulinha lo guardò e basta. – Sono affascinato dalla tua immagine e dalle tue espressioni quando hai quei grandi orgasmi, sai, quello in cui alzi gli occhi al cielo, tremi e quasi sveni. Sei magnifico… Questo è l’immagine più bella che abbia mai visto in tutta la mia vita e ho tanta voglia di fotografarti in quel momento… Immortala la tua immagine in totale estasi da tutte le angolazioni possibili…

Altre storie erotiche  Il mio studente urologo mi scopa arrapante

Lei sorrise. Conosceva il valore di un’immagine per suo marito.

– E perché non lo fai?

“Perché sarebbe impossibile fare sesso con te e allo stesso tempo ottenere le migliori angolazioni. Anche se fosse possibile, rovinerebbe l’atmosfera e il super orgasmo non avverrebbe…” Parla un po’ esitante. inciampando nelle sue parole.

Sapeva già dove voleva arrivare, o almeno immaginava perché tutto ruotava intorno a Jorginho, l’unico con lui che le dava “super orgasmi”.

“Mmm! So dove vuoi andare,” disse leggendo i suoi pensieri. “Vuoi che io faccia sesso con qualcuno così puoi registrare l’immagine di me che eiacula. E immagino che qualcuno sia Jorginho…” disse. , ridendo forte.

“Avresti il ​​coraggio di dormire con lui davanti a me? – Le chiese non appena lei smise di ridere.

“Avrei…” rispose dopo averci pensato un po’. “Finché fossi stato con me e fossi sicuro che tutto sarebbe andato bene dopo, penso che l’avrei fatto. E tu…? Potresti sopportare di vedere qualcun altro mangiarmi…? Potresti sopportare Guardami?” Sborrare sul cazzo di qualcun altro?- disse seria, guardandolo.

“Potrei sopportarlo, purché tu non ti innamori di lui… mi piacerebbe catturare tutte le tue espressioni di piacere. Sono meravigliose e meritano di essere immortalate…

“Ti prometto amore mio che un giorno farò questo per te, ma solo perché ti amo – disse e si baciarono di nuovo.

Pochi mesi dopo, Marcelo accetta un lavoro a Ibiza. Erano fotografie per una rivista.

Dormivano in una suite in un albergo vicino al mare.

Quella mattina Paulinha si alzò presto, indossò il suo bikini rosso e scese a casa dell’emarginato per godersi il sole.

Marcelo preferì restare a letto un po’ più tardi. Si è svegliato alle dieci, ma alla fine non è andato in spiaggia. Ho dovuto selezionare le foto del giorno precedente. Voleva inviare le foto alla rivista e così avere più tempo per godersi Ibiza e, chissà, avere lì il suo primo figlio, perché erano già d’accordo che avrebbero provato ad avere un figlio più avanti nell’anno e il momento sembrava buono . . Era il suo sogno. Quanto al desiderio di fotografare l’estasi di sua moglie da ogni angolazione possibile, rinuncerebbe a registrare una bella immagine, forse la migliore della sua vita, per il bene di sua moglie e del futuro che sognavano. Marcelo sorrise quando se ne accorse. Ha tirato fuori il cellulare e ha inviato a Paulinha un TI AMO in maiuscolo accompagnato da un’emoji a forma di cuore rosso che batte.

Quasi immediatamente, ha ricevuto da lei un TI AMO TANTO insieme a un’emoji bacio rosso.

Marcelo era un genio delle immagini. Come ogni genio, poteva capire perfettamente cosa era nascosto agli occhi comuni. Si commosse fino alle lacrime quando vide un’immagine perfetta. Ecco perché è uno dei migliori fotografi al mondo.

Intratteneva spesso discussioni animate con professori d’arte che ripetevano costantemente le opinioni di esperti che avevano l’audacia di provare a spiegare a parole le opere di Michelangelo, Rodin o Aleijadinho. Diceva che era come cercare di tradurre l’intraducibile, perché le immagini non vanno spiegate ma sentite; Non dovevano essere decifrati ma apprezzati in tutto il loro dolore, la loro bellezza, la loro sofferenza o la loro gioia. Ciò che l’artista pensava nel momento in cui concepiva l’opera non gli era importante, profondamente irrilevante se i sensi avessero già trovato la risposta intraducibile.

Quando Paulinha arrivò nel pomeriggio, non trovò Marcelo. Le ha dato un messaggio.

” Dove sei ?

“Sono andato a fare delle foto che non erano belle. Sono tornato alle sedici anni. » rispose subito.

— Non fare tardi, va bene, ho una sorpresa per te.

“Non ci metterò molto, lo prometto.”

Marcelo era puntuale e lei lo sapeva.

Quando è arrivato, sua moglie era sotto la doccia. Lo sentì chiudere la porta. Anche Marcelo voleva andare in bagno, ma lei lo fermò.

Quando uscì dalla doccia, lui era seduto sul letto. Paulinha era nuda e gli sorrideva, il quale si stava semplicemente godendo quel corpo armonioso che camminava per la stanza. Tirò fuori dal cassetto un paio di mutandine bianche e le indossò, lisciandone i bordi con gli indici. Si rese conto che la serata era promettente. La camicia da notte di seta blu scivolò lungo il suo corpo, coprendo a malapena il suo piccolo sedere sodo. Il suo seno sembrava fuoriuscire attraverso la generosa scollatura. Li raddrizzò con le mani.

“E la mia sorpresa? —Disse sorridendo, ancora seduto sul letto. Il suo cazzo era duro.

– Sta arrivando, arriverà presto. -Disse spazzolandosi i capelli. “Preparatevi con la macchina fotografica…” ha aggiunto.

“Le mie macchine sono sempre pronte.” rispose, incapace di staccare gli occhi da lei.

“Allora vai a prepararci da bere.” —Disse dando gli ultimi ritocchi al suo trucco leggero. “Me ne servirà uno davvero forte.”

Marcelo trovò strana la richiesta, dato che sua moglie generalmente non beveva alcolici, ma non fece domande.

“Va bene…” disse con un sospiro e si avviò verso il soggiorno.

Non ci volle molto e apparve Paulinha. Marcelo preparò le bevande e versò due bicchieri di puro whisky, uno per lui e uno per lei.

Paula si avvicinò, tutta profumata, prese possesso del bicchiere che lui le aveva offerto e lo bevve tutto d’un sorso, fece una smorfia e lo appoggiò con forza sul bancone.

“Ancora una volta, per favore”, disse con decisione, “e questa volta stai attento.”

La guardò stupito, ma cedette allo sguardo espressivo della moglie.

Marcelo glielo servì e lei lo bevve di nuovo tutto d’un fiato.

Aveva appena finito di bere quando qualcuno bussò alla porta.

“È una tua sorpresa.” Aspetta qui e ti risponderò.

Corse alla porta, si pettinò un’ultima volta i capelli nello specchio del corridoio e l’aprì.

Marcelo aspettava seduto su uno degli sgabelli del bar, con la schiena appoggiata al bancone e le braccia incrociate sul petto.

Paulinha apparve davanti a lui, tirando per mano un uomo.

– Marcelo, questo è Jorginho. Jorginho, questo è Marcelo, mio ​​marito.

Adesso toccava a Marcelo bere il suo drink tutto d’un fiato.

Un po’ goffamente, i due uomini si salutarono.

Jorginho non è un bel ragazzo, non nel senso estetico dei modelli a cui era abituato. Non è un bel ragazzo, anzi, è magro con un piccolo pizzetto sul mento e capelli neri molto radi. Viveva a Ibiza e lavorava come barista in un casinò.

Paula, un po’ tremante, gli versò da bere, mentre i due uomini, molto imbarazzati, si guardarono e cercarono di dirsi qualcosa. cose.

– Jorginho, aspetta un po’ in salotto, devo parlare con mio marito. —Disse porgendogli il bicchiere. Lui le obbedisce.

Marcelo rimase sorpreso. Non sapevo cosa pensare, tanto meno cosa dire.

“Allora amore mio” esordisce senza mezzi termini, come è nella sua natura, “ti ho incontrato oggi sulla spiaggia e abbiamo parlato tanto Guarda, che coincidenza, vive qui già da tre anni e ho visto l’occasione per farlo Incontrare. il tuo desiderio, se sei ancora dell’umore giusto, altrimenti lo licenzierò e dimenticheremo questa faccenda – Aggiunse, accarezzando il viso del marito e dandogli leggeri baci sulle labbra.

– E tu, hai il coraggio? – Disse guardandola negli occhi.

“Non faccio mai niente che non voglio fare, sai…” rispose seria.

Entrambi sorrisero consapevolmente. Le parole non servono più, hanno parlato gli sguardi.

Poi si diresse lentamente al centro della stanza dove Jorginho la stava aspettando e Marcelo prese la macchina fotografica dal bancone e tolse il copriobiettivo.

-Goditi, sarà l’ultima volta che mi scoperai in questa vita. —Disse guardando attentamente Jorginho.

Lentamente, la coppia si abbracciò e si unì in baci bagnati che echeggiarono per la stanza.

Marcelo ha scattato le prime foto. Felice, cercò gli angoli migliori della coppia che faceva l’amore davanti a lui. Un misto di gelosia e desiderio folle invase la sua anima. Il suo cazzo era duro, assurdamente duro, il che acuì i suoi sensi per individuare angoli perfetti.

Le mani di Jorginho riposarono sotto la camicia da notte di sua moglie e sentirono quel culo morbido, segnato dalle sue mutandine attillate.

Era un amante esperto e le mosse le labbra lungo il collo mentre, con una mano, le tirava fuori il seno destro e l’afferrò con la voracità di un uomo affamato di frutta matura. Le succhiò lentamente il capezzolo duro e poi fece lo stesso con quello sinistro. Poi un altro bacio sulla bocca e, con un rapido movimento, le voltò le spalle e le baciò la nuca tenendola stretta. Marcelo si allontanò un po’ per dare loro spazio e migliorare la foto prendendo un angolo in cui la luce naturale che entrava dalla finestra illuminava perfettamente Paula, lasciandosi alle spalle sagoma del suo amante avvolta nell’ombra.

Altre storie erotiche  Ho dato tutto quello che potevo in 24 ore

Aveva gli occhi chiusi godendosi le carezze, e quando li aveva aperti non guardavano direttamente la telecamera, come se Marcelo non fosse lì.

Mentre le bacia la nuca, Jorginho le solleva la maglietta con la mano sinistra appoggiata sulla vita mentre la mano destra le scivola dentro le mutandine con movimenti lenti e delicati. Poi gira il viso verso le sue labbra e si baciano.

Poi Jorginho la gira di nuovo e la solleva da terra, tenendola per la vita. Lei si avvolge attorno a lui, avvolgendo le gambe attorno al suo corpo e la portano al tavolo dove lui la fa sedere sul bordo. Poi si toglie la maglietta e la butta via. Poi la fa sdraiare, le allarga le gambe e, togliendole le mutandine, inizia a succhiarle la figa.

Entra in delirio, geme e si contorce dappertutto.

La telecamera di un estasiato Marcelo registra tutto, mentre sua moglie stringe la testa del suo amante tra le sue cosce e ha il suo primo orgasmo tra gemiti selvaggi. Le frecce risuonano nell’ambiente.

Jorginho, indifferente a tutto, continua a cercare l’intimità della donna che ha tra le mani.

In un attimo, lui le lascia le gambe e le prende le mani, facendola sedere sul bordo del tavolo e invadendole la bocca con la sua lingua mielata, facendole assaporare il proprio sesso. Poi alza la maglietta, se la toglie e la getta a terra. I baci risuonano.

Marcelo esce ancora una volta con la macchina fotografica in mano alla ricerca degli angoli migliori che mettono in risalto sua moglie e nascondono Jorginho che, per lui, non è altro che uno strumento di piacere per sua moglie per raggiungere l’estasi totale.

“Ora tocca a me…” disse l’amante allontanandosi e togliendosi i pantaloni. Il suo cazzo palpitante è libero e si muove nell’aria.

Paulinha allora si inginocchia davanti a lui, si siede sui suoi talloni e gli fa le prime carezze con le labbra. Lo mette in bocca, ma non riesce a farlo entrare fino in fondo. Jorginho le accarezza i capelli neri mentre sente la sua lingua che si destreggia tra il suo glande.

Se c’era qualcosa che Paulinha sapeva fare abilmente a letto, era fare un pompino. Succhiava dolcemente, lentamente, deliziosamente e con forza.

Marcelo sapeva esattamente cosa stava facendo e come si sentiva Jorginho. Poi si avvicina e fotografa questa scena da tutte le angolazioni.

Quando vide che il suo amante era al culmine, premette le labbra attorno alla testa del suo cazzo e mise la lingua nel foro di uscita, come per fermare l’eruzione del seme.

Marcelo rise quando vide la disperazione del ragazzo, perché era stato lui, Marcelo, a insegnargli questo trucco.

Jorginho quasi urlò mentre lei lo guardava con una faccia da troia, mostrando grande soddisfazione per quella disperazione di piacere.

La sua bocca è piena di sperma in un’eiaculazione traboccante.

Paulinha lo ingoiò tutto e continuò a succhiare il suo amante che urlava e si contorceva.

Marcelo li lasciò e si diresse verso il bar dove si versò un altro drink. Era felice ed emozionato dalle foto che ha ricevuto. Li osserva da lontano, con il sorriso sulle labbra.

Paulinha si alzò e baciò il suo amante, aggrappandosi a lui. Marcelo si rese conto che era giunto il momento e afferrò un preservativo mentre la coppia si dirigeva verso il divano. Ha spinto Jorginho, che è caduto sul divano di pelle e ha guardato suo marito. Ancora una volta i loro occhi si incontrarono. Marcelo le porse il preservativo scartato e lei lo posò sul cazzo del suo amante, molto lentamente. Poi si è tolta le mutandine, mettendosi davanti ai suoi piedi mentre Marcelo registrava ogni secondo in fotografie rapide e precise. Poi gli si mise a cavalcioni e, con la mano, aggiustò il membro alla sua entrata e lo abbassò lentamente finché non fu tutto dentro. Poi lo cavalcò molto lentamente, assaporando ogni momento e assumendo pose leggere per suo marito. I suoi gemiti gutturali riempivano la stanza e le sue espressioni di piacere affascinavano il marito e amante.

Paulinha si chinò su Jorginho, rovesciando i suoi seni sul suo viso, mentre le mani del suo amante le afferravano le natiche in un vano e disperato tentativo di ordinare la scopata. Poi si rese conto che presto sarebbe venuto e fermò i suoi movimenti, affrontando suo marito con il volto di una regina e padrona della situazione. L’ha fotografata. Scese dal maschio e, con uno sguardo allusivo, si mise a carponi sul divano, in ginocchio fino al bordo e con le mani appoggiate sulla parte superiore dello schienale.

— Dai, metti questo grosso cazzo nella mia figa, fammi venire deliziosamente. – ordinò con autorità e spalancando le natiche.

Poi Jorginho si mise dietro di lei, si aggiustò il membro e la penetrò con forza. Lei urlò e si portò le mani al viso in un misto di dolore e piacere. Entusiasta, Marcelo registrò queste espressioni con la sua macchina che non smetteva mai di scagliare frecce.

L’amante la penetrò con spinte lente ma decise. Le contorsioni del suo viso dimostravano che non ce la faceva più. Abbiamo potuto vedere che stava raggiungendo il suo limite.

“Quindi mettilo forte, mettilo dentro…” disse, ansimando. Lui le obbedisce e accelera un po’.

“Baciami, amore mio, baciami…” dice a Marcelo che è di fronte a lei. Poi si chinò sulla moglie che dondolava al gusto dei colpi di Jorginho e si baciarono appassionatamente.

In quel momento Jorginho capì che non era uno di loro. Si rendeva conto di essere solo un semplice strumento del piacere della coppia e invidiava tanta complicità. Arrabbiato e non riuscendo più a contenersi, accelerò i suoi movimenti facendo vibrare le natiche della sua femmina.

“Mettitelo… Mettitelo e vengo…” disse e Marcelo capì che l’estasi stava arrivando e si sistemò con la macchina fotografica in mano.

Poi cominciò a roteare gli occhi tra urla tremanti e frenetiche, contorcendosi tutto e cadendo selvaggiamente in spasmi, quasi svenendo.

Marcelo ha fotografato tutto, secondo per secondo. Un enorme sentimento di felicità ed eccitazione lo invase. Finalmente aveva immortalato l’immagine di sua moglie, prigioniera di una gioia più pura e intensa.

Anche Jorginho venne fuori e lei rimase esausta sul divano.

Suo marito la prese in braccio e la portò in camera da letto dove la adagiò delicatamente sul materasso.

– Ti amo ! – disse tra la sonnolenza e il sonno profondo.

“Ti amo anch’io… Molto, vedi. —Disse e quella fu l’ultima cosa che sentì prima di entrare nel regno di Morfeo.

Quando Marcelo ritornò nella stanza, Jorginho stava finendo di vestirsi. Sembrava a disagio ed era ansioso di uscire da lì. Ma prima di andarsene, strinse la mano a Marcelo e lo abbracciò come se fossero vecchi amici e, con un certo tremore nella voce, disse:

“Sei un ragazzo molto fortunato, vedi? Congratulazioni. È una donna meravigliosa e ti ama. Rendila felice. —Disse in fretta e se ne andò senza voltarsi indietro. Fu l’ultima volta che si videro.

Marcelo non vedeva l’ora di vedere le foto. Con mano tremante tirò fuori la carta dalla macchinetta e la aprì nel suo taccuino.

Le immagini erano bellissime e lui pianse dall’emozione. Fu la stessa emozione che provò vedendo da vicino le forme perfette della Pietà di Michelangelo.

Per lui, l’immagine di sua moglie in estasi era perfetta, se non di più, della più bella scultura mai creata da mani umane. Poi si è sentito orgoglioso di sua moglie, orgoglioso del suo lavoro e avrebbe voluto esporlo, ma sapeva di non poterlo fare. Il mondo non era ancora pronto ad apprezzare tanta bellezza con occhi puri, perché non li aveva. Aveva ancora la consolazione di averli tutti per sé, e chissà che in un lontano futuro i suoi discendenti avrebbero potuto rivelare al mondo tanta perfezione.

Soddisfatto, spense la luce e si sdraiò con il suo amante russante.

La coppia si è avvicinata nei loro legami emotivi e non ha mai più ripetuto un’esperienza simile. Hanno avuto tre figli e sono felici ancora oggi.

Qualche anno dopo, per caso, Marcelo ritrova il diario di sua moglie, non resiste alla tentazione e lo legge. Esplodendo di felicità, scoprì che quella notte, quando ebbe un orgasmo devastante, era a lui che pensava il suo amante, così le chiese di baciarlo.

Quanto a Jorginho, non si è più visto.

FINE.

Se ti è piaciuto (o no), non esitare a commentare, la tua opinione per me è molto importante. BJSSSS.

claudinha8. barreto@gmail. con

*Pubblicato da claudinha8 nel posto climaxcontoseroticos.com il 18/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *