Storia erotica del cornuto – TERRIFICANTE prima esperienza con una Podolatria

di | 12 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao bellezze, guardateci ancora una volta raccontarvi un po’ delle nostre vere avventure. Spero che vi piaccia e ci farebbe piacere ricevere feedback sui nostri rapporti.

La storia di oggi parla di un incontro che abbiamo avuto con un solo uomo. Come detto in altre storie, abbiamo cominciato a divertirci davvero con le cose a tre e soprattutto con un terzo uomo. Mio marito, Roger, adora guardarmi dormire con altri uomini, ha scoperto che ero cornuta e ha adottato questo stile, quindi tocca a me essere una brava moglie e rendere felice il mio uomo. Hahaha.

Facciamo parte di due social network per adulti, in uno di essi abbiamo parlato con una sola persona del centro di San Paolo, un ragazzo super gentile, una buona conversazione e un pizzico di malizia che mi ha eccitato più volte.

Dopo aver chiacchierato per qualche giorno sull’app di appuntamenti abbiamo deciso di fare qualcosa di reale e abbiamo scelto un bar vicino all’appartamento da scapolo, dato che il ragazzo vive da solo e va tutto bene, mio ​​marito vorrebbe vedermi fare l’amore nel letto di lui.

Il nome del ragazzo è António, un giovane molto presentabile, vestito in modo un po’ informale ma molto curato.

Le foto presenti sull’app di appuntamenti non mostravano alcun timore di mettersi in mostra, tanto che il suo volto è apparso in diverse foto, il che allo stesso tempo ci ha dato tranquillità quando abbiamo visto chi era quella persona, cosa che ci ha anche spaventato un po’, se il ragazzo no. Ha paura di rivelare la sua identità, perché dovrebbe avere paura di rivelare la nostra? Abbiamo deciso di rischiare e, durante l’incontro, chiarire che se avessimo avuto la registrazione dell’incontro, sarebbe avvenuto solo sul nostro cellulare.

Ebbene, ci siamo accordati per incontrarci un sabato a metà pomeriggio in un piccolo bar del centro città, vicino a Paulista. Tanto per cambiare siamo arrivati ​​prima, ci siamo seduti al tavolo e abbiamo iniziato a bere, io ho ordinato un Gin che adoro e che mi emoziona più velocemente, oltre ad abbassare la tensione del primo appuntamento, mio ​​marito ha ordinato una birra. La giornata non era calda, era un sabato nuvoloso con una leggerissima pioggerellina, che mi ha impedito di indossare abiti più audaci, quindi ho indossato un body nero molto sexy, ma nascosto da pantaloni più larghi e jeans neri. giacca, che mi permetteva di vedere solo il contorno del mio seno attraverso l’apertura della giacca.

Dopo qualche minuto arriva il nostro nuovo amico, ci salutiamo e iniziamo la nostra conversazione sul riconoscimento del territorio, ahahah. Avevamo bisogno di sapere se tutte le discussioni online fossero confermate nell’incontro vero e proprio. Stavamo per andare nella tana del lupo, o meglio nell’appartamento del ragazzo, e non volevamo avere problemi con un pazzo.

La conversazione è andata molto bene e António ha introdotto in modo sottile argomenti sessuali. Ha iniziato a lodare le nostre foto del profilo, a commentare in modo più marcato i video in cui faceva sesso orale e ad ammettere di essersi masturbato più volte mentre guardava i miei video. Questa confessione mi ha fatto gocciolare la figa e morivo dalla voglia di vedere l’appartamento del nostro amico.

Dopo qualche drink era ovvio che le visite al bagno sarebbero state più frequenti e la persona che ci andava per la prima volta era António. Roger ha colto l’occasione per scoprire cosa aveva trovato e gli ho detto:

“È esattamente quello che stavamo aspettando, sono disposta a farlo e se si offre di andare nel suo appartamento lo farò, ovviamente se vuoi;”

“Tesoro, guarda la tua faccia, la tua figa deve essere bagnata di desiderio. La sua faccia quando ha ammesso di essersi masturbato più volte nei suoi video le ha fatto alzare gli occhi al cielo.

! Sul serio, ammetto di essere bagnato.

António torna al tavolo e tocca a Roger andare in bagno. Sembra che l’allontanamento di Roger dal tavolo sia stato il segnale per António di pubblicare canzoni più audaci.

“Cris, non sto scherzando, sono molto emozionato di averti qui davanti a me, mi piacerebbe baciarti qui davanti a tutti”;

“Ragazzo, sei pazzo? Il bar è pieno.” E non è possibile che sia così eccitato solo a parlare con noi.

Il bastardo era seduto accanto a me, mi prese la mano e se la mise sulle ginocchia, dove potevo sentire il suo cazzo duro. Nel momento in cui mi sono ricordato delle foto sull’app, sembrava un cazzo molto ricco, grosso e grosso, ho subito detto:

Altre storie erotiche  Racconto erotico di tradimento - Un ragazzo mi ha scopato a Terminal Bandeira

“Guarda, non stai mentendo, se tutto questo è colpa mia, chi sono io per non ricambiare questo amore?”

Ridiamo, quasi ridiamo, quando Roger torna al tavolo. Guardo mio marito e dico:

“Con affetto, António ci ha invitato a continuare la conversazione e a bere qualcosa nel suo appartamento, ok?”

Senza battere ciglio mio marito ha chiesto il conto e siamo subito saliti in macchina. António era a piedi e dato che eravamo a soli due isolati dal suo appartamento, non ho avuto il tempo di sedermi con lui sul sedile posteriore e fargli sentire quanto fossi emozionata anch’io, così abbiamo continuato con mio marito alla guida, io dentro. il passeggero e il nostro amico sul sedile posteriore ci danno le indicazioni per raggiungere il loro appartamento.

Arrivammo al loro edificio, parcheggiammo l’auto davanti al portone ed entrammo tutti attraverso l’accoglienza sociale. Un portiere ci salutò educatamente, ma era inevitabile pensare quante volte si era ripetuta questa scena: sapeva già nella testa del portiere cosa sarebbe successo in questo appartamento? Diavolo, ero un estraneo in questo edificio e niente ci avrebbe ostacolato in quel momento.

Entriamo nell’appartamento, un posto piccolo ma accogliente. Il nostro ospite è andato immediatamente in cucina a prendere da bere, ha messo la musica in TV e abbiamo continuato la nostra conversazione.

All’interno dell’appartamento non faceva freddo come al bar e mio marito si è gentilmente offerto di togliermi la giacca, il che ha migliorato notevolmente la visione di ciò che indossavo sotto, inclusa la vista del mio décolleté e del mio seno. Il nostro amico sapeva che eravamo stati attirati nella sua tana e si sentiva molto a suo agio nel dire cose più audaci e ha detto:

“Urla, sei così sexy,” passando la mano sul rigonfiamento che spuntava visibilmente dai pantaloni.

Fingendomi confuso, risposi:

“Ma mi sono appena tolto la giacca, si vedono le cose, ahahah.”

Il bastardo si è avvicinato a me che era seduto sul suo divano, ha guardato mio marito e ha chiesto il permesso di baciarmi. Mio marito annuì e finalmente il bastardo poté soddisfare la sua voglia di assaggiarmi la bocca.

Il suo bacio era intenso, fece scivolare la sua bocca sul mio orecchio, sul mio collo e fece uscire timidi gemiti dalla mia bocca. Ho iniziato a scivolare lungo lo schienale del divano e quando ho realizzato che ero sdraiato lì, solo in body (non so quando ho perso i pantaloni), con le gambe aperte, questo sconosciuto sopra di me mi ha baciato con una mano. tenendo il peso del suo corpo sul divano e l’altro che mi accarezza il seno.

Ho lasciato scivolare la mano lungo il suo corpo finché non ho trovato quel cazzo, non vedevo l’ora di vedere se le foto mentivano o no. Questo bastardo aveva già tirato fuori il cazzo e l’ho sentito massaggiarmi l’inguine. Ho tenuto quel cazzo volentieri, scuotendolo lentamente.

Anche la bevanda in quel momento ha fatto effetto e sono dovuta andare in bagno. Ho chiesto di fermarmi per qualche secondo e mi sono alzato. A quel punto ho potuto vedere che mio marito era già seduto nell’altro angolo del divano, senza vestiti, con il suo cazzo duro tra le mani e un’espressione perversa sul viso. Il nostro amico con i pantaloni fino alle ginocchia e anche lui con il cazzo che pulsa forte. Ora avevo una visione più chiara del suo cazzo, era decisamente un bel cazzo.

Andai in bagno e visto che indossavo un body decisi di toglierlo completamente e di tornare in soggiorno completamente nudo, dato che entrambi si stavano accarezzando i rispettivi cazzi allo stesso modo mentre mi aspettavano.

Sono uscito dal bagno e i loro occhi si sono spalancati quando mi hanno visto nudo. Non credo che nessuno di loro si aspettasse una tale audacia da parte mia. Ma abbiamo potuto vedere che il livello di eccitazione è aumentato molto.

Mi sono sdraiato sul divano, completamente nudo. Antônio stava di fronte a me. Sapevo che proprio come volevo vedere se questo cazzo dal vivo era come nelle foto, anche lui voleva vedere se i miei pompini dal vivo erano come quelli nei video. Non ho esitato, ho tenuto stretto quel cazzo con le mani e ho afferrato lentamente quel bastone. Era un cazzo molto carino. Lungo, non grosso come quello di mio marito, ma molto più grande. Adoravo sentire quel cazzo che invadeva la mia bocca. Non riuscivo a capire tutto, ma ho fatto del mio meglio per assorbire il più possibile.

Altre storie erotiche  Il nerd e il popolare.

Le gambe di António tremavano e ragazzo, sentivo che da un momento all’altro la mia bocca sarebbe stata inondata di sperma e anche lui sapeva che stava per succedere e mi ha tolto abilmente il suo cazzo dalla bocca e mi ha invitato ad andare a letto. Mi sono subito alzato e sono andato nella sua stanza come se fossi stato in questo appartamento tante volte, mi sentivo come la puttana che avevo appena avuto assumere.

Mi sdraiai sul letto, António venne verso di me tenendomi i piedi e in un modo insolito per quel momento cominciò a lodare i miei piedi, baciandoli intensamente, leccandomi le piante dei piedi, dicendo che erano belli e che mi piacevano un po. . piede. Ho un piede di taglia 35, super piccolo e molto ben modellato, ammetto che è un bellissimo piede, ma in quel momento la mia figa stava sbattendo le palpebre per un pompino e quest’uomo con il suo cazzo pulsava davanti a me, non l’ho fatto fallo. Mi sono tolto i piedi dalla bocca.

Ho guardato mio marito senza sapere cosa fare e lui, capendo la mia situazione, si è avvicinato dall’altra parte del letto, ha iniziato a succhiarmi il seno e a masturbarmi con la mano. Alla fine la situazione tornò ad essere eccitante e cominciai di nuovo a rilassarmi.

António finalmente lascia i miei piedi da parte, facendo scivolare la bocca sulla mia gamba finché non trova la mia figa, facendomi gemere tremante mentre sento quella lingua toccarmi il clitoride. Forse a causa di tutta l’ansia che provavo in quel momento, ma il secondo successivo, un altro shock di paura. Antonio inizia a succhiarmi la figa come se succhiasse un cazzo, il mio clitoride ancora super sensibile sentiva come se mi stesse dando una scossa, suzioni forti, lingua dura con una velocità incompatibile con l’inizio del sesso orale, una sensazione spiacevole che mostrava che questo ragazzo non avevo competenza in quello che stavo facendo.

Pensando a come uscire da questa situazione imbarazzante, ho chiesto a mio marito con voce emozionata:

“Tesoro, vai a prendere un preservativo così questo enorme cazzo potrà divorare la tua piccola moglie.”

Mio marito, senza perdere tempo, corre in soggiorno, prende la scatola dei preservativi e torna velocemente in camera da letto. Passa il preservativo ad António che, con mio grande sollievo, toglie la bocca dalle mie gambe.

Per un attimo penso: “Il sesso orale non è il forte di quest’uomo, ma con questo cazzo non c’è verso che non mi faccia venire.” Non preoccuparti Cris, ora ti tratteranno bene.

Antônio, con quest’asta adeguatamente protetta dal preservativo, prende un cuscino e me lo mette sotto i fianchi, per lasciarmi ancora più aperto e nella posizione giusta per essere penetrato profondamente. Per un secondo ho pensato che questo cazzo mi avrebbe fatto impazzire, ma era quello che voleva, a quanto pare ora avrebbe mostrato la sua specialità, avrebbe scopato una donna arrapata davanti a suo marito. António si avvicina e comincia ad accarezzare l’ingresso della mia figa, io allungo avidamente la mano destra, prendendo la testa di questo cazzo e posizionandola all’ingresso della mia figa, che era già diventata di nuovo tutta succulenta, immaginando come sarebbe. …dallo a quel dollaro.

António lascia scivolare silenziosamente il suo bastone dentro di me, ho sentito le sue palle toccarmi l’entrata del culo, sento il calore di questa borsa che mi scalda l’entrata del culo e mi sale alla testa con sete, anticipo in un certo modo gli eventi , il sentimento di loro. palle che mi schiaffeggiano il culo con Antonio che mi martella il cazzo dentro.

Con mia grande sorpresa e angoscia, Antonio mi mette dentro tutto il membro, si lascia colpire nel profondo, emette urla di piacere e semplicemente non si muove. Mille cose mi passano per la testa. È così arrapato che se lo colpisco verrà, o proprio come la sua mancanza di abilità nel sesso orale, non saprà nemmeno come usare il suo bellissimo strumento per scoparmi?

L’inerzia viene spezzata, questa volta con movimenti improvvisi e violenti. Oh mio Dio, cosa ci faccio qui? Questo mi sta passando per la testa. Quest’uomo non sapeva come eccitare una donna, o meglio, prima di andare a letto lo faceva alla grande, ma quando ha la donna nuda e a sua disposizione non riesce a portare al piacere. Non potevo credere che ci fossimo innamorati della falsa propaganda. Quest’uomo con uno dei cazzi più belli che abbia mai visto mi stava letteralmente picchiando, ma non è stato piacevole.

Altre storie erotiche  Suzana - La riunione.

Penso a come uscire da questa situazione e inizio a gemere forte, provocando un orgasmo, il mio tentativo di eccitare ulteriormente quest’uomo che era dolorosamente incapace di darmi alcun piacere. Ho finto un orgasmo incredibile e la mia performance è stata così buona che persino mio marito ha pensato che avessi sborrato su quel cazzo enorme.

Nella mia testa l’unica cosa che succedeva era “Sono la donna più generosa che quest’uomo possa avere, gli sto dando l’opportunità di venire mentre mi lecca, se non viene adesso mi dispiace”. , dovrai masturbarti. Non so cosa mi passasse per la testa, tanto meno avevo già smesso di scopare a metà e me ne ero andato. Forse perché era stato così gentile fino a quel momento, o forse perché eravamo nel suo appartamento, forse è stato scortese e ho preferito andare il più lontano possibile.

Antonio, sicuro che avessi sperma, ritira il suo membro e con mio grande sgomento vedo che il preservativo è vuoto, non ha sperma. Mi alzo velocemente e torno in camera da letto. Mi siedo sul divano ancora nudo e parliamo di nuovo nudi. Mio marito in un angolo del divano, si accarezza il cazzo duro, immaginando che sarebbe arrivato il momento di scoparmi, Antonio seduto in poltrona di fronte a me, anche lui sega il cazzo e mi guarda come se volesse ancora che lo faccia Esso. divorami

António dedica ancora una volta il suo tempo ai miei piedi. Ripeti quanto sono belli e che per essere perfetti dovevano avere un po’ di odore. In quel momento mio marito, guardandomi in faccia e notando chiaramente il mio disagio e che le cose non andavano tanto bene, anche nel modo in cui correva dalla camera da letto al soggiorno, ha risposto al commento di Antonio.

“Come marito preferisco così, tutto ha un buon profumo ed è ben curato. Non ho mai sentito alcun profumo su mia moglie e lei sa quanto amo il suo profumo!

Antonio mi lecca e succhia i piedi con insistenza, poco a poco mi mette a faccia in giù e senza saperlo mi chiede di succhiarmi il culo. Dio, avevo intenzione di lasciare che mio marito mi scopasse nel letto di quest’uomo, magari mostrandogli come far venire una donna, ma lui continuava a fare cose strane e la seconda volta mi leccava il culo. Mi ha suggerito di lasciarmi fare sesso anale, gli ho chiesto di smetterla e gli ho detto che nostra figlia stava per tornare a casa, che dovevamo andare.

António se ne rammarica, mi fa promettere che dopo un’intera giornata di lavoro, senza farmi la doccia, andrò di nuovo a trovarlo nel suo appartamento. In quel momento avrei detto qualsiasi cosa pur di convincerlo a lasciarmi lasciare quel posto e tornare a casa da mio marito. Gli ho detto di sì, che passavo tutto il giorno a camminare con le scarpe di plastica in modo che i miei piedi diventassero molto sudati e sporchi. Naturalmente voleva farlo sentire disgustato, ma no, si stava eccitando sempre di più.

Ci vestimmo in fretta e partimmo. Sono tornato molto arrabbiato. Una notte che era perfetta, avevo immaginato di prendere in giro mio marito e quest’uomo per tutta la notte e sono tornata a casa arrabbiata, senza scherzare e con il cibo pessimo. Non volevo nemmeno vedere davanti a me il mio povero marito in quel momento.

È stata una delle esperienze più frustranti che abbiamo mai avuto con una sola persona.

Mio marito è riuscito anche a registrare il momento in cui ho succhiato António, se vuoi vederlo cercaci su CRS con il nome KZALZLSP (io stesso non posso non guardare questo video perché la sensazione di succhiarmi il piede ritorna immediatamente ahahah)

Baci e a presto nella prossima storia.

*Pubblicato da Kzalzlsp sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/12/04.