Storia erotica del sesso anale.

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Sfortunatamente, il nostro ultimo giorno insieme era arrivato. L’atmosfera dell’addio era già nell’aria dal giorno prima, ma abbiamo evitato di parlarne. A prevalere è stata la voglia di sfruttare ogni minuto che restava e così abbiamo fatto.

Mi sono svegliato con lui che accarezzava il mio corpo. Aprii lentamente gli occhi, lo guardai e sorrisi. Dall’espressione del suo viso, potevo dire che stava aspettando il mio risveglio da molto tempo. Scherziamo sempre dicendo che a letto sono bravo in entrambi i sensi: sesso e sonno. Nel primo caso gli lascio dire la sua, ma nel secondo, vi assicuro, sono un vero dormiglione!

Queste ore di sonno molto apprezzate mi hanno permesso di recuperare energie e continuare da dove avevamo interrotto il giorno precedente. Non ci è voluto molto e ci stavamo già baciando. Una cosa che amo di noi è che non ne abbiamo mai abbastanza l’uno dell’altro. In tutti i sensi è una compagnia meravigliosa, ma nel sesso vogliamo sempre godere del corpo dell’altro nella sua interezza, provocandolo, sia con parole, gesti e/o carezze.

Questa mattina non è stato diverso, nel bel mezzo di questo delizioso bacio le nostre mani si sono incrociate sui corpi dell’altro. Mi ha messo la sua mano grande e ferma, stringendomi alcune volte mentre mi avvicinavo a lui. Gli ho accarezzato il viso, ho fatto scorrere la mia piccola e morbida mano sul suo corpo e l’ho afferrato forte, affondando le unghie nella sua pelle.

I tocchi sono diventati più intensi e maliziosi, portandomi ad afferrare quel cazzo pronto che già si stava massaggiando tra le mie cosce. Ho continuato a tirarlo leggermente, guardandolo negli occhi, mordendomi il labbro e poi mordicchiando il suo corpo. Ho iniziato dal collo, scendendo fino al petto, all’addome… finché non ho iniziato a succhiarlo. Mi sono assicurato di lasciarlo davvero duro e rivestito, perché avevo delle buone idee per quello che sarebbe successo dopo.

I nostri deliziosi preliminari mi eccitano sempre moltissimo, la mia figa è tutta spalmata, oltre a lasciarmi completamente sensibile a qualsiasi contatto. Non era diverso allora e mi ha fatto venir voglia di sedermi su quel cazzo una volta per tutte.

Altre storie erotiche  La sua puttana e schiava - Parte 5

Sono salito e mi sono seduto con tutto. La sensazione era così bella che inarcai tutto il corpo all’indietro, afferrandomi il seno ed emettendo un forte gemito. Mi afferrò saldamente i fianchi, spingendomi dentro, facendomi andare più veloce e più forte. Lo ha fatto guardandomi in modo deliziosamente malizioso e non ho potuto resistere, gli ho dato un pugno in faccia. Ovviamente, questo ha avuto delle conseguenze, deliziose per giunta. Il mio sedere ha preso molte botte e l’ho adorato. Questa intensità mi fece solo gemere di più e perdere completamente il controllo. Ci siamo divertiti tantissimo e sono svenuta tra le sue braccia.

Mi sono sdraiata un attimo sul suo corpo, riprendendo fiato e scambiando in silenzio leggere carezze. Sì, questo silenzio diceva molto più di quanto potessimo verbalizzare. Abbiamo deciso di uscire per un pranzo veloce, tornare a casa e divertirci ancora un po’. Abbiamo trascorso il pomeriggio parlando, ridendo della nostra follia, ricordando il viaggio, parlando di altri posti in cui saremmo andati se avessimo avuto più tempo e, ovviamente, parlando in modo sgarbato.

Adoro parlare di sesso con lui, ma questa volta è stato diverso. Abbiamo passato mesi a parlare di cosa ci sarebbe piaciuto fare se fossimo stati insieme, ma poi abbiamo parlato di quanto fosse bello averlo fatto. Evidentemente questi ricordi recenti (non tutti qui raccontati) hanno dato origine a provocazioni e di conseguenza siamo stati sopraffatti dalla nostra insaziabile lussuria.

Presto ci siamo spogliati e abbiamo iniziato un delizioso 69, lui sdraiato sul divano e io sopra. Era esasperante sentire la sua bocca divorare la mia figa, le sue mani che mi stringevano, mentre il suo cazzo diventava sempre più grosso e duro nella mia bocca. Ero sempre più eccitato, rotolando sulla sua faccia e i miei gemiti si interruppero mentre lo ingoiavo intero.

Altre storie erotiche  Io e mio fratello sull'altalena.

Come se non bastasse, ha iniziato anche a giocare con il mio sedere. Sentì la sua lingua circondarlo e penetrarlo lentamente. Ha infilato le sue dita nella mia figa mentre mi succhiava il culo, e non si è fermato finché non sono state ben coperte, pronte ad aprire ancora di più il mio buco.

Esplorandomi il culo con le sue dita, mi ha succhiato la figa e ho potuto solo gemere. Non potevo più succhiarlo e lo masturbavo mentre gli massaggiavo la faccia. Non ci volle molto e gli coprii la bocca con il mio miele.

Mi sono alzato dal divano, mi tremavano le gambe e lui mi aveva già messo a quattro zampe. Mi alzai dritto verso di lui e lo sentii accarezzarmi di nuovo. Mi ha succhiato la figa aprendomi il buco del culo con le dita, mentre l’unica cosa che si sentiva erano i miei gemiti e gli schiaffi sul culo.

– Mangerò quel delizioso culo finché non sarà ora di partire!

– Lui viene! Lo sai che il mio culo appartiene solo a te, vero?

– Voglio tutto, puttana mia!

Cominciò a strofinarle l’ingresso con il suo cazzo duro. Entrò lentamente, aprendomi poco a poco, e cominciai lentamente a girarmi, gemendo piano e artigliando il divano. Giocò con la mia piccola griglia e andò sempre più in profondità, fino a raggiungere il fondo. È stato fantastico, poi si è seduto e mi ha fatto salire sopra di lui.

– No, puoi alzarti e adesso mi mangerai il culo come si deve!

Dissi questo e mi avvicinai al bracciolo del divano, dove appoggiai una gamba e appoggiai tutto il corpo. Questa posizione mi lasciava completamente esposta, permettendogli di penetrare in profondità.

Mi seguì con sguardo affamato e stava già entrando nel mio buchetto. Quando ho sentito tutto questo sepolto stavo già mordendo il cuscino, non per il dolore estremo, ma per l’intensa sensazione che mi provocava. Ha accelerato i suoi movimenti, mi ha afferrato per i fianchi e mi ha tirato per la vita verso di sé. Mi sono voltato e ho chiesto di più. Mi sono massaggiato il clitoride e ho sentito le sue palle colpire la mia mano così forte che stava spingendo.

Altre storie erotiche  La ragazza mi ha ucciso.

– Voglio tutto questo cazzo nel culo, bastardo, vaffanculo!

L’ho detto guardandolo negli occhi con una faccia che conosce bene. Ho pagato un prezzo alto per aver detto questo. Ha sollevato il mio corpo, ha iniziato a toccarmi il clitoride, mi ha baciato il collo e mi ha scopato sempre più forte. Gemetti sempre di più, affondando le unghie nel suo collo, finché non esplosi dall’eccitazione e arrivai sulla sua mano.

Poco dopo mi ha messo in ginocchio e ha iniziato a masturbarmi quel delizioso cazzo in faccia. So che gli piace venirmi in bocca, quindi ci ho fatto scorrere sopra delicatamente la lingua, come se gli chiedessi di darmi un po’ di sperma. L’ho inghiottito intero, assaporandone ogni goccia.

La scopata è stata così intensa che abbiamo finito. Il poco tempo che ci restava insieme ci siamo divertiti, scambiandoci affetto e sguardi tristi ben nascosti. Portarlo all’aeroporto non è stato facile, vederlo partire lo è stato ancora meno. Ma ciò che conta è ciò che abbiamo vissuto e le prospettive di ciò che verrà.

Questa è la mia versione della storia. Se vuoi leggere la versione di Victorlionheart, si intitola “I Said Goodbye by Fucking Your Ass Hard”.

Baci, Blu!

*Pubblicato da bambina blu sul sito climaxcontoseroticos.com il 23/11/17.