Storia erotica del sesso anale.

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Per chi non segue le mie storie, questa è la sequenza più hot…

Dopo questo sesso incredibile in cima alla montagna, abbiamo ripreso la strada e siamo arrivati ​​a casa di Beto. Io andai direttamente in doccia a farmi una doccia mentre lui andava in città a prendere qualcosa per cena…

Quel sesso con Beto non mi è mai uscito dalla mente, è stato semplicemente incredibile, non ero più vergine e ho vissuto la mia prima volta sulla cima di una montagna, con un panorama incredibile e con l’uomo che amavo.

Ho fatto la doccia, mi sono preparata, mi sono profumata e ho indossato la mia lingerie più sexy (perizoma rosso, pizzo) per aspettare il suo arrivo. Non ci mise molto ad entrare con 2 pizze in mano, una bibita e una rosa rossa. Lasciò le borse sul bancone della cucina e venne verso di me, tutto imbarazzato con la rosa in mano:

– L’ho comprato per te rossa, si abbina ai tuoi capelli ed è così sai quanto ho amato la nostra prima volta…

Arrossii subito, gli sorrisi e lo avvolsi in un lungo, appassionato bacio, finché non lo sentii allontanarmi dolcemente da lui…

– Aspetta un attimo rossa, vado a farmi una doccia.

Mi sorrise maliziosamente, come se mi invitasse ad accompagnarlo, e si diresse verso il bagno.

Mentre faceva la doccia, ho apparecchiato la tavola, ho lasciato la luce su “mezza fase” e ho messo della musica che ci piaceva. Uscii dalla stanza in uno stile “romantico/suggestivo” e mi sedetti sul divano ad aspettarlo.

All’improvviso sentii una voce provenire dalla stanza:

– Rossa, vieni qui e aiutami…

» gridò Beto dalla stanza. Spensi la televisione e andai in camera da letto. Quando sono arrivato l’ho trovato nudo, disteso sul letto e con il cazzo completamente duro. Ho riso e ho detto:

– Aiuto? (fa una faccia confusa)

Altre storie erotiche  Pagare un debito - 11

Sorrise e disse:

– Con quello che hai fatto… (disse indicando il suo cazzo che in quel momento guardava il soffitto)

Non ho detto niente, sono semplicemente andata a letto, mi sono tolta la vestaglia e gli ho mostrato la lingerie che avevo indossato appositamente per lui. Mi sono messo sopra di lui sul letto, mi sono girato, gli ho messo il mio culetto in faccia e ho fatto un po’ di twerking per provocarlo. Ho sentito le sue mani risalire lungo le mie gambe, fino a raggiungere il mio sedere e dargli una bella sensazione.

Mi sono girata verso di lui e mi sono inginocchiata, lasciando la mia boccuccia “faccia a faccia” con quel cazzo delizioso. Lo guardai e gli feci un sorriso malizioso, subito mi afferrò i capelli e guidò la mia testa verso il suo membro che pulsava per l’eccitazione. Senza indugio, ho iniziato a succhiarlo, facendo scorrere la lingua per tutta la sua lunghezza e guardandolo un paio di volte per vedere la sua espressione eccitata e la cosa mi ha fatto impazzire…

Ho messo tutto il suo cazzo nella mia piccola bocca e ho cominciato a succhiarlo più forte, finché non ho sentito un getto caldo di sperma riempirmi la piccola bocca. L’ho ingoiato di nuovo tutto e mi sono messo sopra per baciarlo.

In quel momento mi prese da parte, si avvicinò e mi chiese:

– Rossa, che ne dici di darmi il culo oggi?

La domanda mi colse di sorpresa, allora dissi:

– Non lo so Beto, non l’ho mai fatto, temo…

– Prometto che me la prenderò con calma, bella, lasciamelo mettere nel culo della mia rossa… (mi disse all’orecchio).

Ovviamente non ho potuto resistere, ho annuito e lui mi ha messo velocemente a quattro zampe e ha iniziato a leccarmi l’ingresso del culo, lasciandolo bagnato perché potesse entrare il suo cazzo.

Altre storie erotiche  Sono andato ad aiutare mio figlio a liberarsi e mi sono liberato con loro - Parte 6

Mi afferrò per la vita e cominciò a forzare la testa nel mio ingresso, la sensazione fu tanta, finché sentii il suo membro cominciare ad entrare, a poco a poco, fino ad inserirlo completamente. Dentro ho sentito un forte dolore e allora gliel’ho chiesto. fermare. . Mi ha tenuto saldamente il sedere e ha detto:

– Calmati rossa, rilassati, ti abituerai presto…

Ho fatto come mi ha detto, e dopo la 3a spinta non ho sentito più alcun dolore, anzi, gemevo di desiderio, la sensazione era incredibile e sentivo che anche lui ne traeva beneficio. ..

Adesso spingeva più forte, spingendomi il suo cazzo nel culo, tenendomi stretto il culo perché non mi muovessi, con una mano mi tirava i capelli e urlava:

– Che culo stretto, che culo delizioso, quanto sei sexy, rossa…

Sentendo tutta la sua eccitazione ho cominciato a masturbarmi mentre mi scopava da dietro, ho capito che il suo desiderio non faceva che aumentare e allora ho cominciato a dire:

– Vieni nel mio culetto stretto, vieni nella tua puttanella, riempimi di sperma…

Aumentò la velocità delle sue spinte e io non riuscivo più a trattenere le urla, gemevo come un matto, cavalcavo tanto quel cazzo delizioso, leccandomi il culo finché non annunciò che sarebbe venuto e mi riempì il culo con il suo sperma. , era il suo secondo sperma e il suo cazzo era ancora duro come una roccia. Non ero ancora venuto, quindi mi sono sdraiato sul bordo del letto e l’ho invitato a sdraiarsi dietro di me.

Mi sollevò una gamba e la tenne con la mano alzata e con l’altra mise il suo cazzo all’entrata della mia figa. Ho sentito quel cazzo duro entrare in me e ho emesso un forte gemito, poi lui mi ha lasciato andare la gamba e mi ha chiesto di trattenerlo da solo. L’ho sollevata più in alto che potevo e lui ha subito iniziato a ficcarle il cazzo dentro, afferrandomi forte le tette, mordendomi il collo mentre lo inserisce deliziosamente nella mia figa. Gemevo forte, urlavo con tanta eccitazione, poi mi ha messo una mano sulla bocca per attutire le mie urla e con l’altra mi ha tenuto per la vita, ho sentito la sua pelle sudata premere contro la mia mentre sbatteva freneticamente il suo cazzo contro il mio bocca, la mia figa. Quando ho sentito che stavo per venire, ho sollevato il culo più in alto possibile in modo che il suo cazzo potesse penetrarmi completamente.

Altre storie erotiche  Padre, madre e figlia, una famiglia di bastardi - Parte 1

Non ho potuto resistere e sono venuta, sono venuta spesso e l’ho sentito venire con me, riempiendomi di nuovo di sperma. Restammo lì per un po’, sentii la mia figa pulsare per l’intensità del mio orgasmo e mi resi conto che il cazzo di Beto stava diventando di nuovo duro mentre sentivo le sue contrazioni. Mi alzo dal letto e propongo di andare a mangiare, per ricostituire le energie.

Abbiamo fatto un’altra doccia, cenato e siamo andati a vedere un film. Ovviamente non abbiamo guardato il film, abbiamo fatto sesso tutta la notte, tutto il fine settimana.

L’ho fatto per le prime 2 volte lo stesso giorno ed è stato fantastico, non avrei mai pensato di poter provare così tanto piacere e continuiamo a mantenere la fiamma “accesa” fino ad oggi, siamo così eccitati l’uno per l’altro e il nostro sesso è ancora fantastico .

Spero ti sia piaciuto.

Baci da Lu!!!

*Pubblicato da luzinha69 sul sito climaxcontoseroticos.com il 14/09/15.