Storia erotica del sesso anale.

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ho detto ad un amico che avevo bisogno di un posto tranquillo dove rilassarmi in vacanza e lui mi ha offerto il suo posto dove trascorrere qualche giorno. Il posto era tranquillo, isolato e per questo la sua famiglia non ci andava quasi mai. Il giorno del viaggio, uscii di casa in perizoma stretto sotto i vestiti da uomo, andai a casa sua a cercare le chiavi, nella valigia avevo solo vestiti da donna e qualche “piccolo giocattolo”, finalmente andavo poter realizzare il sogno, la fantasia di trascorrere diversi giorni esplorando il mio lato femminile. Sono arrivato di notte, era buio, sono entrato in casa già desideroso di liberarmi di questi vestiti da uomo e fare una produzione, vestirmi. Mi sono rasato, ho fatto la doccia, ho messo la crema idratante e ho provato tutti i miei giocattoli. Dopo diverse eiaculazioni mi sono addormentato con indosso una camicia da notte corta e ampia e un perizoma, non potevo credere che avrei potuto andare a letto e passare la notte con quella camicia da notte e le mutandine imbottite.

Il giorno dopo mi sono svegliata e ho subito iniziato a indossare un vestito nuovo, una minigonna, un top, un paio di zoccoli col tacco alto e una piccola parrucca di Chanel. Andavo in cucina per preparare la colazione e adoravo poter indossare tutti quei bei vestiti e liberare quei desideri a lungo repressi che mi facevano sentire una vera stronza.

Dopo aver cucinato, lavato i piatti e sistemato la cucina con i miei vestiti, non avendo altro da fare, ho deciso di fare una passeggiata e vedere i posti. Dato che ero arrivato di notte, non avevo idea di dove fossi o di cosa ci fosse intorno a me. Fuori non c’era letteralmente nulla, pura campagna, vedevo animali girovagare, andavo in giro e pensavo che qualcuno si stesse prendendo cura di questo posto, quindi è meglio che torni a casa prima che qualcuno mi veda con questi vestiti. Sono rimasto un po’ deluso, dopo tutto non avrei avuto tutta la libertà che immaginavo, se la guardia o come si chiama la persona che si prende cura del posto mi avesse visto e avesse detto alla famiglia del mio amico che questa sarebbe stata la cosa più bella . problema della mia vita. vita.

Ho deciso di prestare nuovamente attenzione ai miei giocattoli, mi sono messo un plug con un vibratore nel culo, mi sono rimesso le mutandine e ho guardato la TV ascoltando musica, distratto, quando all’improvviso ho sentito qualcuno bussare alla porta. Ragazzi, pensate a uno spavento davvero grande, del tipo in cui vi bloccate, diventate bianchi dentro e non siete sicuri di cosa fare. Ho gridato “Aspetta… sto arrivando” e sono corsa come una matta cercando gli unici vestiti da uomo che avevo portato, li ho indossati lo stesso e sono andata ad aprire, tutta a disagio e molto nervosa. Ho aperto ed era un giovanotto, molto educato, avrà avuto sui vent’anni, un po’ come un ragazzo di campagna, ma con la faccia da volpe. Il ragazzo si è presentato, si chiamava Jailton, ho cercato di nascondere il mio nervosismo dicendo sciocchezze e battute, quando c’era silenzio nella conversazione ho sentito il rumore del vibratore che non ho fatto in tempo a togliere. , e questo mi ha reso ancora più nervoso. Smettila di dire sciocchezze per non avere silenzio nell’aria, sperando che il rumore della musica lo soffochi in modo che il ragazzo non sospetti nulla. Dopo un po’ ci siamo salutati, lui ha detto che sarebbe tornato al lavoro e si è reso disponibile se avevi bisogno di qualcosa bastava chiamare.

Uffa, che spavento, l’adrenalina stava salendo, era stato un colpo molto forte, ho pregato che non se ne fosse accorto, ma comunque credo di averlo coperto bene. Ho deciso di tornare ai miei giocattoli e di avere qualcosa in casa per non avere altre sorprese. A poco a poco il drink ha cominciato a fare effetto, l’emozione e il cattivo umore hanno cominciato a parlare più forte, e come sempre gli spunti per gli scherzi hanno cominciato a sembrarmi buone idee (cosa che non mi è mai capitata…hehehe). Ho deciso di aprire le finestre e le tende della casa e di restare lì per vedere se il ragazzo si accorgeva di me, ho fatto finta di fare qualcosa, continuavo a passare davanti alla finestra dove lui poteva vedermi, lui ha visto e niente. Ho aperto la porta di casa perché pensavo che forse il problema era con il vetro della finestra, forse il riflesso bloccava la vista del bambino, ma neanche questo aiutava. À ce moment-là, je ne m’inquiétais plus de ce qu’ils allaient penser, je voulais vraiment me montrer et que le garçon me voie dans ces costumi, après tout, quel était le but de toute cette production sans personne pour le Vedere. Poi ho preso una scopa e sono uscita a “pulire il balcone”, ho fatto rotolare la scopa da una parte all’altra, mi sono chinata per sistemare dei vasi di fiori, ho tirato su la minigonna e ho messo in mostra i tanga. bloccato nel culo. Lui si allontanava discretamente di tanto in tanto e l’ho visto lanciare qualche occhiata (beh…), ma niente si avvicinava, l’ho salutato ed sono entrata in casa per vedere se veniva verso di Me. oh, ho aspettato qualche minuto e niente. Ho deciso di andare avanti per niente, mi aveva già visto con quei vestiti, M aveva già finito, o avrei trascorso una giornata meravigliosa lì oppure sarei stata molto imbarazzata quando sarei tornata a casa.

Altre storie erotiche  Mia moglie molestava... e le piaceva

Sono uscito di casa tutto sconvolto e sono andato da lui, morendo di vergogna e di quello che poteva succedere.

– Ciao, come vanno le cose?

Mi guardò dall’alto in basso con una faccia maliziosa, rise, ma non disse niente, pensavo fosse un buon segno.

Mi sentivo molto solo lì dentro, ti dispiace se resto qui con te per un po’?

Scosse la testa sì, ma guardò solo il terreno, senza nemmeno incontrare i miei occhi.

– E’ tuo il cavallo?

– si signore.

Signore? Beh, sono tutto produttivo e tu mi chiami signore, puoi chiamarmi signora, o meglio signorina perché non sono né sposata né fidanzata.

– Mi spiace signorina, non sono una di quelle cose.

– Immagina, non hai bisogno di scusarti, con me puoi sentirti libero, gatto.

Ho accarezzato il cavallo mentre gli parlavo, per calmarmi, ridurre il nervosismo e cercare di calmare anche lui. Ho deciso di ravvivare un po’ la conversazione per vedere se avesse qualche effetto.

– Il tuo cavallo è maschio o femmina?

– maschio.

– Hmm, quindi sembriamo due, un maschio e una femmina… è uno stallone? Catturi molte cavalle lì?

– sì, a volte scappa e tutto per catturare le cavalle dei vicini ahahah

– e il proprietario, anche lui è uno stallone del genere o no?

Mi ha fatto un sorrisetto sporco ma non mi ha risposto, sentivo che stavo facendo progressi, ora era più calmo.

– I cavalli sono il mio animale preferito, mi piacerebbe fare un giro, pensi che cavalcherei bene?

– Penso di sì, sembra che tu sappia le cose.

– Potresti insegnarmelo?

– il cavallo è senza gabbia, è pericoloso per chi non ha esperienza.

– Perché non vieni con me e mi insegni?

– Non ti dispiace, devi andare a cavalcare due cavalli insieme.

– Immagina, più insieme penso che sarà ancora meglio.

Si è avvicinato, ho notato che c’era un rigonfiamento che segnava i suoi pantaloni e mi è piaciuto quello che ho visto. Mi ha dato la mano e ha posizionato il suo ginocchio in modo che potessi sostenerlo e salire, io sono salito sul suo ginocchio quasi strofinandogli la minigonna in faccia e ho tirato indietro il sedere, mi sono allungato mettendoci sopra una gamba . il cavallo e lui maliziosamente mi hanno messo la mano sul sedere sotto la gonna e mi hanno aiutato ad alzarmi. Lui saltò dietro di me, mi prese le braccia, afferrò le redini e fece camminare il cavallo molto lentamente. Ero in perizoma su questo cavallo, ero molto arrapato, indietreggiavo il più possibile e al ritmo del passo del cavallo il mio culetto strofinava il suo cazzo sui pantaloni, da una parte all’altra. Ho sentito che il suo cazzo era già molto duro, ho alzato la gonna per lasciare il filo ben visibile, mi sono strofinata contro i suoi pantaloni e mi sono sdraiata, poi ho sentito un dito esplorare tra le mie natiche attraverso la parte superiore del filo cercando il mio sedere e Mi guardai indietro con un sorriso malizioso sul viso.

Ha chiesto:

– Ti piace?

– Sì, delizioso e tu? Ti piace?

– Ehm, posso andare un po’ più veloce?

– certo, non esitare

– Diventerà un po’ più pericoloso, sarà meglio che ti porti qui.

Mi ha tirato indietro, facendomi praticamente sedere sulle sue ginocchia, ha aumentato un po’ il passo del cavallo e io gli sono saltato addosso mentre il cavallo trottava. Sentivo che il suo cazzo era già duro, come una pietra e avevo anche già le mutandine tutte arruffate.

– Wow, questo giro è così bello, ti stai divertendo anche tu?

– hum, delizioso, molto buono.

– Non vuoi continuare questa passeggiata dentro casa con me?

– Meglio non farlo, potrei perdere il lavoro.

– Di nulla, sarà il nostro segreto, non dire a nessuno il mio piccolo segreto e non dirò a nessuno di te, – Che ne dici?

– ok, ok, il nostro segreto allora.

Abbiamo fermato il cavallo, lui ha saltato, mi ha dato una mano per aiutarmi a scendere, mi ha messo l’altra mano sulle natiche con un dito tra le mie natiche, già premendo il buchino con il dito e mi ha aiutato a scendere . , ricambia il favore afferrandogli forte il cazzo attraverso i pantaloni. Mi ha dato uno schiaffo e mi ha stretto forte, non potevo Ho resistito e subito ho cominciato ad aprirgli i pantaloni, quel bastardo non aveva nemmeno le mutande. Mi sono inginocchiato e ho sentito l’aroma di quest’uomo misto a bava di gallo, aveva un cazzo di media grandezza, circa 7 pollici di spessore, una testa molto viola, a forma di fungo, non si radeva, era molto peloso. Era molto grosso, stupido, e subito mi ha tirato la testa e mi ha messo il suo cazzo in bocca, l’ho ingoiato tutto, volevo succhiarlo lentamente, con calma, godendomi quel cazzo ma lui non me lo ha permesso. Mi teneva la testa e mi schiaffeggiava la bocca con la coda come se fossi una delle capre che doveva essere abituato a mangiare. Anche il cavallo ha cominciato a diventare duro guardando la scena, ma ovviamente con tutta l’eccitazione non ci è voluto molto e ha iniziato a gemere e a rallentare e ho sentito la mia bocca riempirsi, ho continuato a succhiare lentamente, ho iniziato a ingoiare lo sperma . finché non sentì uscire nulla e il suo cazzo cominciò ad ammorbidirsi. Mi ha tolto il cazzo dalla bocca, ha messo via il bastone e mi ha detto di tornare a casa, non ho capito niente.

Altre storie erotiche  Racconto erotico puro - Sono un amante del feticismo sessuale, senza aspettarmi altro, questa volta sono rimasto sorpreso.

ma perché? Cos’era? Ho fatto qualcosa di male? Non vuoi più cavalcarmi?

Esci di qui, esci, esci dalla mia vista.

Sono uscito distrutto, quasi piangendo, avevo paura che cambiasse idea e mi aggredisse o lo raccontasse alla famiglia del mio amico, mi sono chiuso in casa e sono rimasto lì spaventato a morte, non sapevo se me ne sarei andato o non. . Mi sono seduto sul divano, non sapendo se fare le valigie e andarmene da lì o restare ancora qualche giorno ad aspettare che si calmasse, ma poco dopo ha bussato di nuovo alla porta. Sono andato a rispondere al telefono con paura, non sapendo cosa mi aspettava dall’altra parte della porta.

– Ciao, sono io, posso entrare?

Avevo ancora paura, quindi ho aperto la porta e l’ho fatto entrare.

– Sei arrabbiato?

– Certo, dal nulla mi hai licenziato, pensavo che ti piacessi.

– Mi dispiace, non ho mai fatto una cosa del genere a nessun altro… con una come te, ero arrabbiata con me stessa, prometto che non lo farò più.

– Sei sicuro? Se vuoi, io…

– No, resta, voglio che tu rimanga.

– Lo giuro? Sei sicuro?

– Sarà bello, ti piacerà, te lo prometto, il miglior pilota del mondo se ne andrà da qui… ahahah

– ok allora, di solito dormi qui?

– No, di solito torno a casa a fine giornata, ma se vuoi posso restare qui con te.

Ho sempre avuto questa fantasia di essere la mogliettina di un uomo per un intero fine settimana o forse più giorni, e ho portato qui solo i vestiti della mia bambina, non sapevo che ci sarebbe stato qualcun altro qui.

Non ho mai avuto una puttanella così da sola da diversi giorni, puoi accettarlo?

Lo spero, sono uno studente molto devoto, mi impegnerò per essere il miglior pilota che tu abbia mai avuto.

Hmm, mi è piaciuto, quindi vieni ad allenarti.

Lui ha aperto i pantaloni, il suo cazzo era già duro e rivolto di nuovo verso l’alto, gli ho tolto i pantaloni e ho cominciato a succhiarlo proprio lì sulla porta di casa, questa volta non era così stressato, mi ha lasciato allattare con calma come preferivo, assaporando il cazzo con la bocca. Si appoggiò al bancone tra la cucina e il soggiorno e io rimasi lì a succhiarlo molto bene, divertendomi con quel cazzo e non credendo di poterlo fare direttamente per diversi giorni. Gli ho tolto tutti i vestiti, l’ho lasciato nudo, sentivo l’odore di quell’uomo sudato mescolato al cazzo che invadeva il posto, ho alzato lo sguardo con un’espressione maliziosa mentre ingoiavo il suo cazzo.

Al bancone c’erano degli sgabelli alti, tipo bar, mi ha fermato e mi ha detto di sedermi su uno dandogli le spalle, mi sono tolto le mutandine e la gonna, mi sono sistemato comodamente sullo sgabello, puntando il sedere verso indietro, lasciandolo quasi completamente sollevato dalla panca, il mio culetto era ben esposto al suo cazzo, e subito sentii la sua testa premere contro la porticina del mio culo. Dato che aveva già usato diversi dei miei giocattoli durante il giorno e la notte precedente ed erano tutti già lubrificati all’interno, il bastoncino è entrato molto facilmente in un colpo solo, cosa che gli è piaciuta moltissimo. Non ero mai stato inculato senza preservativo, era la prima volta che sentivo un cazzo dentro senza niente ma visto che sarei stata la sua puttanella per qualche giorno ho pensato che sarebbe stato il momento perfetto per lasciarla . accadere. Ammetto che sentire quel cazzo caldo e bavoso entrarmi nel culo è stato molto più bello che sentire un preservativo penetrarmi, solo ricordando che stavo quasi per venire di nuovo. Mi abbracciò forte da dietro mentre spingeva più che poteva dentro di me, sentii tutto il suo corpo premuto contro il mio sedere e lui spinse, volendo di più. Gli è piaciuta così tanto la facilità con cui ho ingoiato quel cazzo con il culo che presto ha iniziato a giocarci tirandolo fuori e martellandolo di nuovo, ho sentito questo vuoto dentro di me e presto la testa è stata spinta dentro allargando le pieghe ed entrando ancora una volta nel mio culo. Ancora.

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Tradimento e rapporto a tre parte I

– Delizioso bastardo, guarda con quanta facilità entra in questa professione.

– Mi sono semplicemente guardato indietro, sembrando sporco e ho chiesto di più.

– Non l’avevo mai fatto senza preservativo prima, la prima volta che mi lasciavo mangiare da qualcuno in quel modo.

– Oh veramente? Quindi ti bagnerò con così tanto sperma che te lo vomiterò dal culo.

– È delizioso, riempimi del tuo sperma, non mi sono mai venuto nel culo, voglio sentirlo ogni giorno qui con te.

– Gli piaceva sentire tutto questo, mi ha dato una pacca sul sedere.

— È ora che la tua cagna si alleni, venga a cavalcare il cazzo del tuo maschio.

Mi ha tirato fuori il cazzo dal culo, mi sono alzata dalla panchina, mi ha spinto da dietro con il suo cazzo duro e appiccicoso e ci siamo diretti in camera da letto. L’ho steso sul letto, ho messo altro lubrificante sul suo cazzo e mi sono seduto sopra, facendo sparire di nuovo il suo cazzo nel mio culo. Ho iniziato a cavalcare quel cazzo, muovendo il culo avanti e indietro molto lentamente, sentendo ogni centimetro di quel cazzo entrare e uscire dal mio piccolo buco. Presto abbiamo aumentato il ritmo, io gemevo come un matto, per fortuna non c’era nessuno in giro, lui mi ha afferrato per la vita lanciandomi con forza su e giù sul suo cazzo e io rimbalzavo su quel cazzo con un fuoco incontrollabile. il culo Ho cavalcato quel cazzo tanto finché le mie gambe non si sono stancate, poi mi ha sollevato il culo e ha iniziato a schiaffeggiarmi.

Ora mettiti a quattro zampe come una giumenta in modo che il tuo stallone possa cavalcarti.

Mi sono alzato dal cazzo, ho messo il culo a carponi sul letto e lui è tornato da dietro. Mi ha afferrato per i fianchi e mi ha messo tutto quello che aveva dentro, mi sono girata sentendo i suoi peli pubici che mi strusciavano contro il sedere mentre gemevo con tutto quel cazzo dentro. Ha iniziato a picchiare di nuovo, questa volta velocemente e con forza, a faccia in giù sul materasso, ho gemito, facendomi scopare dal mio maschio. Il mio cazzo flaccido, grondante di desiderio, dondolandosi avanti e indietro al ritmo delle spinte nel mio culo, aveva già una pozzanghera sotto di me sul lenzuolo. Il mio stallone mi stava martellando velocemente, forte, ho anche tirato indietro il cazzo, facendolo entrare ancora più in profondità nel mio culo, parlavamo entrambi di un sacco di cose sporche e io gemevo, adorando la sensazione di attrito. culo, senza preservativo per la prima volta. Gli chiedevo sempre di più e lui rispondeva spingendomelo quasi nel profondo, sentivo che il mio sogno di prendermi una bella sculacciata sul culo stava per realizzarsi. Ha pompato senza sosta, presto ho sentito degli schizzi caldi dentro di me, il suo cazzo si è alzato e ha cominciato a gemere forte, inondandomi il culo di sperma. Che piacere è stato sentire il suo cazzo gonfiarsi e rimbalzare nel mio culo, liberando quel latte caldo dentro di me, mi ha sollevato e mi ha abbracciato con il suo cazzo dentro, potevo già sentire lo sperma che mi scorreva nel culo e sulle gambe . . mentre mi toglieva il suo tenero cazzo dal culo e diceva:

Dato che mi hai lasciato essere il primo a incularti senza copertura, realizzerò il tuo sogno, sarai la mia piccola puttana, la mia cavalla e io sarò il tuo stallone. Vado a casa a dirlo ai miei genitori e a prendere dei vestiti, torno tra poco, preparati.

La vacanza è stata davvero fantastica, spero che questa storia ti sia piaciuta, lascia i tuoi commenti e una valutazione per favore, non dimenticare di leggere anche le mie altre storie. A chiunque voglia contattarci [email protected], vi manderò presto il resto di questa storia, restate sintonizzati.

*Pubblicato da Putinho RJ sul sito climaxcontoseroticos.com il 03/11/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *