Storia erotica del sesso anale.

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

È difficile per un lupo eccitato come me passare diversi giorni senza l’attenzione del mio maschio. Sa che dopo il ciclo la mia libido aumenta in un modo che non è facile da controllare. Mi sveglio nel cuore della notte ansimando, godendomi un sogno erotico come questo… passo la mano lungo l’apertura della mia figa e sento quanto è bagnata dopo questo delizioso orgasmo. Le mie dita sembrano appiccicose e assorbo l’odore che ne deriva. Non posso resistere e inizio a leccare, leccare ancora e leccare ancora, sentendo il meraviglioso sapore della mia figa. Non sono nemmeno le 7:00 e so che è già andato in ufficio. Accendo il cellulare, qualche minuto dopo arriva il tuo timido “ciao”.

Rispondo subito che uso solo una mano per scrivere perché l’altra è impegnata con la mia griglia. Va in bagno e mi chiede di accendere la telecamera.

Lo faccio e lo vedo già con i pantaloni abbassati fino alle ginocchia, un cazzo molto duro in mano e questo bel viso da uomo bisognoso. Sotto la telecamera, seguo la mano su tutto il corpo, mi stringo il seno, la pancia, il clitoride…

Immergo le dita nella mia figa bagnata e inizio a leccarla mentre, tra i gemiti, dico quanto mi manca il tuo corpo nel mio letto.

Si masturba freneticamente, chiedendomi di venire per poter vedere… Non lo chiedo: sborro davvero, allargando le labbra spesse della mia figa carnosa e mostrandogli la mia carne in estasi. Quando vede tutto questo gli piace anche fare la più grande “giocoleria” per evitare di sporcarsi i vestiti con tutto il latte uscito da questa deliziosa cannuccia.

Hanno bussato alla porta del bagno, ci siamo salutati e abbiamo continuato con la nostra vita quotidiana.

Mi sono fatto la doccia, mi sono vestito e avevo ancora una voglia matta di scopare. Ho optato per un piccolo paio di infradito e me li sono infilati tutti nella figa per continuare a massaggiarmi il culo. Mi sono messa dei jeans molto attillati, sopra una camicetta ampia e sono uscita.

Mi sono fermata al lavoro per vedere “cetrioli”, sono andata in banca, sono andata al supermercato, ho deciso “N” cose e l’immagine di lui che veniva in bagno non mi è mai uscita dalla mente. Tutto ciò ha reso la mia figa ancora più bagnata e il mio clitoride molto caldo e leggermente bruciante.

Sono tornato a casa accaldato dalla voglia e ho deciso di farmi una doccia. Ho notato che i capelli stavano crescendo un po’, così ho chiamato il lustrascarpe e gli ho detto che avevo bisogno di cure di emergenza. Per fortuna avevo un posto libero che qualcuno aveva cancellato per il pomeriggio. Ho deciso di fare un’acconciatura diversa. Dopo tutto questo lavoro, ovviamente, ho dovuto stuzzicare un po’ il mio gatto. Ho scattato diverse foto alla bellissima ragazza e gliele ho inviate…

Altre storie erotiche  Padre, madre e figlia, una famiglia di bastardi - Parte 1

In risposta ricevo una foto del tuo cazzo sbavante e il piccolo messaggio: aspettaci, stasera ti disegneranno! Ahahah, se la mia figa avesse avuto le mani, avrei applaudito in quel momento. Non vedevo l’ora di vederlo tornare a casa.

Infatti! Entrò con lo stesso sguardo sporco e disse che aveva bisogno di una doccia. Andammo in camera da letto, ci spogliammo e andammo in bagno a baciarci al piano di sopra. Ho provato ad aiutarlo a entrare nella doccia, massaggiandogli la schiena con sapone esfoliante per aiutarlo a rilassarsi. Le mie mani correvano su tutto il suo corpo, eccitandolo sempre di più. Ho premuto il mio corpo contro il tuo, massaggiando il tuo culo birichino, i piccoli peli rimasti sulla parte anteriore della mia figa. Le mie mani hanno afferrato il suo cazzo, iniziando una sega. Era molto piacevole sentire l’acqua cadere sui nostri corpi premendoli uno contro l’altro. Non ho potuto resistere a tanta tentazione. Lì l’ho girato, sono caduto in ginocchio e ho cominciato a succhiargli il cazzo come un vitello affamato. Non ci è voluto molto, è venuto nella mia bocca, riempiendomi la gola di sperma, con le sue mani sulla mia testa, forzandomi tutto il suo cazzo in bocca.

Abbiamo finito di fare la doccia, l’ho portato in camera da letto, l’ho adagiato sul letto e mi sono messo a cavalcioni su di lui, “solo” con l’intenzione di applicare una crema idratante sul suo corpo. Tuttavia, abbiamo una fame sessuale impressionante. Basta un semplice tocco di una mano sul corpo di un’altra persona per accendere la fiamma del desiderio. All’improvviso mi ha girato, mi ha gettato sul letto, mi ha allargato le gambe e ha guardato la mia figa per un po’ come se stesse apprezzando un’opera d’arte. Ho fatto scorrere la mano su e giù, seguendo la scia di capelli che avevo lasciato sul mohawk. Mi colpì la fronte, facendomi dimenare. Aprì delicatamente le sue labbra già molto bagnate, esponendo il mio clitoride duro, e ci fece scorrere delicatamente la lingua attorno. Il gemito che mi sfuggì dalla gola fu tutto ciò di cui avevo bisogno per spingermi, con furia folle, strofinandolo su tutto il suo viso, spalmandolo su tutta la mia deliziosa figa. Sono venuto come un matto, versandole il mio miele in bocca. Leccò tutto con la disperazione di chi non vuole sprecarne nemmeno una goccia. Dopodiché è tornato con il cazzo già molto duro e mi ha penetrato senza fermarsi. Ci si è spinto dentro un paio di volte, facendomi gemere di nuovo, esortandolo a essere più audace.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di gruppo - Revolution 04 — La coppia perfetta

È stato allora che mi ha girato sulla schiena, mi ha messo a quattro zampe, davanti allo specchio dell’armadio, ha rimesso dentro il suo cazzo e ha iniziato a fare i movimenti, dicendomi di scuotere il corpo, di farmi tremare il seno. §arem. Ha detto un sacco di parolacce mentre guardava il mio seno allo specchio. A volte mi avvicinavo e ne prendevo uno per mano e stringevo i capezzoli, torcendoli, facendomi urlare per l’eccitazione. Ero già di nuovo al limite. Il mio sperma è diventato forte, facendomi rabbrividire, invitandolo a venire una terza volta. Ci piaceva…

Siamo rimasti inerti a letto, credo di essermi addormentato un po’. Mi sono svegliato con un formicolio al sedere. A poco a poco mi resi conto di ciò che stava accadendo. Mi ha girato su un fianco con la testa appoggiata sulla coscia, con una mano mi ha fatto dondolare l’altra gamba e con l’altra ha strofinato lo sperma che gocciolava dalla mia figa verso il culo. Le sue dita mi illuminarono in un modo difficile da descrivere. Ha spinto il pollice fino in fondo. Lo tolgo. Lo spalmò sulla sua figa e lo rimise a posto.

Feci movimenti circolari mentre lui si stringeva dentro di me. Sentivo le sue unghie graffiarmi, dandomi brividi deliziosi. Abbiamo passato molto tempo a giocare a questo gioco, quando ha notato che la mia erezione stava ricrescendo, mi ha baciato affettuosamente sulla bocca e mi ha chiesto se ricordavo ancora il suo vecchio sogno di fisting con me.

Nonostante la paura che provavo, mi fidavo di lui. Sapevo che non mi avrebbe mai fatto del male. Ho deciso che ci avremmo provato, ma lui non avrebbe oltrepassato i miei limiti. Ha preso un po’ di vaselina dal comodino, mi ha accarezzato di nuovo con la sua bocca deliziosa, mi ha messo a quattro zampe con dei cuscini sotto, per aiutarmi a rilassarmi e mettermi a mio agio, e ha iniziato a baciarmi il culo. La sua lingua calda mi fece battere le palpebre. La sua manopola sexy mi ha eccitato ancora di più. Si unse le dita e le inserì una per una. È stato molto bello vedere allo specchio la sua concentrazione su questo. Sembrava di essere su un altro pianeta. Ho provato un immenso piacere emotivo nel contribuire alla realizzazione del suo desiderio. Anche se tre dita erano già entrate facilmente in me, è stato comunque attento a non farmi male e mi ha chiesto se andava tutto bene, se volevo smettere o se volevo continuare.

Altre storie erotiche  Storia puramente erotica - Il viaggio a Buenos Aires

Gli ho detto di farlo, era davvero delizioso. E se n’è andato. Ha applicato un po’ più di vaselina attorno alle mie pieghe anali e ha inserito il quarto dito. Mi è piaciuto. Quando ha aggiunto l’ultimo dito e si è forzato ad entrare, ho sentito di non poterlo sopportare. Mi ha fatto troppo male. La sua mano era troppo grande. Ho pensato di chiedergli di smettere, ma non ci sono riuscita quando mi sono guardata allo specchio e ho visto riflessa la sua immagine. I suoi occhi erano pietrificati sul mio sedere, la sua bocca incapace di restare chiusa per respirare, il suo corpo in riverenza per questa profonda invasione. Ho deciso che avrei resistito coraggiosamente fino alla fine. Il mio uomo meritava questo piacere. Rimasi immobile, sentendo i suoi movimenti. Ascolta il tuo respiro. Guarda l’immagine del tuo angelo riflessa nello specchio. All’improvviso si alza un po’, tiene saldamente il suo cazzo verso la mano che è praticamente tutta nel mio culo e comincia a venire a schizzi e ancora schizzi di sperma denso, accompagnati da gemiti bestiali. Nemmeno io riesco a trattenermi. Gli afferro il braccio e gli forzo la mano dentro di me. Alleviando un po’ il mio culo, che comincia a stringere il pugno, tutto lubrificato dal suo sperma. Vengo selvaggiamente, sussultando con la tua mano infilata nel mio culo. La mia vagina era molto gonfia e rossa, penso che a causa dell’eccitazione che ho avuto con questa invasione, trasudava liquidi abbondanti come non avevo mai visto prima. Ci siamo goduti il ​​nostro orgasmo fino alla fine. Alla fine ci siamo addormentati per caso, dopo tutta questa fatica. Mi sveglio e la luce del sole entra dalla fessura della finestra. Sento una bocca vorace che mi divora la figa… indovina un po’? Lì ha soddisfatto di nuovo la mia fame mattutina di sesso. Hahaha

Grazie per aver letto, commentato e valutato.

*Pubblicato da fiore di loto sul sito climaxcontoseroticos.com il 01/12/17.