Storia erotica delle corone – Il mio Japa mi ha reso donna… l’ho adorato!!

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Amici, scusate il ritardo… è difficile fermarsi e scrivere di una vita frenetica. Ma veniamo alla storia.

Come sai ho adorato la mia esperienza con la mia ragazza, dopo averla provocata in tutti i modi possibili e aver fatto venire la mia ragazza due volte, ho optato per un 69 delizioso, chiusura meravigliosa, quella figa bagnata di voglia e il mio cazzo che le pompava la gola, divino! Ma come sai, il mio sogno era offrirlo a una donna che scoprisse i suoi desideri segreti, che sapesse che si sarebbe sentita al sicuro di fronte alle sue avances e ovviamente capisse che ci sarebbe stato piacere per entrambi senza rimpianti. Siamo entrambi sposati con figli e non volevamo ulteriori problemi, solo riservatezza e divertimento.

Quel giorno siamo arrivati ​​come matti e la mia bellissima giapponese sapeva già che bastavano due dita e un debole per i dolci per ammorbidire quest’uomo enorme e provocare gemiti mai immaginati da me e lei, mi ha detto di scendere presto al lavoro e l’ho fatto .

Quando è arrivata ha detto che la sua educazione è sempre stata molto severa, il loro rapporto era freddo e il sesso era lo stesso, veniva raramente e dopo due o tre minuti stava già soddisfacendo suo marito, la mia vita non era diversa tranne il momento di sesso. Era più meccanico che caldo come all’inizio… oh, disse!

Ti mostrerò quello che voglio e se vuoi, dopo aver visto quello che ho qui, dimostri che ti è piaciuto seguendo i miei consigli. Se non vuoi capirò e spero che non ti arrabbierai, mi piaci e voglio sperimentare qualcosa di nuovo con te.

L’ho lasciato sotto la sua scrivania…erano le 8 del mattino!!!! una borsa, voglio che tu la guardi e poi venga qui e mi dica se ti è piaciuta…

Più che curioso, io, responsabile di un team di 32 persone in una grande azienda, un uomo molto serio e discreto che mangiava delle ninfe eccitate, sono andato a cercare il pacco, dato che era nella mia stanza, non me lo permetteva . Lo so, non l’ho visto. …Sono entrato e ho chiuso la porta.

Mi sono seduta senza sapere cosa mi aspettasse, ho aperto la borsa e mi è quasi uscito il cuore dalla bocca, passiamo al contenuto:

Mutandine con strass neri, corsetto con piccoli accessori discreti in rose rosse, mezzo reggicalze, rossetto, rasoio e olio di mandorle, parrucca progressivamente liscia e castano scuro, profumo, trucco e nastro adesivo. con un biglietto…

Oggi ti farò mia moglie e avrai il tuo uomo in me, cambieremo i ruoli e farò con te quello che ho sempre desiderato che un uomo facesse con te e me. Ho già mangiato molto e oggi lascerai entrare tutta la sensualità di chiunque abbia mai vissuto.

Ora devi essere così pazzo che sono bagnato a quest’ora del mattino, se per te va bene, vai in bagno, mettiti calzini e mutandine e vieni qui in giacca e cravatta e mostrami… che sono quasi in preda al panico dal desiderio, il mio cazzo non entrava da nessuna parte… allaccia il tuo bellissimo cazzo con il nastro dietro e tienilo infilato dentro… sto aspettando la mia bomba.

Ho una stanza con bagno e con tutta la follia del mondo sono andata a prepararmi per dimostrare il mio consenso e il cambiamento.

Non avevo mai indossato delle mutandine in vita mia…erano piccole, trasparenti, come tante che ho strappato, tirato, morso e ora stavo lì davanti allo specchio a pensare… passerà? Mi sono tolta le mutande e, spaventata ed emozionata, le ho indossate e mi sono guardata… si vedrà tutto nei miei pantaloni? Mi sono guardato il culo e ho visto che stavo perfetto… ho messo il nastro adesivo, ho messo il cazzo e infine i calzini e la cintura… mi sono sistemato camicia e cravatta e con il completo, sinceramente, stavo infinitamente spaventato. ma l’emozione è più forte della paura!!!

Altre storie erotiche  Lo regalo a mio marito per la prima volta.

Ho aperto la porta della stanza e ho trovato un’impiegata che entrava… mi ha guardato e mi sono sentita nuda… ho superato la prova! Suona il telefono, la routine continua e dopo circa un’ora, verso le 22, ho deciso di far vedere cosa è riuscita a fare con il suo ragazzo, ormai quasi un amico… ahahah.

Mi sono fermato accanto al suo tavolo e senza prestare molta attenzione perché stava parlando al telefono… mi ha guardato la vita e ha detto:

mostramelo un po’, so che ti è piaciuto il biglietto… indossavo una giacca, mi sono spostato un po’ indietro, ho alzato la maglietta e lei… ora ha detto wow, l’ho scelta proprio per mia moglie, mi tremavano le gambe .. e ho provato un’eccitazione, il mio successo stava lentamente crescendo. Sono tornato in camera mia e ho preso un caffè… ho portato la tazza alle labbra ed è entrato il mio manager…

Gli amici si sono sentiti strani, mi hanno chiesto come andavano le cose, gli ho fatto alcuni commenti e lui se n’è andato.

Lui se ne andò, lei entrò e gli disse: è buonissimo, bruna mia, oggi ti prendo il pranzo, non hai ancora visto cosa ho nella borsa…

Ragazzi, mi è quasi scoppiata la voglia, ho preso appuntamento con la segretaria del direttore e le ho detto che sarei arrivato un po’ più tardi… erano le 11:40 e galleggiavo in compagnia… calmo, pronto a per favore, c’erano fantasie di bondage, candele, fruste… in quei momenti tutto mi passa per la testa… lei si avvicinò a me e disse: oggi farò la differenza nella tua vita e libererò i miei desideri. Sarò al motel alle 12:10, arriverò alle 12:30 e voglio che tu abbia un bell’aspetto.

È arrivato il momento… sono corsa, ho fatto una doccia veloce e mi sono preparata, ho giocato con il corsetto, mi sono messa il rossetto, mi sono fatta le mèches e sono sembrata bellissima.

Hanno bussato alla porta… ho aperto, lei indossava dei pantaloni eleganti con un volume enorme tra le gambe… tremavo, mi ha preso per le spalle e mi ha detto di uscire e sedermi sul letto . .lei è 1:62 e mi sono seduto dritto…mi ha baciato e ha detto…rilassati, ti farò mio… ansimava di desiderio mentre mi baciava…mi ha graffiato e io gemo adesso lasciati andare… pazza come donna.

Mi ha detto di mostrare il mio corpo, ha detto perfetto ma manca qualcosa!

Si è rasato e ha detto: a quattro zampe!!! Ti amo dolcemente!!! Sono quasi andato nel panico e ho detto ma come? Adesso mi ha afferrato il viso dicendo forza stronza, girati… ha lasciato da parte le mie mutandine, ha applicato l’olio di mandorle e mi ha lasciato con un culo liscio… mi ha detto di passargli la mano e sembravano quei culi che ne ho mangiati tanti…

Altre storie erotiche  L'insegnante di computer - Capitolo 8: Il giorno dopo con un sacco di puttane.

Ho chiesto… quello che hai tra le gambe è enorme.

Lei dice: curioso, vero?

Sì!

Quindi versa un bicchiere di vino al tuo maschio… Te lo faccio vedere, è andato in bagno.

È uscita in vinile nero con le sue tette vivaci e vivaci e ha detto:

succhia il mio cane! D’altra parte, una frusta mi ha riempito il culo…

Mi sono riempito goffamente la bocca, ti piace, vero?

uunhummm ho… mi ha colpito alla gola, era grande quanto o più grande della mia, avevo 24 anni, non lo so, mi entrava a malapena in bocca, era morbido, il mio cazzo incastrato non riusciva a venire dal nastro, l’ho strappato e lei ha detto…

Cattivo, vuoi venire? Ti farò venire!!

Sali sul tavolo mia bella bruna, ti mostrerò quanto è bello dare il tuo culo… ma non toccarti… apri il culo e ti succhierò da tutti i lati!

Amici miei…quel culo morbido ha fatto impazzire questa donna giapponese arrapata…la sua lingua mi ha fatto gemere e praticamente l’ho implorata di mangiarmi…e gliel’ho chiesto…!!!

ha detto qualcosa di brutto…

cane che urla

Ho urlato ti amo tesoro, vieni qui e mangiami

urla, birichina, voglio che tutti sentano le tue urla… ricordati che hai chiesto a me, la tua ragazza, di domarti… urla, capo!! urla cagna

Poi abbiamo scopato…lei ha afferrato il mio cazzo e ha coperto il mio corpo con olio che è colato lungo il percorso della mia erezione…mi ha legato le braccia alle gambe del tavolo e ora ero nelle sue mani!!!

Ascoltare…

QUESTO, ORA TI SCOPERO’…

Si è masturbato finché non sono quasi venuto mentre mi scopava con la lingua…

Ti aggiusto la cinghia con questo enorme bastone e con amore gli ho detto:

sto entrando

Ho detto vieni a scoparmi ovunque… non ho idea di quanto sia grosso il mio cazzo…

La testa è entrata e il mio corpo è diventato quasi duro come la roccia… non mi sono rilassato.

Ho sentito il vento girare e mi bruciava la pelle!!!

rilassati, cavolo!!!

Ancora una volta ho sentito il vento ed era ancora più forte, slap slap e ancora slaaapp… il suono mi ha fatto guardare nello specchio del soffitto e vedere il mio culo rasato e il mio culo rosso.

Respira e rilassati, altrimenti non potrai lavorare… Ti mangerò, stronza…

pazza di desiderio con tutte le ciglia, bevve l’enorme bicchiere di vino e arrivò decisa

Ho detto, adesso cazzo…wow, è come per noi uomini quando l’eccitazione aumenta…nessuna pietà!!!

Ho visto le stelle e sono quasi arrivato…si è fermato dentro di me quando la sua gamba mi ha toccato la coscia, ho pensato…cazzo, era così? Wow, è pazzesco, stiamo quasi sbavando dall’eccitazione…

Lei ha detto: che bel culo, eh?

Riuscivo a malapena a rispondere… Stavo solo gemendo.

Dimmi se ti piace il cane

Gemevo dicendo fanculo amore, rendimi tuo

e non ha fatto quello che ci avevano chiesto e detto di vedere… quando è entrato questo vibratore tremava fortissimo ho pensato che stavo per svenire… quando è uscito ho sentito che ne avevo bisogno dentro di me

Il mio cazzo mi sbavava rumorosamente sull’ombelico e in quel momento stavo urlando il nome di mia moglie, chiedendole di urlare per dominarmi… di nuovo ho sentito… slaaap schiaffo adesso con le mani… ero abbandonato e mi sentivo un piacere a cui non avevo mai pensato. Cosa sarebbe possibile…quando si è tolto tutto mi ha guardato e ha detto con insistenza!

Altre storie erotiche  L'amore di Bethany, mia sorella (parte 5)

Fa freddo, voglio che tu senta la mia pelle, il mio calore.

Ho pensato, com’è questo? Non sapevo nemmeno più dove fossi, ragazzi.

Ha detto che te lo mostrerò

Ha guardato la mia carne già deverginata e ha detto… wow, sembra una fica… ha sorriso, contento del risultato!

Guarda il mio amore, senti il ​​mio calore… stringendomi le palle tra i limiti del dolore e del piacere, ha mostrato le sue dita che entrano ed escono, facendomi avere allucinazioni di desiderio…

Sentivo il suo calore e volevo di più… disse guardando la sua mano… wow, muoio dalla voglia di vedere se può…

Io, con le palle in mano, ho chiesto…

Quello?

Lei ha detto che! Ha messo le sue cinque dita nel mio anello aperto e ha detto… ora sento il tuo calore e tu sei mio.

Ho detto no amore… sei pazzo!

La mia voce non mi convinceva nemmeno… la eccitava e basta e con incredibile rapidità gli strappò la cintura e i pantaloni, li gettò via e disse:

molto meglio, ero nella deliziosa posizione del pollo arrosto… guardavo il soffitto pensando di non riuscire a trattenerlo… lui versò l’olio e con un’oscillazione persistente e forte la sua bella mano giapponese scomparve dentro di me. ..

Avevo le vene in evidenza sul collo… legato al tavolo, non ho mostrato nemmeno alcuna reazione…

Ha cominciato a toccarsi e ho sentito quella figa bagnata e lei gemeva, ansimando con forza incontrollata… solo il movimento avanti e indietro della sua mano era ritmato.

Ho visto che stavo per venire e ho detto… esplorami, cane, fottimi, ragazzo… dai, amore mio… dai…

ed è impazzita, ha camminato da una parte all’altra con la mano, è venuta come una matta e ho visto la scena più pazzesca della mia vita!

Sono venuto senza che lei mi toccasse… lo sperma mi copriva lo stomaco…

Ho perso le forze e lei era ancora dentro di me, mi ha tirato fuori dolcemente il pugno facendomi spasimare di desiderio… ha messo la sua bocca sul mio cazzo e io sono venuto con il resto…

Lei mi ha guardato e ha detto! Se sono il tuo cane, segnerò il territorio… pisciandole addosso, una pioggia dorata che la fece rabbrividire completamente.

Amici, che scena… una donna giapponese arrapata mi ha mangiato intero, mi ha stupito e mi ha segnato la pelle.

Erano già le 14:10… dovevo andare a casa

Abbiamo fatto una doccia insieme e ci siamo baciati… ho succhiato la figa intatta e ho finito per scopare davvero bene la mia ragazza.

Ci siamo cambiati e mi sono messa all’opera bruciando ciglia e unghie… ho cambiato le mie mutandine con della biancheria intima, mi sono guardata allo specchio e lei mi aveva rasato il culo e metà del culo… ho sorriso soddisfatto!

Era solo il mio primo mese di lavoro…

coccole

*Pubblicato da 47marrone sul sito climaxcontoseroticos.com il 29/06/17.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *