Storia erotica di corone – La mia matrigna

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Ciao, mi chiamo Fernando, sono alto 1,68 m, ho i capelli castani e gli occhi castani. Vi racconterò una storia di qualche anno fa, quando ancora avevo una relazione. Tutti i nomi sono fittizi.

Sono uscito per quasi due anni con una bellissima ragazza alta e bruna di nome Gabriela, ma al primo pranzo con i suoi genitori ho visto che sua madre era la vera bellezza della casa. Il suo seno pieno e le sue gambe forti erano evidenti nel vestito attillato che indossava, era nero e aveva un’enorme scollatura! Sono stato attratto da lei non appena l’ho vista e lei sapeva già cosa sarebbe successo.

Dopo un po’ sono andato a cercare Gabi a casa sua per prendere un succo in un nuovo ristorante, ho bussato alla porta e mi ha risposto sua madre, si chiamava Nicole e indossava dei pantaloni attillati e una maglietta un po’ bagnata dal Quando ho visto After After tutto questo, il mio cazzo ha cominciato a indurirsi, segnando i jeans che indossavo.

Mi ha invitato a bere un bicchiere d’acqua visto che Gabi era in ritardo per la scuola di inglese, poi mi ha chiesto di aiutarla a mettere i pesi da palestra (che erano nel seminterrato), siamo scesi insieme e quando ne ho preso uno. e mi sono alzata, aveva il culo in faccia, e ho scoperto che era senza mutandine, con i pantaloni che le segnavano i contorni! Avevo tanta paura che lasciai cadere i pesi, lei già mi guardava con quell’espressione del viso, passione proibita, e vedevo che giocava sempre di più al suo gioco.

Rimanendo in questa stessa posizione, lei si tolse lentamente i pantaloni, muovendosi sensualmente, io non ce la facevo più e le andai contro, ci sdraiammo per terra ed eravamo nudi, ci scambiammo baci appassionati, carezze e carezze amorose.

Altre storie erotiche  Jeni: Una sorella fantastica (parte 6)

Lei mi ha tolto i pantaloni e si è appoggiata al mio cazzo, vedendo che era già abbastanza duro e non aveva nemmeno bisogno di colpirlo, se lo è messo in bocca, prima solo la testa, leccandolo tutto, lasciandomi . Con ancora più entusiasmo! Poi ha iniziato a infilarsi tutto in bocca (il mio cazzo deve essere lungo 18 cm, e ne sono molto soddisfatto) è rimasto così finché non si è accorto che tremavo dall’eccitazione, poi si è tolto il cazzo dalla bocca e Mi ha baciato con la lingua, ero tutto bagnato, dalla bocca al collo, ma la sensazione era di massimo piacere, poi mi ha messo il preservativo e ha continuato con il culo rivolto verso di me, rotolandosi sopra. , il mio cazzo, ha urlato il mio nome e gemeva come mai prima, così l’ho messa a quattro zampe e ho iniziato a leccarla davvero, ho afferrato il suo letto e le ho detto quanto era delizioso nelle sue orecchie, siamo rimasti lì, tornando. e così via finché il mio cazzo non ha cominciato a crescere, stavo per venire, gli ho detto che ero vicino, poi lui si è tolto il preservativo e si è messo il mio cazzo in bocca, succhiando avidamente finché non ho liberato tutto quello che avevo dentro. Per me conteneva la maggior parte dello sperma, ma una parte le scorreva dagli angoli delle labbra, lungo il collo, o cadeva sui suoi meravigliosi seni, che avevo già succhiato tanto e con tanto piacere. Siamo andati ad una doccia che era lì vicino, mentre ci pulivamo mi sono inginocchiato e le ho succhiato la figa con grande entusiasmo, per lasciarla soddisfatta dopo aver fatto tutto per me, sono rimasto lì, con quell’odore femminile, e ancora leccavo e succhiavo e giocavo con le dita, le dita, ma lei mi seppelliva il viso con le mani, e rimanevamo così, finché non ha cominciato a tremare e a bagnarsi tutta, con il liquido che le colava lungo le gambe, prima l’ho pulita, poi mi sono alzata e le ho dato un bacio, ci siamo asciugati e abbiamo aspettato Gabi in cucina, quando è arrivata ho salutato Nicole e sono uscito di casa.

Altre storie erotiche  Sesso con il fattorino della pizza

Ricordo ancora Nicola!!!!

*Pubblicato da carioca1978 sul sito climaxcontoseroticos.com il 22/08/17.