Storia erotica di corone – Mi piacciono le donne mature 3.1

di | 5 de Luglio, 2024

Mi chiamo Luis Carlos, ho 39 anni, sono un artista marziale, insegnante di educazione fisica in una scuola federale, e oggi vi racconterò come sono finito con la madre del mio amico Glauber. . Questa avventura è accaduta quando ero all’università, all’età di 20 anni, in modo molto duro, prima che mi fidanzassi e sposassi Xênia, mia moglie.

La madre di Glauber lavora come segretaria in uno studio legale da almeno 24 anni ed è cresciuta in periferia, come me. È bravissima in quello che fa, ha anche aiutato mia madre con l’inventario della nostra casa quando mio padre è morto, e siamo sempre stati vicini. Glauber è mio amico da quando ci siamo conosciuti. Ovviamente non siamo cresciuti nello stesso quartiere, ma abbiamo frequentato la stessa scuola per anni, e io sono cresciuto durante la seconda metà delle scuole elementari e tutte le superiori andando a casa l’uno dell’altro.

All’università ho conosciuto Xênia. Ragazza di famiglia, molto gentile, bella e con il talento della sua lingua sono riuscita a trovare un posto speciale nel suo cuore. Ci siamo conosciuti attraverso una materia comune, la fisiologia, e lei ed io abbiamo studiato i moduli I e II, e durante questo periodo ci siamo avvicinati e poco a poco le ho dimostrato che le mie intenzioni non erano cattive. Facevano festa, perché lì le persone che studiano educazione fisica non hanno una buona reputazione. Le classi iniziano piene di studenti, molti dei quali sono semplicemente figli di papà che vanno al college solo per laurearsi. Il corso non viene preso molto sul serio. E all’inizio è facile lasciarsi distrarre dalle feste e dalle donne. E siccome i miei soldi venivano contati andando e venendo, non erano allo stesso livello dei loro, per arrivare dove sono ho raccolto centesimo per centesimo. Ed era diverso per lei vedermi in un modo speciale. I miei voti sono molto buoni e in fisiologia ero uno dei migliori della classe.

Finimmo per scambiarci i numeri, visto che eravamo in gruppi seminariali congiunti, e in quel periodo colsi l’occasione per rivelargli che le mie caratteristiche non erano solo un fisico ipertrofico e un talento per le arti marziali. Un giorno gli ho chiesto di uscire e lui ha rifiutato. Ha detto che non aveva tempo. Gli ho offerto un altro incontro, non ha parlato. Dopo aver insistito e dimostrato che non ero un tipo da Friendzone, ha accettato. Nonostante la nostra differenza di classe, gli piacevo. Ciò attirò l’attenzione dei genitori che volevano anche sapere perché la loro figlia sospirava e sussurrava per tutta la casa quando l’ho chiamata, e finalmente abbiamo ufficializzato la nostra relazione.

La passione è molto forte e molte volte abbiamo dovuto spegnere il fuoco quando mi mandava a casa per non perdere il segnale. È il tipo di ragazza che vuole prima sposarsi e poi farlo. Da un lato la trovo una cosa fantastica, e anche se i miei colleghi mi hanno detto di non fidarmi, perché deve essere una brava donna (per Glauber è stata anche sfortuna), io la difendo comunque davanti a lui e agli altri. Ma Xênia, amico, era molto affettuosa, molto romantica, non veniva dalla strada, non era una festaiola, non avrei rischiato di perdere a causa del male nella mente degli altri. D’altra parte, morivo dalla voglia di scopare. Non ero ancora andata a letto con nessuno.

Dovevo sempre liberarmi masturbandomi, quando eravamo soli, e l’atmosfera si surriscaldava, e lei adorava sentire il mio membro colossale sfregare contro il suo sedere. Adorava ascoltare cose sporche, come vorrei renderla la donna più esperta del mondo, a letto. L’unica cosa che potevamo fare era toccarci. Ma niente, niente fino alla fine. Voleva che tutto fosse perfetto.

Glauber mi prendeva molto in giro, ma riconosceva che non dovevo permettermi di comportarmi da idiota e di perdere una figlia perfetta. La signora Gleice, che è sua madre, ci ha sempre dato molti consigli. Glauber non aveva limiti, soprattutto perché a causa della sua condizione poteva mangiare chi voleva. Lui è un uomo bruno, dal fisico atletico definito, qualche mese più grande di me, anche lui 20 anni, suo padre è un agente di polizia civile, investigatore. Pensa a un uomo che ha pochi amici e non gli piace averli a casa. Ero un’eccezione, perché non facevo parte della folla della festa. Mi ha sempre consigliato di fare l’esame da funzionario pubblico, non ho mai voluto entrare in questa merda di sicurezza, no. Lui insisteva, perché ero grosso, ero alto, lottavo e avevo diversi contatti che mi indirizzavano dove volevo, anche nella sicurezza privata.

Glauber decide di seguire la strada di suo padre. Stava studiando legge per entrare presto nella polizia federale. Ne è capace. Ma era sempre pazzo. Gleice mi amava perché era sempre più tranquilla e spesso mi dava tanti consigli su come non impazzire con una donna come suo figlio.

Anche Gilmar, il padre di Glauber, a giudicare dai frutti, non stava bene. Ha raccontato alcune storie, a parte Gleice ovviamente, sulla figlia di un superiore che lui prendeva in giro e prendeva in giro e le ragazze adoravano fare cose sporche. È stato Gleice a tirare fuori Gilmar da questa vita folle. Un uomo che, oltre ad essere un donnaiolo, era anche molto sanguinario. Quel tizio aveva così tante armi, così tante armi, che le ha scambiate con automobili, ha sviluppato un terreno, ha costruito una casa, l’ha affittata, Glauber aveva già una casa, amico. Ha preso le mine e le ha rintracciate senza pietà. Mi ha anche detto che se avessi avuto bisogno di godermi Xênia in un posto fresco, avrebbe potuto darmi la chiave di una casa con piscina e potremmo andare lì. Solo il cibo era per me. Tale era l’intimità e la fiducia che abbiamo costruito nel tempo.

Altre storie erotiche  Mi sono prostituita a casa - storie erotiche

C’è stato un giorno in cui mi ha affidato uno scalo top secret. Quando eravamo più piccoli, mentre sistemavamo le cose nella camera dei nostri genitori, trovammo tra gli effetti personali del vecchio una borsa della Polizia Civile, una serie di materiali video su DVD, che secondo il padre erano stati raccolti durante vecchi sopralluoghi. Per curiosità, ha preso uno dei video e lo ha portato nella sua stanza, nascosto, per guardarlo. Nessuna vecchia assurdità di ricerca, gente. Erano tutti video porno, e davvero brutti. Feste tra colleghi dove c’erano barbecue, musica ad alto volume e follia per tutti i presenti. Orgia dura. Eravamo chiusi nella stanza di Glauber, guardavamo l’intera orgia, e poi ho chiesto di vedere, sai, uno di loro. C’erano più di 20 DVD contenenti materiale sporco (a parte le cassette VHS) e, a quel punto, Glauber non lo aveva nemmeno visto tutto. Ma ne ho scelto uno e l’ho portato a casa. Avevamo 18 anni allora e avere accesso a questi materiali non era così facile come oggi, quando apri Internet e ci sono Xvideos e tutto il resto.

Un ragazzo della nostra età, per procurarsi materiale del genere, doveva noleggiarlo e poi trovare il modo di copiarlo. Venivo dall’era del VHS, dannazione, quando c’era questo dispositivo nell’angolo della cassetta che si rompevano in modo che nessuno potesse copiarlo. Ma ha funzionato tutto, ho messo del nastro adesivo e roba del genere. Nemmeno il personale della compagnia di noleggio lo sapeva. E Seu Gilmar aveva un sacco di questi video nella borsa della polizia, amico! Merda, poi abbiamo trovato una fottuta miniera d’oro! Alla fine ho assistito a un pestaggio. C’erano più di 20 VHS sui DVD, quindi non è nemmeno menzionato.

Quando sono andato a restituire il DVD che avevo ricevuto, la signora Gleice era lì. Ha anche chiesto cosa fosse. Ho detto che l’ho affittato. Quando è uscita in cortile per fermarsi, sono corsa nella sua stanza e ho messo il DVD nella borsa di Gilmar. Poi ho preso una cassetta VHS, molto vecchia, era impolverata (all’epoca avevo anche un videoregistratore a 7 testine) e l’ho messa nella borsa e l’ho nascosta perché Gleice non impazzisse. Nemmeno Glauber era a casa. Lo stavo aspettando. Avevo paura di essere scoperto, perché avevo accesso a qualcosa e, accidenti, se fossi stato scoperto, non ci avrei più messo piede. Ho detto alla signora Gleice che sarei andato al negozio di noleggio per restituire l’attrezzatura e poi sarei tornato a Glauber. Lei ha insistito per restare, ma il nervosismo e la paura erano tali che me ne sono andato subito. Non si è nemmeno accorto che avevo il nastro adesivo sui pantaloncini, che erano coperti dalla maglietta che indossavo. Quando sono arrivato in camera da letto, ho chiuso a chiave la porta e ho abbassato il volume perché mia madre era a casa.

Cavolo, sono rimasto sbalordito quando ci ho giocato: erano i suoi genitori! Dannazione, il mio cuore ha perso un battito quando ho visto che la signora Gleice era una donna meravigliosa! E lei indossava una camicia da notte rossa, in un posto molto sexy (era sicuramente un motel) e ballava al ritmo di una musica erotica tipica di un film per adulti. Quel corpo snello da mulatto, quelle tette giovani e sode… accidenti, quella bocca che scivola su e giù per il cazzo di Gilmar, guardando direttamente la telecamera! “Come possiamo lasciare qualcosa di così intimo per niente, con il rischio che la gente lo scopra!?” mi sono detto. Conoscendo la signora Gleice, scommetto che questo doveva essere rimosso. E se scoperto, questo contenuto lo sarà sicuramente rimuovere. Figlio di puttana, che donna meravigliosa.

Da quel giorno Xênia ha smesso di essere la mia ossessione. Non riuscivo a smettere di pensare a questa donna e ho iniziato a pensare a cosa avrebbe potuto insegnarmi per impressionare Xênia. Mi sono ritrovato a pensare a Gleice. Ho visto che Gleice, giovane, spudorata, si è donata completamente al mio giovane e ancora sconosciuto potere. Ne avevo bisogno. Volevo possederlo!

Ma come realizzare questa meraviglia!? Non poteva farlo con Glauber in procinto di tornare a casa, tanto meno con Gilmar. L’unico modo sarebbe trovare il giorno in cui fossi solo.

Non è stato difficile. Glauber avrebbe avuto lezione giovedì pomeriggio e venerdì mattina Gleice sarebbe stato ancora a casa. Gilmar fa il turno, devo solo sapere quando uscirà. Quel giorno avrei dovuto saltare le lezioni e per questo avrei dovuto avere la connessione adeguata per poter prendere il materiale. Con ogni momento che passava, cresceva l’ansia di averla da sola e di poterla affrontare in video e poi di avere la mia possibilità.

Quando è arrivato venerdì ho chiamato Glauber e lui stava già uscendo per andare al lavoro. E poi, senza pretese, ho chiesto come stavano Gilmar e sua madre. La sua risposta mi ha fatto sorridere da un orecchio all’altro. Preparai tutto e aspettai che Glauber uscisse di casa, e quando sentii che era già lontano, me ne andai senza preoccupazioni.

Il sole era già alto e forte. Ottimo per una spiaggia. Ho suonato il campanello e Gleice ha impiegato un minuto per venire a rispondere. Ha messo la chiave nella porta e ha chiesto chi fosse. Riconoscendo la mia voce, mi salutò con uno sguardo curioso. E ha semplicemente messo la testa fuori dalla porta.

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale - Tavern Tales (05): Dupla Traião

Gleice: Perché non sei all’università, Luis!?

Io: Mi dispiace solo per l’inconveniente, signor Gleice, è solo che…

Gleice: È imbarazzante, Luis!? Sei da casa! Ma ti mancano le lezioni, vero? Glauber, come sai, ha una giornata impegnativa. Siete d’accordo su qualcosa!?

Io: Ciò che ho concordato era con me stesso. Avevo bisogno di venire qui e parlarti.

Gleice: Adesso sono preoccupato, Luis! È molto serio!?

Io: Se mi permetti di entrare per spiegarti meglio, ok! Non funzionerà qui per strada.

Era riluttante, ma mi ha permesso di entrare. Era in accappatoio e in giardino c’era una sedia per sdraiarsi e… oh, si sarebbe abbronzato domattina! Wow, questo non potrebbe essere un momento migliore!

Gleice: Sto bene Luis, vado a cambiarmi i vestiti e…

Io (gli prese la mano): Se vuoi, torno più tardi. Non è niente di grave. Sono venuto solo per chiedere un consiglio. E considerando quello che indossi, è davvero una bellissima giornata!

Gleice: Ah, ih ih ih ih, stavo pensando di prendere il sole, mi sento un po’ pallido, visto che hai una carnagione così bella!

Io: Non credo che ci possa essere un momento migliore per farlo! Se vuoi, posso aiutarti ad applicare la protezione solare!

Gleice: Ehi, Luís, non sono mai stata in bikini davanti a un altro uomo!

Io: D. Gleice: non voglio sembrare invadente. Sono arrivato a un punto in cui mi sento davvero come se fossi sulla strada e…

Gleice: Non vergognarti! Sono già una signora, vero? Cosa immagineresti se mi vedessi in costume da bagno?

Io: Penso semplicemente che quello che facciamo dentro casa, se non è illegale, non è affare di nessuno. Vedo solo una bella donna, nella piena maturità della vita, che vuole godere del dono della vita, quindi…

Gleice: Mi dai fiducia, Luis! Ok, sono un po’ imbarazzato, ma… non notarlo, ok?

Quando si è tolta la vestaglia, ho dovuto nasconderla in modo che non si accorgesse dell’erezione pulsante nei miei pantaloncini. Accidenti, che bella mulatta. Naturalmente ci sono già i segni dei tempi. Il seno non è più sodo come lo vedevo nel video, ma cavolo: è più pieno di quando ero più giovane!

Corpo slanciato, pancia negativa, gambe sottili, glutei ben proporzionati alle misure corporee. E i capelli, quando sono sciolti… mannaggia! Se fossi Gilmar, scoperei questa donna, la scoperei ogni giorno!

Io: Se nel 5.0 trasudi così tanta bellezza, non voglio nemmeno immaginartelo ai tuoi tempi d’oro!

Gleice: Grazie, sei molto gentiluomo. Potete aiutarmi ad applicare la protezione solare? Luis? Cos’era? C’è qualcosa di sbagliato!?

Io: N-no, mi sono distratto. Ah, il protettore! Chiaro!

Dopo aver finito di applicare la crema solare e quando la pelle di Gleice risplendeva come l’ebano sotto i forti raggi del sole, mi chiese:

Gleice: Di cosa vuoi parlare!?

Io: Signora Gleice, la questione è un po’ personale, vorrei chiederle di non dirlo a nessuno. Neppure con Glauber.

Gleice: Ha qualcosa a che fare con…?

Io: Non si tratta di lui, si tratta di me. E Xenia. Sai, sono pazzo di questa ragazza. Lei è una di quelle ragazze con cui non ti sembra che il tempo passi, le parli di tutto e di niente, è come se fosse fatta per la vita!

Gleice: Oh quanto è bello, Luís! Uno come te dice cose del genere, alla tua età! Vorrei poter tornare indietro ai miei 20 anni e trovare un ragazzo come te!

Ringrazio. Ma c’è un piccolo problema.

Gleice: Un piccolo problema… cosa manca perché questo rapporto sia perfetto?

Io: Lo sa, signora Gleice. È solo che sono ancora vergine. Ed è una ragazza spettacolare. Volevo che fosse qualcosa di perfetto per lei, ho già immaginato mille situazioni, ma neanche lei mi rende le cose facili.

Gleice: Capito. Penso di sapere esattamente cosa stai passando. Siete pazzi di lei, siete entrambi inesperti, ma lei vuole aspettare il momento giusto.

Perfetto. Ora tocca a te essere il gentiluomo che le permette di decidere liberamente come e quando è pronta.

Io: Tipo, disse in quel momento.

Gleice: Allora qual è il problema!? Aspettando?

Io: Mettiti gli anelli!

Gleice: Oh mio Dio! Una strana ragazza! Buona fortuna, Luis!

Io: Beh, posso essere onesto con te? Non credo. Sarò fortunato se non sarò l’unico in un gruppo di persone che hanno già perso la verginità e se sarò con una ragazza che va oltre l’ordinario. Non volevo che fosse così. Tuo figlio mi prende in giro perché faccio così. Tutti mi chiedono se ho mai perso. Si scopre che non lo voglio più! Non volevo iniziare una relazione più seria senza sapere cosa avevano già passato tutti gli altri.

Gleice: capisco. Non penso che tu abbia davvero scelta in questo caso. Ascolta, nessuno ha niente a che fare con la tua vita o con quella della tua principessa. Lei pensa che tu sia perfetto. Pensi che sia perfetta. Iniziare una vita sessuale non è affatto positivo, Luís. Se la costringi, corri il rischio di traumatizzarla, e il momento che attende è quello di donarsi all’unico uomo che, senza molto altro, è diventato il cavaliere che la prenderà come regina. Questa purezza è così buona! Vorrei poter tornare indietro di qualche anno e sperimentare questa purezza solo con qualcuno come… te. Ma a quanto pare non posso fare nulla. fare in questo caso. La soluzione è aspettare il momento giusto.

Altre storie erotiche  Storia erotica diretta - Scopri me stesso

Io: Sono venuto qui perché ero sicuro che potevi aiutarmi.

Gleice: A cosa stai pensando, Luis?

Io: D. Gleice. Posso ben aspettare il momento di Xênia. È solo che non voglio più essere vergine.

Gleice: E?

Io: Sei perfetto per aiutarmi. È la donna più intelligente con cui abbia mai parlato. E più sensato nelle parole che dice, con tanta fermezza e, allo stesso tempo, tanta tenerezza.

Gleice: Grazie Luis! Guarda, così mi sbilancio con tante parole lusinghiere, sai davvero come accontentare una ragazza!

Io: Questo perché in realtà, signora Gleice, stare con te è molto stimolante, e ho pensato…

Gleice: Ragazzioooo, vuoi mettermi in imbarazzo, vero!?

Mi mancava qualcosa per essere diretto, non potevo dire quello che volevo, ma vedendo il modo in cui reagiva con le parole mi sembrava di flirtare. Le massaggiò qualcosa dentro. Non dovevo preoccuparmi. Ma…

Io: Sai, Gleice, volevo davvero imparare a sorprendere la mia principessa, imparando da una regina come te. Per questo ti chiedo: insegnami tutto quello che devo sapere sull’amore!

Gleice: Cosa!? Questo è quello che penso!?

Io: Ho pensato molto a chiederti, Gleice, pensa per me: pensi che una donna come te non rovini l’immaginazione di nessun uomo!? O qualunque ragazzo come me!?

Gleice: Non lo sento – si è tolto anche gli occhiali da sole per guardarmi bene – Luis, in tutti questi anni non avrei mai immaginato che un giovane della tua età avesse così tanto coraggio. O sei un eroe o sei un grande sciocco! Sono sposato, ragazzo! Il tuo amico è mio figlio! E anche se lo sai, tu…

Io: Pur sapendo questo, ho rischiato di venire qui per raccontare qualcosa di molto personale a qualcuno che ha ricevuto un uomo, senza la presenza del marito e del figlio a casa, e che si è sentito toccato dalle parole che ho appena detto. Dire.

Gleice: Non so dove vuoi arrivare, ragazzo!

Io: Dimmi: non avrei una possibilità con te!? Neanche una volta?

Gleice: Prenderò la chiave e ti chiederò di uscire di qui, non sei sano di mente. Ti capisco perfettamente, amore mio, ma è pazzesco! Farò finta che non abbiamo avuto questa conversazione, non lo dirò nemmeno a tua madre, nemmeno la tua ragazza ha bisogno di saperlo. Ritorna in te.

Io: Apprezzo tutto quello che cerchi di fare per me. Potresti urlare, colpirmi ed essere comunque una regina per me. Ma io sono così proprio perché so che non solo sei bella, ma sai anche soddisfare un uomo.

Gleice: Attento a quello che dici, ragazzo! Come fai a sapere che è così che soddisfare un uomo?

Io (ho tirato fuori dallo zaino la vecchia VHS): per lei!

In quel momento, gli occhi di Gleice si spalancarono come se l’intero film tornasse a perseguitarla nel presente. Il suo respiro si accelerò. Le mie labbra erano secche. Nei suoi occhi brillava un misto di terrore e odio.

Gleice (cercando di togliermi il nastro, senza successo): Come è arrivato nelle tue mani, Luis? Esigo una spiegazione!

Io: Semplice. Neppure Glauber lo sa. È stato in un momento in cui non eri assente che ho trovato questo tra gli effetti personali del signor Gilmar, sai!? Ce ne sono tanti, ma questo è quello che mi è piaciuto di più. Tu, divina, con questa bocca meravigliosa. Non riesco a smettere di pensare a lei per un solo secondo! Volevo sentire quelle labbra sulle mie e su tutto il corpo!

Gleice: Ha più di 20 anni. È stato pazzesco da parte di mio marito. Non avevi alcun diritto. Luís, per favore dammelo, se l’hai già visto, se sai già tutto, nessuno saprà che ce l’hai.

Lo prese dalla mia mano e tirò fuori il rotolo, distruggendo tutto il materiale. Ha preso un martello dalle cose di suo marito e ha rotto il vecchio nastro. Lo gettò in un barattolo e mi mostrò la via d’uscita di casa.

Gleice: Ora vattene di qui!

Io: Hehehehehe… no!

Gleice: Luis, esci prima da qui… Menti!

Gli ho puntato lo schermo, mostrando tutto il materiale scansionato.

Io: Cosa succederebbe se buttassi tutto questo su Internet!? EHI!?

Gleice (con le lacrime agli occhi): perché io? Sono interessato !

Io: Per tutto quello che sei. Una donna bellissima che nella sua maturità risveglia il desiderio in ogni uomo.

Gleice: Non tradirò Gilmar.

Io: Fanculo o finirà su internet, e poi verrà rimosso, chissà dove andrà a finire!

Gleice: Posso farti smettere!

STATI UNITI D’AMERICA‰!? La spedizione!

Gleice: Potrebbe essere solo una sega!?

Io: Lo vuoi anche tu, lo so!

Gleice: Non sfidare la fortuna, ragazzo!

Io: Voglio un pompino come quello che gli hai fatto! Non è un tradimento.

Gleice (sospira): Va bene. Solo un pompino. Andiamo in camera da letto. Resterò vestito, almeno lo stesso!

Io: Ti amo così come sei venuto al mondo!

Gleice: Non esagerare, ragazzo! Resterò in bikini!

Io: in topless!

Ha accettato, imponendo la condizione di mantenere il fondo. E lentamente salì le scale, guardando l’imponente volume, nascosto dietro la stoffa dei miei pantaloncini.

È continuato…

*Pubblicato da LukeBlack sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *