Storia erotica di gruppo – Apertura dell’altalena

di | 15 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Quando ho ereditato questa vecchia dimora, in quel momento non sapevo cosa fare. Si sviluppa su due piani, con due camere da letto al piano terra – una grande e una un po’ più piccola -, due bagni, una grande cucina e un patio con alberi ombrosi. Al piano superiore ci sono quattro camere da letto di medie dimensioni e. Altri due bagni sociali. La facciata del palazzo si affaccia direttamente sul marciapiede e si trova su una strada dominata dal commercio durante il giorno, tuttavia di notte la strada muore completamente, non c’è anima viva in vista. soldi risparmiati, e un’altra cosa che avevo risparmiato in quel momento era un immenso desiderio di andare in uno swing club, ma in questa città arretrata l’idea è nata in un batter d’occhio e, come se fossi in una situazione finanziaria comoda, ci ho provato . Potrei rischiare questi soldi senza grandi conseguenze.

La ristrutturazione è durata circa 2 mesi e, alla fine, l’impianto idraulico e l’impianto elettrico del luogo sono stati modificati; La struttura ed i dettagli architettonici che hanno segnato la storia di questo immobile sono stati restaurati; Abbiamo dipinto alcune pareti di rosso scuro e su altre abbiamo applicato una carta da parati strutturata dello stesso colore; abbiamo coperto tutte le finestre che davano sulla strada; installiamo l’aria condizionata, l’illuminazione e l’impianto audio negli ambienti interni; Abbiamo ristrutturato i pavimenti e ammodernato i bagni e la cucina. Per i soggiorni ho acquistato divani ampi e comodi, con tessuti che permettono una pulizia rapida ed efficace, così che le persone possano sedersi o sdraiarsi per scambiarsi carezze. La cucina è stata trasformata in un bar, completo di bancone e sedie per chi preferiva restare lì a bere qualcosa. Nel giardino ho tenuto gli alberi perché volevo usarli per creare un’atmosfera oscura, misteriosa e invitante al bacio. Per le camere da letto ho scelto letti matrimoniali con testiera a doghe – pensando ai bellissimi giochi che offrono a chi ama stare legato – e dondoli fissati al soffitto, che ho sempre voluto provare. Avevo amici con persone che ricoprivano incarichi importanti nel consiglio comunale e niente come un buon cameratismo (sapersi bagnare le mani) e libero accesso al mio locale per garantirne il pieno funzionamento senza sorveglianza sanitaria e altri enti locali che mi inseguissero. Questi contatti sono stati fondamentali anche per la promozione del luogo. Vivendo in una città monotona, questi ricchi devono essersi stufati di non avere molti modi per spendere i propri soldi, e sapere che ora ci sarebbe stato un posto esclusivo per brave troie deve essere stata una vera sorpresa.

Ho assunto un barista per servire bevande e snack, un DJ per garantire che ci fosse sempre musica piacevole e una guardia di sicurezza per garantire che i clienti fossero maggiorenni e potessero perquisire uomini e donne, perché non volevo che arrivasse nessuno con il cellulare per evitare di registrare possibili scandali. Cercavo anche prostitute, avevo paura di trovare uomini solo il giorno dell’inaugurazione. Ne avevo tre e ho chiesto loro di essere eleganti. L’inaugurazione sarebbe avvenuta un sabato alle 23:00 e come proprietaria doveva apparire sexy per garantire almeno soddisfazione visiva e prestigio ai suoi clienti. Ho scelto un abito di velluto nero, con spalline larghe, aderente al corpo e lungo fino alle ginocchia. Aveva una scollatura più discreta davanti e una molto generosa dietro, creando un bel contrasto con la mia pelle chiara. Ho optato per sandali dal tacco alto, con sottili listini color nude, e un rossetto rosso acceso sulle labbra per attirare l’attenzione desiderata. Legavo i miei capelli castano scuro in un’elegante coda di cavallo e adornavo le mie orecchie con delicati orecchini di diamanti e il mio collo con un girocollo in argento con un pendente a goccia di rubino che avevo ricevuto da mia nonna quando avevo 18 anni.

Tre ore prima dell’apertura, ho controllato con ansia ogni dettaglio: la temperatura del congelatore, le luci della stanza impostate per cambiare colore ogni 20 minuti, se c’erano abbastanza preservativi da comprare, se c’era un bidone della spazzatura in ogni zona, se la temperatura la stanza era bella, se il sistema audio funzionava perfettamente. Tuttavia, ho avuto molto aiuto da parte del personale, sono stati attenti e hanno cercato di calmarmi il più possibile. Mancava circa un’ora all’apertura, ho fatto una doccia veloce, mi sono vestita, mi sono truccata e ho messo il profumo. Ho chiesto alle ragazze di arrivare poco a poco, dopo le 23, affinché quelle che già erano lì si entusiasmassero di più per la crescente presenza femminile.

Altre storie erotiche  Storia erotica etero - Il mio nuovo collega colorato

Alle 23:10 arriva un bel giovane dalla pelle scura, alto circa 1,75 m, snello e con muscoli leggermente definiti. Ha pagato il biglietto d’ingresso, è stato perquisito dalla guardia e io l’ho accompagnato per fargli fare un giro. Sollevato nel vedere che era il primo ad arrivare, mi ringraziò per la mia attenzione con un bacio sulla guancia e si sedette al bancone per ordinare da bere. Eccitato dall’arrivo del primo cliente, mi sono incamminato verso l’ingresso e ho visto una coppia avvicinarsi. Era una bella bionda, doveva avere circa vent’anni, accompagnata da un signore ben vestito. Ho spiegato come funzionava il tutto, che sarebbero stati perquisiti e li ho accompagnati al bar. La ragazza, profumatissima, mi abbracciò ringraziandomi per la mia attenzione mentre il vecchio mi accarezzava il sedere. Questo mi ha disorientato un po’ e le mie mutandine hanno cominciato a bagnarsi. Pochi minuti dopo arrivò la prima delle prostitute. Era vestita molto bene e l’ho ringraziata per essere venuta, dicendole che poteva sentirsi libera. Verso mezzanotte e mezza erano presenti 3 coppie, altre 4 donne oltre alle 3 prostitute che aveva assoldato e altri 6 uomini, per un totale di 19 persone. Per un posto così tranquillo, sono rimasto un po’ sorpreso, pensavo che la gente sarebbe stata inibita al momento di presentarsi lì. La musica ravvivava l’atmosfera e la gente beveva e parlava, scambiandosi abbracci, mentre gli altri ballavano. Ho chiesto alla guardia di sicurezza di salutare e avvisare le persone che stavano ancora arrivando e sono entrato per divertirmi.

Ho ordinato una birra fresca e mi sono seduto per riposare i piedi quando una coppia si è avvicinata. Entrambi avevano la pelle scura. L’uomo doveva avere circa 35 anni mentre lei circa 28. Lei era magra, alta e indossava un abito scuro lungo fino alla coscia e sandali col tacco alto. Era alto, calvo e indossava abiti formali che si adattavano molto bene al suo corpo tonico senza essere esagerati. Entrambi avevano dei bellissimi lineamenti e indossavano dei buoni profumi, che mi piacevano molto. Mi hanno salutato e hanno commentato quanto fosse accogliente il posto. Li ho ringraziati, ho chiesto se si sentivano a loro agio e se potevo fare qualcosa. Mi prese dolcemente la mano e mi disse che mi trovava molto bella e che le sarebbe piaciuto conoscermi meglio. Il suo partner ha acconsentito con un sorriso da troia sul viso mentre mi accarezzava leggermente la spalla. Il barista, che stava guardando, cominciò a sudare freddo, mostrando notevole nervosismo. Le attività stavano davvero iniziando e lui doveva riprendersi.

Mi sono alzato e ho invitato la coppia a vedere il retro della casa. La temperatura fuori era gradevole e la luna nuova illuminava debolmente il cielo, lasciando il luogo completamente buio. Non c’erano ostacoli sul terreno e, con qualche difficoltà, si riusciva a distinguere la sagoma degli alberi. Ho camminato avanti tenendo la mano della ragazza, che a sua volta ha preso quella del suo compagno, fino a raggiungere un divanetto che faceva parte della casa fin dalla mia infanzia. Si sono seduti per primi, lasciandomi uno spazio in mezzo. Appena mi sono sentita a mio agio, ha subito messo le mani sulle mie ginocchia, accarezzandomi e muovendo le dita tra le mie cosce. L’ho baciata sulla bocca, la sua lingua era bagnata, calda e sapeva di caramella alla ciliegia. Mise il braccio dietro le mie spalle e mi leccò le orecchie e il collo mentre con l’altra mano mi massaggiava il seno. Stavamo già ansimando e le mie mutandine cominciavano a bagnarsi. Approfittai della comodità del vestito corto che indossava e portai le mie mani sulla sua vagina calda e gonfia. Ho cominciato ad accarezzarla e l’aria si è fatta più densa con fluidi di ogni tipo rilasciati man mano che il nostro desiderio aumentava. Il ragazzo si sbottonò camicia e pantaloni, tirando fuori il cazzo, e appena lo toccai mi resi conto che era un cazzo grosso e grosso, che mi fece subito venire l’acquolina in bocca. Si alzò dalla panchina e si mise di fronte a noi, offrendoci il suo pene perché lo succhiassimo. Ho afferrato e succhiato più che potevo (quel cazzo mi entrava a malapena in bocca) mentre la donna infilava le dita nella mia figa completamente bagnata. Ero arrapato e lei mi stava preparando a ricevere il grosso cazzo del suo ragazzo. Appena si è allontanato gli ho chiesto di alzarsi e allontanarsi da me. Obbedendo alla mia richiesta, le ho inarcato la schiena, le ho sollevato il vestito e le ho abbassato le mutandine, lasciando scoperto il suo delizioso culo. Ho assaggiato la sua figa e il suo culo mentre faceva un pompino al suo ragazzo. Ci ha chiesto se volevamo andare in camera e Abbiamo concordato. Ci siamo sistemati i vestiti e quando siamo usciti da quell’angolo ci siamo accorti che c’erano persone entusiaste delle nostre attività.

Quando rientrammo, con la luce interna fioca, era possibile vedere le persone sedute sul divano che si toccavano. Gemiti e mormorii si mescolavano alla musica e l’odore del sesso era già nell’aria. Salimmo le scale e due stanze erano occupate, altre due non erano ancora occupate. Ne scegliamo uno ed entriamo. Mi sono tolta il vestito, lasciandomi solo in mutandine, le ho tolto tutti i vestiti e le ho chiesto di sdraiarsi sul letto. Intanto, senza perdere tempo, la ragazza era già completamente nuda. Mi sono accovacciato sul corpo nudo di quest’uomo e gli ho succhiato ancora un po’ il cazzo e, spingendo da parte le mie mutandine, ho ricevuto il cunnilingus dalla bella ragazza. Non appena ha raggiunto il posto dove si trovava il suo ragazzo, le ho tolto le mutandine e le ho allargato le gambe, accarezzando la sua bella figa tornita. Le mie mani stringevano i suoi seni sodi, di media grandezza, con capezzoli grandi e definiti e, sempre più estasiati da tutto, i nostri corpi cominciavano a sudare. Mentre succhiavo la deliziosa bruna, il ragazzo si è posizionato proprio dietro di me, masturbandosi, toccandomi la figa con il suo cazzo, forzando leggermente l’entrata. La testa è entrata poco a poco e, spingendo sempre più forte, sono stata completamente invasa da questo grosso cazzo. Soffrivo un po’, non facevo sesso da circa due mesi, ma avevo una tale fissazione per essere scopata da un cazzo, quindi solo immaginare lo stato della mia figa allungata in quel modo mi faceva venire velocemente. Mi ha dato un pugno e io ho gemito forte, afferrando il seno della donna di fronte a me. Ho provato a succhiarlo, ma ho perso il controllo e volevo urlare mentre spingeva più forte. Ha tirato fuori il suo cazzo dalla mia figa e me lo ha messo in bocca in modo che potessi restare fermo per un minuto, e io l’ho succhiato mentre facevo delle spinte. Mi ha dato un orale e con il pollice mi ha invaso il culo, che era già lubrificato con liquido vaginale. Ho subito immaginato che sarei stato fregato.

Altre storie erotiche  Racconto erotico diretto - Karina. Un bellissimo nero che mi fa impazzire

Si alzò e mi chiese di sedermi sull’altalena. Mi ha sistemato e mi ha allargato le gambe, martellandomi di nuovo la figa mentre la sua ragazza si toccava mentre ci guardava entrambi. Lui si è allungato e mi ha baciato violentemente (volevo essere la puttanella di questo meraviglioso uomo, ho pensato) e, masturbandomi mentre venivo scopata, sono venuta più volte di seguito. L’uomo era una macchina per flirtare e ha chiamato la sua ragazza sull’altalena e mi ha chiesto di riposare. Deliziosamente divorato da lui, i suoi forti gemiti riempivano la stanza mentre sembravo incantato da questa scena. La mia figa pulsava, ma non riuscivo a smettere di masturbarmi mentre guardavo questi due. La scopata intensa gli ha fatto anche raggiungere l’orgasmo e lui, mostrando già segni di stanchezza, si è sdraiato sul letto ordinandomi di cavalcare sul suo cazzo. Adoro fare il culo e morivo dalla voglia di sentire quella verga nella mia vagina, ma mi sono spaventata un po’ e gli ho chiesto di lasciarmi sedermi lentamente, al mio ritmo. Tenendo il bastoncino per non farlo scappare, inserisco lentamente il glande. Abituandomi alla sensazione del buco che si apre, l’ho lasciato entrare ancora un po’ man mano che prendevo più sicurezza, finché finalmente mi sono seduto sul cazzo intero e, con le gambe che tremavano, sono rimasto fermo finché non mi sono abituato al fatto che il mio culo fosse aperto . . Mi sono ripreso e poco a poco ho iniziato un discreto avanti e indietro, godendomi la sensazione di un cazzo così grosso e grosso che mi inculava. Era rilassato, godendosi la comoda posizione in cui si trovava, mentre la mia figa pulsava e zampillava per tanta eccitazione. La donna salì sul letto e si mise di fronte a me con le gambe divaricate contro il corpo del suo ragazzo e, massaggiandomi la figa sul viso, mi ordinò di succhiarla. La mano del ragazzo stava lavorando sul mio clitoride mentre io cavalcavo quel cazzo e succhiavo la figa della sua ragazza. Quando ho sentito il suo cazzo allargarsi ancora di più e diventare duro come la roccia, allungandomi ancora di più il culo, sono tornato indietro. Era venuto dentro e io, esausto per essere stato scopato così tanto, sono finito su di lui, lasciando il suo cazzo ancora nel mio buco finché non si è ammorbidito. Ha provato a baciarmi sulla bocca, soddisfatta della situazione, ma in quel momento ero così stanca che mi è stato difficile non addormentarmi. Appena mi sono accorto che si era afflosciato, mi sono alzato lentamente per non fare confusione e ho preso delle salviette di carta per pulirci. Il suo cazzo era coperto di sperma. Felice di essere stato scopato così, mi sono sdraiato accanto a noi due e ci siamo rilassati finché non ci siamo addormentati.

Altre storie erotiche  Storia erotica di tradimento - In lingerie provocando il mio figliastro

Quando mi sono svegliato, la musica suonava ancora nella stanza, ma non si sentivano più i lamenti. Erano le quattro del mattino ed entrambi dormivano profondamente. Ho preso le mie cose, sono uscito dalla stanza e sono andato nudo in bagno per pulirmi. Mi sono vestita anche se avevo il corpo bagnato e sono scesa per vedere quale fosse la situazione. C’erano ancora due persone sul divano, una donna gli stava facendo un pompino, e al bar due uomini si scambiavano carezze giocose mentre parlavano. Ho chiesto al cameriere se aveva bisogno di qualcosa e lui mi ha detto che andava tutto bene, guardandomi. In modo diverso, approfittando di tutti i presenti, ho annunciato che era giunto il momento di chiudere la sala. A poco a poco gli ospiti si prepararono a lasciare il posto e io salutai ciascuno di loro ringraziandoli per la loro visita.

Salii le scale sentendomi come se mi facesse male il sedere quando mi muovevo. Con il dolore delizioso che mi ricordava l’enorme cazzo che mi invadeva ed espandeva il culo, mi sono sdraiato sul letto su cui eravamo e ho finito per masturbarmi, venendo di nuovo prima di cadere in un sonno profondo tanto necessario.

*Pubblicato da carminio sul sito climaxcontoseroticos.com il 07/01/19.