Storia erotica di gruppo – Cláudia, la nuova vicina: l’amica

di | 15 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Avevo appena parcheggiato il camion quando il mio cellulare ha vibrato. Un messaggio di Cláudia su WhatsApp:

QUANDO ARRIVI, VAI QUI.

Ho sorriso, immaginando già cosa volesse. Avresti dovuto vedermi entrare nell’appartamento. Il solo pensarci mi fa impazzire.

Ho suonato il campanello e lei ha aperto la porta. Era sempre vestito di bianco. Una camicetta con spalline sottili e pantaloni. Pensavo solo a che tipo di mutandine indossava adesso.

Mi baciò, mi prese la mano, mi condusse nell’appartamento e chiuse la porta.

Poi ho capito che c’era qualcun altro lì. Una bruna, i capelli appena sotto le spalle, anche lei bianca.

-Rico, questa è Clara, la mia migliore amica.

-Con molto piacere, risposi dandogli due baci sulla guancia.

-Quindi sei tu il piccolo che ha fatto sorridere ancora una volta il mio amico…

-Beh, non lo so… da quando la conosco, ha questo bellissimo sorriso.

Abbiamo passato molto tempo a parlare e a bere. Clara è stata molto gentile ed entrambi mi hanno raccontato storie dei loro anni all’università.

Ad un certo punto, mentre Cláudia andava in bagno, Clara mi confidò a bassa voce:

-Quando ho detto che lo hai fatto sorridere di nuovo, ero sincero, okay? È molto felice con te.

-E io con lei.

-Prenditi cura di lei, amico, e questa donna ti darà il mondo. È molto speciale, ma gli uomini non l’hanno mai trattata bene.

-Faccio del mio meglio per soddisfarti.

Clara sorrise maliziosamente.

-Lo so… mi dice tutto.

In quel momento Cláudia ritorna dal bagno.

-Qual è il tuo sorriso malizioso?

-Non molto… stavo solo dicendo al tuo ragazzo di prendersi cura di te.

Claudia rise e abbracciò la sua amica.

-Ti prendi ancora cura di me, vero, amico? Non preoccuparti… penso di aver preso la decisione giusta questa volta.

Abbiamo ordinato una pizza, mangiato poco e bevuto molto. Siccome si stava facendo tardi, ho pensato che sarebbe stato meglio salire, ma Cláudia ha insistito perché restassi.

-Dormi qui oggi… resteremo comunque nel tuo appartamento. Resta qui con me oggi.

-E la tua visita?

-Sta andando a dormire… non ha la forza di bere… e ho bisogno dei tuoi… servizi, disse, già tenendomi il cazzo.

Aveva ragione, altri 15 minuti e Clara salutò dicendo che avrebbe fatto la doccia e sarebbe andata a dormire. Immediatamente Cláudia si è avvicinata a me, si è seduta sulle mie ginocchia e mi ha dato un grande bacio.

Questa lingua frenetica nella mia bocca. L’ho succhiato e morso. Si morse le labbra. E ha strofinato leggermente la sua figa contro di me.

-Spero che tu sia di buon umore, perché ho molta fame, disse togliendosi la camicetta. L’ho aiutata con il reggiseno bianco e presto ho cominciato a succhiarle e leccarle le tette.

Si alzò e si tolse anche i pantaloni e le mutandine. Si è inginocchiato e ha sbottonato anche i miei pantaloni, poi ha strappato tutto.

Ben presto eravamo entrambi lì, sul divano del soggiorno, illuminati solo dalla luce proveniente dal corridoio.

Si è seduta sulle mie ginocchia, il cazzo era già duro e si è mossa sul posto, ingoiandolo con la figa.

Lui gemette caldamente e cominciò a cavalcarmi.

– Che delizioso… ne avevo bisogno. Fai quello che vuoi con me, Rico!

Le tenevo le natiche per aiutarla nei movimenti e poi vidi Clara, sul bancone della cucina, con un bicchiere d’acqua in mano. Si mise il dito tra le labbra in segno di silenzio.

Cláudia si muoveva su e giù sul cazzo gemendo forte.

Dopo quello che era successo alla cascata il giorno della gita, era sicura che Clara avrebbe dovuto ascoltarlo. Solo non sapevo se avesse notato che Clara era lì al bancone.

Non riuscivo a vedere esattamente dove fosse la mano destra di Clara, ma sospettavo che si stesse toccando. Gli occhi erano fissi su di noi, infatti, fissi sul contatto dei nostri sessi.

Il suo respiro era alterato, lo vedeva dal movimento dei seni, ma non sentiva alcun suono provenire da lei.

-Baciami, amore mio, fottimi!

Mi sono alzato e l’ho messa in ginocchio sul divano con il sedere rivolto verso di me.

Alzandomi, ho sorriso a Clara, che ci stava ancora guardando.

Claudia mi guardò e chiese:

-Mettilo dentro, mmm!

Il cazzo penetrò facilmente, tanto che la sua figa era bagnata. Ho colpito forte, sentendo la sua carne stringermi e sentendo i suoi gemiti intensi che credo fossero più per Clara che per me… in ogni caso mi ha eccitato moltissimo. I tuoi gemiti e movimenti sul mio cazzo.

Lei venne, con un gemito più forte e una serie di spasmi che si impossessarono del suo corpo. La sua figa mi ha stretto più forte il cazzo e ho continuato a martellarlo, ma non sono durato a lungo. E mentre il mio cazzo le versava dentro, ho notato che diventava più dura quando la guardavano, come il giorno del giro in bicicletta e della cascata.

Il giorno dopo, quando torno a casa un po’ presto dal lavoro, entro nell’appartamento, infilo le chiavi nel portachiavi, mi tolgo le scarpe, mio ​​rito quotidiano quando torno a casa.

Vado a bere un po’ d’acqua e dal bancone della cucina noto qualcuno sdraiato sul lettino della piscina.

Claudia. Nudo. E Clara sull’altra poltrona, anche lei nuda.

Entrambi prendono pigramente il sole, due gatti.

Il corpo di Cláudia è già noto, seno normale, figa ben tagliata, proprio come piace a me. Clara, dal canto suo, aveva il seno piccolo, con dei bei capezzoli sporgenti. La sua figa era completamente liscia. Non potevo vedere le sue labbra ed ero molto curioso di vedere che aspetto avessero.

Mi avvicinai alla porta a vetri che dava sulla terrazza e li salutai.

-Ciao ragazze!

Entrambi si sedettero velocemente. Clara ha messo la mano sul pareo per coprirsi e ho potuto vedere i suoi bellissimi seni più in dettaglio, prima che scomparissero sotto la stoffa del corpetto.

Altre storie erotiche  era il mio regalo di compleanno

-Che spavento, Rico!

-Sono solo venuta a vedere se le ragazze avevano bisogno di qualcosa… succo di frutta… birra… qualcuno che mettesse la crema solare…

-Cattiva, disse Claudia, venendo a baciarmi.

Clara non sapeva cosa faceva e ci guardava semiavvolte nel giogo.

-Bene ragazze… godetevi il sole… ho ancora delle cose da fare. Se hai bisogno di qualcosa, parla.

Ritornai in cucina e li vidi sussurrare. Clara è ancora aggrappata al giogo. Dopo alcune risate e sguardi interiori, finalmente lasciò il giogo e si rilassò sulla sedia.

Presi il taccuino e mi sedetti sul divano del soggiorno per rivedere alcuni rapporti di lavoro.

Pochi minuti dopo entra Cláudia, ancora nuda, che cerca una birra.

-Perché non ti unisci a noi? Il sole è molto piacevole. Sole del tardo pomeriggio.

-Preferisco lasciarti in pace. Penso che Clara fosse un po’… imbarazzata…

-Era solo uno spavento. E ora l’hai visto davvero… Non c’è niente da nascondere.

-CORRETTO. Prendi la birra e sarò lì.

Si fermò e si voltò verso di me. Questa donna nuda tiene in mano due bottiglie di Stella.

-Dai, disse serio, ma io risi.

Se n’è andata scuotendo quel delizioso culo.

Ho spento il computer. Sono andato in camera, mi sono spogliato, ho comprato anche una birra e sono andato a incontrarli in piscina.

Una vista deliziosa, loro due sdraiati sui lettini. Cláudia si coprì il viso con un cappello e Clara con uno di quegli occhiali a specchio che non mi facevano capire dove guardava. Non sapeva nemmeno se aveva gli occhi aperti.

Erano entrambi sdraiati sulla schiena. Cláudia era molto abbronzata e poiché era rimasta nuda in piscina per molto tempo, non aveva quasi segni. Il mio sguardo si concentrò sulla fica tagliata e ricordai subito il piacere che avevo già provato lì.

Clara, questa è un’altra storia… i suoi piccoli seni erano rosa, ora che il piccolo segno che aveva era esposto al sole. I suoi capezzoli sembravano due caramelle che ovviamente avrei voluto provare. Un piercing all’ombelico. La sua figa, anch’essa rosa, data la sua forma e il sole, oggi sembrava rasata… cosa che mi ha fatto notare di nuovo Cláudia. A quanto pare si sono presi un giorno libero per andare a farsi la ceretta perché era snella e formosa.

Ovviamente non potevo continuare a guardare questi due senza immaginare cose e diventare duro, quindi ho deciso di tuffarmi subito in piscina, sperando che un po’ nell’acqua fredda potesse diminuire il mio interesse…

Ho aperto la doccia ed sono entrato. Quando uscii, con il pene rivolto verso il cielo, notai che Clara si stava mordendo il labbro. Era facile capire dove stesse guardando.

Cláudia si voltò sulla sedia, di fronte a me, mentre io restavo lì l’acqua, aspettando che il gallo si rilassi.

-Rico…sembri un pervertito…

-Bene, Cláudia… due ragazze così belle, nude davanti a me, come vuoi che sembri?

Lei rise e chiese:

-Diventerai duro, gatto mio?

-Chiaro!

-Allora fammi vedere…

-Voglio vederlo anch’io! – gridò Clara ridendo dall’altra parte di Cláudia.

Non avevo intenzione di implorarti. Sono uscito dalla piscina e ho preso un asciugamano. Le ragazze mi hanno guardato mentre mi asciugavo, quindi ho colto l’occasione per ringraziarle.

Dopo aver asciugato il viso e il petto, mi asciugai le gambe, senza staccare gli occhi da Cláudia, che seguiva il movimento dell’asciugamano. Non sono un tipo da fitness, come chi vive in palestra, ma pratico diversi sport, che mi danno muscoli e… diciamo sano.

Hanno riso e mi hanno chiesto di rallentare perché avevano pagato l’intero spettacolo.

Ho iniziato ad asciugarmi il cazzo. Ancora difficile. Usò l’asciugamano lentamente, masturbandosi lentamente, esponendo la testa già gonfia del suo cazzo e asciugandola. Se era già arrapato, allora…

-Amico!! Sei ben servito, eh… disse Clara guardando oltre gli occhiali.

– …devi vederlo in azione.

-Oh, ecco… me lo fai venire voglia.

Cláudia si sedette sulla sedia e, guardandomi, chiese alla sua amica:

-Vuoi davvero vederlo in azione, Ami?

Clara rise.

-Certo che lo voglio! Ci sarà un piccolo spettacolo? Cosa hai fatto ieri nel tuo appartamento?

Cláudia non ha risposto, ha semplicemente tenuto il cazzo e lo ha leccato. Qualche leccata. Baciò la testa e la succhiò. Solo la testa. Sentivo la pressione delle sue labbra, la suzione che faceva e la sua lingua che giocava con il glande.

Clara si avvicinò e si sedette accanto a lui per dare un’occhiata più da vicino alla pipa.

Cláudia se lo mise in bocca tutto… o almeno quanto riuscì a sopportare. Poi piano piano me lo sono tolto, non so se per mio piacere o per mettermi in mostra davanti al mio amico, quello che so è che mi faceva impazzire.

Notò che mi tremavano le gambe e mi fece sdraiare sul divano. Erano su entrambi i lati, inginocchiati accanto al mio membro.

Claudia lo toccò, lo tirò dentro lentamente e si godette il suo palpito. Quando liberò questo piccolo liquido, lei lo sparse con la punta del dito e lasciò la deliziosa testa.

I suoi occhi erano chiusi, ma l’ultima volta che l’ho visto, Clara lo fissava e si mordeva il labbro… e quell’immagine si è registrata nella mia testa.

-Bello, vero, Clara? ho sentito dire a Cláudia.

– Ottimo, amico mio. E quando lo lubrifichi allora…

-Ed è anche delizioso…

Detto questo ricominciò a succhiarmi. Gemevo e godevo delle carezze. Claudia era brava in questo.

Dopo aver succhiato e leccato un po’, si fermò. Lo aveva ancora in mano. L’ho sentita puntare il cazzo verso la sua amica.

-Vuoi provarlo, amico?

-Wow…pensavo che non mi avresti mai chiesto di sposarlo…giusto?

-Certo amico… condividiamo… Sei il mio migliore amico…

Mi ha sputato sul cazzo e ha cominciato a masturbarmi di nuovo. La sensazione della tua mano che scivolava sul mio cazzo era così bella.

Altre storie erotiche  Un buon studente...

-Vieni Clara… vieni a provare il cazzo del mio gatto. Ma non berlo tutto, ok? Lasciamene un po’.

Clara lo prese in mano. Premere. Ne sentiva la rigidità. Pulsava.

-Hmm… è emozionato. È di buone dimensioni…

Mi baciò la testa e mi guardò. Poi ingoiò il cazzo poco a poco, sotto l’occhio vigile di Cláudia. Le ho tenuto la mano mentre la sua amica si godeva il mio cazzo.

Lei era un’altra che sapeva cosa fare con un cazzo in bocca. Lui tirò fuori il suo membro e glielo mise in bocca per un delizioso pompino. A volte leccava tutto il corpo del gallo, dal sacco alla testa. Ne leccò e succhiò la testa, poi la ingoiò di nuovo tutta.

Ho chiuso gli occhi e ho gemito. Cláudia mi ha massaggiato le palle mentre la sua amica mi ha fatto questo trattamento delizioso.

Tra una leccata e l’altra, all’improvviso mi sono sentito come se ci fosse un’altra lingua sul mio cazzo. Ho aperto gli occhi ed ecco che mi leccavano entrambi, uno per lato. Entrambi mi guardarono e sorrisero. È un’immagine che non dimenticherò mai.

Il mio cazzo stava diventando sempre più duro e più pulsava, più diventava caldo. Timidamente, le loro lingue si toccarono mentre raggiungevano la punta del pene. Risero e ricominciarono a leccarsi dal sedere. Stavano giocando con il mio membro al centro del gioco. Succhiavano alternativamente, sembrava che uno volesse impressionare l’altro.

Adesso dimmi… Quale uomo può resistere ad un doppio pompino del genere?

Ho avvertito le ragazze che stavo per venire… e loro hanno aumentato la pressione. Il cazzo ha iniziato a pompare sperma e ho emesso un forte gemito. Clara si riempì la bocca e Cláudia si lamentò:

-Bene amico… ti avevo chiesto di lasciarmi un po’…

Sorprendendo tutti, Clara afferrò la sua amica per la nuca e la trascinò in un bacio intenso, un bacio in cui condivisero la mia gioia.

Un po’ di sperma scorreva tra i due e Clara si allontanò un po’ per leccare il mento della sua amica. Cláudia ha anche leccato il viso della sua amica, cercando ogni goccia del mio sperma che riusciva a trovare. Entrambi tornarono a succhiare e leccare il mio membro, che non era ancora del tutto ammorbidito. Leccarono il cazzo, le loro lingue si toccarono di nuovo e finirono per baciarsi. Poi hanno condiviso un bacio più lungo e appassionato. Quando se ne andarono, Clara disse:

-Ho sempre desiderato farlo…

-Non avrei mai immaginato.

-Ti ho sorpreso, vero? -Chiese Clara, sorridente, ma un po’ preoccupata.

– Completamente di sorpresa.

-E ti è piaciuto?

Claudia mi guardò prima di rispondere.

-Sì, mi è piaciuto molto… ma credo che sia piaciuto di più a lui…

Poi mi guardò e mi chiese:

-E tu? Cosa ne pensi di tutto questo?

Io, che cercavo di restare invisibile in mezzo a tutto questo, ho risposto:

-Pensavo fosse bellissimo. Siete così belli insieme…un sogno…

Risero un po’ imbarazzati e io mi alzai dalla poltrona.

“Perché voi due non andate a letto e vi divertite un po’?” Vado a prendere qualcosa da bere.

Mi sono alzato e sono andato in cucina, ma prima li ho visti sdraiarsi e baciarsi sul divano.

Pensavo che l’occasione fosse buona per uno spumante, così preparai un secchiello di ghiaccio e proprio mentre stavo posando i bicchieri sul vassoio, i due entrarono… nudi e mano nella mano.

-wow… geniale!

-Credo che l’occasione lo richieda, vero?

Entrambi furono d’accordo. Ho aperto la bottiglia e l’ho versato. Abbiamo fatto un brindisi.

-Amicizia e complicità, salutò Claudia.

Abbiamo svuotato velocemente la bottiglia, le ragazze sembravano assetate.

Poi Cláudia prese i nostri bicchieri e, prendendoci per mano, ci condusse nella suite. Mi ha portato a una sedia da lettura che ho nella mia stanza e mi ha fatto sedere.

– Resta qui per ora. Ben comportato…

Portò Clara a letto. I due si inginocchiano, uno di fronte all’altro. Mi hanno guardato e poi si sono baciati. Un bacio lungo e appassionato. Ho notato il modo delizioso in cui si baciavano, le loro labbra e le loro lingue che si sfregavano intensamente. Si abbracciavano, i loro capezzoli eretti si toccavano… e io volevo toccarli. Anche il mio membro era molto eretto, ma non avrei fatto nulla per spezzare o alterare la magia di questo momento.

Essi vanno a letto. Le mani cominciarono ad esplorare ed io seguii ogni carezza, ogni affetto che solo le donne sanno donarsi. Lo sfregamento dei suoi seni e i gemiti che li accompagnavano. Le carezze lungo il corpo, mentre l’uno cercava il sesso dell’altro. Dita e cazzo, deliziose fighe che si toccano proprio davanti a me.

Durante il resto, tra un bacio e l’altro, Cláudia guardò il mio membro.

-Ti piace, vero, bastardo? Guarda Clarinha, quanto è grosso questo cazzo…

– A quanto pare il nostro spettacolo è un successo.

Risero e ricominciarono a baciarsi e toccarsi. All’improvviso, le loro gambe si intrecciano. Una fica che si strofinava l’altra, immaginai. E una sinfonia di gemiti.

Erano seduti uno di fronte all’altro, le loro fighe si toccavano, si imbrattavano a vicenda.

Si separarono e Cláudia chiese a Clara di andare a letto. Hanno iniziato un 69 bellissimo da guardare. Il mio cazzo era durissimo guardarli insieme e sentire il suono dei loro gemiti e dei loro succhi. Il culo di Cláudia mi guarda, la sua figa gonfia e il suo culo mi fanno l’occhiolino. Clara si lecca e succhia il clitoride.

Anche Cláudia leccò con piacere la sua amica. Entrambi gemevano e io mi emozionavo ancora di più.

Per qualche istante Cláudia smette di succhiare la figa di Clara, si gira verso di me e mi chiede:

-Lui viene! Mettilo dentro di me.

Quale uomo può resistergli? Stavo già morendo dalla voglia di un invito come Quello.

Mi sono avvicinato al suo sedere. Clara, sotto di lei, mi guardava, voleva sapere cosa avrei fatto. Le ho leccato la figa per molto tempo. La punta della mia lingua accarezzò le pieghe delle sue natiche.

Altre storie erotiche  Storia semplice: ho fatto uno scherzo all'amico di mio padre finché non mi ha mangiato

Quando ha sentito Cláudia gemere, Clara ha ripreso a succhiarle il clitoride, quindi siamo rimasti così, io sul suo culo e Clara sul clitoride… e Cláudia impazziva di desiderio.

Si è lamentato, ha urlato, ci ha maledetto…

Non potevo più succhiare la figa di Clara, era molto angosciata.

-Oh, bambini! Fottimi, tesoro… voglio il cazzo. …

Lei era sopra, la sua figa era così bagnata che gocciolava. Ho indicato il gallo e ho messo tutto in una volta. Clara si fermò per ammirare la penetrazione e si accontentò di toccare il clitoride della sua amica. Claudia stava urlando!

Clara ricominciò a leccare la sua amica e mi toccò discretamente le palle. Qualche spinta e ho tirato fuori il mio cazzo, grondante dei fluidi di Cláudia. Così lubrificato, ho puntato la punta del pene verso la sua piccola zona. Ho applicato una leggera pressione che ha spinto la testa verso il suo culo. Ha lanciato un altro grido delizioso e ho deciso di penetrarla più a fondo… Lei ha gemito e ho cominciato a muovermi più forte. Dentro e fuori, il cazzo viene spremuto da quel culo delizioso.

Clara ha insistito per succhiargli la griglia. Cláudia era così pazza che non succhiava più la sua amica, ma alzava semplicemente il culo in aria, gemendo e imprecando. Eravamo tutti pazzi di desiderio.

Alla fine, con un grido più forte, arrivò Cláudia, con le braccia che cedevano, il culetto ancora intrappolato con il mio cazzo infilato nel suo culo. Sono venuto anch’io, versandole il mio sperma. Lo sperma era tale che scorreva nel fiume. Clara trascinò il suo corpo per leccare tutto ciò che gocciolava mentre io tiravo fuori il cazzo. Sembrava un cane che leccava e puliva la sua amica, che gemeva ancora con gli occhi chiusi. Dopo aver pulito il piccolo spazio, lasciò Cláudia e andò a baciarla.

Era bellissimo vederli, ma io ero sudato e bagnato, decisi di lasciarli soli e andai nel bagno della suite a farmi una doccia.

Mentre mi stavo insaponando ho sentito la porta della doccia aprirsi. Era Clara.

-Lasciamelo fare per te.

Mi prese il sapone dalle mani e cominciò a massaggiarmi la schiena.

-E Claudia?

-Rilassante. Ha detto che sarebbe venuta e mi ha chiesto di fare il lavoro… mi ha permesso di fare quello che volevo con te.

-Hmmm…se lei lo ha permesso, non esitare….

-Lei ha permesso molto di più, sai? Hai una sborra deliziosa… e lei ha detto che potevo averne di più…

Ho riso e ho risposto:

-Hai già preso due dosi…

-Il terzo sarà nella mia figa…

E mentre lo dice stringe il mio cazzo che comincia a rinascere grazie alle sue carezze. Ci baciamo, i nostri corpi insaponati scivolano l’uno sull’altro. La sua mano mi massaggiò il cazzo finché non divenne di nuovo duro e pulsante, puntando verso il soffitto e io le toccai la figa e il clitoride.

-Ops, disse. Mi è caduto il sapone, ma puoi lasciarmi prendere!

Si è sporta oltre il separé e mi ha mostrato il suo sedere. Mette in risalto la figa gonfia ed eccitata. Vedo un dito apparire tra le labbra della sua figa, aprendole per me.

-Vieni!, chiamò.

Senza aspettare una seconda chiamata, ho messo il mio cazzo in quella fessura succulenta e l’ho picchiata. La sensazione di penetrare una fica deliziosa come questa, tutto in una volta, è deliziosa. Ti fa sentire un uomo forte e dominante, IL ragazzo.

Appoggiò le mani sul muro di fronte a sé e costrinse il suo corpo a indietreggiare, con una leggera torsione. A mia volta, le tenevo i fianchi e la spingevo in profondità. .

L’acqua che mi scorre lungo la schiena. I gemiti. Il rumore delle cosce che schiaffeggiano. Una polvere deliziosa.

La porta si aprì e Cláudia mi abbracciò.

-Vaffanculo, gatto! Entra in questa ragazza cattiva come entri in me… Affamata… molto animale

-Sei responsabile!

Ho dato uno schiaffo sul sedere a Clara, che l’ha colpita forte e profondamente. Emise un lungo gemito e voltò la testa.

-Voglio di più! Non fermarti!

Ho aumentato il ritmo, colpendo forte e

prenderti a calci in culo. Quando l’ho tirata per i fianchi, Clara ha dato un bel strattone che ha dato il benvenuto al cazzo. Cláudia guardò la sua amica e si toccò, di tanto in tanto mi portava le sue dita bagnate di succo di figa da leccare.

Le urla di Clara sono più forti e le mie spinte sono più forti. Clara è venuta scandalosamente. Il corpo tremava in violenti spasmi. L’ho abbracciata da dietro, sostenendo il suo peso. Con gli occhi chiusi, appoggiò la testa all’indietro e appoggiò la nuca sulla mia spalla. La sua figa teneva ancora il mio cazzo, che era ancora molto duro, dato che non ero ancora venuto. Il suo respiro è tornato normale e ha detto:

-Amico… che idiota è? Che maschio è? Ora capisco perché sei così felice.

-Non crea dipendenza, amico… è mio. Lo condivido con te, ma è mio.

Con Clara al centro, Cláudia ci abbraccia. Ci asciughiamo e le ragazze notano il mio cazzo ancora duro.

Quella notte ha dato ancora molto.

Leggi anche:

Cláudia, la nuova vicina: mercoledì;

Cláudia, la nuova vicina: venerdì;

Cláudia, la nuova vicina: sabato;

Cláudia, la nuova vicina e la bicicletta

*Pubblicato da Grisalho Tarado sul sito climaxcontoseroticos.com il 08/08/19.