Storia erotica di gruppo – Come sono diventata la puttanella della coppia

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Avere una relazione a tre è sempre stata la mia più grande fantasia irrealizzata. Voglio farlo con due donne, due uomini (a patto che non mi limitino a due buchi e non si preoccupino di darmi il piacere che sono disposta a concedermi), ma il mio desiderio più grande era farlo con un uomo e una donna.

Mentre esploravo la mia bisessualità, mi sono reso conto non solo che il sesso con un uomo o con una donna è completamente diverso, ma ho sempre considerato due modi completamente diversi di dare e provare piacere. Ecco perché ho sempre fantasticato su come sarebbe unire queste due sensazioni.

Ma non basta averne la voglia, deve presentarsi l’occasione giusta. Dato che non è stato così semplice come avrei voluto (no, nessuna coppia che conoscevo mi ha fatto una proposta di questo tipo, né le persone con cui avevo una relazione mi hanno proposto di accettarla) ho deciso di crearlo. Ho iniziato a mettere mi piace ai profili delle coppie su Tinder e a vedere cosa succedeva. Con alcuni la conversazione non è filata liscia, con altri l’approccio mi ha messo a disagio o semplicemente non mi sono sentita attratta.

È stato così frustrante che alla fine ho rinunciato. È passato più di un anno, ho fatto coming out, sono rimasto single, ero confuso e/o giocavo, finché un giorno, per noia, ho deciso di aprire la domanda. Non avevo assolutamente nulla da fare e ho deciso di osservare il movimento. È allora che appare il profilo di una coppia. Non c’erano foto, solo una descrizione che diceva che erano sposati, la loro età (lui aveva 36 anni e lei 21) e che stavano cercando qualcuno per una relazione a tre.

All’epoca pensavo che sarebbe stato un altro tentativo senza uscita, ma poiché mi piace parlare con persone di mentalità aperta che hanno esperienze diverse dalle mie e che cercano qualcuno con cui formare un rapporto a tre, ho pensato che la conversazione potesse essere interessante. Appena l’ho detto, subito dopo è arrivata la partita, così come l’inizio della conversazione.

Abbiamo parlato molto delle nostre intenzioni lì, delle reciproche esperienze, inclusa la mia bisessualità, e del coinvolgimento che hanno avuto con altre donne durante il loro matrimonio. La conversazione è fluita in modo naturale e ci siamo scambiati rapidamente le foto. Con mia piacevole sorpresa, oltre ad essere intellettualmente interessanti, sono entrambi molto belli.

È un uomo di colore bello e alto con un corpo definito e una bocca molto allettante. Ha lineamenti di origine indigena, pelle rossastra e capelli neri e lisci e un corpo statuario, molto simile a Pocahontas, ma in una versione molto sexy. Fortunatamente, non sono stato l’unico a cui è piaciuto quello che ho visto e presto la conversazione ha preso una brutta piega.

Non c’è voluto molto e già fantasticavamo insieme, a volte solo con lei, a volte con lui e noi due insieme. Impazzivo quando partecipavo, anche a distanza, ai preliminari del loro sesso. Ho passato l’intera settimana a masturbarmi, immaginando di stare con loro due e questo ha solo fatto emergere sempre di più la mia curiosità e il mio desiderio.

Con la fretta della fine dell’anno e l’arrivo delle mie vacanze (di nuovo scrivendo sull’aereo), è stato difficile pianificare qualsiasi cosa, ma alla fine abbiamo trovato un giorno e un orario insieme. Mi hanno chiesto di scegliere la location, cosa che ho pensato fosse ottima perché potevo scegliere un ambiente in cui mi sentivo al sicuro.

Altre storie erotiche  Storia erotica bdsm - A proposito di prede e predatori (10)

Ho preso appuntamento in un bar vicino casa dove vado spesso con i miei amici, al punto che ogni volta che arrivo abbraccio e parlo con i camerieri, le cameriere e gli altri dipendenti. Sono arrivato qualche minuto prima e ho trovato il bar pieno di DJ. Aveva pensato ad un momento più intimo, ma non era quello a rovinare la serata.

Sono arrivati ​​poco dopo di me e, con mia sorpresa, non ero troppo timido. Come le conversazioni che hanno portato a questo momento, la conversazione è fluita in modo molto naturale e mi sono sentito molto a mio agio. Abbiamo bevuto qualcosa, mangiato dei panini e ballato un po’. Tutto stava andando alla perfezione finché non mi hanno chiesto del mio interesse nel perseguire ciò che avevamo idealizzato insieme. Senza imbarazzi, farfalle nello stomaco o segni di nervosismo, ho detto di sì e li ho invitati a casa mia.

Da quando i nostri sommes sono entrati nel mio appartamento, il mio arrivo e il mio embrassé e j’ai réalisé que cet homme était non seulement intelligente et physiquement sexy, mais qu’il avait also un délicieux baiser e une prise ferme, comme lo amo. Poi l’ho baciata, in un bacio lento e delicato che ha evidenziato il contrasto di sensazioni che tanto aspettavo.

Dopo che entrambi abbiamo ballato (e lui l’ha guardata con un sorriso malizioso sul viso) e il bar era caldo, lei ha detto che avrebbe fatto una doccia veloce. Le ho fatto strada e non appena è entrata nella mia stanza, si è lanciata verso di me. Mi baciò intensamente mentre le sue mani correvano su tutto il mio corpo, penetrando nel mio vestito. Non l’ho lasciato a buon mercato, ho cominciato a strappargli la camicia, sbottonargli la cintura e poi i pantaloni.

Continuavo a tirare il suo cazzo già duro sopra le mutande e ad ansimare e gemere piano nel suo orecchio mentre mi afferrava. Gli ho voltato le spalle e ha subito capito il messaggio. Il m’a tiré par les cheveux d’une main, ce qui m’a fait frissonner de la tête aux pieds, et de l’autre, il abaissé la fermeture éclair de ma robe tout en embrassant la nuque et le bas de my Indietro.

Si allontanò un po’, mi guardò dall’alto in basso, come se volesse vedere ogni dettaglio del mio corpo, mi divorò con lo sguardo e mi afferrò di nuovo. Lei era solo in mutandine e lui era in mutande e si baciava in soggiorno quando lei tornò dalla doccia, avvolta in un asciugamano. Presto noi tre ci spostammo sul divano dove le cose diventarono ancora più calde.

Abbiamo iniziato a segarlo insieme e presto le nostre labbra si sono incontrate mentre lo succhiavamo. Entrambi hanno afferrato questo grosso cazzo, a volte insieme, a volte alternativamente per baciarlo. Mi ha afferrato le tette e le ha succhiate con forza, mentre mi toccava il clitoride con le mutandine di lato.

Altre storie erotiche  Mi è andato in gola

Poi le ha chiesto di mostrarmi quanto fosse bello il suo cazzo e lei ha obbedito rapidamente. Si sedette in ginocchio davanti a lui e cominciò a rimbalzare deliziosamente. Ho messo la mia mano sul suo corpo e con l’altra mi sono masturbata. Mi ha afferrato con le sue grandi mani, come se volesse mostrarmi quanto fosse delizioso.

Tutto era delizioso, ma la mia testa era già in ansia per quello che sarebbe successo. Ho fatto un respiro profondo, sono andato a farmi una doccia e li ho lasciati sul divano. Sotto la doccia mi massaggiai lentamente mentre lo sentivo gemere, anche se un po’ lontano. Ciò mi eccitò così tanto che cominciai ad accarezzarmi, senza indugio, perché qualcosa di molto meglio mi aspettava. Sono tornata in soggiorno e l’ho trovato in ginocchio davanti al divano che lo succhiava. Mi sono seduto accanto a lei e ho iniziato a baciarla. Entrambi ci siamo scambiati delle carezze, quando ha iniziato a muovermi la figa. Eravamo così eccitati che non riuscivamo nemmeno a baciarci, ci limitavamo a emettere gemiti bassi e ansimanti l’uno nelle orecchie dell’altro.

Le cose diventarono ancora più intense quando lui le afferrò le cosce, la tirò verso il bordo del divano e iniziò ad inserirla. Inserì tutto il suo cazzo dentro di lei, lentamente, e andò più veloce e più forte. Ha impostato questo ritmo toccando la mia figa che era bagnata. Ho iniziato a giocare con il suo clitoride, seguendo quello che lui ha fatto con il mio e abbiamo iniziato a sentire una melodia meravigliosa. Sinceramente non so cosa mi eccitasse di più, lei si concedeva completamente, gemendo, venendo penetrata come piace a me e sentendo il mio dito bagnarsi man mano che la toccavo, o se fosse stato il nostro scambio di carezze mentre lui si masturbava. .

La verità è che non possiamo separare quello che è successo lì. Eravamo così legati che ci siamo praticamente incontrati. Presto si sdraiò, ansimando, e le dissi che volevo succhiarla per assaggiarla su quel cazzo. Ho leccato e ingoiato avidamente quel cazzo, finché non è stato il mio turno di sentirlo dentro di me. Ha fatto con me lo stesso che ha fatto con lei e ho subito capito perché si lamentava. Quest’uomo sa succhiare e scopare come pochi altri!

Poi mi sono messo a quattro zampe e ho sentito che mi penetrava ancora più a fondo e l’ho vista toccarsi con un viso delizioso e birichino che ci guardava. Il mio orgasmo era così intenso che mi tremavano le gambe, la pelle era un po’ insensibile e il mio ragionamento era un po’ confuso. L’unica cosa che potevo dire era “andiamo in camera mia”.

Quando siamo arrivati, ci siamo baciati di nuovo, sempre in piedi, abbracciati. Il suo tocco e il suo bacio erano delicati, mentre quelli di lei erano intensi e forti. Questa miscela mi ha lasciato completamente stordito dal desiderio. Lei si sdraiò sul letto e lui le salì sopra, mentre noi continuavamo a baciarci e toccarci. Anche se ci aveva appena fatto venire in salotto, il suo respiro e l’umore di quest’uomo non sembravano fermarsi. Stava spingendo forte, il che era evidente sia dal suono che dalle sue reazioni. Non passò molto tempo e lei gemeva forte, tremando e venendo deliziosamente.

Altre storie erotiche  Alla donna piace mettersi in mostra

Poco dopo mi ha fermato e mi ha detto che mi voleva di nuovo a quattro zampe. L’ho guardata con una faccia molto cattiva e le ho chiesto se potevo succhiarlo. “Ho chiesto il permesso” perché sapevo che nei suoi precedenti rapporti a tre si era scambiato solo baci con donne, ma mi aveva già detto che voleva concedersi di più. Per fortuna, al momento giusto, non ha cambiato idea e ha allargato le gambe per me. Ho iniziato a succhiarla e presto suo marito ha iniziato a fare lo stesso con me. Non so come facevo a continuare, perché mi succhiava così bene che i gemiti erano inevitabili. Non è diventato più facile quando ha iniziato a succhiarmi il culo e quando, subito dopo, ha inserito lentamente quel grosso dito dentro. Ma così come era delizioso annusarlo, era delizioso anche succhiarlo. Tutti i miei “sforzi” sono valsi la pena, perché sentirlo venire in bocca è stato spettacolare!

Si è alzata e ha detto che andava a farsi una doccia perché era sudata (perché?), ma sapevo che voleva davvero lasciarci soli. Quasi per ringraziarmi di aver fatto venire di nuovo sua moglie, è entrato di nuovo in me. Mi ha scopato molto bene, dicendo che ero delizioso e che sarei stato loro quando avessi voluto. Ho risposto, tra due gemiti, che avrei voluto scoparli ancora e ancora. Sembrava che questo lo eccitasse ancora di più e, non so come, cominciò a scoparmi ancora più deliziosamente.

Penso che i miei gemiti fossero così intensi che finalmente è tornato a guardarmi venire. Mi sono sdraiato sul letto, mi sono alzato e ho allargato le gambe e lui ha capito cosa volevo. Afferrandomi forte le caviglie, ha picchiato con tutta la sua forza, mentre io giocavo con il mio cazzo. Questo orgasmo è stato travolgente. In effetti, sono riusciti a finirmi! Si è sdraiato tra noi due e gli ho chiesto di venire per noi. Lo abbiamo succhiato insieme, uno si è masturbato e l’altro ha ingoiato, uno gli ha succhiato le palle e l’altro ha succhiato… Gli abbiamo fatto un bel bagno con la lingua finché non ha ottenuto ciò che gli piace su entrambe le nostre facce.

I tre giacevano a letto, un po’ increduli per quello che era appena successo e provando una deliziosa sensazione di stanchezza e di piacere.

“Purtroppo” ho dovuto viaggiare e non ho potuto farlo di nuovo. Le vacanze sono meravigliose, ma una parte di me muore dalla voglia di tornare a casa e vedere i miei nuovi amici.

Buone vacanze a tutti, piene di marachelle deliziose come questa!

Baci, Blu

*Pubblicato da bambina blu sul sito climaxcontoseroticos.com il 28/12/19.