Storia erotica di gruppo – Umiliata, usata, esibita…

di | 11 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

Mi chiamo Claudia, vivo vicino al centro di San Paolo con la mia famiglia.

Sono orientale, 22 anni, capelli e occhi neri, altezza 1,65, 50 chili.

Ho sempre amato il mio corpo, anche se non ho molti seni né un gran sedere. Ho sempre avuto la pelle chiara e i capelli che attiravano sempre l’attenzione della gente all’università, lunghi capelli neri fino alla vita. Il mio ragazzo lo adorava, gli piaceva sempre tirarlo quando ci divertivamo.

La storia che racconterò è accaduta due anni fa, quando ero al college.

Avevo un gruppo di lavoro composto dai miei colleghi: Carlos, Guilherme e Susan. Carlos e Guilherme flirtavano sempre con me e lodavano il mio corpo, ma a me piaceva sempre snobbarlo e dirgli che ero fidanzato e che non mi piacevano quei commenti. Mi piacerebbe dire che c’era molta farina per la piccola feijoada.

Con l’avvicinarsi del Carnevale, l’insegnante mi ha chiesto di fare un progetto di gruppo… Lo odiavo, perché volevo godermi il Carnevale, ma con questo compito non potevo…, ma Carlos aveva l’idea che tutti, tranne Susan, lo amo. Carlos a une maison là-bas à Peruábe, là-bas nous pourrions travailler e j’ai apprécié la beach et la ville, j’ai think à emenener mon petit ami, mais comme il travaillait dans un hôpital, il devait être de service quel giorno. Anche Susanna non poteva andare, aveva un impegno familiare molto difficile… Il risultato è stato che io e i miei due colleghi siamo andati a goderci il carnevale e a lavorare.

Il viaggio è stato lungo ed estenuante, perché avevamo un traffico orribile, e anche cercando di dormire sul sedile posteriore non ci sono riuscito, perché faceva molto caldo e il rumore dell’auto non aiutava, perché i miei compagni erano sordi. . .

Una volta lì, ho colto l’occasione per visitare la casa di Guilherme. Era molto grande, aveva un muro alto, una piscina, 4 camere da letto, un enorme soggiorno con una console Xbox, un’enorme cucina e un lampadario che sembrava uscito da un film.

Dato che avevo bisogno di una doccia, ho chiesto a Carlos di mostrarmi la mia stanza.

Una volta lì, mi ha mostrato una stanza singola, ma con il proprio bagno. Je n’y ai pas réfléchi à deux fois, quando Carlos est parti, je suis arrêté devant la porte, j’ai laissez des vêtements de change sur le lit, j’ai jeté mes vêtements en sueur par terre et je suis there take una doccia.

Era una doccia deliziosa, rimasi a lungo, era una di quelle docce a pressione, l’acqua mi colpiva e dava una sensazione deliziosa sul mio corpo.

Quando ebbi finito, presi l’asciugamano e andai in camera da letto a cambiarmi. Quando sono arrivato sono rimasto scioccato, perché mi avevano portato via le valigie, i miei vestiti e anche la biancheria da letto, le tende e tutto quello che potevo usare oltre all’asciugamano che avevo in bagno mentre facevo la doccia.

Ero molto arrabbiato, molto arrabbiato per quella battuta. Ho aperto la porta della camera e ho detto: “Bastardi, rivoglio i miei vestiti”, poi loro hanno detto: “Dalle scale, tutto ciò che vi appartiene è quaggiù”.

Ho imprecato di nuovo e ho pensato: “Entrerò in una qualsiasi delle loro stanze e cercherò dei vestiti, non importa se sono uomini”.

Andai nella prima stanza e trovai la porta chiusa, anche nella seconda. Tutte le porte tranne quella della mia stanza al primo piano erano chiuse.

Mi sono arrabbiato ancora di più e ho urlato: “Voglio i miei vestiti adesso”. »

E Carlos ha detto: “D’ora in poi, altrimenti le vacanze saranno solo un tovagliolo”.

Mi sono arrabbiata così tanto che sono scesa subito con solo un asciugamano, ma quando ho visto che mi guardavano tutte e due, mi sono imbarazzata e ho provato a tenere l’asciugamano su e giù perché non vedessero niente. .

Scendendo, Guilherme disse: “Non ho mai visto una donna giapponese così rossa. Se l’asciugamano fosse rosso invece che rosa, sembrerebbe che non indossasse nulla”.

Ho detto: “Bastardi, voglio i miei vestiti adesso, dove sono?”

“Nell’armadio”, ha detto Guilherme.

Mi sono avvicinato alla porta e, con mia sorpresa, era chiusa.

Ho detto: “È chiuso a chiave, dammi quella maledetta chiave”.

» disse Guilherme con un sorriso. “Japa, prendilo, guarda in alto.”

La chiave era incastrata nel lampadario della stanza. Ho detto: “Come faccio a catturare questa merda?”

Guilherme ha detto: “Questo è il tuo problema, i vestiti non sono miei”.

Allora, vedendo che non avrei avuto alcun aiuto, ho spinto il divano del soggiorno vicino al lampadario.

Che idiota ero, con la mia taglia era molto difficile per me spingere il divano e tenere l’asciugamano.

Due volte sono scivolato e mi sono fatto male alle ginocchia. Ed entrambi hanno detto: “Diventa più facile se smetti di tenere l’asciugamano”.

Ho detto loro “questa è una merda, vedrete un millimetro del mio corpo, stronzi”.

Quando finalmente il divano fu sotto il lampadario, vidi il mio problema più grande… Non era abbastanza alto…

Ho sussultato più volte ascoltando le loro risate, soprattutto gli “oops, credo di aver visto qualcosa”.

Ero stanco e molto imbarazzato e ho detto: “Per favore aiutami”.

Carlos ha detto: “C’è una scala in giardino, puoi usarla, purché tiri fuori dal frigorifero 6 birre alla volta”.

Accidenti che bastardo, è stato orribile, perché me ne hanno dovuti mettere due sotto le ascelle, due nelle mani e due tra le gambe.

Altre storie erotiche  Prima notte con il mio ragazzo

Ho dovuto saltare in piedi e premere forte le braccia contro il corpo per evitare che l’asciugamano cadesse.

Dopo molte risate e birre, mi è stato permesso di salire di sopra.

Mentre mi avvicinavo alle scale, ho visto il disastro che mi avevano fatto. La scala era un enorme animale di metallo, che non potevo tenere con una mano, era quasi impossibile con entrambe… Non c’era verso, portavo la scala come se fossi ubriaca. Ogni volta che scendevo quelle maledette scale, arrivava un punto in cui parte dell’asciugamano cadeva e il mio seno si vedeva. Ho sentito: “Guarda che tette”.

Che dolore, dopo aver coperto il seno ho dovuto salire la scala ed è stato molto difficile, ma sono riuscita a metterlo sotto il lampadario, ma quel maledetto asciugamano si è incastrato. Non potevo liberarmene, quindi ho dovuto fare qualcosa di molto umiliante. Ho lasciato l’asciugamano bloccato sulle scale e sono andato su a cercare la chiave.

Ho sentito “Guarda che bontà, mmm, continua così Claudia.”

Sono arrivato alla chiave e non riuscivo a tirarla fuori, era un lavoro assurdo con tutti e due che ridevamo e commentavamo il mio corpo.

Quando finalmente ho tirato fuori la chiave, mi sono diretta verso l’armadio, ma… Anche la porta era chiusa.

Sono andato a lamentarmi, ma quando mi sono voltato ho visto che Carlos era andato di sopra, aveva gettato l’asciugamano nella mia stanza e l’aveva chiusa a chiave.

Ho iniziato a piangere cercando di coprirmi, chiedendo loro cosa avevo fatto loro e chiedendo i miei vestiti.

Quando Carlos scese le scale, prese il cellulare e compose il numero.

Ciò che ho sentito mi ha lasciato deboli le ginocchia. “Ehi, allora, confermato? Voi tre tra 40 minuti a casa? Ho un nuovo gioco Xbox per noi.”

Quando l’ho sentito ho detto: “Sei pazzo? Non puoi farmi questo, non voglio che più persone mi vedano così, per favore…”.

Ho pianto molto e Carlos mi ha detto semplicemente: “Mettiti in ginocchio e implora, voglio che la tua faccia sia a terra”.

Poi, per paura, mi sono inginocchiato e mi hanno premuto la faccia a terra.”

Guilherme mi ha seguito, mi ha guardato il culo e ha commentato: “Claudia Patricinha ha un bellissimo culo, mmm, guarda la sua figa e il suo culo.”

Carlos si avvicinò lentamente, mi mise il piede sulla testa e mi disse: “Sei sempre stato molto arrogante, con il naso all’aria, e ora come ti senti nudo, a quattro zampe e con il sedere davanti a noi?” Dov’è tutto questo orgoglio?

Ho detto “per favore, i miei vestiti”,

Carlos dice: “Dovrai guadagnartelo, vedi questa collana”. davanti alla finestra? Mettiti a quattro zampe e dallo a Guilherme.”

Guilherme mi ha detto “vai a far oscillare la tua mucca”.

Com’è umiliante camminare nudo, a quattro zampe e rotolandosi.

Ho preso la collana e l’ho portata a Guilherme, che me l’ha messa al collo.

“Andiamo a fare una passeggiata,” disse Guilherme. “No, non voglio uscire in cortile, per favore,” dissi.

Carlos ha semplicemente detto: “Mancano 30 minuti all’arrivo, che sorpresa avrai”.

Poi ho abbassato la testa e sono partito… Ascoltando comandi come “dai la zampa, scodinzola, abbaia, ecc.”

Dovevo fare tutto, anche quando mi dicevano di urinare in cortile.

Com’era umiliante, era una vendetta, se avessero voluto mangiarmi solo sarebbe stato più facile… Ma volevano vedermi umiliato e spaventato.

Quando siamo tornati, Guilherme si è messo quel maledetto affare e ci ha detto: “balliamo adesso”.

Dovevo “sbarcare”. Che umiliazione, ho sempre criticato queste canzoni e sempre Ha detto “solo quando sarò una stronza lo ballerò”… E se ne sono ricordati.

“Quindi Claudia? Se ballassi, cosa saresti? Ahhh! Puttana, hmmm, diciamo solo che sono una puttana giapponese.”

Ho detto: “Per favore, non…”

Poi disse: “Parla adesso o parlerai davanti ai miei amici”.

Così ho iniziato. “Sono una puttana”

“Che razza di puttana sei, Claudia?”

“Sono una puttana giapponese”

“Piccola stronzetta?”

“Sì, sono una piccola troia giapponese.”

Carlos si avvicinò a me e mi disse: “Il tuo ragazzo si vanta del sesso che hai fatto, quindi qualunque cosa ti chieda non puoi mentire, altrimenti non ti darò la chiave e ti farò subito le stesse domande” .” i miei colleghi.”

Ho chinato la testa, ho iniziato a piangere e ho annuito.

Poi Carlos cominciò:

“Il tuo ragazzo ha detto che avevi un ottimo modo per fargli diventare davvero duro il cazzo. Hmm, come si chiamava? Ah! Massaggio con il rossetto, raccontamelo.”

Wow, è orribile, il mio ragazzo stava parlando del nostro sesso con loro. Non potevo mentire.

Prima di iniziare, Guilherme ha detto: “Hmm, non so niente, sono molto curioso”.

Così ho iniziato: “Tengo il cazzo del mio ragazzo con le labbra e mi muovo da un lato all’altro su e giù, facendo un movimento come se mi stessi masturbando, ma usando le labbra.”

“Guarda, è delizioso, vero, Carlos?”

Poi Carlos fece un’altra domanda: “Che cosa gli hai messo nel cazzo e come l’hai fatto uscire?”

Allora ho detto: “Panna acida, poi ho usato la lingua per spalmarla, poi ho ingoiato tutto il cazzo in bocca e l’ho ingoiato tutto”.

“Molto puttana, sei più di una puttana. Carlos, avresti dovuto dirmelo, una brava ragazza, ma una gran puttana”

Altre storie erotiche  Mia figlia ingoia il latte del mio capo

“Questa domanda è speciale. Hai succhiato il cazzo al nostro amico mentre ci chiamava?”

“Sì….”

“Ora, finalmente, che fantasia avevi sulla fattoria del tuo ragazzo?”

Tutto, il mio ragazzo mi ha detto tutto, ma questo, giuro, mi ha fatto male.

“Mi sono spogliata nuda, ho indossato finte orecchie da elfo e ho cavalcato con lui di notte.”

“Sono stati visti?”

“Sì”.

Guilherme non ha perdonato “Ma allora non siamo i primi a vederla mettersi in mostra, che puttana”, la gallina giapponese del Signore degli Anelli.

La mia vita è devastata.

Carlos ha detto: “Fai lo spettacolo per noi adesso”.

Quindi l’ho fatto. Mi sono chinato e ho iniziato a sollevare il sedere, lasciandolo ben aperto e appoggiato sul divano. E io dissi, facendo movimenti rotatori con le natiche ben visibili: “Ogni ape al mio fiore, guarda come si apre e si chiude”. Continuavo a mostrare il mio sedere.

Proprio quando pensavo che le cose non potessero andare peggio, ho sentito delle voci e ha suonato il campanello, erano arrivati ​​gli amici di Carlos.

Carlos ha detto: “Fate tutto quello che vi dice Guilherme, li terrò fuori, se Gui chiama al cellulare o se ne va, entrerò con tutti, se si presenta con il pollice in alto, andrò con loro da qualche altra parte. Ma fai tutto, lascialo dire, stronza.”

“Sì”

“Se quello? Come lo dici ai tuoi padroni?”

“Si signore”.

Carlos se ne andò e andò a parlare con la gente, ne approfittò e disse loro di andare a comprare delle birre.

Guilherme ha colto l’occasione per usarmi.

Gli ho succhiato il cazzo e le palle, mi sono girato per lui, gli ho baciato le labbra e i piedi, gli ho fatto il rossetto e il massaggio con le api.

Mi chiede a quanti ragazzi l’ho già regalato e io gli ho detto la verità, avevo paura che lo sapesse davvero.

Dopo un po’ ho sentito il rumore di un’auto e la voce di Carlos e dei suoi amici.

Gui mi ha detto “seguimi o tutti ti vedranno” così mi ha portato in garage e ha posizionato la collana sul tubo vicino alla macchina.

Quel bastardo aveva due lucchetti, non potevo togliere né la collana né la catena dal tubo.

Aspetta un secondo.

Ho aspettato e ascoltato la gente parlare. Così spaventoso.

Dopo un po’ apparve Carlos e disse: “La gente gioca, forza, succhiami il cazzo, puttana, succhiamelo con sottomissione, altrimenti.”

Ho iniziato a succhiargli il cazzo davvero bene. Ho baciato, accarezzato, massaggiato con la lingua, ho solo infilato dentro la testa, poi ho deglutito fino in fondo e ho detto sottovoce “Stronza, spero che ti piaccia”.

Dovevo assicurarmi che gli piacesse, perché avevo tanta paura che si arrabbiasse e chiamasse gli altri.

Poi è apparso Gui. Mi sono spaventata perché non sapevo che fosse lui, ho urlato e sperato che nessuno sentisse.

Poi ho iniziato a succhiare entrambi i cazzi. C’erano momenti in cui dovevo prendere entrambi i cazzi in bocca, pensavo che avrei vomitato, perché non avevo mai fatto niente del genere, ed entrambi i cazzi non erano piccoli, quindi non è stato facile. Poi Carlos mi è penetrato nella figa mentre succhiavo il cazzo di Gui.

Gui ha detto: hai mai visto una puttanella uscire e succhiare un cazzo e un sacco così bene come questa borghesia?

Carlos ha detto: Ogni Partricinha, soprattutto una giapponese come questa, è un’esperta, ti fa venir voglia di fare una foto.

Ho detto: siete degli idioti.

Poi mi hanno preso a calci in culo e ho sentito Carlos: Idioti? Chi è una stronza? Chi dà e succhia i cazzi di due ragazzi? Perdonatemi, altrimenti urlerò e chiamo lo staff.

Ha cominciato a tirarmi i capelli con molta forza, mettendomi in ginocchio, allora ho detto: Per favore, signori, perdonatemi. So di essere una puttana e dovrei fare quello che mi viene detto, ma per favore perdonami.

Quando ho sentito i loro amici chiamarli entrambi, ho ringraziato Dio che hanno avuto il tempo di tirarsi su i pantaloni e andarsene prima che arrivasse la gente.

Dopo un po’, Gui venne e disse: “Entra in questa scatola”. Era una gabbia per trasportare gli animali.

“Ma”.

“Facciamo una grigliata fuori, vuoi essere visto?”

Mi sono iscritto immediatamente.

Speravo che nessuno mi vedesse, anche con la porticina rivolta al muro, perché stavano usando la cassa per depositare la birra.

Dato che Carlos non accendeva la luce esterna, non potevano vedermi attraverso i buchi delle scatole.

Gui ha iniziato a parlare di me ai ragazzi, non della mia presenza qui, ecc., ma delle cose che diceva il mio ragazzo.

Che peccato, perché conoscevo uno dei tre della mia strada.

Quindi verso le 2 di notte penso che abbiano detto che dovevano tornare indietro, Carlos ha detto che li avrebbe portati con sé.

Sono diventato felice senza niente. Mentre i suoi tre compagni riordinavano la stanza. Carlos, con Gui, mi ha messo nel bagagliaio della macchina, con la scatola e tutto.

Non potevo creare o lamentarmi.

Quindi ero lì, nudo, in macchina, con cinque ragazzi, senza sapere dove stavo andando.

Ho sentito che ne hanno lasciati due sulla strada, ma mi sono spaventata davvero quando abbiamo parcheggiato davanti alla casa del terzo.

Poi la portiera del bagagliaio si è aperta e l’ho visto. Carlos, Guilherme e il terzo ragazzo stanno aspettando che esca dal box.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di tradimento: mio marito mi ha chiamato al momento sbagliato!

Non potevo crederci, me ne avrebbero mostrato uno, la cosa peggiore era il ragazzo della mia strada.

Allora Carlos disse: “Puoi svitare questa scatola, ma voglio che tu vada da solo, altrimenti la porteremo a due isolati di distanza, la sviteremo e ti lasceremo tornare a casa nudo”.

Non è venuta fuori, ma quando hanno ripreso la scatola ho detto: “Sì, esco”.

“Se quello?”

“Sì, signori.”

Poi sono uscito nel cortile, ho camminato un po’ come mi avevano chiesto ed sono entrato nel cortile della casa del ragazzo.

Ho ricevuto tanti complimenti dal ragazzo, ha detto che avrebbe sempre voluto vedermi in costume da bagno, ma non avrebbe mai immaginato che mi avrebbe visto nudo e come uno schiavo. Il ragazzo voleva vedere il mio corpo bagnato, quindi ho dovuto nuotare nella piscina di casa sua. L’acqua era fredda, ma non avevo scelta, ero senza vestiti e lontana dalla casa dove alloggiavo.

Allora Carlos disse: “Ho fame, lo schiavo giapponese, lo schiavo patricinha, ci preparerà degli spuntini e ci porterà delle birre”, come uno schiavo obbediente, ho fatto come mi era stato detto.

Servivo e servivo ai tavoli.

Che peccato, non era più la nudità, ma la situazione.

Dopo un po’, il fratello del ragazzo che vive nella mia strada è venuto e ha chiesto: “Mio Dio, dove hai trovato questo tavolo, fratellino? Sei abbastanza grande per questo? Hehehe.”

“Ho 18 anni, ti dimentichi sempre il mio compleanno, questa è la nostra schiava Claudia, non te la ricordi?”

Poi il ragazzo mi ha tirato i capelli, costringendolo a mostrare il suo volto.

Volevo coprirmi con le mani, ma Gui mi teneva le braccia dietro la schiena.

“Wow, sei tu, Claudinha.”

Che umiliazione, ora lo vedevo, ero già stata con lui, e la cosa peggiore era che non si trattava solo di baciarlo.

La mia storia è stata nuovamente condivisa, ora anche con i dettagli del mio ex ragazzo.

Poi il mio ex ragazzo mi ha detto: “Ricordo che rifiutavi sempre il ciuccio, non ti piaceva e lui te lo dava” vergogna. Mmm, vediamo se non ti piace, se ti imbarazza il fatto che stessimo cercando “en”.

Poi ho cominciato a succhiare, in tutte le direzioni, a mordermi la testa, a baciarmi, a massaggiarmi le palle. Tutto.

Mentre succhiavo, Carlos ha cominciato ad accarezzarmi il sedere con il mignolo e a chiedere la loro opinione agli altri due ragazzi: Che ne dite, avete mai visto un fiore di sakura? Hahaha”

Quindi i fratelli mi mangiarono insieme, ma non prima di aver chiesto qualcos’altro.

Hanno preso un rasoio e hanno detto: raditi davanti a noi.

Così ho iniziato a raderli e a farli sembrare davvero lisci.

“Bianco giapponese, troia calda e cattiva.”

Successivamente ho avuto la mia prima doppia penetrazione.

Mi bruciava lo stomaco, non mi faceva più male perché Carlos prese il barattolo di maionese e lo usò come lubrificante.

I due fratelli dissero: “Sushi con maionese, ehehehe”

Mentre mio fratello mi succhiava, ho iniziato a vedere qualcosa a cui non credevo. Hanno rotto tutte le mie barriere, tutto.

Ho cominciato a bagnarmi e poi sono venuto. Non potevo esserne sicuro, non potevo crederci, provavo piacere.

Gui ha detto: “Lei si sta divertendo, vuoi succhiarmi il cazzo?”

“Sì”

“Non capisco”

“Sì, mio ​​Signore, voglio succhiare il tuo e quello di tutti gli altri.”

Carlos ha detto: “Quindi ti do due opzioni: 1° Non è necessario che succhi il cazzo di Guilherme e dopo che avremo finito con i nostri amici, ti darò i vestiti della sorella di Gui, che sono in macchina.”

2° Succhierà molto e darà molto, ma lo farà qui e a casa dei miei altri due amici e sarà nudo sul sedile posteriore, succhiando deliziosamente.

Non ci credevo, ma ho scelto il 2°.

Dopo aver succhiato Gui siamo andati dagli altri due, ho dato tanto al primo, il secondo siamo stati ricevuti dalla guardia, che ha visto come mi mangiavano tutti.

Quando erano le 7 ero di nuovo a casa, ho mangiato, ho succhiato, ho anche fatto un pompino.

Non avevo più nervi, orgoglio o altro, solo il desiderio di servire questi uomini.

Quando sono tornata, ho continuato a essere schiava dei miei due coinquilini e dei miei due vicini.

Ero una schiava del sesso (dormivo anche sulla scala antincendio con i miei due fratelli e il loro cugino)

e anche schiavo della pulizia di tutti. Ho lavato, stirato, cucinato, ecc. Ancora nudo.

Oggi sono molto felice come uno schiavo.

Sono la tua piccola schiava giapponese, Susan ha perso la possibilità di essere felice come me.

E il mio ragazzo, stiamo ancora insieme oggi, perché? Perché mi piace sapere che è un cornuto, e il cornuto dei suoi migliori amici.

io spero tu ti sia divertito

Se vuoi parlare con me lascia la tua email

Baci

*Pubblicato da claudia_giapponese sul sito climaxcontoseroticos.com il 21/10/20.