Storia erotica di tradimento – Intenzioni crudeli: la moglie di mio cugino

di | 11 de Maggio, 2024

Senza le norme e le convenzioni morali che governano questa società, probabilmente a quest’ora avresti superato quel fastidioso semaforo. La frenesia di questa città è esasperante e rende difficile rimanere liberi dalla criminalità. Ma non è di attraversare il semaforo che voglio parlare. Né quanto sia faticoso vivere in una grande città. È stato semplicemente un tentativo di creare una metafora che illustri questo breve momento, in cui andiamo oltre tutte le regole, solo per sentire il nostro cuore battere più pieno di vita. È sicuramente lo stesso tipo di sensazione che cercano i piloti quando accelerano le loro auto per le strade cittadine. È come se il tempo si fosse congelato e consumato dalla fiamma vorace del desiderio, vediamo come i nostri impulsi ci portano oltre i nostri limiti.

Ma oggi consiglierei a chiunque due cose. Innanzitutto non lasciatevi guidare esclusivamente dall’emozione o dal piacere momentaneo. In secondo luogo, prima di agire, ascolta attentamente la voce del buon senso. Questi sono i suggerimenti che verrebbero stampati sul paraurti del mio camion, se ne avessi uno. Non è che li seguo sempre; infatti li ho seguiti in alcune occasioni. Tuttavia, li consiglierei comunque. Se segui questi principi, avrai meno probabilità di ferire le persone importanti della tua vita.

Un podcast sulla vita extraterrestre risuonava dall’altoparlante del mio vecchio Logan, gareggiando per attirare la mia attenzione con i clacson infernali e assordanti delle motociclette in avvicinamento. Alla fine il segnale ha cominciato a chiudere ai pedoni. Ho subito messo la prima marcia e ho preparato la macchina per partire. Tuttavia, quando la luce cambiò, una giovane donna si precipitò ad attraversare. Vestita con jeans attillati che delineavano perfettamente il suo corpo, tacchi alti e una camicia femminile, è riuscita a mettere a tacere l’indaffarato Brigadeiro Luís António! Come diceva il nonno di un vecchio amico: “In momenti come questi, anche i demoni si calmano e si fermano ad ammirare”. La verità è che il suo fascino era così accattivante che era impossibile ignorarla, chiunque fosse. Fu allora che, con mia grande sorpresa, il suo sguardo incontrò il mio e mi guardò come se mi riconoscesse. OH! Vorrei essere così fortunato. Purtroppo è stato uno di quei momenti veloci e improvvisi, ma che ti restano dentro per tutta la vita e che mi faranno dire in qualunque cerchia di amici: “Uno di questi giorni ho visto una ragazza…molto sexy!” Oltre all’immenso piacere di poterlo contemplare, non ho potuto fare a meno di notare una somiglianza così stridente. Ed è stato da lì che, alla guida della vecchia Logan, ho cominciato ad immergermi in un oceano di ricordi.

La data del matrimonio di Débora e Juliano si stava avvicinando e ovviamente non potevo non andare. Juliano, mio ​​cugino, è il tipo di persona con cui litighi senza nemmeno conoscerne il motivo. La nostra amicizia di lunga data e la celebrazione di un momento così importante nella sua vita avrebbero dovuto essere ragioni sufficienti per affrontare il viaggio di tredici ore. Ma in verità forse c’era qualcos’altro, qualcosa che mi ha motivato profondamente ad essere presente…

Débora è una persona incredibile, con il potere di far innamorare qualsiasi uomo non appena la vede. Il tuo sguardo malizioso mi ha spesso portato a sogni lascivi ad occhi aperti, e i tuoi piedi? Oh i tuoi piedi! Piccoli e delicati, a volte mi ritrovavo perso, a contemplarli in silenzio. Ci siamo conosciuti appena ha iniziato a frequentare Juliano, il che significa che la nostra amicizia dura dieci o dodici anni. Ricordo, come se fosse ieri, come conquistò rapidamente l’affetto di tutta la famiglia. Negli anni abbiamo coltivato molto bene il nostro legame, condividendo una pizza, visitando le cascate o semplicemente chiacchierando al tavolino di un bar. Dettaglio: Ama il vino rosso dolce e non lo dimentica mai. Una cosa che mi ha sempre divertito era notare gli sguardi maliziosi che molte persone le lanciavano, tutte desiderose di godersi almeno un breve momento con la ragazza. Sono sicuro che anche Juliano abbia notato questi ragazzi che frequentavano sua moglie. Ma ha sempre affrontato queste situazioni con grande calma e sicurezza. Soprattutto perché sapeva tenere al loro posto quelli più divertenti, evitandogli così di sprecare energie.

L’intrigante ingenuità di Débora mi ha fatto impazzire! Ma wow, è come se non rispettasse la nostra virilità! Come se fosse completamente ignara della possibilità che un amico tentasse di corteggiarla. Il tuo sguardo è sempre stato il mio punto debole, sembrava che il tempo mi invitasse a perdermi tra le tue labbra. I loro abbracci, o qualsiasi gesto d’affetto senza pretese, mi rappresentavano sempre un invito irresistibile a passare con il semaforo rosso.

Senza rendermene conto, mi sono ritrovato travolto da una passione travolgente. E senza il profondo rispetto per i legami familiari, e come la stessa Débora, onestamente, avrei perso la testa molto tempo fa.

Altre storie erotiche  Ragazza cinese perduta a Bangkok -III

Con il passare degli anni la loro relazione si rafforzò e iniziarono i progetti di matrimonio. È stato in quel momento che ho deciso che la cosa migliore era allontanarmi da quella sensazione quasi suicida che mi stava consumando sempre di più. Ho anche preso le distanze. Tuttavia è stato molto complicato, non solo per l’ottimo rapporto che avevamo, ma anche per la mia debolezza. Non avrei mai pensato che a 40 anni mi sarei ritrovata in una situazione del genere.

Quando arrivò il giorno delle nozze, ero lì, a guardarla entrare in quella imponente chiesa, accompagnata dal padre, verso l’altare. Mentre avanzavo, i nostri occhi si incontrarono di nuovo. Ed era quello stesso sguardo che a volte mi faceva credere che un giorno lo avrei avuto tra le mie braccia. Tuttavia, si sono sposati e la festa è stata fantastica! Pieno di piatti tradizionali del Minas Gerais e, naturalmente, la fantastica cachaça di Zé Pimenta.

Dato che ero in vacanza, ho colto l’occasione per restare qualche giorno in più in città. Appena gli sposi sono tornati dal viaggio di nozze, Juliano ha invitato il gruppo a visitare la sua casa e provare i deliziosi snack salati di zia Vanilde. Quella notte la casa era piena di vita. I bambini correvano in giro, un cane abbaiava e io ero attorno al tavolo, impegnandomi in vivaci giochi di Uno.

Ad un certo punto ho lasciato da parte il tavolo e sono uscito nel patio per guardare Gigante, il suo cane. Lontano dallo sguardo dei proprietari, ho lanciato tre cosce e due palline di formaggio al mio vecchio amico che, a giudicare dalla sua espressione, aveva solo bisogno di parlare e ringraziarmi per essermi ricordato di lui. Poi ho finito per distrarmi guardando un cielo magnifico! Era una notte stellata, senza nuvole in vista. Speravo che il giorno dopo portasse una notte come questa; Sarebbe confortante rimettersi in cammino sotto un cielo così.

“Perso tra le stelle? “Era lei, ed era bellissima come sempre. A piedi nudi, i capelli legati in una coda di cavallo e un vestito che delineava esattamente il suo corpo, mi ha fatto sospirare.

“E come farai a non restare?” Guarda questo cielo… – risposi guardando le stelle. “Una notte così fa bene alla guida, spero che anche domani sarà così”, concludo guardandola negli occhi.

“È un peccato che tu debba già partire domani, ma sono così felice che tu sia venuto,” disse fermandosi accanto a me.

Ho guardato velocemente fuori dalla finestra della cucina, assicurandomi che non ci fossero persone curiose che ci osservavano, anche se immaginavo che non ce ne fosse motivo. Per fortuna non c’era nessuno, si sentivano solo le voci tumultuose che provenivano dall’interno della casa.

“Non perderei questo giorno per niente al mondo, sei davvero speciale.

“Grazie… Non hai idea di quanto ti amo”, sussurrò e, gettandomi le braccia sulle spalle, mi abbracciò affettuosamente. Notai che i suoi capezzoli erano gonfi e si sfregavano pericolosamente contro il mio petto, alimentando la mia libido.

Con una mano sulla sua vita, la strinsi forte, come per avvertirla: “Non giocare con me, muoio dalla voglia di scoparti”. Ma lei rimase lì, così sfiorai il suo viso, godendomi il suo profumo e, con mia grande gioia, la sentii gemere vicino al mio orecchio e stava bene. Naturalmente, il risultato del contatto della mia barba con la sua pelle. Débora cominciò ad accarezzarmi la nuca, una provocazione piuttosto audace per il momento. Un attimo dopo le nostre lingue erano già intrecciate in un bacio pieno di peccato e lussuria.

La portai rapidamente in un angolo più buio del cortile. Poi, mentre ci baciavamo, le ho messo la mano tra le gambe. Le mie dita scivolarono sentendo la morbidezza della sua coscia e le tirai su il vestito. “No…per favore…” sussurrò. Tuttavia, non appena le mie dita hanno trovato la sua intimità, sopra la sua delicata lingerie, ho potuto vedere quanto fosse bagnata, dimostrandomi che le sue parole erano completamente opposte a ciò che il suo corpo mi stava dicendo, molto chiaramente. Trovando il suo punto più sensibile, ho iniziato una dolce carezza e mentre intensificavo questo contatto, le sue unghie si sono affondate, assetate e quasi irresponsabili, nelle mie braccia, rivelando il suo eccitazione.

Perdendo completamente la testa, abbassai i pantaloni e, tenendolo per il braccio, lo guidai, facendo sì che la sua mano trovasse il mio membro eretto e virile. Ci siamo guardati e in quel momento ho apprezzato le sue guance arrossate e il suo respiro affannoso. Débora cominciò a muovere la mano su e giù sul mio cazzo, masturbandomi con determinazione. “Lo voglio dentro di me… possiamo farlo?” —Disse con una risata maliziosa.

Altre storie erotiche  Sedurre il mio compleanno Roludo

Avevamo decisamente oltrepassato il limite. Prendendola per la vita, l’ho messa sulla schiena. Le ho tirato su il vestito e le ho abbassato le mutandine, facendole scorrere lungo le gambe e cadere fino ai piedi. Senza perdere tempo, mi misi dietro di lei, le tenni stretti i capelli e entrai volentieri. Mentre mi seppellivo dentro di lei, sentivo la sua umida intimità premere avidamente sul mio membro.

Ma poi, per nostra sfortuna, il gigante ha iniziato ad abbaiare, cosa che ovviamente ci ha spaventato. Débora se ne andò subito e, senza pensarci troppo, ritornò a casa. Chissà perché questo cane ha cominciato ad abbaiare, e proprio in quel momento! Apparentemente nessuno si era avvicinato. Mi sono chinato e ho raccolto la sua piccola lingerie che era rimasta sul pavimento, era bagnata. In quel momento ho persino sorriso soddisfatto. Dovevo restare lì qualche minuto, aspettando che il bruciore si placasse. In compagnia del Gigante, stavo parlando con lui, cercando di capire perché mi avesse fatto questo, avevo l’impressione che con la sua espressione maliziosa, praticamente mi stesse dicendo: ‘Sei spaventato a morte, vero? e tu? Non è così? tu, il tuo uomo? Non ti lascerò mangiare il mio padrone, solo io e il mio padrone possiamo farlo. Prima di entrare in casa l’ho guardato e ho detto: “Non ti porto più coxinha, mascalzone. » E il bastardo cominciò ad abbaiare, come se avesse veramente capito quello che aveva detto.

Quella notte dormire era un compito impossibile. Non potevo smettere di pensare a lei. “Cambierà con me?” » Mi ha fatto diverse domande. Sono stato sveglio gran parte della notte! E questo è il potere oscuro della passione. Ha l’audacia di sottometterci, di trasformare uomini maturi in adolescenti sognatori, ingenui e irresponsabili.

Il giorno dopo, mio ​​cugino tornò a casa presto. Appena l’ho visto dalla finestra del soggiorno, la prima cosa che mi è venuta in mente è stata: “Cavolo… sa tutto!” “Ma lui mi ha mostrato una borsa e, con mio grande sollievo, mi ha mostrato che aveva portato il formaggio che mi aveva promesso il giorno prima. Juliano sarebbe andato al lavoro, ma si è comunque preso il tempo per prendere un caffè con me. Durante la nostra conversazione Pensavo solo ad una cosa: Débora adesso la desideravo più che mai, anche se temevo la sua reazione.

Davanti casa, già in sella alla sua moto, ha commentato:

– Oggi Débora si è svegliata strana, un po’ malata e non è nemmeno andata a lavorare. Forse è a causa della dengue.

Qui ci fu una pausa drammatica e il mio battito cardiaco si fermò. “Merda! Che cosa ho fatto?” mi sono detta, perché Débora è una parrucchiera, appassionata del suo salone e difficilmente smetterebbe di andare a lavorare se fosse per una buona ragione.

«Ma lei mi ha detto che si arrabbierà con te se non la dici addio», aggiunse Juliano mettendosi il casco. In questo momento ci fu un altro sospiro di sollievo.

“Fai buon viaggio, cugino, e vediamo se non ci mette molto a tornare”, concluse avviando la moto e partendo.

Nel primo pomeriggio ho bussato alla sua porta. E appena aprì la porta, gridò:

“Oh! Non proprio?! Oh, se non me lo facessi vedere!” disse, avvolgendomi in un abbraccio affettuoso. Notai che indossava lo stesso vestito del giorno prima, cosa che mi diede un’enorme soddisfazione, perché le stava molto bene e mi ha lasciato anche ottimi ricordi.

“Ieri ho imparato che devo stare molto attenta ai nostri abbracci, sono molto pericolosi”, ha scherzato, rompendo il ghiaccio che forse esisteva tra noi. Ho sorriso e ho concordato con lei dicendo:

“Beh, non ho intenzione di discutere con te.

Le mie mani risalirono la sua schiena e la sentirono. La vicinanza della sua bocca alla mia mi ha creato l’enorme sfida di non perdermi d’animo e di baciarlo lì, davanti a casa sua.

“Avanti, entra.” Bevi un vino con me. OH! Ho dimenticato! Non puoi bere. Dovrai solo restare a prendere un caffè.

E gli bastò chiudere la porta perché i nostri corpi si unissero in un bacio noncurante come i vestiti che venivano tolti uno ad uno e gettati a terra. Mi sono chinato un po’, abbastanza da afferrarle le cosce e sollevarla contro il muro del soggiorno. Sistemato tra le sue gambe, continuò a baciarla come un pazzo; Aprii i pantaloni e, trattenendo il mio membro rigido, lo guidai verso la sua fessura e poi lo penetrai profondamente, non appena cominciai a spingervi dentro con grande slancio.

Fuori, il Gigante non smetteva di abbaiare e potevamo persino sentire le sue zampe che graffiavano disperatamente la porta della cucina. Il mio viso si illuminò di gioia sadica, immaginando che forse il mascalzone sapeva che ero lì e avrebbe scopato il suo proprietario. Mettendola sul tavolo ho continuato a penetrarla e poco dopo l’ho portata nel letto proibito della coppia. Mentre si sdraiava, le tenevo la gamba sinistra e la guidavo finché il suo piedino non incontrava le mie labbra. Ho iniziato a succhiargli i mignoli, uno per uno, godendomeli. Dopodiché scesi, facendo scivolare le mie labbra tra le sue gambe fino a prendergli finalmente il cazzo con grande desiderio. Débora inarcò il corpo in un gemito emozionante, mentre la mia bocca esplorava avidamente il suo centro umido. Poi mi sono inginocchiato sul letto, con una presa l’ho messa a quattro zampe e le ho dato due pacche sul sedere. L’ho penetrata di nuovo con voracità e, tra gemiti birichini, la porca mi ha chiesto di scoparla più forte, mostrando una Débora che non avrei mai immaginato di ritrovare. E così abbiamo scopato per poco più di mezz’ora. Molto intensamente. Ho avuto perfino il piacere di spezzare le deliziose pieghe del suo anello! Molto stretto, e secondo lei Juliano non le aveva ancora nemmeno toccato il dito, com’era emozionato!

Altre storie erotiche  il corno obbediente

Sdraiati sul letto, nudi e abbracciati, restammo così per un po’, scambiandoci semplicemente carezze maliziose.

—Non ho dormito affatto pensando a quel bacio. —Ha ammesso di aver giocato con i peli del mio petto.

“Nemmeno io avevo paura, pensavo che alla fine si sarebbe allontanato da me. Soprattutto dopo aver visto suo marito bussare alla porta la mattina presto.

Abbiamo riso insieme della situazione e poi, guardandomi negli occhi, mi ha chiesto:

“Possiamo mantenerlo segreto?” – Ci siamo scambiati ancora qualche bacio, li sentivi anche echeggiare nella stanza.

“Solo se mi prometti che sarai la mia puttanella cattiva”, continuai baciandole il collo, “che scoperemo così, ogni volta che sarò qui.

Débora sorrise, si morse le labbra e rispose:

“Idiota, vedo che mi sono perso, perché sei così sexy e hai ancora un cazzo davvero delizioso!” – masturbandosi, concluse – Mi piacerebbe essere la tua puttanella… ma sappi che amo tua cugina. . Il problema è che in realtà sono sempre stato innamorato di te, non ho mai fatto capire a nessuno, insomma… forse qualcuno lo sospettava già, ma io non l’ho mai confermato e non mi sono mai lasciato tentare. almeno fino a ieri.

“Forse lo sapevo…” dissi sorridendo, guardandola arrampicarsi sul mio corpo con un’espressione giocosa. Guardandomi negli occhi, prese il mio membro tra le labbra del suo fiore e lo fece scivolare dolcemente.

Mentre cavalcava, girovagavo analizzando la sua espressione. Tempo benedetto per meditare su qualcosa! Qualcosa però mi dava fastidio e non sapevo spiegare cosa. Quindi, per puro istinto, o se fosse stata una pura illusione della mia mente, ero sicuro di non essere l’unico a godere di questo frutto proibito. Ma non capivo perché o come fossi arrivato a questa conclusione e, ragazzi, era una sensazione molto brutta e intensa. Sentendo questa amarezza, questa incapacità di averlo tutto per me, mi sono arrabbiata. Le afferrai forte i capelli e, lanciandomi contro il suo corpo, intensificai i movimenti. Ci siamo divertiti tantissimo, in un sincronismo quasi perfetto. Débora mi guardò sorridendo, con l’aria di chi si diverte pienamente, del tutto soddisfatto.

Circa due ore dopo, ero solo, viaggiando per poco più di cinquecento miglia verso casa.

Pochi giorni dopo tutto sembrò tornare alla normalità. Sfortunatamente, sapevo che tutta questa frenesia prima o poi si sarebbe placata. La distanza fa schifo! Alcuni dicono che la distanza può servire da carburante per mantenere viva la fiamma della passione o dell’amore, ma io non sono affatto d’accordo. Tanto che dopo tre giorni ho detto tre giorni!! Debora mi ha inviato un messaggio suggerendomi che sarebbe stato saggio smettere di covare questo desiderio e che ciò non potesse ripetersi. Sì, sembra che qualcuno sia tornato in sé, ma non ero io.

E peggio ancora, immaginare che qualcuno possa essere… Arhhh! Sto impazzendo a pensarci. Nei miei sogni, i tuoi passi a piedi nudi Cercandomi, in ogni angolo della mia mente, continuano a riaccendere questo desiderio. La voce del buon senso mi dice che la cosa migliore è goderselo e dimenticarlo; e poiché ciò è accaduto, è più sicuro mantenerlo segreto, nascosto nel passato. Per questo! Lo dimenticherò! Ma tra due mesi tornerò, ho proprio bisogno di sistemare alcuni dettagli di ristrutturazione nella casa che ho lì. Ma forse, onestamente, è solo…

****

Per favore aiutami con i tuoi commenti. E-mail: [email protected]

*Pubblicato da scrittore sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/02/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *