Storia erotica di un cornuto – Mangio la figlia del mio amico alla Festa Junina

di | 27 de Giugno, 2024

Una gonna scozzese lilla, piena di volant in stile country per una festa di giugno. Una camicetta rossa, calze a rete sulle gambe e due forcine tra i capelli, sembra un’innocente ninfa di campagna. Ballare davanti al falò delle festività di giugno.

Piccola, 23 anni, bionda, con una gonna corta e cosce grosse scoperte. Il mio seno sodo rimbalzava contro la camicetta ad ogni movimento che facevo mentre ballavo i festosi forrós. I pompon biondi, uno su ciascun lato, mi facevano sembrare una ragazza innocente, attirando l’attenzione dei pervertiti che mi guardavano ballare. Soprattutto, l’amico pervertito di mio padre…

Ho già scritto qui nelle storie precedenti del rapporto che ho con lo zio monello. E ogni volta che accadono questi incontri, c’è una tensione sessuale in cui lui mi guarda come un pervertito, ricordando la sessione che ho fatto sulle sue ginocchia lol.

Di notte, alla luce della luce e del falò di São João. Scaldarmi con una dose di cachaça in mano e il calore del fuoco che scalda il mio corpo. Piccola, felice, focosa, balla i funk e i forrós della festa di giugno. Mio padre lì vicino, la gente che mangiava alla festa e l’amico di mio padre che mi guardava e voleva mangiare qualcosa di diverso dal mio amico…

La gonna corta lilla lasciava scoperte le mie gambe nelle calze a rete. Facevo roteare la gonna ad ogni giro, mostrando le mie mutandine bianche mentre ballavo felice e maliziosa. Mani sulle ginocchia, sedere all’insù, sedere in aria e muoversi in un’atmosfera di festa di giugno.

Ad ogni movimento, la gonna si alzava e abbassava, mostrando il mio culo agli occhi del mio zio pervertito. Le mutandine bianche completamente sepolte nel mio culo. Le calze a rete perdevano, mostrando più che nascondere la mia pelle, le mie natiche, il grosso culo rotondo della giovane e birichina caipirinha.

Più l’amico di mio padre mi guardava, più mi voltava le spalle. Ho creato un Instagram per i lettori @bunnycontos e lì pubblico sempre foto e video delle storie. Pubblicherò alcuni video ballando con questa graziosa gonna corta lilla lol.

Davanti al fuoco, con il corpo proteso in avanti, le natiche tirate indietro, le manine sulle ginocchia, tutte strette insieme, la schiena rivolta all’amico di mio padre, con la gonna della notte di giugno che si alza e si abbassa, gira e rigira, di lato il culo è completamente fuori. La vista del vecchio nella piccola collinetta della mia figa coperta solo dalle mie mutandine bianche.

Guardandosi indietro, da sopra la sua spalla, con un viso birichino, con i suoi piccoli capezzoli biondi che ondeggiano nell’aria, con un provocatorio sorriso da ninfa e muovendo le natiche nella sua direzione.

Con mio padre vicino, la gente della festa e il giovane magnaccia con il culo per aria, il perizoma sepolto, la gonna per aria e la mia figa spalancata da dietro. Guardalo negli occhi e praticamente implora il cazzo.

Altre storie erotiche  Cuoco dotato - Storie erotiche

Tutto è successo velocemente, qualche giro e stavo di nuovo bene. Dai si prese un momento e poi si raddrizzò di nuovo, girandosi e quasi allargando il sedere verso di lui. Il mio culo carnoso con la gonna alzata e il perizoma viene inghiottito dal mio cumulo di figa sbavante e lussuriosa. Stava andando a fuoco e non era a causa dell’incendio…

VOGLIO LA PICA!!!

Di fronte all’amico di mio padre, ballava funk, si accovacciava, rimbalzava sul pavimento. Con gli stivali da contadino, una gonna lilla da festa di giugno, le gambe aperte e le mutandine bianche aperte in faccia al mio vecchio mascalzone. Rimbalza, si contorce, con le dita in bocca e le gambe aperte, la figa in aria, in mostra davanti a mio zio birichino.

SENTA SENTA SENTA SENTA nel funk e ogni SENTA SENTA era uno schiaffo in faccia. La gonna corta, le cosce spesse scoperte, il micro perizoma bianco e i miei fianchi che rimbalzano sul pavimento, su e giù, avanti e indietro. Come se fossi seduto su un cazzo e mi strofinassi la figa su tutta la faccia del mio giovane adolescente che mangia.

Tenevo anche la gonna con le mani, per sollevarla più in alto, con le gambe scoperte e la figa che sbavava di desiderio. Uno scambio di sguardi, un gesto con il mignolo, un richiamo, un puntamento e un arresto sulla mia boccuccia, un rimbalzo nel funk con il mignolo in bocca e la mente che vuole il cazzo.

Sono andato sul retro del club dove si teneva la festa e ho fatto cenno all’amico di mio padre di seguirmi. Abbiamo aspettato per un’ora senza che nessuno ci guardasse, il gruppo che ballava sulla pista da ballo, la musica da festa di June che suonava e una ninfetta che twerkava con la sua gonna lilla diretta verso un piccolo magazzino sul retro del club.

Due minuti dopo qualcuno bussò alla porta. L’ho aperto ed era l’amico di papà con un sorriso pervertito sul volto. L’ho spinto dentro, prima che qualcuno lo vedesse, ho chiuso la porta e ci stavamo già baciando e la sua mano afferrava il culo sexy della figlia del suo migliore amico.

Stando di fronte, le sue mani mi afferrarono la schiena e penetrarono nella mia gonna. I fiocchi e le volant sul mio vestito caiprinha erano tutti disordinati e tirati su, la mia gonna avvolta intorno alla vita, le calze a rete erano strappate con le sue mani che afferravano e stringevano avidamente il culo succoso della ragazza funk.

Disordinato, con i miei capezzoli che oscillano da un lato all’altro, il mio seno che si muove nella mia scollatura e un vecchio arrapato che quasi mi appende al pavimento, abbracciandomi e sollevandomi per il culo. Mi mancano le infradito dal culo e l’amico di papà gli mette la figlioletta del suo amico nel suo culo caldo.

Altre storie erotiche  MANGIANDO IL CULO DELL'AMICO DI MIA SORELLA

Afferro i lati delle mie mutandine e le tiro giù. Correndo attorno alle mie spesse cosce di ninfa sgombro. I miei fianchi larghi, il mio sorriso malizioso, il mio respiro difficile. E la grande sala da pranzo mi toglie le mutandine dai piedi, una dopo l’altra…

Mi ha sollevato e mi ha fatto sedere su un tavolo, con la mia gonna lilla alzata, le mutandine sul pavimento, gli stivali sospesi in aria, le gambe aperte e la mia morbida figa da principessa nuda davanti a me. corona. Appoggiai il corpo all’indietro, appoggiando le mani sul tavolo e le gambe aperte. Volevo il cazzo, e sarebbe stato lì…

La musica ad alto volume che veniva da fuori, le canzoni della festa di giugno coprivano i rumori furtivi e i gemiti che emetteva all’interno di quella piccola stanza. Il pervertito si apre in fretta i pantaloni e tira fuori il cazzo. Tieni il gallo e muovilo davanti a me.

– Guarda cosa ho per te, puttanella dispettosa…

Seduta al tavolo, tutta sudata e scarmigliata, guardavo il grosso cazzo dell’amico di mio padre e sorridevo come una puttana desiderosa di cazzo. Con le gambe spalancate, le cosce grosse, la figa esposta, dondolando i piedi in aria e mordendosi la bocca con la faccia di una ninfetta arrapata.

– Vieni, zio….

È venuto come un pervertito! Si mette tra le mie gambe, mi abbraccia, mi bacia, mi morde e inizia a inserire la punta del suo cazzo nella mia figa bagnata.

Mi sono seduto su un tavolo, appoggiando il corpo all’indietro, sostenuto dalle mie mani, una su ciascun lato, con mio zio in piedi di fronte a me, tra le mie gambe, costringendo i suoi fianchi a spingere il suo cazzo nella bella del suo amico. Stringendomi forte e iniziando a scuotere il mio cazzo a metà.

Ho avvolto le mie gambe attorno alla sua vita, ho premuto le mie cosce attorno ai fianchi del mio vecchio birichino, ho avvolto le mie mani e le mie braccia attorno al suo collo, sostenendomi, sostenendomi e respirando profondamente per iniziare a prendere i cazzi nel mio corpo stretto e ben educato. la figa della ragazza.

Ha forzato, spinto, schiaffeggiato il suo cazzo, allargandomi la figa per sopportare il resto delle botte che mi avrebbe dato in quella piccola stanza. La porta era chiusa, la musica veniva da fuori, mio ​​padre era alla festa, c’era sua moglie alla festa e il vecchio infilava il cazzo nella ragazza bionda con la pipa tra i capelli.

I miei piedini ondeggiavano nell’aria ad ogni spinta, i miei capezzoli tremavano ad ogni spinta, il mio respiro diventava affannoso ad ogni spinta nella mia figa. Gemendo maliziosamente, alzando gli occhi al cielo e stringendo forte il mio giovane commensale.

Altre storie erotiche  Pagare un debito - 9

Le sue mani si ammorbidiscono e mi afferrano le cosce. Le mie gambe gli stritolarono e gli schiacciarono la vita. Il suo cazzo martella e mangia deliziosamente la mia figa stretta. Non ce la facevo più, alzavo gli occhi al cielo e urlavo forte per l’eccitazione…

– Ainnnn ainnn vaiinnnnn dudeoooooooonnnnnn… I FÔÔÔDIIIIIIIIIIIIIIII

Non pensavo nemmeno a quella festa, a mio padre o a sua moglie. Tremavo tutta, tremavo, scarmigliata e mi gettavo sul collo del ragazzo arrapato che mi scopava con passione. Nel bel mezzo della festa, nel cuore della notte, in mezzo alle mie gambe. Con il tavolo che tremava e colpiva il muro ad ogni colpo che mi dava.

– Gotico… Cattivo… PUTTANA

– Ainnn Tionnnn… souuuuunnn… je suis votre bitchaaannnn… mange-moi commeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee. eeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!

Con le sue mani, una su ciascun lato, che mi lisciavano e stringevano le cosce, la mia gonna lilla sollevata, le mie mutandine sul pavimento e il suo grosso cazzo duro che toccava la mia provocante figa color sgombro. Nonostante avessi stuzzicato questo bastardo ballando funk alla festa, ora se la stava cavando con un cazzo nella mia figa.

Non credo che resistemmo nemmeno 10 minuti in quella piccola stanza. Perché non sarebbe passato molto tempo prima che tornasse al fianco di sua moglie. L’amico di papà si diverte con la piccola figlia arrapata del suo amico.

Sono arrivato ovunque, stringendo quel bastardo con le mie cosce. Geme maliziosamente e muove i suoi capezzoli biondi nell’aria. Mi ha stretto forte e mi ha colpito ancora più forte. Mangiandomi, scopandomi, mordendomi la spalla e mettendomi il cazzo a pecorina con le gambe aperte prendendo il cazzo nascosto alla festa di giugno.

Uscii da quella stanza tutta storta, con le calze a rete strappate, in perizoma e cercando di abbassare il vestitino. Scarmigliata, inciampando negli stivali, tutta indifesa dopo aver sborrato sul cazzo dell’amico di suo padre. Col volto di ninfa soddisfatta e di fuoco spento.

Sono persino tornato alla festa per mangiare una salsiccia, affrontando il ragazzo accanto a sua moglie e ingoiando la salsiccia grassoccia, già stuzzicando che la prossima volta sarebbe stato il suo cazzo nella mia bocca lol.

Ma questo è per una storia futura. Spero che ti sia piaciuto oggi. E se vuoi i miei nudi e i video delle mie storie manda un messaggio ai miei contatti. Caricherò un video con questo vestitino lilla del festival di giugno.

Instagram @bunnycontos

telegramma @bunnycontos

oppure invia un’e-mail a [email protected]

*Pubblicato da conigliobiondo sul sito climaxcontoseroticos.com il 25/06/24.