Storia erotica diretta – I giapponesi mi hanno portato all’onsen

di | 11 de Maggio, 2024

Ciao ragazzi! Sto raccontando un’altra mia storia, con lo stesso giapponese dell’ultima storia (che è sul mio profilo, se non l’avete ancora letta, penso che fareste meglio a leggerla prima per leggere questa). uno). Questa volta la pigrizia ha vinto e ci ho messo più tempo del previsto per finire questo e non prometto che i prossimi usciranno più velocemente, ma ci proverò! Ad ogni modo, smetterò di perdere tempo e inizierò presto la storia!

Dopo quella giornata alla piscina pubblica dove il ragazzo giapponese mi portò a cena e poi in albergo, per un po’ non ebbi più contatti con lui. Non ho ricevuto un suo messaggio se non più di un mese dopo. Ha detto che gli è piaciuto il nostro incontro quel giorno e che voleva rivedermi, ma prima era un po’ difficile a causa del lavoro. Si parla, si parla e finiamo per programmarlo per il prossimo fine settimana. Sarebbe venuto a prendermi sabato sera, in un posto che pensava potesse riservarmi una sorpresa. Concordai anche con un amico di dire ai miei genitori che avrei dormito nel loro appartamento. Quando sono arrivato il giorno stesso, ho preparato uno zaino con i vestiti e le mie cose. Indossavo un vestito nero corto che mi arrivava a metà coscia, un po’ scollato con un piccolo filo che formava come un piccolo fiocco intorno al collo. , con sopra una giacca beige e anche un paio di stivali beige. L’ho aspettato per un po’, finché non è apparso.

Sono salito sulla sua macchina e abbiamo parlato per tutto il tempo, senza che lui mi dicesse dove stavamo andando. Man mano che avanzavamo, ho riconosciuto la zona vicino al tempio cittadino, un po’ distante dal centro.

– Dove andiamo? – chiesi incuriosito. – So che siamo vicini a Taisha (nome del tempio), ma non c’è molto da queste parti, giusto?

– Stiamo arrivando, aspetta…

E dopo ancora qualche minuto siamo arrivati. Era qui vicino al faro, un albergo che sembrava lussuoso.

– Aaah, un ryokan onsen (un hotel più tradizionale con un bagno termale pubblico)! Sembra elegante!

Ha parcheggiato la macchina e siamo saliti. Abbiamo fatto il check-in e siamo andati in camera.

-Ci stiamo preparando per andare all’onsen?

– Dai! – mentre mi portava in bagno.

Mi ha tolto la giacca e l’ha appesa all’attaccapanni all’ingresso del bagno, poi ha lasciato cadere il vestitino ai miei piedi, lasciandomi solo con le mutandine e il reggiseno. Si è anche tolto i vestiti e potevo già vedere il rigonfiamento nelle sue mutande. Si avvicinò, mi abbracciò e mi tolse il reggiseno. Mentre mi avvicinavo, ho sentito la sua massa premere contro il mio stomaco. E alla fine ha abbassato le mie mutandine a terra, mentre io sollevavo una gamba dopo l’altra per aiutarlo a toglierle, e subito dopo si è tolto le mutande, rivelando il suo cazzo già duro. Detto questo mi ha portato sotto la doccia e abbiamo iniziato a fare la doccia. Ha iniziato ad applicare il sapone su tutto il corpo, sempre sulla schiena. Prima è partito dalle spalle ed è sceso lungo la schiena, fino a raggiungere il sedere, dove è rimasto per un po’, per poi scendere lungo le gambe. Poi ha iniziato a correre lungo la parte anteriore delle mie gambe e lentamente verso l’alto. Quando ha raggiunto la mia vita, si è preso un po’ di tempo anche lì, prestando particolare attenzione alla mia figa, massaggiandola abbastanza da incendiarmi, ma senza ancora venire, poi è salito lentamente sul mio stomaco fino a raggiungere il mio seno, dove. Era più attento. Ho sentito il suo cazzo toccarmi il culo, mentre mi massaggiava e mi stringeva il seno. Rimase così per molto tempo, finché arrivò il momento di invertire i ruoli e toccò a me applicare il sapone sul suo corpo. Ho fatto lo stesso, gli ho voltato le spalle e ho iniziato a camminare dietro di lui. Dopo aver finito la parte posteriore, ancora dietro, mi sono avvicinato a lui, ho premuto il mio corpo contro il suo e ho iniziato ad applicare il sapone sul davanti. Con i miei seni premuti contro la sua schiena e le mie braccia sotto le sue braccia, ho applicato il sapone sul suo petto e mi sono spostata lentamente lungo il suo stomaco, fino a raggiungere il suo cazzo. Ho strofinato il sapone su tutta la sua lunghezza, fino alle palle. Ho continuato a strofinare e a lasciare scorrere l’acqua finché non è uscito tutto il sapone, così ho potuto girarlo e guardarmi, piegarmi e iniziare a succhiargli il cazzo. L’ho succhiato per un po’ finché non è arrivato alla bocca, facendomelo ingoiare tutto. Mi sono alzato e ho detto:

Altre storie erotiche  Mangia tua cognata per dessert

– Pronto. Ora puoi andare all’onsen ahah.

Siamo usciti dalla doccia e il suo cazzo è caduto mentre ci stavamo asciugando. Detto questo indossiamo l’accappatoio fornito dall’hotel e finalmente ci dirigiamo verso l’onsen. Siamo arrivati ​​all’ingresso e ognuno si è diretto nei propri camerini. Una volta dentro, mi sono tolta e appesa la vestaglia, ho legato i capelli in una coda di cavallo con un elastico che avevo lasciato al polso, ho preso un asciugamano per avvolgermi ed sono entrata nell’onsen. C’era un ampio spazio interno, con una zona bagno separata da un muretto molto basso (perché qui, nella maggior parte di questi bagni pubblici, ci si bagna seduti su uno sgabello, davanti ad uno specchio, con una bacinella d’acqua e/o un doccia) e dall’altro lato c’era la piscina di acqua calda. Dietro c’era un muro tutto di vetro che dava all’esterno, dove c’erano altre piscine di acqua calda, con rocce e vista sul mare. Quando sono entrato lui era già lì, nella piscina all’aperto. Sono passato davanti alle docce e alla piscina coperta e l’ho incontrato. Non c’era nessun altro con noi.

– Wow, che posto meraviglioso!!

– E questo è solo per noi oggi. Vieni qui.

Mi sono avvicinato a lui, mi sono tolto l’asciugamano e l’ho lasciato accanto alla piscina, sono entrato e mi sono seduto accanto a lui, sentendo l’acqua calda che circondava il mio corpo mentre entravo. I capezzoli del mio seno si erano induriti, e quella fu la prima cosa che notò, mentre apriva le braccia e mi abbracciava, premendo il mio corpo contro il suo, e con ciò, il mio petto premeva contro di lui. Con il braccio attorno al mio collo, mise la mano sull’altro mio seno e cominciò a giocare con il capezzolo duro.

Altre storie erotiche  Sposato e bisessuale - Storie erotiche

– Mmm, è difficile, guarda – disse, stringendo e tirando il boccaglio.

– Huuuum… – Mi sono limitato a gemere leggermente.

Ha passato un po’ a giocare con i miei seni e dopo un po’ mi ha passato l’altra mano sullo stomaco, fino alla figa. Cominciò ad accarezzarmi leggermente e io aprii lentamente le gambe per dargli modo, mentre cominciavo a gemere sempre di più. Ha continuato a passarmi un dito nella figa per un po’, poi ha fatto scivolare lentamente due dita nella mia figa, masturbandomi. Ho afferrato il suo cazzo. Avevo già l’erezione e ho iniziato a muovere la mano su e giù, ma per un breve periodo, quando ho iniziato a sentire arrivare l’orgasmo. Ho iniziato a tremare e gemere con la sua mano che mi massaggiava mentre teneva il suo cazzo. Quando mi sono ripreso dall’orgasmo, tenendo ancora il suo cazzo, sono salito sul suo grembo, di fronte a lui, ho inserito il suo cazzo nell’ingresso della mia figa e mi sono abbassato lentamente. Mi ha tenuto per la vita finché non mi sono seduta completamente, con lui tutto dentro di me, palpitante. Sentivo l’interno della mia figa ribollire, perché il suo cazzo era ancora più caldo dell’acqua dell’onsen. Sono rimasta ferma per un po’, seduta sul suo cazzo con le braccia attorno al suo collo e lui mi ha succhiato le tette per un po’. Ho cominciato a muovere un po’ i fianchi, sentendo il suo cazzo pulsare nella mia figa. Ho cominciato a gemere un po’ più forte, quasi dimenticando che era un luogo pubblico, che lì qualcuno poteva sentirmi. Cominciai lentamente a muovermi su e giù sul suo cazzo, iniziando lentamente e aumentando il ritmo poco a poco. Già gemevo spudoratamente e muovevo l’acqua ovunque con i miei movimenti. Ma dopo un po’ mi ha fermato e mi ha portato fuori per non farmi venire.

Dopo essermi ripreso per un po’, mi fece inginocchiare contro il bordo della piscina, dandogli le spalle, con metà del corpo fuori dall’acqua dalla vita in giù. È venuto dietro di me, è scivolato nella mia figa e ha iniziato a muoversi di nuovo. Avevo le mani appoggiate sul bordo della piscina, mentre lui mi teneva una mano sulla vita e l’altra che mi massaggiava le guance. Si mosse e mi attirò a sé, lasciando i nostri corpi premuti insieme, mentre mi baciava e leccava il collo. La mano che era sulla mia vita correva sul mio corpo, arrivando al seno, salendo alla vita, arrivando allo stomaco, ecc. Mi dimenavo e gemevo con gli occhi chiusi, ma a un certo punto ho aperto gli occhi e ho visto tre asciugamani appesi al muro che separava le piscine dalle docce. In quel momento, il pensiero che ci fosse gente lì e che potessimo essere colti in flagrante da un momento all’altro (o che magari avessero già visto qualcosa) mi fece muovere le fighe per la paura e l’eccitazione, ma non lo feci . dirgli qualsiasi cosa. L’eccitazione mi ha fatto venire, con un lungo gemito e sentendo la mia figa tremolare e stringere il suo cazzo. Detto questo sentii il suo cazzo pulsare ancora di più e venne anche lui, vomitando tutto il suo sperma dentro di me. Ho sentito questa meravigliosa sensazione di tutto questo liquido caldo dentro di me. Ansimando, rimase immobile per un momento, prima di iniziare a tirare fuori il suo cazzo dalla mia figa, e la sentii stringergli il cazzo mentre lo tirava fuori. Con il cazzo già fuori vide gli asciugamani sul muro e Ci ha avvertito, dicendoci di sederci e cercare di nasconderlo un po’. Restammo lì seduti, ancora ansanti, riprendendoci e presto i proprietari degli asciugamani entrarono nella parte opposta della piscina. Si sedevano e parlavano tra loro, lanciandoci di tanto in tanto sguardi che non passavano inosservati dato che finivamo per partire presto. Mi alzai e andai verso il mio asciugamano, senza guardarli, ma a colpo d’occhio potei vedere loro tre che cercavano di guardarmi. Mi sono chinato per raccoglierlo da terra, facendo del mio meglio per contrarre la figa e non lasciare che lo sperma fuoriuscisse, e non appena ho afferrato l’asciugamano, mi sono avvolto dentro. Ho guardato il giapponese e sembrava godersi la situazione, i tre sconosciuti mi guardavano mentre raccoglievo l’asciugamano.

Altre storie erotiche  Mia moglie è stata completamente rapita

Detto questo, ci siamo diretti ciascuno nel nostro camerino e ci siamo riuniti fuori per tornare nella stanza. Lì ero ancora eccitato, già preparandomi per quello che sarebbe successo dopo, ma lui iniziò a vestirsi di nuovo.

– Ehi, andiamo adesso? – chiesi un po’ deluso.

– No. Io me ne vado, ma tu puoi restare. Devo andare a casa e, visto che non accetti soldi, il minimo che posso fare è pagarti la notte qui. Tutto è incluso, onsen, spa e colazione più un taxi per riportarti a casa domani.

L’ho ringraziato, stupito dalla “sorpresa”, ma deluso perché volevo di più. Ma mentre se ne andava, mi sono ricordato dei ragazzi dell’onsen e ho iniziato a pianificare come sarebbe stato il resto del mio tempo lì…

DA SEGUIRE

Va bene ragazzi, questo è tutto! Era un po’ corto, ma ho deciso di pubblicarlo presto perché ci stava mettendo così tanto tempo, quindi pubblicherò il resto più tardi. Cercherò di scrivere presto e di postare presto anche il resto, ma non prometto nulla (come sempre lol). Ad ogni modo, se vuoi parlare con me, seguimi su Instagram @juliaeg123 o mandami un’e-mail ([email protected]). Ricorda che è solo per parlare, non voglio scambiare foto o video, fare chiamate o altro, ok? Se insisti ti blocco senza pietà ahahah.

*Pubblicato da Juliaegashira sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *