Storia erotica diretta – Il giorno in cui ho perso la verginità

di | 12 de Maggio, 2024

Sono nato in un piccolo paese sulla costa centrale del Portogallo, ho 52 anni, sono sposato da 30 e sono insegnante di scuola secondaria. Ho alcune esperienze sessuali che vorrei condividere con te, alcune quando ero al liceo, altre durante la mia vita universitaria e altre ancora dopo essermi sposato, ma sembra più logico iniziare dall’inizio e dalla mia vita . La prima storia riguarderà la mia prima volta, ovvero quando ho perso la verginità.

Ho iniziato la mia vita sessuale quando ero al liceo con Pedro, il fratello della mia migliore amica di allora, Luísa. Luísa ed io eravamo amiche e compagne di classe fin dall’inizio della nostra vita scolastica. Lei è andata a casa mia e io da loro così potevamo fare i compiti insieme e studiare insieme.

Pedro aveva 5 anni più di noi, era studente del secondo anno di università ed era quello che allora chiamavamo un “ragazzo”: remava, aveva un corpo atletico ben definito, era alto, bruno, magro e sano. – muscoloso, aveva i capelli neri e meravigliosi occhi verdi abbaglianti e Luísa disse che doveva avere molte amiche perché i suoi amici chiamavano a casa sua tutti i giorni. Ha scherzato dicendo che suo fratello deve avere un diamante sulla punta del pene e ha riso quando lo ha detto, ma non ho capito quale fosse lo scherzo. Presto ho capito e persino sentito la durezza del diamante ahah.

Ho la pelle bianca, ho lunghi capelli neri come Pocahontas, ho gli occhi castano verdastri eppure avevo un corpo attraente per un uomo, il mio seno era già ben sviluppato, le mie cosce spesse e tornite, le mie natiche erano già un po’ grosse, all’insù e molto rotondo, ma ancora non sapevo di attirare gli sguardi maschili.

La prima volta che mi è successo è stato un giorno che ero a casa di Luísa. Eravamo solo in due perché i suoi genitori non erano ancora arrivati ​​dal lavoro e Pedro arrivò dall’università solo mezz’ora dopo di noi. Quando è arrivato, ero in cucina e cercavo di prendere un bicchiere dalla credenza per bere l’acqua, ma ho avuto qualche difficoltà perché il ripiano in vetro era un po’ alto per me. Poi mi venne alle spalle, si sporse verso di me, prese il bicchiere dall’armadio e me lo porse, sorridendo, da sopra la spalla. Era un tocco leggero ma potevo sentire la pienezza del suo organo sessuale che sfregava contro il mio giovane culo.

Non pensare che fossi arrabbiato ahahah. Niente di tutto ciò. Mi ha fatto sentire bene e Pedro ha capito che mi piaceva perché nel momento in cui mi sono voltata per prendere il drink che mi aveva offerto e l’ho visto sorridermi, ho capito quanto fosse birichino e ho risposto con un altro sorriso birichino e allo stesso tempo tempo. Ho sollevato un po’ il culo e l’ho mosso un po’ e sono sicuro di aver sentito il suo cazzo diventare un po’ duro nel mio culo.

Quel giorno eravamo qui da soli, ho bevuto il mio bicchiere d’acqua e quando sono arrivato accanto a Luísa sorridevo ancora per quello che era appena successo in cucina. Mi ha chiesto perché ridevo e io l’ho nascosto dicendo che Pedro aveva fatto uno scherzo.

Qualche giorno dopo ha fatto lo stesso con me e questa volta è stato ancora più audace infilando le mani nella mia camicetta e afferrandomi i seni, uno per mano e stringendomi i capezzoli mentre mi massaggiavo le natiche. Era la prima volta che sentivo i miei capezzoli duri e gonfi, dandomi una strana sensazione che non avevo mai provato prima ma che era molto piacevole e mi godevo questi momenti brevi e sempre più lussuriosi con me Pedro segretamente Luisa, proprio accanto a noi.

Il giorno in cui Pedro mi prese la verginità, indossavo una gonna ampia che mi arrivava appena sopra le ginocchia, con un motivo scozzese verde e rosso, e una camicetta bianca. Io e Luísa, quando eravamo sole, ci sedevamo a quattro zampe sul pavimento del soggiorno, con le gambe divaricate, la schiena dritta e la testa bassa, con i quaderni e i libri sul pavimento mentre facevamo i compiti. . Stava facendo la doccia perché era venerdì e appena fossero arrivati ​​i suoi genitori, avrebbero trascorso il fine settimana tutti e tre a casa dei nonni paterni, vicino a Viseu. Pedro non voleva andare perché doveva studiare per gli esami universitari. Ero così concentrato su quello che stavo facendo che non mi sono nemmeno accorto che Pedro entrava. Ho appena sentito la mia gonna sollevarsi, ho guardato indietro e c’era Pedro dietro di me, inginocchiato tra le mie gambe. Ha lasciato la gonna alzata intorno alla mia vita, ha messo il suo cazzo proprio tra le mie natiche, ha messo le mani sui miei fianchi e ha iniziato a massaggiarmi le natiche, tenendomi la vita e facendo movimenti avanti e indietro. Aveva il suo cazzo saldamente nel mio culo. e lui mi ha detto: “- che bel culo che hai.” Non mi sono mai sentito così. Tutto il mio corpo vibrava e la mia vagina già trasudava fluidi che scivolavano lungo le mie cosce. Mi sono ritrovata anche a fare dei movimenti con i fianchi che lo seguivano in questo delizioso avanti e indietro e ho girato il viso all’indietro, l’ho guardato negli occhi e ho fatto scorrere la lingua sulle mie labbra e lui ha detto: “Va bene. Non lo farò .” “Così non sei male. Mi sembra di aver inseguito una puttanella. Ho sentito la sua mano spostare di lato il perizoma delle mie mutandine e poco dopo ho sentito il suo glande caldissimo, duro e gonfio scivolare su e giù, massaggiandosi contro la zona del mio culo tra la figa e il culo, poi ha strofinato il suo flagello sul mio clitoride che pulsava e bruciava di desiderio, poi ho sentito le sue due mani sulla mia vita tirarmi e ho sentito il suo glande entrare lentamente la mia vagina e mi sono preparato a farmi scopare per la prima volta nella mia vita. Faceva così male ma ero così eccitato che mi sono morso il labbro inferiore cercando di non urlare di dolore, sperando che metà del suo cazzo fosse entrato in me. figa quando si fermò e mi sussurrò all’orecchio con voce roca: “Tesoro, la tua figa non mi lascia infilare tutto. Farà un po’ male, ma poi diventerà più facile.” Lo tirò fuori lasciandomi toccare solo la testolina, mi afferrò per la vita e ricominciò a spingerlo ancora più forte, ma in quel momento sentimmo il rumore della porta del bagno che si apriva. Luisa si era appena fatta la doccia. Si alzò subito e mi disse di andare nella sua stanza e nascondermi. Ho preso le mie cose, sono corsa nella stanza di Pedro e mi sono nascosta sotto il letto. Ho sentito Luísa chiedere di me a Pedro e lui mi ha detto che ero partita. Ho ascoltato quando sono arrivati ​​i suoi genitori, ho ascoltato le loro conversazioni mentre preparavano le cose per il viaggio. Mi sono nascosta lì per mezz’ora, con il cuore che batteva forte per la paura che Luísa o i suoi genitori mi trovassero.

Altre storie erotiche  Racconto erotico etero - Eleonora, la quarantenne magra (anni '70)

Alla fine ci fu silenzio e poco dopo entrò Pedro e mi chiamò. Sono strisciato fuori da sotto il letto e appena mi sono alzato mi ha abbracciato con le mani sul sedere, le nostre bocche unite e le nostre lingue che si toccavano freneticamente. Mi ha tolto la camicetta, poi la gonna e mi ha spinto sul letto, si è inginocchiato sul pavimento accanto al letto, mi ha sollevato ed è caduto con la bocca tra le mie cosce, leccandomi la figa, infilandomi la lingua e succhiandomi e mordendomi piccolo clitoride. Non avevo mai provato qualcosa di così delizioso e tutto il mio corpo vibrava e tremava involontariamente e mi ritrovavo a gemere un po’ fuori controllo: “- Oh Pedrooooo… È così gooooooooommmm…” Qualcosa dentro di me cominciò a voler uscire. Qualcosa che non riesco a spiegare ma è stata la cosa più deliziosa che abbia mai provato. Avevo la sensazione che qualcosa stesse per esplodere dentro di me, cosa che aumentò di intensità fino a esplodere davvero e quando aprii gli occhi gridai. Avevo appena avuto il primo orgasmo della mia vita. Mi afferrò per la vita e mi fece sdraiare sul letto, mi allargò le gambe, si inginocchiò in mezzo a loro e disse guardandomi negli occhi: “- Adesso finiamo quello che abbiamo iniziato, andiamo in camera da letto, ho sentito.” il mio corpo vibrava di nuovo e la guardavo con ansia mentre si spogliava. Era la prima volta che vedevo un uomo nudo che non faceva parte della mia famiglia ed era la prima volta che vedevo un pene eretto e mi faceva impazzire. Il pene di Pedro era abbastanza grande, doveva essere almeno 8 pollici e mi chiedevo se sarebbe entrato tutto nella mia giovane figa, ma lo volevo davvero tutto dentro di me. Mentre Pedro si spogliava, io inconsciamente ho iniziato a masturbarmi e lui ha fatto lo stesso, guardandomi con un sorriso molto malizioso. Si avvicinò al comodino, aprì un cassetto e tirò fuori un piccolo pacchetto, lo aprì e tirò fuori qualcosa di marrone e se lo mise sul pene. Era la prima volta che vedevo un preservativo. Poi si è avvicinato, mi ha allargato le gambe, si è inginocchiato in mezzo, ha preso il suo cazzo e ha appoggiato la testa contro l’ingresso della mia vagina. Cominciò a massaggiarmi il sedere, che subito cominciò a indurirsi e a pulsare e io cominciai a dimenarmi e a gemere. Ho allargato le gambe e ho iniziato a muovere i fianchi su e giù cercando di convincere la mia figa a catturare quel delizioso cazzo, ma lui si è allontanato e la ha lasciata sfiorare a malapena. Ero completamente arrapato e questo bastardo mi stava facendo soffrire e mi sono ritrovato a chiedergli: “-dai, metticelo tutto. Cosa aspetti?” Ho appena finito di chiederlo e lui ha iniziato subito a spingerlo e ho sentito quell’enorme cazzo penetrarmi centimetro dopo centimetro. I muscoli di La mia giovane figa si è aperta e ha accolto quel delizioso pene mentre emettevo un profondo sospiro di piacere.

Altre storie erotiche  Storia semplice: ora questa figa è mia!

Ne ha inserito metà e ha cominciato a farmi molto male e mi ha detto che era il mio imene che gli impediva di inserirlo completamente. Mi ha chiesto se volevo che rompesse la mia verginità e io ho detto: “Certo che lo voglio”. Poi mi ha detto di prepararmi perché mi avrebbe fatto un po’ male ma che sarebbe stato solo all’inizio e che dopo poco avrei provato solo piacere ed io, già esausto, ho risposto: “- mettiti tutto… Fanculo” Me.” “.

Mi sollevò le gambe, le mise sulle sue spalle ed ero completamente aperto alla sua misericordia. Cominciò a muovere i fianchi, inserendo il cazzo a metà nella mia vagina già bagnata, poi lo tirò fuori e lo reinseriva. Quando stavo per chiedergli quando avrebbe messo dentro tutto, mi ha dato subito una forte spinta, spingendo il suo cazzo dentro di me e ho sentito anche le sue palle colpirmi nel buco del culo e ho lanciato un grido enorme. ma lui mi soffocò mettendo la sua bocca sulla mia, unendo le nostre lingue, e presto il mio grido sembrò attutito: “uuuuuummmm”.

Restammo per qualche istante molto silenziosi, completamente incollati l’uno all’altro. Mi sentivo completamente piena con il suo cazzo infilato nella mia figa al punto che sentivo le sue palle premere contro il mio culo.

Gli misi le braccia attorno alle spalle e incrociai le gambe attorno alla sua vita e lui, mordendomi l’orecchio e infilandomi la lingua nell’orecchio facendomi rabbrividire di piacere, disse piano in un sussurro: “- Va tutto bene, tesoro, la parte difficile è È finita. Adesso ti scoperò sul serio e ti prometto che proverai solo piacere.

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale: il mio primo appuntamento.

Posò di nuovo la sua bocca sulla mia e, toccando le nostre lingue in una danza frenetica, iniziò a pompare il suo cazzo nella mia figa, all’inizio molto lentamente e gradualmente aumentando il ritmo. Non ci volle molto per sentire di nuovo quegli spasmi nella mia vagina e quei tremori e brividi che attraversavano tutto il mio corpo. Era il mio secondo orgasmo, più intenso del precedente e mi sono ritrovata a urlare forte, non per il dolore ma per il piacere; Grande piacere; il piacere più delizioso che abbia mai provato: “- Oh, ma cos’è… È così buonommmm… AAAAAAAHHHHHHH…”

Il mio grido di piacere lo fece impazzire e cominciò a scoparmi ad un ritmo quasi folle mentre mi insultava con parolacce: “- È bello, vero, puttanella? Ti piace, non ti piace, puttana ? Sapevo che eri una piccola puttana cattiva.

Più mi insultava, più mi arrapavo e mi ritrovavo a gridare parolacce: “-Fanculo. Non fermarti, dannazione. Seppelliscimi tutto… Yessssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssssss”.

Scopiamo come dei matti, le sue palle mi colpiscono forte il culo facendolo lampeggiare, dandomi una sensazione strana ma molto piacevole. Era un bene che fossimo soli perché il letto scricchiolava così tanto e urlavamo così forte che sicuramente saremmo stati sentiti ovunque in casa. Ancora qualche pompata ed esplodemmo entrambi in un orgasmo pazzesco, urlando come selvaggi.

Dopo essere arrivati, siamo rimasti in silenzio per circa 15 minuti, baciandoci e accarezzandoci, completamente inzuppati di sudore e fluidi orgasmici. Mi sono alzata dal letto, mi sono vestita e sono andata a casa a farmi una doccia, soddisfatta e sentendomi la donna più felice del mondo. Aveva appena perso la verginità con un ragazzo molto bello che era bravissimo a letto. Ho ancora altre esperienze con lui da raccontarti. Aspettami.

*Pubblicato da la grazia sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *