Storia erotica diretta: lavoro in un gruppo di fisica universitario.

di | 12 de Maggio, 2024

Non potevo crederci quando ho ricevuto il messaggio dalla chat di gruppo di Fernanda, Flávia, Rejane e Renata. Eravamo tutti nella stessa classe di fisica al college e ci fu assegnato un compito di gruppo. Ero nervoso ma entusiasta di lavorare a stretto contatto con queste quattro bellissime donne.

Finalmente è arrivato il giorno di incontrarci e di iniziare il nostro progetto. Sono arrivato all’appartamento di Fernanda, dove il gruppo stava andando a lavorare, e sono stato accolto da loro quattro, bellissimi con jeans attillati e top corti.

Fernanda, leader del gruppo, è stata la prima a parlare. “Bene, ecco qua,” disse con voce bassa e sensuale. “Seduto sul pavimento.”

Feci come mi era stato detto sedendomi per terra davanti a Fernanda, che era seduta su un morbido divano. Si sedette, con le lunghe gambe distese davanti a sé, e mi guardò con un sorriso malizioso.

“Ci ho pensato tutto il giorno”, disse, con la voce piena di desiderio. “Voglio usarti come il mio piccolo giocattolo sessuale per la giornata.”

Rimasi sorpreso dalla sua franchezza, ma non potevo negare l’emozione che mi colse al pensiero. Annuii e il sorriso malizioso di Fernanda si allargò ancora di più.

“Bravo ragazzo,” disse prima di sporgersi in avanti e sbavarmi una grande quantità di saliva su tutta la faccia. “Bevilo”.

Ubbidientemente aprii la bocca e cominciai a deglutire la saliva di Fernanda, provando una strana sensazione di sottomissione. Fernanda sembrava divertirsi, i suoi occhi brillavano di piacere mentre mi guardava.

Dopo quella che sembrò un’eternità, Fernanda finalmente smise di sbavare e si sedette con le gambe ancora aperte davanti a me. “Ora voglio che tu adori i miei piedi”, ordinò.

Altre storie erotiche  L'HO GIÀ PADRONEGGIATO E MI È PIACIUTO

Ubbidii con entusiasmo, premendo il viso contro la morbida pelle degli stivali di Fernanda e inalando il suo profumo inebriante. Feci scorrere la lingua sulla morbida pelle, assaporandone il sapore, prima di alzarmi. Leccai e succhiai ciascuna delle sue dita, sentendo il corpo di Fernanda tremare di piacere sopra di me.

Per ore ho adorato i piedi di Fernanda, senza che la mia lingua e le mie labbra lasciassero mai la sua pelle. Lei gemeva e gemeva, con le mani intrecciate tra i miei capelli, mentre la avvicinavo sempre di più al limite.

Infine: “Ora tocca a Flávia”.

Alzai lo sguardo e vidi Flávia, che ci guardava con un’espressione affamata, fare un passo avanti. “Voglio che tu faccia lo stesso con me”, disse con voce rauca. “Ma questa volta voglio che usi anche le mani.”

Obbedii con entusiasmo, facendo scorrere le mani sui piedi morbidi e nudi di Flávia, prima di portarli alla bocca e succhiarle le dita dei piedi. Lei gemette di piacere, il suo corpo tremava mentre adoravo i suoi piedi.

Poi Réjane, che voleva che lui usasse i denti sui suoi piedi, mordicchiandole dolcemente le dita e le arcate plantari. Ansimò e urlò di piacere mentre seguivo le sue istruzioni, il suo corpo si contorceva in estasi.

Alla fine è stata la volta di Renata. Voleva che adorassi i suoi piedi mentre usava un vibratore. L’ho osservata con stupore mentre raggiungeva l’orgasmo, il suo corpo tremava e tremava di piacere mentre le succhiavo le dita dei piedi.

Per il resto della giornata sono stato alla mercé di queste quattro bellissime donne, che si alternavano usandomi come un sex toy. Adoravo i loro piedi, gambe, culi e fighe, portandoli a un orgasmo dopo l’altro.

Altre storie erotiche  Piccolo harem incestuoso, 10

Alla fine della giornata ero esausto ma incredibilmente soddisfatto. Non mi ero mai sentita così usata e così desiderata e sapevo che avrei fatto qualsiasi cosa per queste donne.

Mentre lasciavo l’appartamento di Fernanda, con il corpo dolorante e la mente piena di piacere, non potevo fare a meno di pensare che quello fosse l’inizio di qualcosa di veramente speciale. Queste quattro donne hanno acceso in me un desiderio che non sapevo esistesse e non vedevo l’ora di vedere dove mi avrebbe portato.

*Pubblicato da AntonioMDS sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *