Storia erotica diretta – Lussuria

di | 11 de Maggio, 2024

Quando ho ricevuto un nuovo caso, avevo già contato diversi tentativi di condannare qualcuno al settore della lussuria infernale e ancora senza successo.

Non è che l’umanità si stia riscattando e migliorando, niente del genere. Il fatto è che l’inferno era pieno di regole incomprensibili e per quanto seducessi gli esseri umani al peccato, le cose andavano sempre storte e finivo per prendere in giro il capo del dipartimento della lussuria, il diavolo Aélis.

Diavolo, se nulla fosse peccato all’inferno, come potrei condannare qualcuno?

Vedendo che ero nel peggiore dei casi, completamente deluso dalla mia prestazione, Aélis ha avuto un raro momento di debolezza e ha avuto pietà di me. Dicendomi di tenere la testa alta e andare avanti, ancora una volta ha teso la sua mano dalle dita sottili e dalle unghie rosse per porgermi una cartella con un nuovo caso in modo che potessi cercare di convincermi ad aiutarmi. ai tribunali. orde di lussuria.

Angel e Fuck, una bellissima coppia. Era bionda, bella e calda, cantante, attrice e conduttrice. Era ricco. Ok, era anche talentuoso e divertente, ma questo mi dà fastidio perché non potrei mai essere così, quindi preferisco ignorare quelle qualità; dopotutto è il mio resoconto e posso metterci quello che voglio!

Usando la mia forma intangibile blu brillante, invisibile agli umani, ho lasciato il settore della lussuria dell’inferno e, come un buon diavolo, sono arrivato alla villa della coppia di celebrità per indagare ulteriormente sulla questione; In effetti, morivo dalla voglia di indagare sui fondi di Angel. , Lo ammetto.

Sono sempre stato innamorato di questa ragazza, fin da piccoli ci legavamo davanti alla tv: io che mi masturbavo davanti alla tv e lei che cantava davanti alla tv.

La villa era enorme, ho perso mezz’ora a girovagare alla ricerca della piccola coppia. All’improvviso ho sentito delle voci dietro una porta, ho attraversato il muro e mi sono ritrovata nella loro stanza, dove li ho trovati in un momento molto intimo, sdraiati su un letto imperatore extra king size con baldacchino in tuli e lenzuola egiziane. foglie. di milioni di thread.

– Angel, quando ti stendi a faccia in giù così, è un tormento, vedo il tuo culetto che sporge in fuori e inizio ad avere delle idee pazze. Sai, ne abbiamo già parlato, è difficile resistere.

– Lo so. Vuoi ancora mangiarmi il culo, ma non puoi. Ho paura che farà molto male, te l’ho già detto. Non venire nemmeno, smettila di strofinare quella barba incolta nella mia regione, amore mio, smettila!

– Ma Ángel, quanto è deliziosa la tua figa, soprattutto quando è così, sudata e profumata di sesso. Questo profumo mi eccita ancora di più. Vorrei aggiungere solo un po’?

-Niente di tutto questo, non insistere nemmeno, puoi smetterla. Se il problema è il mio odore, ti lascio pulire. Il massimo che otterrai dal mio culetto sarà leccarlo.

– Cattivo, voglio mangiarti. Continuo a chiederti questa piccola cosa e tu non ti arrendi mai, stiamo insieme da tanto tempo, tesoro! Potresti anche rispondermi.

– Non iniziare, tesoro. Nessun lecca-lecca si attaccherà al fondo su cui mamma ha messo la cipria. Fermata completa.

– Va bene Angel, mi piaci comunque, anche solo per farti leccare. Un rafano delizioso!

– Delizioso tesoro! Lecca la zona di Angelzinha, leccala, passa la lingua su ogni piccola parte di me… Quindi, presta più attenzione a questa piccola cosa, mi piace!

– Cattivo, il tuo spiritello mi fa l’occhiolino chiedendomi di deflorarmi. Fammi concentrare, ok?

– Oh, okay, proviamoci, oggi sono generoso! Ma mettiti semplicemente la testa… Mettila e toglitela, ok?

– Sì, puoi lasciarlo andare, lo farò benissimo, non farà male! Vedere? Solo la punta non fa male! Angel, puoi scuotermi un po’? Sarebbe così delizioso!

– Cane, mangia il mio cosino stretto davvero delizioso! Twerkerò un po’ perché te lo meriti… In questo modo? Ti va bene?

– È delizioso! Tesoro, Bilau vuole venire ancora un po’… Solo un po’ di niente, lo giuro, lascia perdere, va bene?

— No, cavolo, non così in pelle, fa male! Però… Fallo così, togli l’asta, sputa fuori il tutto in modo che sia un po’ lubrificato e rimettilo dentro. Ma solo un po’, va bene amore mio?

– Così, cagnolino mio? È così che ti piace essere scopato? Solo la punta dell’asta si inserisce nella coda?

– Oh, è così semplice! Metti ancora un po’ di quel pemba nel mio cosino! Abbi fede amico, infila il bastone a metà, posso farcela!

– Il mio hot dog, portami lì e chiedine ancora. Follia follia follia! Adoro quando sei così cattivo!

– Sì, parla sporco mentre mi scopi, mi eccita! Dagli qualche pompata, penso che entri tutto! Oh Fufú, cosa calda, birichina, mangia brioco!

— Puttana, troia, cattiva! La tua deliziosa furia, il mio bilau è impantanato fino alle palle! Arrotolalo, stronza, arrotolalo sul tuo stallone!

– Questo… Questo… Colpiscimi il culo più forte e mangiami, lo adoro! Vieni ad impastarmi, usami, mangiami, vai avanti, mangiami da dietro, pervertito! Mi dà fastidio, mi rovina, voglio solo vedere il buco che lascerai al tuo cane!

– Piranha, sono venuto in taxi per distruggerti, sto provocando danni! Non potrai più camminare una volta finito, piccola troia!

– Che eccitazione, maledicimi, vai avanti, maledicimi mentre mi scopi da dietro! Fanculo, fanculo, brucia tutto, fa così male, il tuo cazzo è così grosso! Dai, aggiungi tutto, aggiungi altro! Entra, bastardo, mascalzone, voglio sentire la melma calda che scorre, lo voglio!

Altre storie erotiche  Perdere la zucca - Storie erotiche

– Follia follia follia!

– Mi piace dare qualcosa! Fufu, mi piace dare qualcosa! Mi piace che!

– Ahhhhhh!

– Quello? Sei già venuto? Proprio quando le cose stavano migliorando? COSÌ?

– Oh amore mio, scusa, era solo una sveltina…

Mardiçao! Mille maledizioni! Andava tutto bene, Fuck stava pervertendo Angel e sarebbe stato condannato all’inferno, Angel si stava bagnando nella lussuria e avrebbe passato l’eternità a bruciare nei nostri forni. E poi, nel momento cruciale, il ragazzo viene?

Mio Dio, che dannata eiaculazione precoce! Non potresti aspettare qualche minuto?

Lo so, sono quasi riuscito a vedere Angel lì, tutto arrapato che parla sporco mentre si rotola con il cazzo infilato nel suo buchetto. Ma sono anni che la provoziono a distanza e posso venire quando voglio, anche se lui è suo marito! Al diavolo suo marito! Dovevo assumermi questa responsabilità!

Non so cosa sia stato peggio: vedere questa doppia convinzione andare dritta alle cucuias o vedere Ángel cadere, proprio quando aveva deciso di scatenare la sua furia su Joder. No, potrebbe essere! Per capriccio, saltai su Fuck e presi possesso del suo corpo, una delle risorse più utili della mia eterea esistenza.

– Angel, stavo scherzando… Sai come sono, vero? Perdo la donna ma non perdo la battuta!

– Non lo so… Perché il tuo pene è diventato una bomba?

– Oh quello? Niente, idiota, è solo un effetto scenico per farti fare un pompino a Fuckão!

– Effetto scenico? Ops, sono solo io! Stai diventando creativo a letto, eh Fufu? Mi piace!

Guarda, ne ho passate tante. Ho scopato molte donne nella vita… e anche nella morte. Ma niente di quello che ho vissuto, nessuno dei milioni di pompini che ho ricevuto, nemmeno uno, sarebbe mai paragonabile al pompino che Angel sapeva fare!

Sarà stata l’abitudine di prendere il microfono e fare una faccia sexy, non lo so, ma era qualcosa dal cielo – voglio dire, nel mio caso, era qualcosa dall’inferno!

Angel si colpì la lingua con il cazzo, lo leccò tutto, guardandomi con la faccia da cane in calore, si mise entrambe le palle in bocca, poi ingoiò la cosa, succhiando forte e, quando la cosa saltò tra le labbra della bionda , è arrivato emettendo un forte “slosh” per la tanta pressione mentre succhiava!

Con una fermata del genere, il mio treno era duro come una roccia a tempo di record. In effetti, parlando della testa di Fuck, era piuttosto curiosa, così come lo era il suo proprietario: sembrava un paffuto mini-braccio che reggeva una mela, data la sproporzione tra la testa e gli arti. Adesso capivo la resistenza di Ángel a dare il roscofe a suo marito.

Ma arriviamo al punto, e con questo intendo quel piccolo punto rosa e umido nel mezzo della fessura tra le natiche di Angel. In realtà, l’anatomia del mio bilau, noto anche come bilau di Fuck, richiedeva un po’ di lavoro per entrare in quello stretto buco.

Ho messo così tanta pressione sul mio sedere di Angel che quando è entrata la grande testa, ha fatto di nuovo quella cosa del “trama” e si è fatto strada. In quel momento, la ragazza bionda alzò gli occhi al cielo e gridò: “Caraco Fufú!” È salito su un taxi e tutto!

Ho fatto un passo indietro, la pemba è scivolata velocemente e finalmente è uscito “ploft”. Esso L’ho rimesso dentro, “ploft”, l’ho tirato fuori di nuovo, “ploft”, un’altra schiacciata, “ploft”, un altro takedown, “ploft”. Mezz’ora di lavoro sul culo di Angel e mi sembrava di aver corso una maratona sotto la pioggia: ero esausto e tutto quello che sentivo era “ploft, plof, plof” che mi risuonava nelle orecchie.

Povera stronza. Ragazzi, se adesso negli show appare un po’ curvo, non commettete errori, qui è colpa del diavolo. Mi riferisco a quello mio e di Ángel, perché quando siamo arrivati ​​è venuta tutta affettuosa, abbracciandosi e dicendo: “Wow Fufù, che bontà!” Voglio “plop” tre volte a settimana! Preparati, ok?

Ora, se entrambi non fossero condannati all’inferno per essere lussuriosi, sarebbe meglio che Aélis si dedicasse alla vendita di dolci in fiera, perché la sua attuale attività andrebbe definitivamente in fallimento.

Tuttavia, quando sono tornato all’inferno e ho consegnato il rapporto di missione al mio capo in cui condannava Fuck perché era un pervertito e Angel per essere un pervertito, lei ovviamente mi ha riso in faccia e ha liquidato la cosa, come sempre.

“Cazzo, sta già vivendo l’inferno in terra e paga per i suoi peccati dovendo scopare la madre dei suoi figli tre volte alla settimana. Quanto ad Ángel, non vuole nemmeno condannare la piccola creatura: è nato con un sedere .” Mirava alla luna ed è destinato al cielo da quando è venuto al mondo!

Diavolo, mi stavo avvicinando pericolosamente a un centinaio di tentativi falliti di convincere qualcuno del peccato di lussuria. Consegnandomi il file contenente il file per questa nuova missione, Aélis, il demone responsabile di questo settore infernale, mi ha avvertito: “Sei un demone terribile, una vergogna per le orde di Satana! Vediamo se porti un po’ di anima! »

Altre storie erotiche  Ho aiutato mio marito a ottenere una promozione.

Leggendo il fascicolo di questo caso, sono diventato un po’ teso, e non è stato solo emozionante. Era tornata a essere una celebrità, ma ora era una ragazza moderna e cool, una delle più grandi influencer di Internet e nota per essere coinvolta in controversie e disastri in generale.

Sì, proprio Jéssica Karaianne, l’organizzatrice del famoso “Paçoca”, la sola e inimitabile: JK!

Ebbene, forse non era il periodo migliore dell’anno per avvicinare questa donna, l’appuntamento con Paçoca si avvicinava e, probabilmente, lo stress era alto e il morale alto. Tuttavia, la missione era la missione, avrebbe fatto tutto il possibile per rendere JK così lussurioso che la sua dannazione sarebbe entrata negli annali dell’inferno – e, preferibilmente, l’avrebbe raggiunta entrando negli annali dell’inferno della bruna!

Usando la mia forma blu trasparente traslucida, ideale per togliere la vita agli altri senza essere vista, mi sono diretta verso terra, più precisamente verso l’ufficio dove JK stava organizzando la promozione di Paçoca, dove ho assistito a una conversazione tra l’influencer e la sua assistente. . Ragazzi, un certo Jojo.

– Signora JK, ho completato il rapporto logistico e l’ho già inviato alla sua email. Spero che tu sia soddisfatto. Posso andare o ti serve altro?

– Negativo, Jojo. Ho letto il rapporto, è spazzatura. Non puoi fare niente di giusto? Che tipo di assistente sei? Per me è tutto, domani andrò alle risorse umane, ballerò, sarò per strada!

– Ma… Ma… Signora JK, per favore abbi pietà! Mi prendo cura di mia madre ottantenne malata e allevo tre figli da sola, non posso perdere questo lavoro! Per l’amor del cielo, dammi una possibilità!

– MMM interessante. Tu, umiliato, sei anche carino. Fallo così, togliti i vestiti e resta in mutande.

– Signora JK, per favore, questo è molto inappropriato!

– Pensa alla disoccupazione, Jojo. Cosa succederà ? I vestiti o la strada? Sta a te!

– Eh, per dirla così… Stai bene, signora JK?

– I boxer, li adoro. Culetto arrapato, eh Jojo?

– Grazie, signora JK. Posso andare ora?

-Niente di tutto questo, non ho ancora finito con te, incompetente. Metti le mutandine nella fessura e cammina.

– Un cosa?

– Fare una passeggiata. Cammina da qui a qui, rotolando! Accidenti, devo proprio spiegarlo?

– Mi dispiace, signora JK, mi dispiace. Sfilerò con le mutande in gola per te!

– Questo è tutto, proprio così. Jojo, piccola troia sexy, vedo il volume crescere nella tua biancheria intima… Sei arrapato, vero?

– No signora, voglio dire, sì signora. Mi dispiace, per favore, non è intenzionale… Signora JK, stai giocando a Siririca? Anche tu sei emozionato?

– Stai zitto e guida, Jojo! No, meglio di così, gattona a quattro zampe e ripeti dietro di me: “Sono una piccola troia aziendale con un bel culo!”

– Oh no, signora JK, non quello, è troppo umiliante, per favore.

– Pensa alla disoccupazione, Jojô, pensa alla disoccupazione…

– Sono una piccola troia aziendale con un bel culo! Sono una piccola troia aziendale con un bel culo!

– Delizioso! Mettiti la biancheria intima sopra la testa e masturbati! Voglio che questo disegno di legge sia duro!

– Così, capo?

– NO! Copriti la faccia con le mutande così non guardo la tua brutta faccia!

– Sì signora, farò quello che mi chiede il capo!

– Jojo, piccola puttana, mi ripete mentre si masturba: “Sono una troia cattiva che scoperà il culo di JK!”

– Dai il culo? Cosa intendi con dare il culo?

– Hoho, idiota, ripeti quello che ho detto! Sono quasi arrivato! Non rovinare tutto!

– Sono una troia cattiva che scoperà il culo di JK! Sono una troia cattiva che scoperà il culo di JK!

-AAAHHHH! Puttana cattiva e dalla testa calda! Sto venendo! AAAHHHH!

– È finita, signora JK? Posso andare ora?

– No signore. Lecca il pasticcio che ho fatto sulla sedia. Intanto vado in bagno a fumare una sigaretta elettronica. Quando torno ti scoperò il culo con il mio vibratore.

– Il mio culetto? Oh signora JK, non lo so, non l’ho mai dato a nessuno…

– Pensa alla disoccupazione, Jojo, pensa alla disoccupazione!

Quando la bruna turbo è tornata, aveva in mano un bastoncino rosa e indossava un vestitino di lattice nero e dei tacchi a spillo intonati al vibratore. Sul suo volto, un’espressione maliziosa e machiavellica allo stesso tempo.

Ok, quella convinzione era sul tavolo, sarebbe facile, se il peccato della lussuria avesse un cognome sarebbe JK! Quello che non sospettava nemmeno era che in quel momento era Jojo ad avere il diavolo in corpo, perché io lo avevo già posseduto!

JK era appena arrivato e mi stava già prendendo a calci in culo, dicendomi di togliermi le mutande e di mettermi a carponi sul tavolo per mettere quella cosa rosa sulla mia furia.

Tutto quello che dovevo fare era umiliarmi e lasciare che lei mi mangiasse e l’inferno avrebbe potuto aggiungere benzina sul fuoco perché le sue orde si sarebbero fatte un nome sui social media! Troppo facile, vero? No, no, tanto…

Il fatto è che, anche per un veterano come me, avere un vibratore rosa-rosa che prendeva il sopravvento sulla mia furia era incredibilmente umiliante. Lo so, si trattava di questo, se mi avesse umiliato l’avrei condannata a diventare la puttanella di Satana, ma doveva essere tutto rose e fiori? Odio questo colore!

Altre storie erotiche  Il maschio della coppia

Già sentendo il bastone vibrare davanti alla porta sul retro mentre JK mi allargava le natiche con una mano, sudavo freddo in un’agonia infinita tra piacere e repulsione.

Cercando di guadagnare tempo e prepararmi psicologicamente a questa sfida alla mia dignità anale, protestai perché farsi scopare così, a secco, avrebbe fatto troppo male. JK rise sarcasticamente, ma cedette alle mie suppliche e mi infilò la lingua nel culo.

Devo ammettere che, quando la lingua bagnata di JK ha iniziato a vagare intorno alla mia figa e la sua punta morbida ha continuato a premere nel buco, quando è scesa un po’ più in basso e ha iniziato a succhiare le palle, questo mi ha davvero eccitato e ha reso duro il cazzo di Jojo!

A quattro zampe sul tavolo ho cominciato a perdermi in questa deliziosa sensazione, JK aveva entrambe le mie palle in bocca e ha cominciato a masturbarmi ritmicamente, chiamandomi troia e lodando il mio sperma. Me ne sono accorto a malapena quando mi sono accorto che una corrente elettrica mi attraversava la spina dorsale e che ogni cellula nervosa del mio corpo era in allerta: quella donna mi aveva infilato l’indice nel culo!

Poi mi ha detto di girarmi e di sdraiarmi sul tavolo, perché voleva succhiare il cazzo mentre mi infilava il vibratore rosa nella figa. Ho chiuso gli occhi e l’ho lasciato andare, tutto per la missione, avevo bisogno di quella convinzione per cancellare il mio record nel business della lussuria e non avevo intenzione di arrendermi con un piccolo vibratore che mi pulsava nel culo.

E non era delizioso? La diabolica JK deglutì finché il cazzo non le colpì la gola, poi continuò a masturbarmi succhiandomi solo la testa tra le labbra.

Un denso rivolo usciva dall’angolo della sua bocca e scorreva lungo il mio sacco, entrando nella fessura e lubrificando ulteriormente il mio buco, poi ne approfittò e Mi ha infilato ancora un po’ di quella roba rosa dentro.

Sì, signori, JK sapeva mangiare la capra come poche donne che abbia mai conosciuto, sia nella vita che nella morte!

Mi è piaciuto così tanto che JK mi ha scopato che non me ne sono nemmeno accorto, ma a quel punto mi ero già abbassato e le stavo toccando la figa. Era una fessura completamente rasata, una di quelle fessure carnose e gonfie che non avevano quasi labbra, che incoraggiavano la diteggiatura e lasciavano scorrere il miele tra le gambe del suo proprietario.

Come se avessi premuto un pulsante, JK fermò tutto e si voltò semplicemente con la mia mano tra le sue gambe e sospirò. Poi tirò su col naso e quasi crollò, in una premonizione di piacere, quando poi cominciò a supplicare: “Jojo, mangiami, per favore colpiscimi, sono una puttana, me lo merito, voglio il tuo sperma dentro.” Me ! »

Ero così assorbito che ho accettato di invertire i ruoli senza nemmeno pensarci, ho messo la bruna sul tavolo e ho cominciato a succhiarle la figa carnosa. Si dimenava dappertutto e continuava a chiederne di più, quindi ho preso il vibratore rosa e ho iniziato a inserirlo nella ragazza di JK mentre le succhiavo la figa.

Tremava ancora più forte e continuava a chiedere di più. Fare cosa, giusto? Strofinando il pollice sulla griglia e tenendo il pemba di plastica rosa sepolto nel collo di JK, ho posizionato la testa dell’oggetto nel foro e l’ho premuto finché non ha fatto clic.

Con le gambe dell’influencer digitale Paçoca appoggiate sulle mie spalle, l’ho afferrata per la vita e ho cominciato a spingere profondamente quella piccola cosa, mentre il vibratore faceva soffrire la donna fino all’orgasmo nella sua vagina. Ha iniziato a imprecare molto, ha afferrato i bordi del tavolo e ha alzato la vita in modo che lui potesse scoparla liberamente mentre veniva.

Servizio completato, rapporto scritto e convinzione assicurata, torno all’inferno orgoglioso di me stesso, anche se una volta lì, questa volta sarebbe necessario che Aélis riconoscesse la mia impresa: JK aveva peccato per lussuria!

Cosa posso dire ? Era noioso!

Aélis lesse attentamente il mio rapporto, sospirò e disse che avevo rovinato tutto. Secondo lei andava tutto bene finché non ho invertito i ruoli e ho scopato l’influencer: così il sesso è stato consensuale, e poi non è stato più un peccato.

Maledette regole dall’inferno!

Ora, dopo tanti tentativi falliti di condannare una povera anima alle profondità dell’inferno, la mia diabolica carriera nel mondo della lussuria era pericolosamente minacciata.

Me la sono messa tutta, ho applicato tutti i metodi e le tecniche sessuali che avevo imparato nelle diverse fasi dell’addestramento infernale, ma ho sempre fallito, sia che si cercasse di condannare la persona sbagliata, sia che si cercasse di contaminare le indagini con una pratica vietata o… anche ignorando le regole per il peccato di lussuria, il che era abbastanza facile perché, come ho detto, le regole dell’inferno non avevano senso.

CONTINUA – QUESTA È LA PARTE 3/4

*Pubblicato da Bayoux sul sito climaxcontoseroticos.com il 29/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *