Storia erotica diretta – Scopata con la segretaria per otto anni

di | 4 de Luglio, 2024

Nel mio ultimo racconto ho accennato al fatto che ad un certo punto della mia vita le cose andavano molto bene. Un’attività in crescita, più clienti, più dipendenti e ad un certo punto ho dovuto assumere una segretaria per aiutarmi a gestire l’attività. Un annuncio pubblicato sui social e una valanga di curriculum hanno inondato la mia casella di posta.

Quella settimana ho intervistato una decina di persone, tutte con ottimi curriculum, finché non abbiamo scelto Mariana, che oltre ad avere grande esperienza, abitava nella stessa via dell’azienda. Andava tutto bene, era giovedì e lei avrebbe iniziato lunedì. Mais ensuite le destin a décidé de s’immiscer dans ma vie et à la fin de la journée, elle m’a applé pour me dire que son mari avait été muté et qu’elle ne pouvait pas occuper le poste, car elle déménagerait dans poche settimane.

In quel momento mi sono arrabbiato, ma non ho potuto fare nulla. Fu allora che la stessa Mariana le chiese se poteva consigliarle un’amica, Marcela. Ha detto che era esperta e affidabile e viveva anche vicino all’azienda. Ho accettato e contemporaneamente la ragazza mi ha chiamato e abbiamo fissato un colloquio per venerdì, a fine giornata. Venerdì la giovane è arrivata una ventina di minuti prima dell’orario concordato, ero ancora in riunione quando sono stata informata del suo arrivo. Appena abbiamo finito ho riordinato la stanza, mi sono messa la giacca per sembrare seria e l’ho invitato a entrare.

Quando la porta si aprì, quasi caddi di nuovo. La donna era la cosa più bella del mondo, bassa, con il seno grande, bionda, occhi verdi, culo perfetto, bel sorriso, educata, gentile, intelligente e gran lavoratrice. Marcela era di origine tedesca, amava la palestra e condivideva un appartamento con un argentino. Avevo bisogno di molta concentrazione per non impazzire e non spaventarla, ma la verità è che quando se n’è andata mi sono dato ad una deliziosa sega in cui immaginavo di scopare questa donna con tutte le buone maniere.

Lunedì ha iniziato, è arrivata in anticipo, si è dimostrata molto preparata e mi ha dato una serie di suggerimenti che ho subito seguito.

Ma le cose tra noi impiegarono anni perché accadessero. Marcela era innamorata dell’argentino che, alla prima occasione, lo calpestò e scomparve. Poi si è fidanzata con un uomo più giovane, all’epoca lei aveva 25 anni e il suo nuovo ragazzo ne aveva 19, molto immaturo, ma ricco e bello. Tutto andava bene tra la coppia finché Marcela non ha deciso di trascorrere le vacanze in Cile con il suo giovane fidanzato. Era molto emozionata, ma una settimana prima del viaggio in cui aveva coperto tutte le spese, il suo ragazzo le disse che non poteva andare perché suo padre non gli aveva saldato la carta di credito. Lo stesso giorno in cui lei ha rotto con lui.

Da quel giorno Marcela cominciò a prendersi più cura di se stessa. Cominciò ad allenarsi duramente, il suo già bellissimo corpo migliorava sempre di più, ma senza perdere quella sensualità che aveva naturalmente. Era già bionda, ma ha deciso di renderla più platinata e con un taglio più moderno si è fatta dei tatuaggi che risaltavano sulla sua pelle bianca. Ha viaggiato da sola un paio di volte, si è collegata a Internet, si è trasferita in un appartamento migliore, ha comprato la sua prima macchina e tutto quello che ha detto me lo doveva.

Durante la sua seconda vacanza ha deciso di restare a casa. Voleva risparmiare e rilassarsi, ma i suoi piani iniziarono a cambiare quando gli dissi che sarei andato ad Arraial D’Ajuda per cercare un’industria. Ha detto che non vedeva l’ora di incontrarmi e mi ha chiesto se poteva venire con me. Le ho detto di sì, basta che non venisse alle riunioni, del resto era lei in vacanza, io no. Lei ha accettato allo stesso tempo e avevamo programmato di andare presto sabato così avrei potuto godermi il fine settimana e avere l’appuntamento lunedì. A seconda dell’esito, tornerei martedì mattina o passerei lì la settimana, se concludiamo l’affare.

Sabato, alle cinque del mattino, ho fermato la macchina davanti al suo palazzo. Nonostante il tempo, la giornata era già calda e dava segni di peggioramento. Quando Marcela è scesa con le sue valigie non sono riuscita nemmeno a nasconderla. Era irresistibilmente bella con un abito corto, realizzato in un tessuto molto leggero e con stampe floreali. Indossava sandali bianchi, un tacco piccolo e aveva un buon odore. Sono sicuro che abbia notato il mio sguardo sorpreso, ma ha deciso di non dire nulla, almeno in quel momento.

Altre storie erotiche  Ho avuto una calda matrigna - Storie erotiche

Siamo partiti per Bahia e durante le sette ore di viaggio abbiamo parlato di tante cose: lavoro, famiglia, amici, studi, moda, politica e sesso. Durante alcuni tratti del viaggio, Marcela si è addormentata e io ho colto l’occasione per notare questo bellissimo paio di gambe che erano in bella mostra proprio accanto a me. Con il movimento dell’auto il tessuto si sollevava e la visione non faceva altro che migliorare.

Alla prima sosta per il caffè, il proprietario del bar ha chiesto cosa vorrebbe mia moglie. Abbiamo riso e per tutto il viaggio ho iniziato a chiamarla mia moglie. Quando siamo arrivati ​​all’ostello, il sole splendeva ancora e il caldo era insopportabile. Il proprietario dell’ostello, sempre molto gentile, ci ha mostrato le camere e ci ha detto che a causa del caldo potevamo andare in piscina a qualsiasi ora, ma a seconda. A quell’ora non potevamo fare alcun rumore.

Marcela è andata nella sua stanza e io nella mia. Pochi minuti dopo mi ha mandato un messaggio dicendomi che sarebbe andato in piscina e che ero il benvenuto. Quando sono arrivato indossavo una maglietta, pantaloncini e infradito. Marcela era già in piscina e c’era un secchio di birre sul bordo.

– Entra, l’acqua è deliziosa. – disse sorridendo.

Mi sono spogliata, ho messo il costume da bagno ed sono entrata. In effetti, l’acqua mi ha tolto un po’ di calore, ma quando mi sono avvicinato a Marcela, ho sentito il mio corpo diventare caldo, il mio cazzo pulsare, la mia bocca seccarsi. Se era fantastica con un vestito o un bikini, era la rovina di ogni uomo. Abbiamo aperto le nostre birre, tintinnato i bicchieri e siamo rimasti lì, a chiacchierare, a chiacchierare, e io ho sbavato su questa grande donna. Era impossibile non guardare quella coda che si alzava ogni volta che Marcela si tuffava.

Eravamo lì da un’ora, quando Marcela mi ha detto che il viaggio era stato lungo e che le faceva male il collo. Giuro che era uno scherzo quando ho detto che una volta uscivo con un massaggiatore e lui sapeva come fare i massaggi. Allo stesso tempo mi ha voltato le spalle, avvicinando il suo corpo al mio e di conseguenza il suo culo al mio cazzo, che in quel momento era già così.

– Fammi un massaggio, dopotutto sono tua moglie. »disse ricordando il commento del ristoratore.

Ho iniziato a massaggiarle le spalle, ha detto che potevo farlo ed è stato fantastico. Le ho massaggiato il collo e le spalle, lei ha emesso dei gemiti sommessi e mi ha chiesto di non fermarmi. A volte il suo culo toccava il mio cazzo, io mi comportavo come se non l’avessi visto e lei si comportava come se non avesse notato la mia erezione. Dalle mie spalle ho fatto scorrere le mani lungo la schiena, mi ho massaggiato i fianchi e i nostri corpi si sono avvicinati sempre di più fino a toccarci. Il mio cazzo era incastrato tra le sue natiche, dato che lei non ha detto niente, io non ho detto niente e l’abbiamo stuzzicata a lungo finché non ha detto che sarebbe andata di sopra a farsi una doccia. À ce moment-là, si je sortais de là, tout le monde à proximité verrait ma bit déchirer presque mon maillot de bain et c’est pourquoi je suis resté là encore une demi-heure jusqu’à ce que je je décide de sortir anche l’acqua.

Altre storie erotiche  L'amore tra cugini non finisce mai

Ovviamente sotto la doccia ho finito per masturbarmi, non poteva essere diversamente. La quantità di sperma che scorreva era il risultato di una lussuria irresistibile e di un desiderio incontrollabile di mangiare quella donna. Ma proprio non potevo e non dovevo, del resto lei era una mia dipendente e temevo che in futuro questo sarebbe diventato un problema.

Ero completamente nudo nel mio letto quando Marcela ha bussato alla porta e mi ha chiesto di uscire con lei e un gruppo di persone che aveva incontrato all’ostello. Ero molto stanco e ho preferito non farlo. Andando lì, ho deciso di dormire presto.

Erano già le due del mattino quando Marcela bussò alla mia porta, odorava di alcol, misto ad un profumo che sicuramente doveva provenire da un altro uomo. È entrato e mi ha detto che mi ero persa una grande festa e che volevo più massaggi perché mi faceva male la schiena. Prima che dicessi qualcosa, lei si è già sdraiata sul mio letto e ha aspettato.

So che è stato bello non fare nulla, ma la carne è debole. Ho preso una bottiglia di olio, gliel’ho versato sulla schiena e ho iniziato a massaggiarlo. Ha detto che le stava bene e per migliorarla si è sbarazzata della camicetta, lasciando scoperta la parte superiore. Io, che per dormire indossavo i pantaloncini, non avevo modo di nascondere un cazzo duro che mi faceva male in cima alla testa. Marcela Antão mi ha chiesto di massaggiarle le gambe, che facevano male anche loro. Le ho detto che i pantaloncini di jeans sarebbero stati d’intralcio e lei se ne è liberata, sdraiandosi sul mio letto con il culo in aria e le sue mutandine che sparivano nel mio delizioso culo.

Ho iniziato a massaggiarle i piedi, i polpacci, le cosce. Lei allargò leggermente le gambe, ma io mi controllai. Passato le mani lungo la schiena e verso il sedere. Ha allargato ancora di più le gambe e ho deciso di morire e premere il pulsante del cazzo.

Le mie mani iniziarono a scivolare tra le sue gambe e sfiorarono leggermente le sue mutandine, che erano già bagnate. Solo non sapevo se fosse per il massaggio o se qualcuno avesse già riempito quella figa di sperma. Il fatto è che diventavo sempre più audace, i tocchi delicati sulle mie mutandine erano ormai spudorati. Lei non si è lamentata e ho continuato.

— Girati, ti massaggerò la parte anteriore delle gambe.

Si è girata e una figa gonfia che quasi esplodeva nelle sue mutandine era proprio davanti ai miei occhi. Con più olio tra le mani ho iniziato a massaggiarle le cosce e di nuovo lei ha allargato le gambe. Ho iniziato a far scivolare di nuovo le mani tra le sue cosce e continuavo a toccarle le mutandine e questo mi ha fatto arrapare moltissimo. Non ce la facevo più quando ho deciso di togliermi le mutandine e in quel momento ho pensato che avrebbe risposto, ma lei mi ha guardato e basta e non ha detto niente.

Da quel momento i massaggi smisero di essere fatti alle gambe e iniziarono ad essere fatti alla fica. Le mie succulente dita di miele e olio scivolarono tra le sue grandi labbra rosa. Marcela aveva una bellissima figa, un grosso clitoride, sembrava la figa di una ragazza, rasata, e quando l’aprì aveva una cavità rosa come un salotto. Ho iniziato a premere e circondare il suo clitoride finché non è venuta e durante il suo orgasmo ho abbassato la bocca sulla sua figa e ho bevuto tutto il suo sperma senza preoccuparmi se lo avevo dato o meno a un uomo ore prima. Volevo godermi questa figa e Marcela stava avendo i suoi orgasmi nella mia bocca, scuotendo il suo corpo, tirandomi i capelli, gemendo sempre più forte finché non mi ha chiesto di fermarmi perché era troppo floscia, le sue gambe tremavano ed erano anormalmente stanche. .

Altre storie erotiche  Ho scopato la sorella sexy del mio amico

Mi sono alzato dal letto e sono andato a prendere un po’ d’acqua, il cazzo mi faceva ancora male come non mai, dopo tutto avevo solo sperma. Quando tornai a letto, si era addormentata. Ero preoccupata, ho provato a vestirlo, poi mi sono sdraiata su un lettino più piccolo e ho dormito anch’io. Quando domenica mi sono svegliata, Marcela si era già alzata ed era andata in spiaggia. Mi ha mandato un messaggio per ringraziarmi del massaggio e mi ha detto che sarebbe tornato a fine giornata.

A Bahia quella fu l’unica cosa assurda che successe tra noi, perché durante la settimana in cui eravamo lì lei incontrò un bodybuilder che viveva anche lui a Espírito Santo e settimane dopo i due si incontrarono.

Le ci sono voluti solo pochi mesi per lasciare il suo appartamento e trasferirsi da quest’uomo. Pensa a un animale grande e forte, una montagna di muscoli alimentata da numerose pompe, steroidi anabolizzanti e integratori. Un ragazzo estremamente geloso che era sempre con Marcela. Sebbene fosse bella, intelligente e indipendente, aveva il dito marcio quando si trattava di relazioni.

Un giorno ero nel mio ufficio, tutti quelli dell’azienda se n’erano già andati, ero sdraiato sul divano quando lei entrò. Ha detto che voleva parlare, che si pentiva di aver lasciato il suo appartamento e di essersi trasferita dal suo attuale fidanzato. Si lamentava addirittura della mancanza di sesso. Quando ha detto questo, ho avuto questo momento folle e l’ho baciata, e lei mi ha baciato di rimando. Abbiamo chiuso la porta dell’agenzia, siamo tornati al mio divano e lì abbiamo cominciato a spogliarci. Sembravamo due adolescenti che volevano fare sesso mentre i genitori erano via. Ho allungato questo bel corpo e sono ricaduto in questa figa di cui già conoscevo il sapore e l’odore.

Ho succhiato, leccato, morso, scopato con le dita. Ho fatto godere a Marcela tutto ciò che il suo attuale fidanzato non poteva, i suoi gemiti, spasmi e orgasmi sembravano accumularsi ed esplodere tutto in una volta.

Poi è stato il suo turno di succhiarmi per la prima volta. NOSTRO!!! Che dannata bocca aveva. Mi faceva impazzire, mi faceva gemere, impazzire dall’eccitazione. Dopo avermi fatto tutto quello che voleva, si è seduta sul mio cazzo e si è abbassata, il cazzo è scivolato nella sua calda caverna e da lì non è stato altro che follia. Marcela è rimbalzata sul mio cazzo, le ho succhiato le tette di silicone, le ho toccato il culo. Ci siamo incontrati la prima volta. È stato così emozionante che non ci è voluto molto per innestare la seconda marcia.

L’ho messa a quattro zampe e ho cominciato a scoparla forte, lei è venuta, il suo miele è colato sul tappeto, le mie mani le hanno schiaffeggiato il culo, le ho tirato i capelli e abbiamo scopato selvaggiamente.

C’era così tanta dedizione che abbiamo passato la notte in agenzia a fare sesso. Siamo partiti di fretta la mattina prima che arrivassero gli altri dipendenti e ci sorprendessero lì, come se avessimo oltrepassato i limiti.

Per otto anni siamo stati amanti. Ha frequentato diverse persone e anch’io, ma il nostro sesso non ha mai smesso di esistere. Oggi vive a San Paolo, è sposata, non ci parliamo più, ma ricordo solo che il mio cazzo è lì, palpita e sbava di desiderio.

FINE

*Pubblicato da MineiroCasado54 sul sito climaxcontoseroticos.com il 15/06/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *