Storia erotica etero – Il mio psicologo divorziato

di | 4 de Luglio, 2024

Ho 26 anni, sono nero, sono alto 1,89. Ho un corpo tonico ma sono un po’ magro perché mi piace tanto correre. L’anno scorso mi hanno tradito, con me è finita una relazione molto lunga. Il primo mese sapevo solo stare a casa, il che mi rendeva difficile il lavoro e non avevo nemmeno più voglia di correre.

Con molte resistenze ho iniziato la terapia, lì ho conosciuto Bruna, la mia psicologa. Alla fine ho scoperto che aveva 44 anni ed era madre di due figli. Uno ha 20 anni e l’altro 12 anni, sposato da anni, non sono riuscito a scoprire queste informazioni. Il tuo corpo è incredibile, la tua pelle bianca, i tuoi capelli biondi. Indossa sempre abiti corti e attillati, mettendo in mostra il suo corpo. Ha il famoso corpo della chitarra e sembra addirittura paffuta perché i suoi fianchi e il suo seno sono molto grandi. Se fosse nata in Grecia, ci sarebbe sicuramente una sua statua ovunque.

Le prime settimane sono andata nel suo ufficio, non avevo molta voglia di andarci, era difficile uscire di casa. Ma lei mi ha aiutato molto, è stato grazie alle nostre consultazioni che ho potuto uscire dalla mia stanza e correre di nuovo. Vedi la felicità nella vita.

Come tutte le donne straordinarie della nostra vita, mi appariva spesso in testa mentre mi masturbavo. Ma non avrei mai nemmeno immaginato di avere una possibilità con questa donna.

Quando ho iniziato a uscire con qualcuno, ero entusiasta di parlare con lui. Contare la mia giornata e i miei progressi faceva già parte della mia routine. Un giorno, quando stavamo diventando intimi, gli ho detto che ero un po’ nervosa all’idea di andare a letto con qualcun altro dopo aver passato così tanto tempo con la mia ex. Ha condiviso che non era mai stata con un altro uomo, che non poteva prevedere come mi sarei sentita perché suo marito era il suo primo e unico.

Tutto era molto fantastico in questa donna, non bastava più che fosse sorprendente immaginarlo solo attraverso il suo corpo, ora il fatto che potesse seguire un uomo ovunque illuminava le mie fantasie ogni volta che mi toccava.

Bruna era sempre molto allegra, aveva un sorriso sulle labbra, la sua voce era sempre molto dolce, sapeva dire le cose più assurde che nessuno notava, era così carina. Ma qualche settimana fa l’ho trovata strana, più riservata, poco paziente e il suo sorriso non si vedeva più. Gli ho chiesto se andava tutto bene e non mi aspettavo la sua risposta.

“La terapia è tua, non mia.”

Questa frase continuava a risuonare nella mia testa, ho continuato la mia seduta ma senza cercare di parlarne, anche se morivo dalla curiosità per tutto quello che stava succedendo.

Quella stessa settimana, mio ​​fratello maggiore mi invitò ad andare alla festa di compleanno di mia cognata in un piccolo bar della città. Non potevo assolutamente dire di no, li amo troppo entrambi per trovare una scusa per non uscire.

Sono arrivato un po’ più tardi per non fermarmi troppo, ma quando sono arrivato quasi mi sono fermato, a due tavoli dal nostro c’era Bruna. Senza falsa modestia mi trattarono bene e avevo un buon profumo. Se c’è mai stato un giorno in cui volevo essere visto, era proprio questo. Non lo so, mi ha visto quando sono arrivato, ho preparato la sala con il tavolo, ho bevuto delle birre e ho trovato il coraggio di salutare Bruna.

Come sempre, era uno spettacolo da vedere. Un vestito rosso attillato, rossetto rosso che le segna la bocca e tacchi bianchi. Le sue amiche si alzarono per ballare, tentarono di tirarla ma non servì a niente, lei rimase lì a ridere dei balli che le facevano le amiche.

Ho preso una sedia e mi sono seduto accanto a lei, lei è rimasta sorpresa e sul suo viso è apparso un sorriso.

-Chi avrebbe mai pensato che il dottore frequentasse posti come questo?

– Innanzitutto mi lascio chiamare dottore in studio, qui sono solo Bruna. Vuoi che ti chiami paziente?

Ho scosso la testa e abbiamo riso molto a questo primo contatto. Ho chiacchierato piacevolmente con lei, ho scoperto che la pagoda le piaceva e questo ci ha dato modo di chiacchierare a lungo. Ho visto che le sue amiche non tornavano al tavolo e da lontano una di loro spingeva l’altra perché mi vedeva parlare con lei. Alla fine ho trovato il coraggio di chiedere.

Altre storie erotiche  Non ho resistito e ho mangiato la mia sorellastra.

– La terapia qui non è di nessuno, quindi sei libero di fare una domanda personale? (Ha fatto una smorfia perché ha capito il mio commento)

– Dipende!

– Tuo marito non ha problemi a vederti così bella per la festa?

– I miei amici mi hanno portato qui perché ho appena firmato i documenti per il divorzio.

Ho cercato di comportarmi nel modo più calmo possibile, ma in quel momento il mio cuore batteva forte.

– Lo vedi? Alcuni cercano di guarire un cuore spezzato con la terapia e altri con l’alcol, che cosa schifosa, dottore. (Ha fatto un sorriso così bello in quel momento)

– L’ho già detto fuori dall’ufficio, sono solo Bruna.

Proprio in quel momento arrivarono i suoi amici, io rimasi un po’, ma ritornai al mio tavolo. Una volta mio fratello mi prese da parte e venne a chiedermi chi fosse, quando gli dissi che era la mia terapista lui urlò. Ha detto che ero l’unico che poteva inventare una storia del genere e ha continuato la sua serata. Invece il mio si è fermato. Ho passato tutta la notte a guardare Bruna negli occhi. E poco prima che la serata finisse, sono tornata al suo tavolo e gli ho chiesto di ballare una canzone. I suoi amici si gettarono tra le mie braccia. L’ho avvicinato al gruppo, ho premuto il suo corpo contro il mio. Il suo odore invadeva l’aria. Ho fatto due per e due per qui, non volevo inventare e perdere questo momento.

– È sorprendente come non diciamo nemmeno tutto quello che proviamo in terapia, vero? (Gli ho parlato all’orecchio)

– COSÌ?

– Non sai quante volte mi è passata per la mente questa scena, ma non ho il coraggio di raccontarla, nemmeno al mio psicologo (ride).

-E perché non glielo dici?

– Potrebbe non andare bene, potrebbe pensare che sono un paziente un po’ pervertito che pensa a lei tutto il tempo.

– Ma tu sei?

– Dipende, cambierebbe quello che pensa di me?

– In questo momento pensa solo che tu sia un bugiardo che finge di pensare a lei.

– Lo ammetto, ho davvero mentito. Pensiamo che non ballerebbe con te.

-E allora cosa hai fatto?

Je lui ai tenu le cou, j’ai attendu qu’un mouvement me pousse mais cela ne s’est pas produit, de l’autre main j’ai rapproché son corps de moi et lui ai donné un baiser très calme et agréable sur bocca. Le nostre labbra si sono incontrate lentamente, qualche morso leggero, senza fretta, godendoci il momento. Giuro che non ascoltavo nemmeno più la musica che suonava. Era come se tutto il resto fosse confuso. Il mio cazzo era completamente duro e lei ha gettato il suo corpo contro il mio per sentirlo.

Siamo stati interrotti da una delle sue amiche che le ha chiesto se poteva accompagnarla a casa. Era riluttante, ha chiesto di non farlo e le sue amiche se ne sono andate sorridenti. L’orologio segnava già le due del mattino.

– Penso che sia meglio andare, disse.

– C’è qualcuno che ti aspetta a casa oggi?

– No. Ma è già abbastanza tardi.

– Lascia che ti accompagni a casa?

– Non posso, sono il tuo psicologo.

– Dottore, lei è solo nel suo ufficio.

– Smettila di usare le mie parole contro di me.

Mi ha dato uno schiaffo leggero, ha sorriso e gli ho dato un altro bacio sulla bocca. Lei annuì. Ho ordinato un Uber per venire a casa mia e lei era accanto a me, silenziosa, imbarazzata. Siamo saliti in macchina e non potevo lasciare che questo legame si interrompesse, avevamo dieci minuti per tornare a casa.

– Lo sai che non l’ho ancora fatto con nessuno, vero? Come terapista, è normale che tu non sia nervoso, ma semplicemente completamente eccitato per ciò che sta accadendo?

Altre storie erotiche  Safada giapponese 2° tradimento - 2° parte

– Se non sei nervoso, congratulazioni. Perché tremo dappertutto, non mi sono nemmeno rasata, non ero preparata a tutto questo.

(Ti ho mandato un adesivo di Claudia Ohana, non chiedermelo perché ce l’ho sul portatile, e abbiamo riso tanto)

Gli ho messo una mano sulla coscia e ho sentito il suo corpo tremare, l’ho accarezzato con la punta del dito, senza oltrepassare alcuna linea di malizia, mentre iniziavo a parlare con l’autista, come se non avessi fatto nulla. Mi guardò con la coda dell’occhio, cercando di mantenere una calma che chiaramente non c’era.

Salutammo l’autista ed entrai nel condominio. Ovviamente non era molto a suo agio con la situazione, tutto era molto nuovo per lei. E anche per me. Ho aperto un vino che mi era stato regalato e l’ho versato in due bicchieri normali, non ne avevo in casa. Lei rise di cuore quando lo vide.

– Lo so che tu non sei abituato ad andare a casa di nessuno con le mie intenzioni, ma evidentemente non sono una persona abituata a ricevere persone a casa mia (gli ho mostrato un bicchiere di vino e abbiamo riso ancora)

– Non capisco, quali sarebbero le tue intenzioni? (Mi ha chiesto mentre iniziavo a rilassarmi)

Gliene ho dato un ultimo bacio, ancora lento, godendo di ogni parte della sua bocca. Solo la televisione era accesa, c’era poca luce, ma bastava per vederla. Si tirò su il vestito e rivelò le mutandine di pizzo bianco.

Ho interrotto un po’ il nostro bacio e le ho chiesto che tipo di film le piaceva, lei pensava che fosse un po’ strano ma ha iniziato a parlare di film, di cinema, di cosa le piaceva. Senza interromperlo, al culmine della sua eccitazione per questo, la mia mano corse sul suo corpo. Balbettò, cercando di spiegare perché i film sugli eroi sono fantastici anche se per lei non sono puro cinema. In quel momento la mia mano era sulla sua coscia, sentivo le sue mutandine nell’angolo della mano.

Guardandola negli occhi mentre parlava, le mie dita scivolarono attraverso le sue mutandine, completamente bagnate. Ho fatto finta di niente e gli ho chiesto di continuare il suo monologo. Ha balbettato ancora di più quando ho spostato le sue mutandine di lato e ho iniziato a toccarle la figa completamente bagnata. Fece un respiro profondo, guardò il soffitto e continuò a far finta di nulla.

Ho fatto alcune osservazioni sul cinema mentre lasciavo il dito all’ingresso della sua figa. Non mi sono costretto ad entrare, l’ho semplicemente lasciato fare. Ha ricominciato a parlare di un film e ha provato a stringermi il dito. A poco a poco lui entrò e lei gemette piano, fingendo che le interessasse l’argomento della conversazione, ma ammetto che la sensazione di far finta di niente era molto piacevole.

– Posso chiederti una cosa? Stai attento con me, sarai il primo dopo la mia rottura.

– Sarai anche il mio primo, lo sai meglio di chiunque altro, e se posso chiederti una cosa, non essere clemente con me.

Ho messo dentro di lei quello che mancava al mio dito, lei ha emesso un gemito che veniva da dentro. L’ho tolto molto lentamente, ho cominciato ad accarezzare la sua bambina e l’ho baciata di nuovo sulla bocca. Non aumentiamo il ritmo, senza fretta, approfittiamo del momento. L’ho stesa sul divano, le ho tolto le mutandine e l’ho lasciata con il vestito. Sono andato a baciare il suo corpo e lei mi ha chiesto di non farlo.

– Non ti piace?

– Lo adoro, ma non mi sono rasato.

– Preferisco così.

Lasciò andare il mio corpo, lasciandomi cadere. Approfitto per togliermi la camicetta. Mi sono tolto i pantaloni, le ho allargato le gambe. L’ultima volta l’ho guardata in faccia ed era ancora imbarazzata. Le ho baciato i capelli, la sua figa era bagnata, ci ho fatto scorrere sopra la lingua molto leggermente. E rapidamente il suo corpo svanì. Mi tremava tutta la bocca. I suoi gemiti erano carini quanto lei. Il mio cazzo puntava verso il soffitto perché faceva così caldo. Mi afferrò la testa con la forza che gli era rimasta. Mi ha chiesto di aspettare un po’ per riprendere le forze.

Altre storie erotiche  Una sveltina deliziosa

Lei si alzò, mi fece sedere sul divano e si tolse il vestito. Il tuo corpo è molto più bello di quanto immaginassi, il tuo seno, il tuo sedere, il tuo corpo… Si inginocchiò sul pavimento e strisciò nuda. Si alzò i capelli e, guardandomi per tutto il tempo, fece scorrere la lingua sulla punta del mio cazzo. Lo succhiò bagnato e caldo. Ha lasciato che la bava mi scorresse lungo il cazzo, non ha mai smesso di guardarmi. Ho mostrato il portafoglio e ho capito. Ha messo il preservativo sul mio cazzo bagnato. Con una faccia molto brutta.

Ha messo una gamba accanto a me, ho potuto vedere la sua figa aperta per me. Si sedette sul divano. Lui ha messo la testa a posto, io non ho fatto altro. Lasciò scivolare il suo corpo. Il suo viso era uno degli spettacoli più belli che avessi mai visto. Molto lentamente discese finché tutto fu dentro.

– Il tuo cazzo è delizioso, non sapevo quanto mi restava per provarlo.

– La tua figa è così stretta che non posso credere che sia entrato tutto.

– Ti piace così? (Stava guidando lentamente)

– Rotola sul mio cazzo, rotola, tesoro.

– Parla di più.

– Ti siedi come una puttanella, rimbalzi sul tuo uomo.

– Si Così. Che io sono?

– Il mio cagnolino, il mio cagnolino dottore.

– Oh, vado, mi diverto…..

Non urlava, non gemeva. Ha semplicemente perso le forze. Ha alzato i fianchi per toglierselo e mi ha abbracciato, ricevendo diverse scosse.

Il fatto che sia venuta velocemente significa che non aveva bisogno di controllare l’eiaculazione. Ha trascorso circa dieci minuti abbracciandomi, senza lasciarmi andare.

– È stato meraviglioso, non ricordo di essere venuto così. Ma posso chiederti solo una cosa?

– Puoi chiedere la luna adesso e troverò un modo.

– Mi hai chiamata puttanella e mi è piaciuto molto, ma mi mangi come tale.

—Vai in camera mia e mettiti a carponi sul letto.

Lei si alzò obbediente. Si allontanò verso la camera da letto. Ho acceso la luce e lei era a quattro zampe sul mio letto. Con questo bel culo che mi guarda.

– Con la luce sono imbarazzato. Spegnilo, vai via.

(Mi sono avvicinato al suo orecchio e ho parlato)

– Il cane non chiede, obbedisce.

Il suo corpo tremò, io le andai dietro e glielo infilai tutto in una volta, lei emise un grido delizioso. Le tenevo stretti tutti i capelli e con l’altra mano le segnavo le natiche. Ogni volta con spinte più forti e profonde.

– Quindi il mio cane vuole essere mangiato?

– Aaaaa, mmm.

– Chiedere!

– Mangiami, non fermarti. Più forte. Fammi venire di nuovo.

Ammetto che non avevo mai fatto l’amore in quel modo, la sensazione di controllo mi spaventava. Il tuo sedere era viola. Si appoggiò allo schienale mentre spingevo forte.

— Sto per venire, cane mio.

– Divertitevi, mi divertirò.

– Sto per venire, dottore cattivo.

– Clima

E veniamo insieme, forte. Il mio gemito si perdeva con il suo. Era così forte che finì per sdraiarsi e io la seguii, vicino a lei. Mi sono appoggiato all’indietro, mi sono tolto il preservativo e sono tornato a letto con lei. Abbiamo dormito insieme e quando ci siamo svegliati abbiamo fatto sesso parallelo. Lei ha fatto la doccia e io sono andata a preparare qualcosa da mangiare.

Ci siamo dati un bacio delizioso, ho raccolto le sue mutandine da terra e non le ho restituite. L’ho tenuto come souvenir. All’apertura della porta per uscire, multa in comproprietà per rumore.

– Lo vedi? Colpa tua. (ho detto sorridendo)

– Sconto sul valore della seduta successiva.

Quella fu la migliore risposta che poté dare mentre usciva sorridente, senza mutandine e piena di sé.

*Pubblicato da Historiaqueouvi sul sito climaxcontoseroticos.com il 19/06/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *