Storia erotica eterosessuale: Denise e il marito miniturizzato

di | 12 de Maggio, 2024

Denise è sempre stata una moglie giocosa e dominante, ma da quando ha scoperto di essere affascinata dai giochi di dimensioni e dalle dinamiche di potere, la loro relazione ha preso una svolta verso l’erotico e l’insolito. Suo marito, un tempo uomo loquace e supponente, ora era alto solo pochi centimetri e Denise decretò che gli sarebbe stato permesso di parlare solo per pochi minuti al giorno.

All’inizio, Denise usò questo nuovo potere per stuzzicare e tormentare suo marito, deliziandosi nel modo in cui si dimenava e implorava più tempo per parlare. Ma col tempo, cominciò a vedere il potenziale erotico di questa situazione e a usare il linguaggio limitato del marito come strumento di piacere e dominio.

Una notte, Denise si sentiva particolarmente arrapata e ha deciso di mettere alla prova il linguaggio limitato di suo marito. Lo chiamò al suo fianco e lui corse obbediente, il suo piccolo corpo tremava per l’attesa.

“Hai cinque minuti per parlare,” disse Denise con voce bassa e sensuale. “Fateli contare.”

Gli occhi di suo marito si illuminarono per l’eccitazione e cominciò a parlare, le sue parole uscirono velocemente. Disse a Denise quanto era bella, quanto l’amava e che avrebbe fatto qualsiasi cosa per compiacerla. Parlò delle sue fantasie e dei suoi desideri e Denise lo ascoltò con molta attenzione, il suo corpo ardeva di desiderio.

Con il passare dei minuti, Denise si sentiva sempre più bagnata e respirava affannosamente. Sapeva di aver bisogno di suo marito, di sentirlo dentro di sé, anche se solo per pochi istanti.

“Il tuo tempo è scaduto”, disse Denise, con la voce appena al di sopra di un sussurro. “Ma ho una sorpresa speciale per te.”

Altre storie erotiche  Il mio primo pompino - Racconti erotici

Detto questo, si chinò e prese in braccio il marito, cullandolo tra le mani. Poteva sentire il suo cuoricino battere forte e sapeva di essere terrorizzato ed eccitato da ciò che stava per accadere.

Denise allargò le gambe e posizionò il marito al suo ingresso. Poteva sentire il suo piccolo corpo tremare per l’attesa e lentamente si abbassò su di lui, sentendolo riempirla in un modo che non aveva mai sperimentato prima.

Per i minuti successivi, Denise cavalcò forte suo marito, muovendo il suo corpo a tempo con quello di lui. Poteva sentirlo dentro di sé, il suo piccolo corpo che si contorceva e si contorceva dal piacere. E quando raggiunse l’orgasmo, sapeva che sarebbe stato un momento che non avrebbe mai dimenticato.

Quando tutto fu finito, Denise rimise con cura il marito sul pavimento. Era esausto ma felice, e Denise sapeva di avergli regalato una notte che non avrebbe mai dimenticato.

“Domani potrai parlare solo per tre minuti”, disse Denise con voce ferma ma gentile. “Ma penso che scoprirai che è più che sufficiente.”

Detto questo, si voltò e se ne andò, lasciando che suo marito si crogiolasse nel bagliore dell’incontro…

*Pubblicato da AntonioMDS sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *