Storia erotica eterosessuale – Esci dalla routine (02)

di | 10 de Aprile, 2024
Br4bet, la migliore piattaforma di scommesse in Brasile

“Ahh!” NO! NON VENIRE PIÙ…, NO!” urlò Laura con voce stridula e senza fiato, poco prima che Paulo, suo marito, facesse un ultimo movimento pelvico che la fece raggiungere l’orgasmo, eiaculando copiosamente e irrigandola la vulva della donna con il suo carico di sperma caldo e viscoso, ignaro delle urla della donna che non aveva ancora avuto la sua giusta dose di piacere. Con movimenti brutali, Paulo è crollato, pesando con il corpo sulla moglie che ancora faticava a respirare, costretta a sostenerlo a tutti i costi, anche se il suo desiderio interiore era quello di tenerlo lontano da sé. E un attimo dopo, Paulo si sdraiò accanto a lei, addormentandosi poco dopo, lasciando dietro di sé una moglie ansiosa e insoddisfatta.

Laura non riusciva a dormire, perché era infelice e anche preoccupata per gli ultimi avvenimenti coniugali; Da qualche tempo le prestazioni sessuali del marito erano molto inferiori a quelle del passato, prestando poca o nessuna attenzione ai desideri della moglie, lasciandola senza il meritato piacere carnale. Ancora nuda e al forte russare del marito, Laura non riuscì a contenersi, accarezzandosi i seni, prestando particolare attenzione ai capezzoli già gonfi, che cominciò a stringere tra le dita, sentendo allo stesso tempo che la pelle d’oca le traboccava. la sua pelle. . In quel momento, nella vulva, faceva caldo.

Seguendo il suo istinto di donna sana e bisognosa, Laura si pose le mani sul ventre, scendendo verso la vulva, che trovò calda e molto umida; e le carezze cominciavano con le dita che sfregavano e sondavano la zona, ottenendo una deliziosa eccitazione crescente. Utilizzando l’indice e il medio della mano sinistra, Laura ha allungato la zona mentre con l’indice della mano destra si massaggiava il clitoride con movimenti rapidi che culminavano presto in un orgasmo tale che la copiosa quantità di liquido scorreva verso il basso. finché non schizzò sul lenzuolo, facendogli tremare involontariamente il corpo.

Con il corpo esausto, ma la mente sollevata dal piacere ottenuto, Laura si alzò e, barcollante, andò in bagno dove fece una doccia veloce e ritornò a letto dove si addormentò pochi minuti dopo. La mattina dopo, dopo un caffè veloce e laconico, Paulo baciò la moglie sulla guancia e si mise al lavoro; Per tutta la giornata la mente di Laura era tormentata dalle preoccupazioni riguardo al suo rapporto coniugale; pensava che il marito avrebbe potuto trovare un’amante dedicandosi più a lei che alla propria moglie; Pensò anche che potesse soffrire di qualche tipo di malattia che avrebbe potuto influenzare le sue prestazioni e alla fine pensò che forse non l’amava più.

Per lei quest’ultimo pensiero fu tortuoso poiché Paulo era il suo primo e unico uomo; Dal momento del fidanzamento, Laura non ha mai guardato nessuno tranne suo marito, evitando sempre gli scherzi e le avance degli altri uomini, arrivando anche a dover lasciare il lavoro che aveva in quel momento, tale era la supposizione. superiore. Dopo il matrimonio considerava la fedeltà motivo di sana sopravvivenza della coppia ed evitava sempre le situazioni che potevano portare a qualcosa di insidioso.

Una volta arrivata sul posto di lavoro, Laura ha messo da parte tutte quelle preoccupazioni e paure e si è dedicata a dare il meglio di sé. Durante la pausa caffè, Antónia, una sua vecchia amica, notò un’espressione preoccupata sul viso di Laura, non riusciva a trattenersi e voleva sapere cosa la preoccupava così tanto. Laura provò a parlare, ma il suo bisogno era tale che finì per esprimersi all’amica, senza risparmiare nemmeno i dettagli più intimi.

-Amico, quando a tuo marito non piace, devi dissetarlo da un’altra fonte! – concluse con tono enfatico la sua amica dopo aver ascoltato pazientemente il racconto di Laura, che sembrava stupita dall’affermazione di Antónia.

-Non ho mai tradito Paulo e non comincerò adesso! – rispose Laura in tono irritato. – Dove l’hai già visto?

-Va bene! Dimmi una cosa – rispose Antônia con tono ironico – quante volte alla settimana scopate tu e tuo marito dopo esservi sposati? Solo mamma e papà o preferisci cambiare un po’ le cose?

Altre storie erotiche  la mia prima volta con un ragazzo

Sentendo la domanda dell’amica, Laura fu sorpresa da una triste constatazione: col tempo, i rapporti sessuali sempre ortodossi praticati con il marito cominciarono a raffreddarsi come una brace che lentamente si spegne; Laura si rese conto di non aver mai provato nulla di diverso, anche quando ancora usciva con Paulo e lui non le aveva mai suggerito una variazione che provocasse qualcosa di nuovo e stimolante; Vedendo l’espressione delusa della sua amica, Antónia vide l’opportunità di unire l’utile al dilettevole.

“Senti, piccolo idiota,” disse piano, “andiamo a casa mia oggi e ti mostrerò un sacco di cose nuove che ti piaceranno!”

All’inizio Laura ebbe paura, ma accettò presto l’invito, covando una curiosità inquietante; A fine giornata chiamò il marito per dirgli che si trovava a casa di un’amica e rimase ancora più sorpresa quando Paulo accettò senza ulteriori domande. “Sono così arrabbiato che non mi ami più?” » pensò mentre riattaccava. Antônia viveva in una piccola casa che condivideva con sua madre, che era in viaggio turistico con gli amici della discoteca che frequentava.

Antónia preparò caffè e panini e dopo aver mangiato andarono in soggiorno dove prese una scatola di plastica che era sul mobiletto sotto la televisione. “Guarda, amico mio!” È un vibratore! Dai, togliti i vestiti e ti faccio vedere come funziona! » suggerì la padrona di casa, divertita dallo stupore sul volto di Laura.

-Ah! Lo so! …, Corretto ! Prima mi spoglio! – annunciò alzandosi e cominciando a spogliarsi.

Laura era così sbalordita che riusciva a malapena a credere alla vista della sua amica che si spogliava finché non si ritrovò nuda davanti ai suoi occhi; Antónia aveva un corpo a forma di chitarra, con seni pieni e un sedere largo e sodo, il tutto sfumato da una bella abbronzatura che le copriva tutto il corpo, indicando la sua abitudine di abbronzarsi senza vestiti. “Vai avanti, amico mio!” Togliti presto quei vestiti! Non sono uno spaventapasseri! » chiese impaziente l’amica. Un po’ tremante e senza fiato, Laura ha risposto alla richiesta dell’amica restando nuda davanti a lei.

-Sperma! Sei molto sexy, eh? – ha commentato Antónia in tono esasperato – ora siediti sul divano e apri bene le gambe così posso giocare con la tua figa!

Ancora non comprendendo le intenzioni di Antonia, Laura obbedì e la sua amica si sedette accanto a lei, tenendo tra le mani il piccolo dispositivo che attivava toccando delicatamente la vulva di Laura, la cui reazione fu così scioccante da farla saltare sul divano. “Calmati, donna! Rilassati e divertiti! » disse Antônia con tono energico, continuando a strofinare la zona, risalendo verso il clitoride, provocando un piacere così intenso che Laura non poté farlo. Soppresse un grido di eccitazione.

-Ahnnn! È… è così buono! Ahhh! – sussurrò tra due gemiti, godendosi una sequenza di orgasmi che le fecero tremare il corpo di piacere.

Antónia continuò a maneggiare l’attrezzatura, deliziandosi alla vista della grotta bagnata e che scorreva liberamente; All’improvviso, lasciò cadere la bocca sui capezzoli di Laura, dandole una lunga, impressionante leccata e succhiata che fece urlare Laura istericamente, non avendo più alcun controllo sulle sue reazioni. “Basta con questo giocattolino!” “Ti mostrerò cosa si prova a venire davvero!” annunciò ancora Antónia, gettando l’apparecchio sul divano e inginocchiandosi tra le gambe di Laura, che non ebbe nemmeno il tempo di chiedere cosa volesse dire la sua amica. Laura È rimasta sorpresa quando Antónia ha nascosto il viso tra le gambe e ha iniziato a leccarle la figa con insistenza, provocando una nuova ondata di orgasmi deliranti.

Era da molto tempo che Laura non sperimentava tanti orgasmi quanti in quel momento, sentendo la lingua della sua amica esplorare tutte le possibilità che una vulva calda poteva offrirle, facendola gemere e sospirare in modo incontrollabile. “Che schifo!” Aspettare! Giochiamo diversamente!’, annunciò Antónia, alzandosi e chiedendo all’amica di sdraiarsi sul divano; Non appena obbedì, vide Antônia venire sopra di lei in posizione capovolta in modo che la sua figa fosse a portata della bocca di Laura e la sua servisse nuovamente la sua amica.

Altre storie erotiche  Io e la mia ragazza sull'altalena.

Laura ha avuto un inizio timido ed esitante, a volte leccandosi la vulva, a volte baciandola finché Antónia non ha cominciato a strofinarsela sul viso, esigendo un atteggiamento più reciproco; e non ci volle molto a Laura per regalare alla sua amica un’altra ondata orgasmica che la fece sussultare, perché anche lei aveva qualcosa da assaggiare. Ed è stato in questo clima fantastico che Laura e Antónia sperimentò una successione delirante di orgasmi che scuotevano i loro corpi, facendoli tremare in modo incontrollabile. Per ore, entrambi soddisfacerono la loro eccitazione con il sudore che colava da tutti i pori e le loro lingue quasi insensibili.

Esausti e ansimanti, si liberarono e si rannicchiarono sul divano, godendosi le piccole ondate di piacere che ancora scorrevano attraverso i loro corpi; Ad un certo punto, Laura guardò il viso di Antónia e i loro occhi si incontrarono con espressioni languide e sorridenti; D’istinto, Antónia avvicinò le sue labbra alla bocca semiaperta dell’amica, suggellando con la lingua un bacio lussuoso al quale ne seguirono altri ancora più veementi. “Non avrei mai pensato che potesse essere così bello!” ha commentato Laura, sorridendo durante una pausa tra un bacio e l’altro. Antónia guardò Laura e le sorrise.

-È bello quasi quanto una bella scopata! – rispose l’amico in tono scherzoso – A volte penso che niente possa sostituire un grosso cazzo grosso che mi riempie la figa! O magari allungarmi il sedere!

-Hai già fatto il brioco? – chiese Laura con tono esasperato ed espressione stupita – e non ha fatto male? È stato bello? Dimmi!

-Chiaro! E più di una volta! – rispose con insistenza Antónia – Fa male? Sì, ma ne è valsa la pena! È stato bello ? …amico mio, è meglio che parlare!

Laura rimase in silenzio, con l’aria abbattuta, sapendo che non aveva mai provato una sensazione simile in vita sua e che, secondo suo marito, non avrebbe mai potuto godere di questa esperienza. “Mi dispiace, amico, ma non posso aiutarti in questa faccenda!”, rispose Antónia, intuendo l’angoscia della sua amica.

-Ma non posso tradire mio marito! – disse Laura con tono emozionato – e anche se potesse, non saprebbe come fare!

-Ecoute, ma chérie et fais très Attention – assicura Antônia avec un ton énergique – ce que nous avons fait ici est bien et soulage les tensions…, mais essayer une baise de bit jusqu’à ce que tu n’en puisses plus , quello non esiste! …, pensa a questo: e se Paulo ti tradisse? Cosa accadrebbe se perdessi il desiderio per te? La vita è breve, amico! Dovresti approfittarne!

Sentendo queste parole Laura tacque, rannicchiandosi sul divano, sentendo una dolorosa assenza nella sua vita; Antonia l’abbracciò e rimasero così per un po’ finché non decisero di mettersi a letto e dormire. “E cosa ne pensi di Olvinho?” chiese Antónia a bruciapelo la mattina dopo, mentre prendevano un caffè in una panetteria vicino al lavoro.

-Continuo? Quel ragazzo calvo? – chiese Laura senza nascondere il suo stupore – Non voglio nemmeno pensarci! Non sono al lavoro! Inoltre, è noioso!

-Ma ti mangia ancora con gli occhi? – rispose Antónia con una punta di cattiveria nella voce – E tu vuoi sapere il meglio? …il ragazzo ha un cazzo! Grosso e grosso…, l’ho già provato e non mi è sembrato male! Credere!

Laura ha deciso subito di parlare e insieme sono andati ad un’altra giornata di lavoro; A fine giornata si salutarono e Laura non riuscì a contenere il desiderio di visitare un piccolo negozio erotico che si trovava lungo la strada; Imbarazzata, entrò e percorse i corridoi fino a raggiungere la gondola vibrante. Preoccupata, sceglie un modello identico a quello della sua amica e si dirige alla cassa, dove l’impiegato la guarda con un’espressione maliziosa. “Questa attrezzatura è buona… ma quella con telecomando è meglio… vuoi vedere come funziona?” disse la giovane donna dalla pelle bianca e dai capelli neri lunghi fino alle spalle. Laura lo esaminò attentamente e rimase in silenzio, immaginando cosa sarebbe potuto succedere.

Altre storie erotiche  Aiutare un marito a ottenere una promozione

Laura alzò le spalle, prese l’attrezzatura consigliata dall’assistente e pagò in contanti, dirigendosi a casa sua dove la tenne in un luogo segreto, fuori dalla vista del marito. Paulo arrivò alla solita ora e cenarono entrambi in silenzio; Seduti sul divano del soggiorno, si sono baciati guardando la televisione e Laura si è sentita al sicuro tra le braccia del marito, rimpiangendo solo che lui abbia mostrato freddo distacco nel letto coniugale. E fu proprio quello che accadde quella notte quando andarono a letto e Paulo si spogliò e si gettò sopra di lei senza troppe cerimonie.

E tutto sembrava come un altro noioso e ripetitivo deja vu, che finiva con l’uomo che raggiungeva l’orgasmo senza preavviso e poi voltava le spalle per cadere in un sonno profondo; Laura non poteva sentirsi arrabbiata, ma semplicemente scontenta della situazione; Alla fine si alzò e andò in bagno dove fece una doccia rinfrescante; Tornata in camera da letto, nuda, corse dove aveva tenuto il piccolo vibratore e si diresse in soggiorno per goderselo senza interruzioni.

Seguendo le istruzioni, si sdraiò comodamente sul divano, aprì le gambe e dopo aver coperto il dispositivo con numerose aspirazioni, si occupò di introdurlo nella sua caverna; Con il telecomando in mano, Laura attivò il primo stadio e sentì all’interno della sua vulva un’onda continua di vibrazioni che le provocarono una grande eccitazione; Man mano che procedeva attraverso le fasi, sperimentava un’ondata crescente di vibrazioni che presto provocarono una successione di orgasmi così travolgenti da costringerla a fare sforzi enormi per non urlare di piacere.

Allucinata dall’esperienza sensoriale che stava vivendo in quel momento di solitudine, Laura non aveva più il controllo delle reazioni del suo corpo, che tremava involontariamente e si contraeva anche ad ogni nuovo orgasmo che esplodeva dentro di lei; e poi ci fu un momento in cui si ritrovò sorpresa dalla sua vulva che espelleva il liquido seminale in un abbondante getto che si riversava nell’aria, cadendo, macchiando il divano e provocando un enorme impatto che la lasciò in uno stato di assoluta estasi; Entusiasta, Laura ha continuato a divertirsi fino a raggiungere il limite della stanchezza che l’ha costretta a porre fine a questo delizioso viaggio carnale.

Sdraiata sul divano, sudando da tutti i pori mentre si riprendeva da tutti gli sforzi compiuti, Laura meditava sulla sua vita e sul suo futuro in un matrimonio che si avviava inesorabilmente verso la bancarotta irrimediabile. Nella sua mente, le parole della sua amica Antónia risuonavano come un grido silenzioso, lasciandola tormentata. “Ascolta tesoro e stai attento! Quello che abbiamo fatto qui è buono e allenta la tensione…, ma vivere cazzi del cazzo finché non ce la fai più, non c’è pari!…, pensa a questo: cosa? ” E se Paulo ti tradisse? E se perdessi il desiderio per te? La vita è breve, amico! Devi sfruttarlo al meglio!

Alla ricerca di un po’ di speranza, è tornata in camera da letto e non ha risparmiato alcuno sforzo per risvegliare la libido di suo marito spingendolo sulla schiena e cominciando a leccargli e succhiargli il pene mentre desiderava un’erezione. salvatore…, purtroppo quello che ricevette fu un ringhio sgarbato seguito da un rifiuto quasi brutale; Triste, lasciò la stanza e andò in soggiorno, dove si addormentò sul divano. Al mattino, quando si è svegliata, si è ritrovata sola in casa con il marito, che se n’è andato senza preavviso. “Non essere stupido, amico! Fai tutto ciò che è necessario per il tuo bene! Pensa a Olaviinho!”, lo avvertì Antónia quando si incontrarono quel giorno.

*Pubblicato da Prometeo sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *