Storia erotica eterosessuale – Insegnante

di | 7 de Luglio, 2024

Ciao, buon pomeriggio o buonasera a tutti voi che siete arrivati ​​fin qui.

Mi chiamo Michel e ho deciso di raccontarvi alcune cose che ho vissuto durante la mia vita e le mie esperienze sotto forma di racconto, non sono una star del cinema, ma attraverso il mio lavoro, e anche la mia relazione liberale, vivo e avere. Viste molte cose interessanti e affascinanti nel tempo, trova il sito e vedendo il numero di lettori interessati all’argomento, decide di scrivere.

Ebbene, come ti ho detto, mi chiamo Michel, sono un insegnante, oggi ho 39 anni, sono alto 1,72 metri, il mio corpo è normale per uno che va in palestra, ma non mi arrenderò birra. Nei fine settimana cerco sempre di stare bene perché, dato che insegno a molte persone, cerco di rimanere presentabile.

Oggi sono professore universitario, ma ho iniziato a lavorare come insegnante tenendo corsi propedeutici, sempre nel campo dell’informatica, e chiunque faccia l’insegnante sa che in questa professione si finisce sempre per attirare gli sguardi e spesso i desideri degli studenti che passano dalla tua classe, e per me questo non fa eccezione, sono il tipo di insegnante che finisce sempre per parlare oltre l’argomento, molte persone chiedono consigli su professioni o campi di attività e io sono sempre disponibile a farlo. . Se ne parla, e tante volte finiscono altri argomenti all’ordine del giorno, quindi posso dire che sono uno di quelli che diventano amici in classe, per me questo è un fattore che aiuta molto in classe, nel rispetto di tutti E. impegno.

Ho sempre avuto in mente che non avrei mai oltrepassato il confine tra insegnante/studente, ho sempre avuto molta paura di farmi male per questo, visto che dove vivo si può dire che è un piccolo paese, qualcosa che potrebbe essere divulgato sarebbe portare dei dati nella mia carriera poiché ho sempre mirato a diventare quello che sono oggi, un professore universitario, ecco perché ho sempre cercato di evitarlo quando sentivo che un male poteva iniziare a fermentare tra una delle mie lezioni e io.

Oggi, nel riferirvi questo, posso dire che ho fallito miseramente nel tentativo di stare lontano dai pericoli che potevano derivare dal coinvolgimento con gli studenti. Nella lezione in questione, era la mia ultima lezione di venerdì. Dato che è venerdì, l’ultima lezione solitamente è più tranquilla, la lezione in generale, così come il pomeriggio, è più faticosa perché è l’ultimo giorno della settimana e una lezione che dura fino alle 9 del mattino. notte, ed è stato in questa classe che è iniziata la mia rovina a causa della mancata interazione con gli studenti.

Isa era una ragazza dai lunghi capelli dorati, molto magra, il seno piccolo e il culo rotondo. L’ho sempre rispettata, ma questo non vuol dire che non prestassi attenzione ai miei alunni, era gentile, ogni volta che parlava mostrava l’apparecchio che aveva ancora sui denti, attirava l’attenzione e ogni volta che poteva era nella stanza. attraverso le conversazioni che avvenivano tra le classi, sempre pronto a scoprire tutto quello che stava accadendo.

È stato da una di quelle conversazioni che ho saputo che era single, ma che aveva già un figlio a soli 19 anni, ma che aveva un rapporto difficile con il padre di suo figlio, che viveva con la nonna ma ha sempre mantenuto un sorriso accattivante. , questo è stato quello che ha attirato di più la mia attenzione, nonostante la sua storia, era sempre sorridente e sembrava una persona lungimirante, ed ogni volta che parlava mi guardava direttamente negli occhi con i suoi bellissimi occhi verdi, procurandomi anche un certo disagio sul viso dallo sguardo penetrante.

Una volta ha osato chiedermi se ero single o avevo una ragazza, anche la chat è rimasta in silenzio aspettando la mia risposta. A quel tempo non avevo ancora una relazione quindi ho detto a tutti che ero single, vedendo alcune ragazze che si guardavano l’ho mascherato ma ho potuto vedere lo sguardo di Isa che in qualche modo mostrava un accenno di gioia per la risposta.

Non si è mai vestita in modo appariscente, di solito indossava l’uniforme del posto in cui lavorava, ma venerdì, subito dopo quella conversazione sulle relazioni, stavo riordinando la stanza per le attività che avremmo avuto quel giorno quando l’ho vista. fra. Uscii dalla porta indossando pantaloni leggermente sopra il ginocchio verde muschio, lo stesso colore che indossava sempre quando indossava l’uniforme aziendale, ma indossava anche una balza nera, lasciando le braccia scoperte. Ricordo che mi fermai e la guardai si avvicinò al suo tavolo nel soggiorno.

La lezione di quel giorno si è svolta normalmente fino alla ricreazione, ma avevamo concordato che quel giorno avremmo preparato il caffè nella cucina della scuola perché era l’ultimo giorno di lezione prima delle vacanze estive di luglio, e ovviamente durante il caffè il cerchio degli studenti. per parlare delle cose di tutti i giorni. Non potevo passare il tempo senza guardare Isa, era stupenda con quel vestito, mi sono catturata nei miei pensieri volendo assaggiare la sua bocca, ma mi sono rimproverata mentalmente per quanto potesse essere brutto. Ad un certo punto della conversazione, uno degli studenti ha posto una domanda che ha attirato la mia attenzione.

La domanda che la studentessa mi ha posto era se fossi mai stata “in contatto” con uno studente, che era il termine che ha usato. Ho immediatamente risposto che non l’avevo mai fatto e che sarebbe stato contrario all’etica della parte del professore, poiché potrebbe essere considerato come me quella scelta di forza, a causa della posizione che il professore occupa dans la classe. Ricordo che le ragazze iniziarono. ridendo, e uno di loro disse che se entrambi lo avessero voluto, non sarebbe stato immorale. “No, ISA”, disse la ragazza.

Quando ho guardato ISA, l’ho vista arrossire, il che mi ha fatto chiedere se fosse stata una frecciatina nei miei confronti, o se avesse mai beccato un insegnante in passato, non lo so, ma mi è rimasto in mente per tutto il tempo. tempo. tempo. . Per il resto della lezione, questo pensiero continuava a tornarmi in mente, mentre cercavo di capire cosa significasse.

Altre storie erotiche  Giochi erotici in Blackout

Ad un certo punto ISA mi ha chiamato al suo tavolo per chiarire una questione riguardante l’attività che stavano svolgendo, e quando mi sono avvicinato a lei ho potuto vedere che si stava chinando un po’ per scrivere qualcosa che sotto questa maglietta senza maniche c’era un cordoncino nero. reggiseno, quasi non prestavo più attenzione alla domanda che mi faceva, ancora una volta la mia mente si rifugiava nei pensieri peggiori che potevano sorgere in quel momento, volevo l’opportunità di vedere e sentire con le mie mani. questo pizzo che tocca la mia pelle, sentendo nelle mie narici il profumo esalato dal corpo di ISA. Il mio membro ha risposto subito all’istinto, ho percepito il suo indurimento come un prolungamento dei miei pensieri. Risposi goffamente alla sua domanda e mi avvicinai al mio tavolo, temendo che qualcuno si accorgesse dell’erezione che si era appena formata.

Per il resto della lezione la mia testa è stata inondata da centinaia di pensieri su ISA, non capitava molto spesso, ma volevo un momento con lei, volevo avere un po’ più di tempo, magari smettere di pensare a lei. , baciandole il collo, i miei pensieri continuavano a mostrare la scena che sarebbe potuta accadere se ne avessi avuto la possibilità, non sapevo che ero a pochi minuti dall’occasione perfetta.

Appena finita la lezione, il gruppo si è salutato e ha lasciato lentamente l’aula, e alla fine ho visto solo ISA che metteva via i suoi libri, lentamente, il che mi ha portato a interrogarla.

IO: – Non c’è fretta oggi ISA?

Studente: – Professore, devo prendere l’autobus, ma arriva solo alle 22:00.

IO: – Wow, ogni venerdì aspetti fino alle 22 di sera per prendere l’autobus.

Studente: – Sì, non c’è molto da fare, lui è l’ultimo ad andare nel quartiere dove abito.

Ricordo di essermi dispiaciuto per lei in quel momento, ma ho continuato a organizzare la stanza mentre se ne andava, sfoggiando un bellissimo sorriso argentato grazie all’apparecchio sui denti, e ho varcato la porta, lasciando che i miei pensieri prendessero il sopravvento quando ho finito. . organizzare.

Erano circa le 21:15 quando uscii dalla stanza e mi diressi verso il parcheggio dove avevo lasciato la macchina, un parcheggio in strada. Lato a pochi metri dalla scuola. Ero già uno studente mensile e avevo il posto garantito. almeno fino a mezzanotte. Non mi è piaciuto molto perché era un parcheggio buio e c’era solo la luce all’ingresso dove c’era il posto di sicurezza, ma era l’unico che aveva ancora spazio nella zona centrale della città.

Quando stavo uscendo dal cancello della scuola, proprio di fronte, c’era una panchina così e sono rimasta sorpresa nel vedere ISA seduta lì che giocava con il cellulare.

STUDENTE: – Buon fine settimana, insegnante. Lei dice.

IO: – Che fai qui, figlia mia?

STUDENTE: – Tra poco andrò alla fermata dell’autobus, mi piace andare quando c’è gente così non sono solo, e tu?

IO: – Vado a prendere la macchina per tornare a casa.

STUDENTE: – Uscirai oggi?

IO: – Non solo riposo.

E arrivò un momento di silenzio, la mia mente praticamente mi diceva di fare qualcosa, volevo passare ancora un po’ di tempo con lei, quell’occhio, quella bocca con una leggera sporgenza verso l’esterno dalle spalline, quella canottiera, il reggiseno nero . invase la mia mente, non volevo essere indiscreto, lottavo contro la mia idea di flirtare con una studentessa, ma volevo, e volevo davvero sentire la sua bocca sulla mia, sentire la mia mano che accarezzava il suo corpo.

IO: – Mancano 45 minuti all’arrivo del tuo autobus, vuoi compagnia? Ho parlato senza pensare, come se le parole avessero vita propria.

STUDENTE: – Immagina, professore, non voglio disturbarla. Disse guardandomi.

IO: – Non sarebbe mai noioso, le ho detto, sedendomi sulla panchina accanto a lei.

Abbiamo parlato qualche minuto e le ho chiesto dove abitasse, e ho scoperto che era un quartiere vicino a casa mia, avrei dovuto solo fare una piccola deviazione, ma vicino alla ragazza bianca, le sue labbra si muovevano davanti a me , i suoi occhi verdi che mi guardavano con un messaggio penetrante mi fecero alzare di colpo e offrirmi di accompagnarla a casa. ISA esitò, dicendo che non voleva, perché avrebbe pensato che si sarebbe presa troppi problemi se avesse accettato. Ma non ho fatto un passo indietro, ho preso la sua mano calda tra le mie, facendola alzare e dire.

IO: – Immagina, se te lo offro, non c’è problema.

Senza dire nulla ho sentito il suo corpo seguirci e ci siamo diretti verso il parcheggio, in quei pochi metri fino a raggiungere la mia macchina nessuna parola è stata detta da nessuno dei due ma i miei pensieri hanno inondato il mio essere, l’idea del proibito, del il desiderio di baciarlo non lascerà la mia mente.

Ho aperto la macchina e mi sono seduto a guardarla sistemarsi sul sedile del passeggero, anche senza dire nulla, sentivo che si stava arrendendo al momento, il cortile buio, 3 macchine erano ferme nel posto dove eravamo noi, lontane dalla mia macchina in parcheggi vicino all’uscita, ho guardato intorno all’intero parcheggio per vedere se qualcuno stava camminando lì, e ho potuto vedere solo l’ufficiale di sicurezza seduto nella sua piccola stanza all’inizio del parcheggio. Quando guardo ISA, mi volta le spalle e mi fissa con un piccolo sorriso timido sul viso. Il mio cazzo stava già mostrando segni che l’eccitazione di questo momento stava influenzando il mio corpo.

Le presi la mano con la mia, la tenni guardandola e lei la strinse con un viso sorridente più apertamente, come un impulso sovrumano, mi precipitai avanti e le baciai affettuosamente la bocca, sentii che ricambiava il favore, in quel momento , come un’occhiello, il mio corpo si è riscaldato, le mie mani hanno cercato il suo viso mentre avveniva il nostro bacio, e ogni minuto l’intensità delle nostre labbra diventava maggiore.

Altre storie erotiche  Racconto erotico di incesto – Famiglia di vicini di casa in camera d'albergo 4

Le mie mani le circondarono il collo, avvicinandola ancora di più a me, sentii il mio membro uscire dai pantaloni, avvicinarsi furtivamente e premere contro i miei pantaloni, gli occhiali cominciarono ad appannarsi al punto che in quel momento eravamo senza fiato , le mie mani scesero sulla Sua spalla, corsero lungo il suo braccio, sentendo la sua pelle nel palmo della mia mano, premette la sua bocca contro la mia, il suo respiro era delizioso e sentii un sospiro leggero e delizioso nelle mie orecchie.

Avevo la sensazione che si trattenesse un po’, forse per paura o forse perché era lì con la sua maestra, così le ho preso la mano e l’ho messa sulla mia coscia, ho sentito una leggera pressione da parte sua e del suo corpo. Si rilassò ancora di più, il bacio divenne intenso, piacevole, delizioso, le nostre bocche si inumidirono l’una della saliva dell’altra, la mia scese lungo la sua coscia fino all’orlo della gonna, lentamente risalii fino ad arrivare alla pancia, e no, no. L’ho fatto. frenare i miei movimenti.

Come se la stessi accarezzando, ad ogni movimento la mia mano si alzava un po’ più in alto, sentivo l’orlo del suo reggiseno tra le dita, l’emozione mi invadeva, i nostri corpi erano già in sintonia, sentivo l’eccitazione formarsi tra loro, respirare. Sempre più difficile, sentivo che se fossimo stati in un luogo adatto, ormai i vestiti sarebbero stati strappati dai nostri corpi.

Sentivo la sua mano accarezzarmi la coscia, vedevo questo come un consenso ai miei movimenti sul suo corpo, sentivo che anche lei si lasciava trasportare dal momento, le sue carezze aumentavano di intensità man mano che aumentava anche il nostro bacio, muovevo le labbra. di lato, baciandole il viso, passando come se fosse un sentiero fino a raggiungere il collo, il suo corpo fece un movimento come se accettasse il contatto.

STUDENTE: – Non farlo, insegnante.

Ho sentito la sua bocca dire, nello stesso momento in cui la sua mano mi stringeva forte la coscia, la sua bocca ha emesso un vigoroso sospiro in quel momento, ho sentito un gemito espirare attraverso le sue labbra, il controllo dei nostri corpi era completo, giusto? Ciò non sarebbe più accaduto, la mia mano non si è trattenuta e ha cercato il contatto con il suo petto, anche se sopra la camicetta l’ho accarezzato, sentendo il pizzo nero sotto che me lo ricordava. ISA mi ha lasciato il collo sempre più scoperto, la sua mano si è mossa sempre di più, coprendo sempre di più la mia coscia, ho sentito una tensione immensa quando ho sentito le sue dita toccare il mio membro eretto, anche se sui vestiti sentivo che era attenta a quel contatto.

Nessuno riusciva a controllarsi in quel momento, ci baciammo ancora calorosamente, mentre ora, più audace, presi la mia mano per la spallina della sua camicia, e la tirai leggermente per il suo braccio, sentii il suo corpo irrigidirsi un po’, allontanarsi. leggermente. , per un attimo ho pensato di aver oltrepassato il limite, ma il bacio è continuato, la mia mano ha abbassato leggermente la spallina, lasciando il reggiseno scoperto da un lato, ho preso la mano per sentire il pizzo tra le dita, non potevo. Prendine di più, volevo sentire la sua mano sul mio cazzo, volevo sentirla.

Ho pensato di fermarmi e portarlo da un’altra parte, ma non volevo sprecare questo momento, non volevo lasciare la possibilità che il tempo diventasse più freddo e lasciarlo per un altro giorno, quindi ho continuato. Adesso anche i movimenti di ISA erano più imponenti, mi faceva scorrere la mano lungo la coscia, ma continuava a massaggiarmi una parte del cazzo, cosa che mi faceva impazzire. All’improvviso smette di baciarmi.

STUDENTE: – Oh, professore, non lo vedrà nessuno, disse con tono preoccupato.

ME: Qui non ci sono quasi più macchine e nessuna è vicina a casa nostra. dissi tirandola verso di me e baciandola.

Sembra che fosse quello che avevo bisogno di sentire, il momento successivo in cui abbiamo iniziato a baciarci, il suo movimento è stato quello di andare direttamente con la mano sul mio cazzo e concentrare il movimento lì, come se lo stesse accarezzando leggermente sopra. Questo mi ha fatto impazzire, con un rapido movimento ho tolto la spallina del suo reggiseno ISA, lasciando scoperto il seno destro. Isa non aveva un seno grande, era magra, con un seno piccolo e vivace e capezzoli rosa, così scesi, baciandole il collo, poi la spalla, scendendo lungo il petto fino a raggiungere il capezzolo e dandole un bacio. . leccare in cerchio e infine succhiare. Sentii un gemito piacevole uscire dalla sua bocca, il suo corpo spingeva il suo seno nella mia bocca, come per darmi il permesso di continuare.

La sua mano ora stava cercando di afferrare il mio cazzo premuto e provare a chiuderlo, un movimento piacevole ed eccitante, ho sentito le sue dita cercare di aprire la cerniera dei miei pantaloni senza successo, ho preso la mia mano per aiutarla, abbassando la cerniera e slacciando il bottone sui suoi pantaloni. Quasi istantaneamente sentii la sua mano infilarsi tra i suoi pantaloni e accarezzarlo di nuovo, la biancheria intima era ancora d’intralcio ma potevo sentire la sua mano su di lui più intensamente. Decido di fare lo stesso con la mano sulla sua coscia, passando tra le sue gambe sotto la gonna e ad ogni centimetro in più sento il calore fuoriuscire da lei, noto che si sistema sulla panca, aprendo leggermente la gamba in modo che la mia mano raggiunga la sua destinazione, come una piuma posata sul pavimento, le mie dita toccarono le sue mutandine premendo contro la sua figa facendo tremare il suo corpo ancora per un attimo, sentii i suoi denti chiudersi contro le mie labbra in un soffio di puro calore al mio tocco. Il suo corpo si muove avanti e indietro, facendo scorrere le mie dita tra il sedile e la sua figa, provocando un movimento oscillante. ISA geme adorabilmente nel mio orecchio, mentre mi fa scorrere la lingua sull’orecchio…

Altre storie erotiche  Loren, la ragazza lasciva - Storie erotiche

La sua mano non è più libera ed entra nelle mie mutande, tirandomi delicatamente il membro, e baciandolo con le dita, inizia un movimento su e giù sul mio cazzo, facendomi impazzire, ad ogni movimento verso il basso espongo il mio già eccitato glande. , facendo produrre al movimento che facevo un rumore come se delle palle esplodessero in aria, era una lenta e deliziosa sega che mi faceva ISA, il mio corpo perdeva il controllo, contorcendosi dal piacere.

Per un attimo ho voluto possederla in macchina, strapparle i vestiti e averla seduta sulle mie ginocchia, la mia testa e tutto il mio corpo lo volevano, con la mano ancora tra le sue gambe ho provato anche a tirarle di lato le mutandine . , per sentire il suo calore, che per un attimo è stato possibile solo con il contatto delle mie dita che le tiravano un po’ le mutandine, mi sono riempita le dita di un liquido caldo e viscoso, stavo per iniziare a masturbarmi sopra quando lei si è mossa e ha spinto mia madre detto.

STUDENTE: – Non qui e ora, professore. Disse gettando indietro il petto.

Senza che io potessi ribattere o riprovare, lei sporse la testa in avanti, abbassandosi contro il mio cazzo duro, prendendolo in mano e appoggiandovi la bocca davanti, sentendo l’aria fuoriuscire dal tuo respiro su di sé. testa del mio cazzo, finché la tua bocca cominciò a scendere lentamente per tutta la sua lunghezza, bagnando la pelle del mio membro con la tua saliva, sentendo il mio glande scorrere sulla tua lingua e quasi toccarle la gola, la sua testa si sollevò nello stesso momento. il piacere del ritorno della sua bocca sul contorno del suo cazzo, che sensazione deliziosa, quanto era eccitata in quel momento, ISA, la mia studentessa, era appoggiata lì a succhiarmi il cazzo, le mie mani correvano sul suo corpo, fino a lei . Culo, sollevandole un po’ la gonna così da poter sentire la pelle del suo culo nella mia mano, la strinsi e la accarezzai mentre la sua bocca cominciava ad acquisire intensità sul mio cazzo.

IO: – Che delizioso ISA, ho detto mentre l’unica cosa che ho sentito da lei è stato il suono che faceva la sua bocca quando ingoiava il mio membro, non ha un sapore delizioso.

Vorrei immortalare questo momento, affinché l’emozione che ho provato non finisse mai, ma sentivo che nel profondo dentro di me si stava creando la gioia, sentivo quella sensazione. ISA ha portato la mano verso la mia borsa e ha cominciato a stringerla con attenzione mentre la sua bocca continuava a muoversi, a volte si toglieva tutto dalla bocca e dava baci e passava la lingua sulla testa togliendo tutto il liquido. formandosi, l’odore all’interno della macchina era delizioso, la mia mano ora si muoveva sulle sue mutandine, toccandole la figa. L’eccitazione era incontrollabile, stavo per venire e non potevo fare altro in quel momento. Ho pensato di dirlo a ISA perché non sapevo se voleva che finissi nella sua bocca.

IO: – Mio Dio ISA, sto per venire… dissi inarcando il bacino in avanti come se volessi entrare nella sua bocca fino all’ultimo minuto.

Il tempo stava per scadere, ISA ha avuto solo il tempo di togliere velocemente la bocca dal mio cazzo e parlare.

STUDENTE: – Approfittane per me, professore….

Disse, scuotendo forte il mio cazzo, e guardandomi il glande come se volesse vedere uscire il liquido, emisi un lieve gemito di gratitudine, sentendo lo sperma passare attraverso la mia uretra verso il glande, sentii il primo getto violento uscire. e lo portò direttamente alle labbra di ISA, la quale, vedendo che poteva sporcarsi dappertutto, diresse subito la bocca verso il mio cazzo, lo sentii pulsare più volte e ad ogni impulso sentivo lo sperma trafiggerlo. Il glande usciva in quantità per essere succhiato da ISA, il mio cazzo pulsava, il mio corpo dava scosse di piacere ad ogni iniezione di sperma che usciva. ISA rimase lì a sentire il seme entrarle in bocca finché non sentì di averlo versato tutto, si alzò con la bocca vuota, aveva ingoiato tutto quello che le era stato dato, quel sorriso proprio nel momento in cui alzò la testa come qualcuno che mi era piaciuto. La situazione mi ha fatto impazzire a causa di questa ragazza, che si è alzata e si è coperta con i suoi vestiti.

STUDENTE: – Cosa penserai di me, professore?

IO: – Niente di più che volere di più

E ci siamo baciati ancora, ci siamo riuniti e siamo usciti dal parcheggio verso casa sua, volevo portarla direttamente in un motel lì, ma lei ha detto che sua nonna l’aspettava e che potevamo programmare un’altra giornata con più tempo, tempo se lo volesse ancora.

L’unica cosa che potevo pensare era che sì, lo volevo davvero, la volevo, volevo sentirla in me, e io in lei, volevo tutto quello che poteva succedere…

La lasciai a casa e andai nella mia come se fossi un adolescente alla conquista della sua prima moglie, mi sentivo bene, solo pensare a quello che era successo faceva sì che la mia erezione insistesse a produrre, mi masturbavo sotto la doccia pensando ai momenti lì in cui la macchina .

Prima di tornare a scuola io e ISA avevamo programmato di partire, ma di questo vi racconterò in un’altra storia.

Professa Michel.

Miguel. Castiel2015@gmail. Con

Se vuoi parlare non dimenticare di mandarmi una email, se possibile cercherò di risponderti.

Fino alla prossima volta.

*Pubblicato dal ProfessorBeto sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/07/06.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *