Storia erotica eterosessuale – Minha Orgia no Sítio

di | 4 de Luglio, 2024

Io, miei lettori dispettosi, mi chiamo Selminha, “Baiana Morena”, e vi porto un’altra storia per farvi divertire. In realtà, questa è la continuazione del viaggio sul sito.

Per chi non ha letto il mio ultimo racconto, consiglio di leggerlo, per non perdersi nella storia.

(…)

Quando ho chiuso il cancello e sono andato a salire sulla moto di Alan, lui mi ha afferrato, mi ha detto che ero la donna della sua vita, mi ha dato un grosso bacio in modo appassionato ed eccitante e ho sentito il sapore del suo cazzo in bocca .

Quando si è accorto che gli avevo fatto un pompino in macchina, ha sputato per terra, mi ha guardato negli occhi e mi ha dato della PUTTANA.

– Sono una puttana disgustosa. Non sopporta di vedere un cazzo che vuole già succhiare. Chi hai succhiato in macchina, stronza?

– Rispettami, non sono una puttana! E un altro, non sono affatto tuo. Sei tu che mi idealizzi come la tua ragazza, ma non abbiamo niente.

– Sei spregevole, schifoso, non sopporti di vedere i cazzi. Che donna sporca! Chi puzza lì?

– Non sono affari tuoi, non ti interessano.

– Voglio sapere chi sei, stronza.

Poi gli altri bambini erano sotto l’albero di mesquite e mi guardavano discutere con lui. Tuttavia si trovava a una distanza tale che non era possibile udire il contenuto della conversazione. Penso che ci siano circa 500 metri tra l’ingresso del cantiere e la sede centrale.

– Ho succhiato chi volevo, e non sono affari tuoi chi fosse!

– Dimmi chi ti ha succhiato o me ne vado!

– Li ho succhiati tutti.

– Sei più puttana di quanto immaginassi. Ti disgusto. Non voglio nemmeno saperlo, dormirai con me stanotte e faremo l’amore tutta la notte. Gemerai così tutti sapranno che questa figa ha un proprietario.

In quel momento mi ha spinto contro la bicicletta, sollevandomi il vestito, e si è messo dietro di me scopandomi in piedi, mentre io ero appoggiato alla bicicletta. Lo ha fatto per intimidire gli altri ragazzi, per dimostrare che questa figa è sua. Mi ha mangiato e gli altri hanno guardato tutto sotto l’albero di mesquite.

Quando l’ho spinto mi ha detto che ero una piccola troia e che ero tutta bagnata ed arrapata. In effetti, era lo sperma di Luan che usciva dalla mia figa. Ma si rese conto che era troppo complicato. Mi ha tirato fuori il cazzo ed era pieno di sperma.

Altre storie erotiche  Storia erotica etero - Riunione aziendale

– Maledizione Selma, prendi quel cazzo di culo.

– Cos’era?

– Perché non mi hai detto che ti hanno mangiato e sono entrati anche in te?

– Hai chiesto solo del pompino!

– Cavolo, che puttana sei? Adesso il mio cazzo è sporco dello sperma di altre persone.

Si è arrabbiato, si è tirato su i pantaloni e mi ha detto di salire sulla moto per andare alla sede del cantiere. Quando siamo arrivati, i ragazzi hanno riso e hanno detto:

luan:

– Hai versato il latte sopra il latte? Devi aver fatto un frullato, vero?

Airtone:

– Ci sentiamo proprietari del gatto che ruberemo per tutto il fine settimana, giusto?

Thiago:

– Si ritiene che la figa sia l’unica proprietaria.

E poi tutti iniziarono a ridere, tranne Alan, ovviamente. Mi sentivo in imbarazzo per la situazione, per la prima volta mi vergognavo di quello che avevo fatto e mi sentivo anche male. Entrammo in casa, Alan era furioso e non voleva parlarmi.

– Guarda lì, vedi? Ti fanno sembrare una puttana e ridono sempre di me.

– Non prestargli attenzione Alan.

– Sanno quanto ti amo, ecco perché ti mangiano per umiliarmi.

– Smettila di fare il pazzo, non è niente del genere. Entriamo e facciamo una doccia insieme.

Era un sabato pomeriggio, intorno alle 16. Pulimmo la casa, alcune cose intorno e semplicemente non andammo a nuotare nel fiume che scorreva dietro perché tra poche ore sarebbe diventato buio.

Venne la notte e avevamo fame. Alan ha detto che se ne avessi avuto bisogno sarebbe andato in città e ci avrebbe comprato qualcosa. La città successiva era a meno di 20 minuti di distanza, era una città diversa dalla mia città natale. (Semplicemente non dirò i nomi delle città).

Abbiamo deciso di mangiare 2 pizze e Alan è andato alla macchina di mia madre per prendere le pizze e ha chiamato Thiago per tenergli compagnia lungo la strada. Gli ci vorrebbe 1 ora, perché gli ci vorrebbero 20 minuti per andare, 20 minuti per fare le pizze più o meno, e altri 20 minuti per tornare.

Quando ho visto i ragazzi dire ad Alan di salire in macchina, ho già pensato che non sarebbe bastato. Thiago è andato con riluttanza, ma è partito in macchina. Prima di partire, Alan mi chiamò alla macchina e disse:

– Amore mio, per favore non fare nulla finché non torno! Dormirai con me stanotte e poi faremo l’amore delizioso. Tieni quella figa!

Quando Alan ha chiuso la porta e sono tornato a casa, Luan e Airton erano già nudi, con i cazzi duri, si masturbavano, mi aspettavano, seduti sul divano. I 2 galli piccoli se ne andarono e quelli grandi rimasero.

Altre storie erotiche  Racconto erotico eterosessuale: il cornuto dormiva mentre mi mangiava

Mi sono inginocchiato e li ho succhiati entrambi, schiaffeggiandomi i loro cazzi in faccia, banchettando con i loro cazzi. Poi Airton mi ha fatto sedere sul divano e si è chinato per succhiarmi, mentre io succhiavo Luan.

Era a quattro zampe sul divano e poi è iniziato il disastro. Mentre uno mi mangiava, io succhiavo l’altro, e così è stato più volte. Ne mettevo uno, poi ne arrivava un altro e lo metteva anche lui.

Poi siamo andati a letto e già immaginavo che sarebbe stata eseguita la mia prima DP (Doppia Penetrazione). Airton si è sdraiato e io gli sono salito sopra e, subito dopo, Luan è venuto e mi ha inculato.

Wow che delizia!!! DP è davvero delizioso e lo consiglio, tuttavia, proprio come è delizioso, crea dipendenza, motivo per cui ogni volta che faccio sesso ho la sensazione che manchi qualcos’altro nel sesso. Ho davvero amato l’esperienza DP.

La sensazione di avere due cazzi che entrano ed escono da te, come se fosse una nuotata sincronizzata, è un’esperienza meravigliosa. Mi hanno mangiato deliziosamente a letto. Eravamo così emozionati che praticamente ci siamo divertiti tutti e tre insieme.

Mi sono riempita la figa e il culo di sperma. Quando smettemmo di fare l’amore, ci sdraiammo tutti e tre sul letto, nudi e stanchi. Ci siamo quasi addormentati. E allora ho detto loro di farsi una doccia perché avrei dovuto prendere anche la mia e pulirmi con una doccia intima, per far uscire tutto lo sperma dalla vagina e dall’ano.

Ho chiesto loro di mantenere il segreto e di non dire a nessuno cosa fosse successo. Dieci minuti dopo, Alan è tornato con Thiago portando 3 pizze invece di 2. Era ancora meglio, perché eravamo affamati dopo la maratona sessuale.

Thiago non sospettava nulla, ma Alan notò che eravamo tutti lavati, profumati e il letto era un disastro. Mi ha chiesto se avevo fatto sesso e io gli ho detto di no.

La mia figa pulsava ancora per i tanti cazzi che vi erano entrati e mi faceva male il culo. Mi sono trattenuto dal scoreggiare rumorosamente. Più tardi, quando ci siamo addormentati, Alan è venuto a dormire con me e abbiamo fatto l’amore, dato che non potevo più fare sesso violento. Gli ho solo chiesto di non venire dentro e mi ha chiesto se poteva bere il latte. Ed è quello che ho fatto, mi sono lasciato venire in bocca e ci siamo addormentati.

Altre storie erotiche  presta la tua ragazza ad un amico

Lo stesso giorno ho dormito con Airton, Luan e Thiago in viaggio. Quando sono arrivato lì, Alan è entrato dentro di me. E poi ho fatto una cosa a tre con DP, con Airton e Luan e infine ho fatto sesso con Alan. Un sacco di cazzi per una figa. Sul serio, sono un depravato, ahahah.

L’altro giorno, nel pomeriggio, siamo andati al fiume che scorreva sotto il sito per fare un bagno e rinfrescarci. Ad un certo punto, Luan disse:

– Siamo solo noi qui in questo posto deserto, ci siamo visti tutti nudi e abbiamo dormito tutti con Selminha, perché non facciamo il bagno tutti nudi?

Beh, ovviamente, i bambini e io abbiamo adorato l’idea. Alan era l’unico a cui non piaceva molto. Hanno iniziato a litigare con me in acqua, lanciandomi, trattandomi e ho adorato l’intera situazione. Ad Alan non è piaciuto molto.

Alan ha detto che sarebbe andato al quartier generale a prendere qualcosa da mangiare vicino al fiume. Mentre camminava verso la proprietà, si voltò e guardò il fiume e mi vide in cerchio mentre succhiavo suo fratello, mentre mi masturbavo con Thiago e Luan mi seguiva.

Dall’alto ha gridato “Selmaaaaaaaa”, spaventato e con la voce di chi odia ciò che vede. È corso al quartier generale del sito e abbiamo sentito il rumore della sua moto. Per questo andava in moto, per andare lì quando era arrabbiato.

In quel momento mi sono sentito male, perché anche Alan mi piaceva molto, ma la mia passione è diventata più forte e mi sono subito dimenticato di lui. Mi hanno fatto girare la figa nel fiume e poi siamo tornati a casa.

Quando siamo arrivati ​​a casa è stata una gang bang meravigliosa, tutta piena, con sperma nella figa, nel culo e in bocca. Tutto è rovinato. Mi hanno scopato per ore e poi mi sono venuti tutti in faccia.

Spero che ti sia piaciuto, voglio la tua valutazione, valutazione, commenti e tutto il resto. Lascia commenti, mi piace rispondere ai tuoi commenti.

Baci cattivi e ragazze cattive come me.

Alla prossima storia…

*Pubblicato da Baiana_Morena sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *