Storia erotica eterosessuale – Morena da Academia

di | 15 de Maggio, 2024

La storia che racconterò qui riguarda un amico che ho incontrato in palestra. Si chiama Amanda, una bellissima bruna, una donna di colore, te lo dico, non avrei mai immaginato di fare l’amore con una bruna così. Chi ha letto le mie storie precedenti sa già come sono, scuro, con gli occhi castani e la bocca carnosa. Ho già avuto alcune avventure lì, ma è successo molto tempo fa. Dato che passavo molto tempo senza interagire con nessuno, ho deciso di andare in palestra per prendermi cura della mia salute, dato che ero molto sedentario. E lì ho conosciuto Amanda, che, dalla mia prima impressione, era una ragazza presuntuosa. Perché non guardava in faccia nessuno, ma si sforzava di fare gli esercizi davanti a me. Avevo addirittura la sensazione che mi stesse provocando, e questo mi faceva arrabbiare, e la cosa peggiore era che, per quanto cambiassi il mio programma, ci lasciavamo sempre. Finché un fine settimana ho deciso di uscire e andare alla festa di compleanno della palestra, e quando sono arrivato è stato quello che ho incontrato, subito. È vero, amici miei, lei. Ed era stupenda con un vestito marrone che metteva in risalto ciascuna delle sue curve. Ho preso un succo e lei si è avvicinata e ha finito per fare un commento che ci ha portato in un dialogo molto carino. Niente chiacchiere, solo commenti sulla palestra e su come questo mucchio di omaggi ci farebbe lavorare sempre più duramente in palestra.

La cosa divertente è che da quel giorno abbiamo creato un’ottima amicizia e abbiamo iniziato ad andare in palestra insieme, parlando e incoraggiandoci sempre a vicenda. Un giorno l’ho invitata a fare una passeggiata nel Parco Inga. Lei ha subito accettato, ci siamo accordati per incontrarci domenica, ovviamente ho preparato un cestino e l’ho lasciato in macchina con l’intenzione di fare un picnic. È stato davvero bello, ci siamo incontrati, abbiamo passeggiato nel parco, lei ha bevuto acqua di cocco e io succo di canna da zucchero. Abbiamo fatto il picnic e alla fine l’ho portata a casa. Quando sono arrivato a casa sua, ha preso l’iniziativa di baciarmi e mi ha detto che non poteva invitarmi perché viveva con suo fratello. Ma chissà, forse riusciremo a organizzare qualcos’altro questo fine settimana. Ovviamente all’epoca ero d’accordo. E te lo dirò. La settimana che non è avvenuta. Tuttavia, sono riuscita a comprare tutto quello che mi piace sempre indossare per una buona notte di sesso. Gel ritardante e preservativo che non possono mancare.

Altre storie erotiche  addio al nubilato con mio fratello

Quando è arrivato sabato ci siamo incontrati di notte in una pagoda, lei ha detto che le piacevano le pagode, abbiamo ballato un po’, voglio solo dirlo, sono una pessima ballerina. Un altro ottimo compagno. Quella notte abbiamo riso molto, abbiamo iniziato a baciarci e all’improvviso c’è stato un invito. “Andiamo a casa tua.” Poi siamo andati alla mia macchina e quando siamo arrivati ​​​​lì mi ha dato qualche altro bacio. Arrivata a casa non mi sono trattenuta molto, ma sono andata in bagno e ho applicato il gel per ottenere il risultato desiderato. Sono tornato e abbiamo iniziato a baciarci sul divano del soggiorno. Si sedette rapidamente sulle mie ginocchia e iniziò a massaggiarsi. Ovviamente le stavo già passando la mano sul sedere e tra baci e morsi morbidi lei mi ha tolto la maglietta e ha iniziato a baciarmi il petto, mentre mi baciava il petto mi ha passato l’unghia sul petto e me l’ha stretto. saldamente il mio petto. Mi sono alzato e l’ho messa a pancia in giù, mi sono inginocchiato tra le sue gambe e ho iniziato a baciarle e mordicchiarle il culo, cosa che le ha fatto emettere un gemito molto piacevole. Si è messa a quattro zampe sul divano e questo è bastato per scostare le sue mutandine e prima di succhiarle la figa ho iniziato a baciarle il collo e la schiena. Quello che ho capito è che le piaceva, e il desiderio e l’eccitazione stavano aumentando, così ho iniziato a toccarle la figa, mettendole un dito dentro e un altro massaggiandole il clitoride.

Quando si è rivolta a me e mi ha chiesto di succhiarmi il cazzo. In quel momento mi sono tolto il resto dei vestiti, lei l’aveva già presa e il suo primo atto mi ha fatto impazzire di desiderio e mi ha fatto vedere che era molto cattiva, ed era quello di cui avevo bisogno. Lei aveva già in mano il mio bastone, lo ha sputato, si è masturbato un po’ e se lo è già messo in bocca. E meno male che il gel ha già fatto effetto, perché vi dico la verità, senza di esso mi sarei persa la partenza dall’inizio. E che bocca meravigliosa hai. Mi ha succhiato e masturbato allo stesso tempo, il che mi ha fatto solo più male. Mi sono seduto sul divano e lei si è alzata sulle gambe e mi ha succhiato con piacere. J’ai mis le préservatif et je suis there sur la chaude brune, elle m’a poussé sur le canapé et m’a dit que je le cerais later, que ce qu’elle voulait à ce moment-là c’était s ‘ asseoir sur ma Bite, elle m’a tourné le dos, placée sa tête de ma Bite dans sa chatte, et elle a commencé à rouler lentement et à s’asseoir lentement, quando j’ai réalisé qu’elle avait déjà ma Bite in suo. Ha iniziato a rimbalzare sul mio geba e, mentre rimbalzava, l’ho tenuta per la vita e l’ho aiutata pompando il mio cazzo dentro di lei. Ogni tanto si fermava e si rotolava con il mio cazzo dentro. Amanda lo prese e lo posò con la schiena appoggiata al mio petto e, con la gamba semiaperta, suonava una siririca e gli stringeva il petto. Ho continuato a baciargli il collo. L’ho presa tra le braccia, l’ho portata fuori e l’ho messa a quattro zampe, mi sono inginocchiata tra le sue gambe e ho cominciato a baciarle la figa, cosa che mi ha fatto sentire quanto era bagnata, e il suo gemito, che gemito meraviglioso.

Altre storie erotiche  Storia erotica etero – Uscire dalla routine

L’ho presa per la vita, ho messo il mio cazzo nella sua figa e l’ho spinto dentro di lei, il che non è stato molto difficile perché era davvero molto bagnata. Ho iniziato a pompare il mio cazzo nella sua figa e a stringerle il culo, cosa che mi ha fatto gemere dolcemente, cosa che mi ha stupito e mi ha incoraggiato sempre di più ad entrare in quella figa. Siamo rimasti lì per qualche minuto e quando ho capito che stavo per venire, ho tirato fuori il cazzo e sono andato a succhiarle di nuovo la figa. Quello che non potevo fare a meno di notare era che le colava lungo la gamba, e per me era qualcosa di nuovo, perché non avevo mai visto una donna venire così. Mi ha chiesto di continuare ad inserirlo perché voleva sentire il mio cazzo pulsare dentro di sé. Cosa che ho fatto velocemente, ma sapendo già che stavo per venire, ma non ho potuto trattenermi, soprattutto quando l’ho sentita chiedere di venire e quando stavo per venire, ho dovuto togliermi il preservativo e venirle addosso . culo. Il che non mi ci è voluto molto per rispondere. Quando ho visto che non ce la faceva più, mi sono tolto il preservativo e mi sono masturbato finché non sono entrato nel suo culo, che lei si è strofinato sul culo finché non è scomparso, e lei l’ha anche preso e si è pulita la mano con la lingua. È stato un sesso bellissimo, lo ammetto, abbiamo avuto altri rapporti sessuali di cui vi parlerò presto qui.

*Pubblicato da morenotzaum sul sito climaxcontoseroticos.com il 14/05/24.

Altre storie erotiche  Scopata al mattino - Racconti erotici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *