Storia erotica – Ho svegliato la mia calda cugina per fare sesso (parte 2)

di | 4 de Luglio, 2024

VECCHIA RACCONTO

Sono dovuto tornare indietro per continuare questa storia con mio cugino, perché ho ricevuto diverse email che mi dicevano quanto amassero la storia. Fortunatamente, questa storia differiva solo di settimana in settimana. Se non hai letto la prima parte, torna all’altra, leggila prima e leggi questa dopo, ok?

Durante la settimana che stavamo lontani, ogni sera ci chiamavamo per prenderci in giro. Alcune notti sono venuto solo una volta e altre due volte, la mia figa era completamente bagnata da quella voce roca ed eccitata nel mio orecchio. E poi arrivò il fine settimana e, con mia gioia, mio ​​cugino sarebbe venuto con i suoi genitori e pensai che sarebbe stato il momento in cui saremmo finiti a letto, per terra, ovunque. Sono arrivati ​​a tarda notte e quel giorno non è successo nulla, solo qualche sguardi, qualche messaggio e, naturalmente, una piccola telefonata nel cuore della notte.

Nous avions déjà tout convenu après avoir joui hier soir, nous allions faire une balade à vélo sur les chemins de terre à proximité pour pouvoir profitt d’un moment seuls, sans risquer quelqu’un nous surprenne en flagrant delit et finisse par compliquer tout our progetto. Mentre partivamo con le nostre bici abbiamo chiesto se qualcun altro volesse fare un giro, sperando che nessuno fosse d’accordo e per fortuna nessuno lo ha fatto. Uscimmo di lì e pedalammo un po’ lungo la strada chiacchierando e arrivammo in un luogo che aveva una piantagione di mais e proprio accanto un piccolo bosco, con in mezzo un sentiero e un pascolo, gli feci cenno di seguirlo Me . lui e. Senza pensarci due volte, mi ha inseguito. Ho deciso di pedalare in linea retta davanti a lui. Seguimmo la strada e girammo a destra, proprio dove c’era un grande pascolo e accanto la piantagione di mais, era come se fossimo dietro la piantagione, perché la strada era dall’altra parte. Mi sono fermato, ho posato la bici e lui ha fatto velocemente lo stesso ed è venuto verso di me. Abbiamo cominciato con questo bacio, ha invaso la mia bocca con la sua lingua con tanto desiderio, in un meraviglioso bacio bagnato, e le sue mani erano già nei miei pantaloncini, scendendo velocemente fino ai miei piedi, ma non le ha tolte, ed è sceso ai suoi piedi. Sorpresa, era già senza mutandine, solo in pantaloncini, ho visto quanto era pazzo per questa situazione. Mi ha messo sulla schiena, mi sono appoggiato alla staccionata che circondava la piantagione, mi sono guardato alle spalle e l’unica cosa che ho visto è stato che i suoi pantaloncini erano già a metà coscia e con quel cazzo delizioso raggiungevano l’ingresso della mia figa. Ha messo tutto, senza pensarci due volte. Emisi un forte gemito e sentii il suo cazzo affondare dentro di me. Tutto era pieno.

Altre storie erotiche  Dormire a casa del cugino

– Piangi forte per mio cugino, approfitta del fatto che durante la settimana dovevamo farlo di nascosto, e gemi molto per il tuo ragazzo che muore dalla voglia di scoparti.

Non ho bisogno di dirti che la tua richiesta era un ordine, giusto? Mi ha scopato così forte e così velocemente che non ho potuto fare a meno di gemere forte. Tutto ciò che si poteva sentire erano i miei gemiti, lo scricchiolio della mia figa e il nostro respiro pesante. C’erano alcune case un po’ distanti da dove eravamo noi, e ce ne siamo accorti solo un po’ dopo, quindi ci ho detto di andare da qualche parte dove non ci fosse pericolo che qualcuno attraversasse la strada (anche se penso che qualcuno stesse probabilmente camminando). . vedersi). accidenti), ma non voleva andarsene finché non fosse arrivato. Mi ha tirato i capelli facendomi ricadere la testa all’indietro e me l’ha pompata nella figa, ma quando stava per venire gli ho chiesto di venire fuori e ha riempito l’erba con tantissimo sperma. Abbiamo iniziato a ridere quando abbiamo visto che l’erba era tutta bagnata di sperma, mi sono tirata su i pantaloncini, gli ho dato un bacio e gli ho chiesto di seguirmi. Salii sulla bici, e siccome già sapeva che non indossavo la biancheria intima, pedalai stando davanti a lui, in posizione eretta, così che potesse godersi il panorama davanti a lui, e quando mi guardai indietro, lo vidi stringere le braccia. Il suo cazzo di nuovo attraverso i pantaloncini, mi piaceva sapere che era già di nuovo lì per me. Quando ci riusciva, veniva al mio fianco e mi strofinava la mano sul sedere.

Altre storie erotiche  Storia erotica eterosessuale - Dormire con il ragazzo alla diciottesima festa (ristampa)

Un po’ più lontano c’erano degli alberi a lato della strada, ho pedalato lì, sono sceso dalla bici e ho messo la bici tra gli alberi, lui ha capito e ha fatto lo stesso. L’ho spinto contro un albero, mi sono chinato e gli ho abbassato i pantaloncini. Non ci ho pensato due volte e ho ingoiato tutto il suo cazzo, senza alcuna provocazione, avevo una voglia matta di succhiarlo tutto. Ho lasciato che la mia lingua scivolasse sul suo cazzo mentre succhiavo, impazziva ad ogni ingoio del mio cazzo. Modestia a parte, so esattamente cosa fare con la mia bocca e la mia lingua in quel momento. Gemette forte, mettendomelo in bocca a tempo con i miei movimenti. Ho visto che si tratteneva molto finché non mi ha detto che non ce la faceva più, allora ho aperto la bocca perché potesse fare quello che voleva, ho ingoiato tutto e poi gli ho dato un bacio perché si sentisse che tutto era solo suo, che io ero tutto suo.

Dato che eravamo stati lontani per molto tempo, abbiamo deciso di tornare perché non sospettassero nulla. Siamo tornati, abbiamo messo via la bici e abbiamo approfittato del fatto che tutti erano in piscina per divertirci ancora. Siamo andati sul retro della casa e abbiamo iniziato a baciarci lì, ma niente di disperato, ma questo bacio lento, pieno di desiderio e con molta lingua, gli ho tirato fuori il cazzo dai pantaloncini e ho iniziato a colpirlo. Non ha potuto resistere, mi ha tolto la maglietta e l’ha tirata giù per mettere in mostra le mie tette. Gli ho chiesto se fosse pazzo e lui ha risposto semplicemente leccandomi il petto più volte. E siamo rimasti così, baciandolo e toccandolo finché non è tornato.

Inutile dire che il resto del fine settimana non è stato altro che merda a tarda notte, sia nella mia stanza che nella sua.

Altre storie erotiche  Racconto erotico collettivo - Segreti di una famiglia incestuosa. - Capitolo 5

Mi è piaciuto molto creare il programma delle domande e mi avete risposto via email, ho parlato con diversi lettori e con alcuni parlo ancora oggi! Allora facciamo un’altra domanda?

La storia di oggi è avvenuta in un posto del tutto inaspettato, quindi dimmi, qual è stato il posto più diverso in cui hai mai fatto sesso? E quale vorresti davvero fare ma non ne hai ancora avuto la possibilità?

Rispondimi via email a bmbianca11@outlook. Con, ok? Parliamo lì!

Baci

*Pubblicato da biancana sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/06/05.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *