Storia erotica pura: mangiare il culo della figlia del suo migliore amico

di | 20 de Maggio, 2024

“Sdraiato a faccia in giù sul letto. Nudo. A metà pomeriggio, in una stanza di motel. Con l’amico di mio padre, il suo viso tra le mie gambe. La sua barba che mi massaggia l’interno delle cosce, la sua bocca che bacia e lecca il mio viso rasato, il suo alito caldo sul il mio inguine mi rende più caldo e arrapato.

Quando il suo telefono ha iniziato a squillare. Era mio padre. Mi ha detto che dovevo rispondere…”

Ciao, mi chiamo coniglietto. Piccola, giovane, arrapata, racconta storie e dipendente dal cazzo dell’amico di suo padre. Lavoro come Cam Girl e mi piace provocare pervertiti, provo anche a filmare alcune storie per voi ogni volta che posso…

Dopo aver scritto del fine settimana trascorso nella casa al mare con l’amico di mio padre, molti lettori mi hanno chiesto di raccontare loro di più sul mio rapporto con lui. Ti dirò qualcosa in più. E chi vuole, basta cliccare sul mio profilo e leggere le storie precedenti, ti piaceranno.

Era un normale giorno feriale, verso mezzogiorno. Ho abbandonato il college e ho lasciato il lavoro di mio padre. Mio padre e il suo amico lavorano insieme e avevo già programmato di uscire a pranzo con lui.

Con jeans e una camicetta basic. Senza tacchi, solo con le scarpe da ginnastica, andai a salutare mio padre, mantenendo la posa da brava ragazza.

La piacevole sorpresa negli occhi di papà. Al braccio di una ragazza amorevole e le ho detto che stavo lasciando l’università e ho deciso di fermarmi a salutarla. 10 minuti di coccole e chiacchiere con mio padre, comportandomi da brava ragazza e tutto quello che dovevo fare era farmi guardare dal suo amico pervertito lol.

Piccola, 1,60, bionda, 23 anni e il sorriso dolce di una ragazza. E nonostante i jeans basic, il suo amico birichino è riuscito ad asciugarmi il culo come un pervertito. Quel sapore sgradevole nell’aria, di aver fatto qualcosa di proibito, e nessuno lo sapeva. Peggio ancora, era lì perché aveva già concordato di pranzare con lui quel pomeriggio…

Ho parlato un po’ con mio padre e l’ho salutato quando se n’è andato. Ha detto che era impegnato al lavoro, ma si poteva vedere la gioia sul suo volto quando ha ricevuto la visita della sua figlia ben educata.

Ho camminato per qualche isolato da quel posto e ho aspettato fuori da uno snack bar, dove avevo incontrato mio “zio” per venirmi a prendere per il pranzo. L’idea era di mangiare qualcosa e forse ci sarebbe stato qualcos’altro. Ma penso che nella sua testa, a mangiare qualcosa ero io, e solo qualcos’altro contava lol.

È passato questo bastardo e io sono salito subito per non dare nell’occhio. Una chiacchierata un po’ sciocca, una canzone all’autoradio, i complimenti dicendo che ero molto bella, e già gli mettevo la mano sulla coscia. Mi guardò come un pervertito e continuò a guidare. L’ho accarezzato e giocato con la mia piccola mano sulla sua gamba, risalendo fino all’inguine.

Il volume rigido all’interno dei pantaloni mostrava chiaramente cosa mi aspettava. Il sorriso malizioso del vecchio mostrava chiaramente cosa voleva fare con la figlioletta dispettosa del suo amico.

Una ragazzina dal viso birichino che accarezzava e stringeva il cazzo del mio vecchio che cercava di tenere gli occhi sulla pista il meno possibile per non schiantarsi sulla strada. Mi sono buttato sulla sua spalla, tutto avido, senza lasciare andare il cazzo che mi avrebbe divorato questo pomeriggio.

L’autista perverso mi ha chiesto dove volevo andare e io ho detto “qualunque cosa”, e sono finito in un motel. Avevo solo un’ora per pranzo e non volevo davvero perdere molto tempo divertendomi lol. Ho emesso un suono permissivo e ho detto che andava tutto bene. Fondamentalmente ci sono andato per questo motivo…

Dopo quel fine settimana nella casa al mare, tutto ciò a cui riuscivo a pensare era fare sesso con lui in bagno. Un motel almeno sarebbe più comodo e meno rischioso ahahah.

Nella suite del motel presi la borsa e andai in bagno a cambiarmi. Gli ho chiesto di aspettare sul letto, avevo una sorpresa per lo “zio” birichino. Avevo messo della biancheria speciale nella mia borsa. Sarebbe stata la prima volta che avrei fatto sesso in un modo più normale e, senza nasconderlo, volevo fare qualcosa di speciale per questo momento.

Con un vestito rosso, calze e reggicalze. Un perizoma completamente sepolto nel mio culo. Le calze sono sollevate fino alla parte superiore delle gambe. Il mio seno premeva contro un reggiseno di pizzo rosso. E un paio di tacchi alti per tenermi in piedi.

Sono uscito dal bagno e la faccia spaventata e perversa del ragazzo valeva tutta questa produzione. Una piccola ninfa bionda vestita tutta di rosso, con le cosce grosse e il seno piccolo che tremava ad ogni passo che faceva. E tutto il mio culo, ma tutto esposto nei micro infradito infilati nel culo di mia figlia ben educata.

Ho creato un Instagram per i lettori di @bunnycontos e pubblicherò alcune foto con questa piccola lingerie rossa. Le calze, il reggicalze, le mutandine all’interno. Ciò faciliterà l’immaginazione dei lettori disobbedienti che amano la storia di oggi.

In piedi davanti a lui, con le manine sui fianchi, quelle di una coppia, e un sorriso provocante da puttana. Si mise a sedere e saltò addirittura giù dal letto.

– Delizioso…

Era quello che volevo sentire ahahah

Quando si alzò, mi abbracciò avidamente. Le sue mani mi strinsero il sedere così forte che le sue dita affondarono nel sedere carnoso della figlioletta del suo amico. Un braccio attorno alla mia vita, attirandomi verso di me, appoggiando il mio stomaco contro il suo. Il mio seno si schiacciò contro il suo petto. Tutto in calze autoreggenti e reggicalze rosso.

I nostri volti erano tesi e il nostro respiro era difficile. Era più alto e mi guardava con una faccia perversa. Ero molto piccola, guardavo in alto, morbida nella sua mano. Indossavo il perizoma e le mani dell’amico di mio padre mi afferravano il culo, quasi sollevandomi da terra. Il volume del suo cazzo che sfrega contro le mie cosce.

Mio padre al lavoro, pensando che il suo amico fosse andato a pranzo con un cliente…

Con lui che mi afferra e mi getta sul letto, si arrampica su di me, mi bacia la pancia e scende fino al mio inguine. Le sue mani ne tenevano una su ciascun lato, allargandomi le gambe. Tutto in una volta. VAAAAAAPPPPPPP. Davanti alla mia figa protetta dal pizzo delle mie mutandine rosse.

Con un’espressione perversa, guardandomi tra le gambe, ha slacciato la spallina dei collant e mi ha abbassato le mutandine. Il vantaggio di un signore anziano esperto che sa come maneggiare la mia lingerie ahahah. Mi abbassa le mutandine sulle cosce e mette la sua faccia tra le mie gambe.

Sdraiato a faccia in giù nel letto. Tutto nudo. A metà pomeriggio, nella stanza di un motel. Con l’amico di mio padre con la faccia tra le mie gambe. La sua barba mi sfiorò l’interno delle cosce, la sua bocca baciò e leccò la mia figa rasata. Il suo alito caldo sul mio inguine mi ha reso ancora più caldo e arrapato.

Quando il suo telefono ha iniziato a squillare. Era mio padre. Mi ha detto che dovevo rispondere…

Quel figlio di puttana che risponde al cellulare, parlando con mio padre, con la faccia sepolta tra le mie gambe. Ha detto che stava trattando con un cliente e stava guardando la figa della figlioletta del suo amico. Tremavo dal nervosismo e dall’eccitazione. Gli tenni la testa con le cosce e alzai gli occhi al cielo incredula per quello che stava succedendo.

La conversazione non è durata nemmeno 1 minuto, ma è bastato per dare a me e lui una scarica di adrenalina. Mi mette un dito nella figa e risponde a mio padre al telefono. Erano troppe sciocchezze per un pomeriggio. Con le calze rosse e le mutandine abbassate. Ho visto il tetto girare perché ero così emozionato. Avevo bisogno di cazzo!

Questo bastardo ha riattaccato il telefono e ha seppellito la faccia nella mia figa. Leccandomi, toccandomi, facendomi venire la pelle d’oca. Avevo davvero bisogno di un cazzo!!!!

Pieno di cattive intenzioni, mi ha buttato sul letto e mi ha buttato a faccia in giù. Con la tua faccia davanti al mio sedere. In calze e senza mutandine. Con il culo per aria e un ragazzo con la faccia perversa che mi allarga i lati del culo. Sembrava il lupo cattivo che voleva mangiare il cappellino in lingerie rossa.

Mordermi il culo, stringermi il culo e toccarmelo. Ho iniziato, saltando sul letto. Ma lui, con le mani sulla mia schiena, mi ha spinto a sdraiarmi.

– Calmati, tesoro… Succedono ancora tante cose oggi…

La risata di un peccatore, di un pervertito, di qualcuno che sapeva benissimo quello che faceva.

Leccandomi, mordendomi e toccandomi. Mi stavo preparando per la merda che sarebbe arrivata dopo. Avevo appena parlato con mio padre al telefono e ora mi stava infilando un dito nel culo e girandolo per fare spazio ad altro. Ero pazzo di desiderio, con la figa che sbavava e la bocca che mordeva il cuscino in bocca. confrontare.

Tutto scarmigliato, sdraiato a faccia in giù sul letto, con un ragazzo arrapato che mi strofina la barba contro il culo. La mia linea bikini lo rende ancora più cattivo. Il mio culo brilla contro il suo, facendogli desiderare di più. Il cazzo duro mi sfregava contro la coscia, facendomi impazzire per il desiderio di cazzo.

– Voglio piiiiiiiiiiiiicaaaaaaaaaaaaaaannnnnnnnnnn…

Gemetti maliziosamente, mordendo il cuscino e implorando immediatamente il cazzo. Il mio corpo ha preso fuoco, ho tremato, mi è venuta la pelle d’oca. Questo ragazzo pervertito sapeva come sbarazzarsi della ragazza.

Salendo sulla mia schiena, baciandomi le spalle e avvolgendomi il braccio intorno alla vita. Si è messo del gel sulla mano e mi ha infilato il dito nel culo, preparandolo alla punizione che stava per ricevere. Era ora di pranzo e volevo mangiare il culo. Ero pronto a prendere questo bastardo da dietro…

– Fai un respiro profondo, DEVO mangiare questo culo!!!

Potevi sentire la disperazione nella sua voce. Riempiti la bocca per dire “Ne ho bisogno”. Avevamo scopato nel bagno della casa al mare, ma lui non era mai arrivato in quel territorio. Anni passati a guardarmi da lontano in bikini che mi scuoteva il culo. Anni che cercano di prendermi così. Potrei capire questo “HO BISOGNO”

La testa del suo cazzo si inserì nel mio culo, la sua mano mi allargò il culo e l’altra intorno alla mia vita. Crollando sul letto sopra di me. Dietro di me apparve la sua faccia da cane in calore, che potevo vedere nel riflesso dello specchio del motel.

Spingo lentamente, lascio che il mio sedere si abitui, lascio che il mio respiro si calmi. Ho morso il cuscino e ho sopportato che il cazzo mi entrasse nel culo. Schiacciato a faccia in giù con i miei collant rossi e i capelli gettati sul viso. I miei piedini in alto, dondolano nell’aria.

Ho arricciato le dita dei piedi e ho morso la bocca nel cuscino, sopportando la pressione del cazzo che mi entrava nel culo. Nel mezzo. Proprio in mezzo al mio sedere. Sapeva come prepararmi succhiandomi deliziosamente e lasciandomi con la voglia di cazzo. Ma la chiamata di mio padre è stata la ciliegina sulla torta che ci ha fatto impazzire entrambi.

Era puro desiderio carnale. Sesso volgare. È emozionante prendere il controllo delle nostre menti. Quel figlio di puttana mangia il culo della figlia del suo migliore amico. E lasciandomi schiumare di desiderio

– Aspetta, stronza… Aspetta, voglio proprio mangiarmi quel culo!

– Ainnn… Taradooonnnn…

– Puttana bollente…

– Mangiami… Ainn, cazzo…

Non sapevo nemmeno più di cosa stessi parlando. La mia mente era su Venere. Il mio corpo era all’inferno. E il mio culo era sul cazzo dell’amico di mio padre.

Comincio a masturbarmi da dietro. Il letto trema, le palle mi colpiscono la figa e un grosso cazzo mi scopa il culo da principessa. Tutti sdraiati a faccia in giù, il culo per aria, le calze rosse e un bastone che entra ed esce dal mio culo carnoso.

Non potevamo resistere a lungo, ma lui non sarebbe durato a lungo lì. Era più del semplice sesso. È stata la realizzazione di un sogno che sognavo da anni.

Il cazzo entra ed esce, scomparendo in mezzo al mio costume da bagno. Colpire forte, affamato, volenteroso. Con i suoi fianchi che mi colpiscono il culo. Con le palle che vanno plop ploc ploc ploc. E con i miei gemiti furtivi la voglia di cavalcare

– Ainnn ainnnnnnn… Ainnn mi ha scopato… mi ha scopato…

– Hummff cazzo… Che culo delizioso, ninfetta cattiva!

– Ainnn ziooooooooonnnn… Ainnn mio culooooonnnn.. Ainnn ziooooooooonnnn

Ogni volta che facevamo l’amore, mi piaceva gemere qualche “ainn tiooooooonn” solo per spaventare di lussuria il vecchio. E non ho mai parlato ahahah

Avevamo scopato nel bagno della casa al mare. Era salito sul barbecue. Ma il morbido letto del motel mi ha fatto sentire più a mio agio nel prendere un bastone sul sedere. Il mio sedere bruciava per le forti punture. La sua bocca mi morse la spalla e il collo. E sono rimasta a faccia in giù, con le allucinazioni, a sbavare sul cuscino.

Era un sesso frenetico, con un desiderio costruito per molto tempo. E con pugni e spinte potenti, scuotendomi e facendomi urlare come una ragazza preppy disperata.

– Ainnn ainnnn ainhêêªêê… Ain tioooooooonnnnnnnnnn….

– Bella stronza! Pendolare! Che culo delizioso, ninfa cattiva!!!

Ha colpito, ho gemito e il suo cazzo mi ha mangiato il culo con fame e desiderio. Mio padre pensava che fosse andato a incontrare un cliente e che il mascalzone stesse mangiando il culone del suo amico per pranzo. C’erano molti lamenti in un letto. Ecco perché era delizioso ahahah.

Mi fissarono per circa 10 minuti. Senza fiato, senza forze, con il culo in fiamme e dover sopportare un grosso cazzo nel culo. Boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, boom, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo, tonfo di proiettili che esplodono dietro di me. Sono arrivato circa 2 minuti prima di lui. Cadere a faccia in giù sul letto, aspettando che il pervertito finisca di scoparmi come un pervertito.

Continuavo a guardare la faccia da cucciolo che stavo facendo allo specchio. Trasformato, capovolto, divorando il mio culo grasso all’ora di pranzo.

Con calze rosse e reggicalze. Con i piedini che penzolavano in aria e un bastone infilato nel sedere. Il vecchio venne mordendomi la schiena e facendomi urlare ancora di più, con il forte attacco che mi stava sferrando. Non avevo più la forza di alzarmi da quel letto.

La sua pausa pranzo era così impegnata che aveva ancora tempo per venirmi a prendere, lasciarmi davanti alla porta e tornare di corsa per incontrare mio padre al lavoro. Non potevo proprio fermarmi a pranzo. Ma quel pomeriggio avevo già mangiato qualcosa di meglio. Valeva la pena passare il resto della giornata affamato ahahah.

Se vuoi scrivo altro della mia pergamena con il mio “Tiooooonnn”. E per i pervertiti che vogliono i miei nudi e i video delle mie storie, basta inviare un messaggio ai miei contatti.

Instagram @bunnycontos

telegramma @bunnycontos

oppure invia un’e-mail a bunnycontos@gmail. Con

*Pubblicato da conigliobiondo sul sito climaxcontoseroticos.com il 19/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *