Storia erotica pura – Mangiare la figlia del suo migliore amico 2

di | 14 de Maggio, 2024

Era il secondo giorno del fine settimana in una casa in affitto sulla spiaggia. Io e i miei genitori, con alcuni amici e la loro figlia. Nella storia precedente, ho raccontato come mi sono ritrovata con l’amico di mio padre. Se non l’avete letto, vale la pena farne un riassunto per comprendere meglio la storia di oggi…

Indosso dei pantaloncini di jeans e una maglietta rossa e sabato sera mangerò la pizza. Tutti nella stanza stanno guardando un film e l’amico di mio padre mi guarda come un pervertito. Ricordo sicuramente tutto quello che è successo il giorno prima nella vasca da bagno della piscina. Sua moglie e sua figlia al mio fianco, i miei genitori al mio fianco, e il vecchio che fissava apertamente le mie cosce.

Basso, alto 1,60, 23 anni, biondo, cosce grosse e un culo stretto nei miei pantaloncini di jeans. Il top rosso con la pancia visibile. Il sorriso di una ragazza educata davanti al suo papà e il sorriso di un cane intelligente che guarda il suo amico accanto a me. Il film veniva trasmesso sulla TV in soggiorno, ma i miei pensieri erano rivolti al sesso in bagno.

Mio padre era seduto sul divano quasi addormentato, la pizza era sul tavolo, le famiglie erano riunite e io decisi di alzarmi per prendere una bibita dal frigorifero. Solo in cucina, in pantaloncini corti, ho notato lo “zio” che mi inseguiva. Per procurarti un guaranà o la ragazza sexy del tuo migliore amico…

Bassa, bionda e carina, ho aperto il frigorifero, distratta, allungando la mano per metterci dentro la bottiglia. La mia piccola mano sulla porta, i miei piedini sul pavimento, il mio corpo proteso in avanti, senza piegare le ginocchia, il mio sedere in aria e un paio di pantaloncini di jeans infilati dentro, i pezzettini del mio sedere che sporgono. la faccia del pervertito che mi aveva mangiato il giorno prima.

Uno sguardo alle sue spalle, un sorriso da ninfetta birichina e un giovane uomo paralizzato con la mano sul cazzo sopra i pantaloni. Ha il doppio dei miei anni, mi conosce da quando ero piccola e adesso mi ha messo il culo davanti. Darei un piccolo twerk per stuzzicare e un piccolo sorriso come una troia che vuole il cazzo.

Mio padre accanto a me in soggiorno, l’audio del film in TV e io con i pezzetti di sedere che scappano dai pantaloncini.

Adoro provocare. Nutre la mia vanità e mi dà sfogo alla lussuria. Vedere la reazione di “Zio” e la sua faccia perversa che mi guardava in quel modo, sapendo che moriva dalla voglia di prendermi in quella posizione, mi ha fatto solo arrapare di più. L’adrenalina di farsi scopare da qualcuno vicino e l’esibizionismo di quasi strofinare il culo contro il rigonfiamento dei pantaloni dell’amico di suo padre.

Sì, sono una stronza burlone. Lo so ahahah. Ed è normale che i lettori mi chiamino così. Mi piace ahahah…

Infatti, ho creato un Instagram per i lettori @bunnycontos e pubblico sempre foto e video delle storie per prendere in giro anche te. Vi posto una foto con questi pantaloncini e un top rosso così potete immaginare meglio la storia di oggi. Meglio di così, posterò anche una foto senza pantaloncini…. Ma arriveremo comunque a questa parte della storia lol

Nella piccola posizione in cui mi trovavo, in piedi con la coda in aria, ho messo una piccola mano su entrambi i lati della mia vita. Tieni i pantaloncini. E abbassalo. Era circa 1 secondo o meno. Questo gioco di mostrare e nascondere. Solo per provocare il pazzo. Abbassandomi i pantaloncini davanti a lui e mostrando il mio sedere abbronzato al sole, entrai in piscina.

I lacci neri sono tutti incastrati e persi in mezzo al mio sedere. Pantaloncini abbassati. Le labbra della mia figa mordono il perizoma delle mie mutandine. Il mio provocatorio sorriso da ninfetta. Un piccolo morso in bocca. Ed è un idiota rimettersi i pantaloncini. Non mi ricordavo nemmeno di essere andato a cercare un guaranà ahahah.

Altre storie erotiche  La gioia della cognata sposata - Racconti erotici

Quando all’improvviso… PLAFT!!!

Uno schiaffo cattivo, secco e veloce da parte di mio zio sul culo. Stando in piedi, ho anche sussultato un po’ per la paura quando ho messo la mano sul sedere. Tengo la porta del frigorifero con la manina e salto, sollevando i piedi da terra. Un culo arrogante che gli si contorce in faccia. Ho capito perché non poteva evitare questo schiaffo birichino ahahah.

Con la faccia spaventata, indicai la stanza accanto. I muri ci proteggevano da chiunque potesse vedere questa scena, ma qualcuno poteva sentire il rumore dello schiaffo. Fortunatamente, le immagini del film in televisione hanno soffocato lo zio dispettoso che rimproverava la figlioletta del suo amico in cucina.

Mi ha persino stretto la mano. Ma buona pressione!

Mette il suo corpo dietro il mio. Stando lì, quasi abbracciandomi. Il suo respiro caldo sul mio collo. La mano afferra con impazienza il culo della ninfa bionda. I miei pantaloncini di jeans mi si erano attaccati al sedere. E il ragazzo brutto che mi parla all’orecchio con la voce di un mascalzone.

– Alle due del mattino ti voglio qui in questa cucina…

Erano ancora le 11 di sera. Tutti mangiano pizza e guardano film in salotto. Come avrei potuto controllare la mia ansia, la mia adrenalina e il mio desiderio dopo tanta pressione sul sedere?

Ha riempito la sua mano con il mio culo. Mi stringeva, mi afferrava, digrignava i denti e mi diceva di essere lì quando tutti gli altri dormivano. Il suo viso dominante e pervertito mi ha lasciato debole e debole. La mia faccia da puttana vuole il cazzo, mi morde la bocca e quasi geme per questa tensione.

Ho semplicemente annuito “sì”. Ero completamente dominato e la mia figa era in fiamme. Che pervertito che ha saputo lasciarmi senza fiato…

All’una di notte tutti dormivano nelle loro stanze… L’ansia e l’emozione non mi lasciavano solo. Mi sono alzato per bere un po’ d’acqua in cucina e sono stato sorpreso da un’altra stretta sul sedere da dietro. Un’altra piccola esplosione di paura, la sua mano mi coprì la bocca e l’altra mi strinse le natiche. E uno “shiiiiiiii” per non fare rumore.

Stringendomi da dietro e spingendomi oltre il lavello della cucina, il bastardo ha strofinato il rigonfiamento del suo cazzo contro i miei pantaloncini di jeans attillati. Una delle sue mani mi circonda la vita e l’altra mi spinge la spalla in avanti. Lasciandomi in piedi, piegato, con i gomiti sul lavandino di marmo, il culo per aria, mentre venivo sculacciato da dietro.

Il suo cazzo duro dentro i pantaloncini si sfrega e si sfrega contro le curve del mio culo morbido dentro i pantaloncini. I miei capelli mi cadono in faccia, il mio cuore batte forte, i suoi fianchi mi abbracciano e mio padre dorme accanto a me. Anche sua moglie. E tutto quello a cui riuscivo a pensare era un cazzo nella mia figa calda!!!

Tutto questo non è durato 30 secondi. Scrivo queste cose e dico “NOOOOOOSSSAAA QUANTO???”

Era qualcosa di veloce, istintivo, carnale. Chinandosi sul lavandino, il ragazzo arrapato mi spingeva e strofinava il suo cazzo duro contro il culo della mia ninfa. Tutta la casa dorme accanto e in cucina si consumano circa 30 secondi di adrenalina. Le mie gambette erano completamente traballanti e senza forza. Caddi nel lavandino, schiumando per l’eccitazione.

Le sue mani, una per lato, afferrarono i lati dei miei pantaloncini e li abbassarono… Questa volta non era un gioco di mostrare e nascondere. Infatti mi ha abbassato i pantaloncini in mezzo alla cucina. Chiunque potrebbe apparire lì e sorprenderci sul fatto.

Con il mio top rosso, i miei pantaloncini di jeans abbassati e i miei infradito neri mi hanno COMPLETAMENTE tirato su il culo. Sentivo il freddo del marmo davanti a me e il calore del cazzo sulla schiena. Con il culo completamente fuori, le mutandine alzate e con le mani del pervertito che stringono la pelle morbida del culo della figlia del suo amico.

Altre storie erotiche  Alla fine sono stato aggredito alla festa di compleanno di mia nipote.

Pubblicherò questa foto su Instagram che ho scattato per i lettori di @bunnycontos. I miei pantaloncini erano abbassati, le mie mutandine nere erano tirate su e il mio culo era completamente esposto alla faccia dell’amico di mio padre.

Era lingerie più avanzata. Tutto in pizzo, nel tessuto trasparente del perizoma. Ai lati ha una doppia cinghia, che lascia intravedere la linea del bikini all’altezza della vita. E solo un triangolo di mutandine catturato e perso in mezzo ai miei fianchi davanti a mio zio mangiatore di adolescenti.

DIPARTIMENTO!!!

Un altro schiaffo malvagio. Lasciando un segno rosa sulla mia fascia. E una presa affamata, che mi afferra e vuole mangiarmi proprio lì. Erano tutti lì dalla parte del cazzo!!!!!

Con il vecchio che mi abbracciava da dietro, mi stringeva il culo e mi abbracciava come un pervertito, camminavamo insieme, attraverso la porta della cucina, verso l’esterno della casa. Nella zona piscina, di fronte alla zona barbecue. Nello stesso bagno dove mi aveva scopato il giorno prima. Lì era più sicuro.

I miei pantaloncini mi sono caduti lungo le gambe e li ho lasciati cadere dai piedi. A piedi nudi, in perizoma e top rosso. I miei capelli biondi disordinati mi caddero sul viso. Un cazzo duro che mi spinge e mi scopa dietro. E il respiro caldo dell’amico di papà sul mio collo. Mi hanno spinto e portato al barbecue.

La piccola troia adolescente sarebbe diventata la carne mattutina di questo vecchio pervertito mangiatore di ninfe…

Scrivo queste cose per voi perché mi emozionano. Qui posso lasciarlo andare. Queste scene durano 2, 3 minuti. Ma è bello poter scrivere lasciando uscire tutto il mio lato arrapato. Tutti vestiti in lingerie. Con tutti i culi che girano. E un pervertito che mi strizza e mi strofina il culo, come se fossi una troia dell’angolo.

Sono una ragazza preppy, sono una ragazza di papà, ma in questo momento mi arrapo moltissimo perché mi sento una troia. La piccola troia adolescente in perizoma e con il culo sporgente davanti all’amico di suo padre.

In bagno, con i gomiti sul lavandino, di fronte allo specchio. Guardai riflessa la faccia perversa che mio zio stava facendo dietro di me. Spingendomi in avanti, abbassandomi le mutandine e tirando fuori il cazzo. PLAFT, altra pacca sul sedere. E la mia faccia da puttana che cerca il cazzo mentre lo guardo allo specchio…

La punta del pene scivola dentro e si strofina da dietro contro la mia figa. Tutti piegati, tutti sollevati, tutti ansanti. Ho lanciato il culo in aria e ho chiesto il cazzo da dietro…

– Mi piace dannatamente…

Stava spingendo il suo cazzo nella mia piccola figa stretta, facendomi stare in punta di piedi. Essere spinti in alto, in avanti, faccia a faccia nello specchio. Tutti felici, in piedi e in punta di piedi. Le mie mutandine a metà coscia, la mia figa sbava di desiderio e un vecchio arrapato che mi abbraccia forte da dietro.

– Hummmfff, puttana provocante…

– Souuunnn… sono una puttana…

– Bella stronza!

– Ainnn, sono una puttana… sono una puttana…

Gemetti maliziosamente, imprecando contro me stessa e lasciandomi prendere dal panico, pensando di essere la più grande puttana del mondo. Essere mangiato dall’amico di papà, mentre tutta la famiglia dorme nella porta accanto. Sua moglie, sua figlia, i miei genitori. Ed eccomi lì, con le mutandine abbassate, a prendere il cazzo come una troia.

Il grosso cazzo entra ed esce forte. Con colpi decisi e le sue palle che mi colpiscono la figa da dietro. Plop plop plop plop echeggia nello stretto bagno.

Altre storie erotiche  Sono rimasta incinta di un bambino che era amico di mio figlio.

La mia faccia incollata allo specchio. Al mio fianco, con metà della faccia premuta contro il vetro dello specchio e l’altra metà contro il cielo, guardando il cielo, sentendo i colpi da dietro. La sua mano mi strinse forte la spalla. I suoi fianchi mi colpiscono il culo. Gli idioti mi spingono avanti. Il mio respiro pesante appanna lo specchio…

– Ainnnn ainnnnn amicooooooooonnnnnn… ainn cazzoeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

– Bella stronza! Ti piace il cazzo? Quindi prendilo! Prendilo! Prendilo!

– Ainnn ainnnnnnnnn ainnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnnn….

Ogni “ripresa” era un duro colpo per la mia figa. Ad ogni “tiooonnn” potevo sentirlo stringermi più forte e tremare dietro di me. Una giovane ragazza arrapata geme sul pene dell’amico di mio padre. Stavano accadendo così tante cose stravaganti contemporaneamente che la mia mente impazziva per l’eccitazione.

Non era la corona stessa. Questa era la situazione. Il proibito. Il rischio di essere scoperti. E sua figlia troia si scopa la figlia troia del suo migliore amico.

Era già completamente debole e le sue gambe tremavano. Cadere a faccia in giù nello specchio, sporgersi sul lavandino del bagno con le mutandine abbassate e farsi sbattere da dietro. Il mio culo enorme, spalancato davanti alla sua faccia. La mia linea del bikini dà una visione ancora più cattiva della figlia di un papà ben educato.

Il mio top rosso era alzato, le mie tette piccole rimbalzavano ad ogni colpo che ricevevo dal mio vecchio arrapato. E la mia faccia da ninfa che si mordeva la bocca, con una faccia come se amasse farsi scopare in quel modo. I miei capelli volarono sul mio viso e i miei occhi si chiusero per l’eccitazione.

Il cazzo entra ed esce dalla mia stretta figa di famiglia in modo forte e veloce. Un magnaccia dal culo grosso e piccoli segni di infradito, tutto appollaiato in punta di piedi, che prende il cazzo da dietro e geme sul palo come un cane sornione.

– Ainnnn dudenn… mi hanno fregato yooooooooonnnnnnn…

Sono venuto impotente sul cazzo dell’amico di mio padre. Tutti stretti insieme, sentendo quel delizioso cazzo che mi mangiava da tutti i lati. Trasandato, scortese e senza vergogna sul viso.

Il ragazzo mi ha abbracciato forte e mi ha colpito forte. Tutto emozionato, tutto affamato, con un desiderio che non provava più per la propria moglie. Mangiare il nuovo sgombro nel cuore della notte. Mi tira i capelli e mi dà una pacca sul sedere. Mettendo il suo cazzo nella ragazzina del suo amico. Simile ad un cane che segna il suo territorio.

Siamo entrambi senza fiato e impotenti, cadiamo nel lavandino del bagno. Ho guardato le pareti girare e le mie cosce formicolare, tornando lentamente alla sensazione del mio corpo. L’adrenalina svanì, l’eccitazione sparì e il ricordo che non potevamo restare a lungo in quel bagno scomparve.

Ho abbassato le mutandine, me le sono infilate di nuovo nel culo e ho cercato i miei pantaloncini sul bordo della piscina. Tornai di corsa nella mia stanza prima che qualcuno si accorgesse della mia assenza. Penso che il tutto sia durato mezz’ora, ma è stato così intenso e così delizioso che è valso l’intero weekend.

Se vuoi, scriverò di più sulla mia relazione con l’amico di papà. E chi vuole i miei nudi e i video delle storie, basta mandare un messaggio ai miei contatti.

Instagram @bunnycontos

telegramma @bunnycontos

oppure invia un’e-mail a [email protected]

*Pubblicato da conigliobiondo sul sito climaxcontoseroticos.com il 14/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *