Storia eterogenea: ho svegliato la mia calda cugina per fare sesso

di | 11 de Maggio, 2024

VECCHIA RACCONTO

Per chi non mi conosce, piacere di conoscervi, mi chiamo Bianca, ho 25 anni, sono alta un metro e settanta, capelli lunghi castano scuro, petto medio, né troppo piccolo né troppo grande, e un asino. inoltre, ma molto rotondo per amare l’allenamento e prendermi cura di me stesso.

In quei giorni finivo per passeggiare per San Paolo, seguire lezioni, stare vicino alla mia famiglia e in quel periodo stavo a casa di mia zia. Dopo aver trascorso lì la settimana, mio ​​cugino mi ha detto che questo fine settimana c’era una festa dei bianchi nella sua università e che se volevo andarci avrebbe potuto procurarmi un biglietto. Dato che ero molto stanco, ho deciso che avevo bisogno di un po’ di distrazione da tutte le lezioni e che non potevo perdere l’occasione di andare a questa festa, perché con quanto era caldo il college, avrei potuto perdere il conto. , NO ? Non sono stupido o qualcosa del genere, giusto? Non ho portato molti vestiti bianchi, ho preso un paio di top corti di mia cugina, ho messo i pantaloni bianchi che avevo, molto aderenti al corpo che mi facevano risaltare il sedere, ho messo i tacchi alti, ho messo sul trucco con un occhio ben definito e una coda alta tra i capelli. Sono uscito a malapena dalla stanza perché mio cugino già gridava che l’Uber era di sotto, ho visto che era senza parole quando mi ha visto, ma ho fatto finta di non vedere nulla, l’ho baciato sulla guancia e gli ho detto “calmati”. . ‘, ha sottolineato, ‘siamo già qui’, ho riso.

Siamo arrivati ​​alla festa, c’era già tantissima gente visto che era iniziata circa un’ora fa, la musica era davvero forte, ero super entusiasta di divertirmi. Mio cugino ha offerto da bere a me e a sua sorella. Ho conosciuto i suoi amici e gli amici di mio cugino (frequentano la stessa università), presto ho iniziato a parlare con tutti come se li conoscessi da molto tempo, mi piace parlare e mi integro facilmente, quindi è andato tutto bene. Più facile. Durante le conversazioni vedevo mio cugino osservare i suoi amici quando cominciavano a flirtare, il che per me era un puro piacere. Sono andato a fare una passeggiata con un suo amico per ballare e guardarmi intorno, appena sono tornato sono passato davanti a mio cugino che baciava una ragazza, ho aperto gli occhi per vedere cosa sarebbe successo, lui mi ha visto e l’ho fatto . Inutile dire che il bacio è iniziato velocemente, per cercare di provocarmi. La baciò senza staccarmi gli occhi di dosso, e io non staccai gli occhi da lui volontariamente, adoravo quella provocazione. E per provocarlo ancora di più, per caso un ragazzo meraviglioso si è avvicinato a me in quel momento, ecco, abbiamo iniziato a baciarci davanti a lui, QUESTO bacio! Ero già molto felice, il fuoco cominciò ad alzarsi. Durante il resto della festa, oltre a ballare molto, stavo con poche altre persone e vedevo sempre anche mio cugino uscire con altre persone.

Altre storie erotiche  Storia erotica diretta - Il mio vicino evangelico: incredibile sesso in ascensore.

Era già l’alba quando finì la festa, ci incontrammo fuori, mentre lui ordinava un Uber, io lo abbracciai. Siamo saliti in macchina, sua sorella dormiva, lui era in mezzo e io dall’altra parte, mi ha preso la mano e ha intrecciato le nostre dita, ha lasciato le nostre mani sulla mia gamba fino ad arrivare a casa sua. Dato che quando siamo arrivati ​​c’erano altre persone nelle altre stanze, abbiamo dovuto dormire tutti nella sua stanza, noi due nel suo letto e lui sul materasso. Ho indossato dei pantaloncini del pigiama e una camicetta di pizzo e ho finito per dormire con il trucco e la coda di cavallo. Prima di addormentarmi lo sento sussurrare al cellulare:

– È pazzesco fare una cosa a tre con entrambi, mia sorella ci sarebbe di mezzo, lei no, ma qui è difficile concentrarsi, è una cazzata.

Mi è piaciuto sentirlo! Ho riso e mi sono addormentata subito, ero esausta, avevo bevuto molto e avevo ballato senza sosta. Durante la notte finivo per sognare cose più calde e mi svegliavo tutta bagnata, con una meravigliosa erezione. Ho guardato di lato e ho capito che ero sola nel letto, mio ​​cugino era già andato a lavorare, ho deciso di spiare mio cugino ai piedi del letto e quando l’ho visto giaceva a torso nudo, indossava solo quei pantaloncini morbidi . dormire, senza biancheria intima sotto e con il cazzo tutto segnato, penso che il sogno fosse bello. Mi sono morsa il labbro quando ho visto questa scena e ho deciso di soddisfare il desiderio che avevo da tempo. Mi sono alzata senza fare rumore, ho chiuso la porta, sono andata in bagno, mi sono accorta che ero fradicia, mi sono truccata perché ho visto che ieri sembrava pazza come ieri sono tornata a letto, mi sono sdraiata a faccia in giù per terra . . Ai piedi del letto per poterlo raggiungere, mi sono avvicinato al suo orecchio, ho fatto scorrere l’unghia lungo il suo stomaco fino al petto, gli ho parlato sottovoce all’orecchio:

– Svegliati, vai in bagno e torna qui, non vedo l’ora di fare questa sessione che desideriamo da tanto tempo.

Si è svegliato in fretta, mi ha guardato spaventato, ho cominciato a ridere, gli ho afferrato il viso, gli ho passato la lingua sul labbro inferiore, gli ho dato un bacio, gli ho sussurrato:

Altre storie erotiche  Storia erotica etero: perdere la vergogna per sempre in Giappone

– Che cosa stai aspettando?

Lui rise, mormorò che ero pazzo, mi diede un altro bacio e corse in bagno. Non appena ha chiuso la porta del bagno, mi sono alzata dal letto, mi sono tolta i pantaloncini, mi sono aggiustata le mutandine e mi sono seduta sul materasso dove lui mi aspettava. La visione del paradiso mi è apparsa davanti al suo ritorno e gli hanno anche alzato i pantaloncini perché il suo cazzo era molto duro, ma ho visto che non riusciva a staccare gli occhi dalla mia figa, ben divisa dalle mutandine che indossavo e dai capezzoli addosso il mio seno era molto segnato. Mi sono avvicinato a lui, gli ho abbassato i pantaloncini e il suo cazzo è saltato fuori davanti a me, proprio come immaginavo, ho fatto scivolare la lingua attorno alla punta del suo cazzo molto lentamente mentre lo guardavo, e ho inserito il mio cazzo fino in fondo . Me lo sono messo in bocca, con difficoltà perché era grosso. Mi ha sollevato, mi ha tolto la camicia da notte, abbiamo iniziato a baciarci così appassionatamente che mi sono assicurata di tenere il suo cazzo nella mia figa con le mutandine incollate insieme per dargli quella frizione mentre ci baciavamo. Il mio fuoco cresceva ad ogni sfioramento della sua lingua contro la mia. La sua mano ha esplorato tutto il mio corpo, il mio sedere era dove lo premeva di più, ha fatto scivolare la mano verso il basso, scommetto che era già rosso. L’ho spinto giù sul materasso, mi sono messa sopra con lui tra le gambe, mi sono tolta le mutandine, ho sentito la figa gocciolare, ho gettato le mutandine sul suo cuscino e mi sono seduta su di lui. Sopra il suo cazzo, ma senza inserirlo, ho strofinato la mia figa lungo il suo cazzo, lasciandolo molto bagnato mentre gemevo nella sua bocca, nel mezzo ha detto:

– Sai quanto sono pazzo a scoparti, vero cugino?

– È da un po’ che muoio dalla voglia che ciò accada, goditi il ​​fatto che sono tutto tuo adesso, mmm.

Lui alzò il cazzo, senza pensarci due volte mi sedetti sopra ed entrò facilmente perché ero molto bagnato, ma lo sentii allargarsi un po’. Ho messo la mano sulla mia figa, ho messo il dito lì e l’ho lasciato succhiare mentre guardavo questa scena meravigliosa, gli ho fatto l’occhiolino e gli ho fatto questo sorriso birichino. L’ho sostenuto sul petto con entrambe le mani e ho iniziato a rimbalzare molto lentamente, lui ha chiuso gli occhi e gemeva con me mentre ho iniziato a rimbalzare molto volentieri e molto velocemente, i clic risuonavano sempre più forti in tutta la stanza e sentivo il suo cazzo entrare Dentro me Fino alle palle era completamente pieno. Il mio desiderio aumentava ogni volta che mi sedevo su quel cazzo delizioso. Mi ha attirato verso di lui e mi sono seduto mentre le nostre lingue si intrecciavano. Mi sono staccato da lui e dopo essermi messo a quattro zampe mi ha scopato come se fossi asciutto da molto tempo, mentre mi tirava la coda ho sentito le sue palle colpirmi forte, mi sono trattenuta dall’urlare perché la mia famiglia era a casa, e sembrava che non fossero interessati. Dopo un po’ ho finito per venirgli sul cazzo più di una volta e lui è esploso con la sborra su tutto il petto. Abbiamo iniziato a ridere di tutto perché sapevamo quanto eravamo pazzi e quanto lo amavamo. Abbiamo continuato a riposare, ma ci siamo baciati di nuovo e non potevo. Trattenendomi, ho finito per succhiarglielo di nuovo finché non è venuto, prima di lasciare la stanza.

Altre storie erotiche  Donna sposata costretta a donare a 6 uomini mentre ristrutturava la sua casa

Ho dovuto farmi una doccia e preparare le valigie prima di pranzo. Durante il pranzo mio zio commentò che aveva sentito dei rumori e chiese se la festa era stata buona per mia cugina, perché si era divertita stamattina, si mise a ridere, disse che era stata incredibile e mia cugina capì. Quando ho visto cosa era successo, l’ho guardata e le ho detto di non dire nulla. Poco dopo, mentre stavo per strada, ho ricevuto un video in cui diceva che aveva bisogno di farsi una doccia subito e di venire di nuovo, e mi ha mostrato tutto mentre faceva la doccia. Ho risposto che non vedevo l’ora di venire di nuovo per lui e che lo avrei chiamato più tardi oggi così avremmo potuto divertirci un po’ al telefono.

Ho deciso di iniziare a fare alcune domande qui a cui risponderai via email e potremo chiacchierare, cosa ne pensi? Vorrei sapere cosa ti piace di più.

Ogni domenica qui a casa è il giorno della ceretta per iniziare bene la settimana, e ora dimmi, preferisci raderti così: tutta liscia, con una piccola striscia, con un po’ di pelo, tutta pelosa oppure non ti interessa se sei molto emozionato?

Rispondimi via email a bmbianca11@outlook. Con, ok?

Baci

*Pubblicato da bianca sul sito climaxcontoseroticos.com il 28/04/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *