Storia eterosessuale – Scuola dello scandalo

di | 4 de Luglio, 2024

Nel corso del 2023 ho registrato diverse dichiarazioni con le persone coinvolte nel caso noto a livello nazionale come “La scuola dello scandalo”. Ebbene, l’articolo non è mai stato diffuso a causa del forte contenuto sessuale, quindi, per informazione del grande pubblico, trascrivo qui il materiale prodotto nel corso delle mie inchieste giornalistiche.

TESTIMONIANZA DI JOÃO DONATO KLEIRICH

(sic. “Gonorrea”, registrato nel settembre 2023)

Qualche anno fa mia sorella cominciò ad emozionarsi.

Non era che la volesse, arrabbiata, ma il suo seno stava diventando più grande e le sue curve si stavano accentuando.

Non sto parlando di qualcosa che si nota solo attraverso gli indumenti che stringono in alcune parti del corpo, niente del genere.

Il fatto è che a casa eravamo molto tranquilli in termini di modestia e nessuno ci chiudeva le porte. Ecco perché la nudità di mia sorella è sempre stata per me qualcosa di molto naturale.

Ok, devo essermi diventato duro di nuovo, ma ammettiamolo, ero già un ragazzo ed è difficile non farsi erire con una ragazza nuda che balla in bagno, con le sue tette dure che rimbalzano su e giù. e il culo che si muove, con il ciuffo di peli pubici scoperto.

Penso che il peggio sia stato quando sono entrato per lavarmi i denti e lei si stava radendo i bordi seduta sul water con le gambe divaricate.

Oh mio Dio, non ho mai visto un gatto così vicino!

Ammetto che mi sono masturbato quel giorno, ma ancora non riuscivo a immaginare di scopare mia sorella, pensavo solo alla sua piccola figa rosa.

Bene, bene, ammetto che quella notte ho sognato che le succhiavo il seno e che finivo per penetrarle la figa, ma questo è ben lungi dal commettere quello che chiamiamo incesto, no?

È vero che questi episodi avvenivano con una certa frequenza, ma, come ti ho detto, erano cose normali e io ci ero abituato. La cosa in sé è accaduta dopo, è stata un’altra tappa.

Era colpa della sua migliore amica, una ragazza dell’università che veniva a studiare insieme – o almeno così pensavano tutti.

La ragazza aveva la stessa età di mia sorella, ma aveva un corpo molto diverso.

Se mia sorella avesse appena iniziato a sviluppare le sue curve, questa ragazza sarebbe stata più alta e di natura più generosa, con grandi tette e un grosso culo sodo che avrebbe fatto sbavare qualsiasi uomo.

Ricordo il giorno in cui arrivò lì con il rossetto rosso e indossando solo un top e una minigonna a pieghe, lo spettacolo vero e proprio del peccato.

Mi salutò con un grande sorriso e poi si diresse nella stanza della sorella, dove si chiusero per esaminare il materiale.

Corsi subito in bagno, aprendo la porta con il pretesto che in casa c’era uno sconosciuto, ma in realtà volevo far impazzire i capelli del clown pensando a quella ragazza.

Due seghe dopo, ne volevo ancora di più, quindi ho deciso di dare un’occhiata mentre studiavano.

Cavolo, sto studiando per niente!

Erano entrambe nude a letto, giocavano sporco, lei sopra mia sorella con la faccia sepolta tra le gambe e la mia sorellina sotto, con le mani che allargavano le natiche l’una dell’altra, mentre si leccavano una figa scura che sembrava deliziosa. .

Il mio primo pensiero è stato quello di mettermi tra loro e scopare finché non fossi stanco, ma dannazione, una di loro era la sorella e questo non sarebbe successo!

Così sono corsa in bagno, il mio cazzo si era già rizzato solo vedendo la figa della mia amica, ma quando sono arrivata ho avuto un pensiero che mi ha subito fatto congelare e masturbarmi.

Maledizione, la mia sorellina stava sbavando!

L’avevo vista con i miei occhi succhiare la figa e non potevo ignorarla! Verrebbe sicuramente a sapere che abbiamo studiato nello stesso posto e che io sarei conosciuto come “il fratello della lesbica”. »

Oh no, non quello! Se mia sorella non smettesse di mettersi il velcro, sarei io quello che verrebbe fregato! Doveva agire e doveva essere veloce, ma cosa poteva fare?

Parli con mia sorella? È stata una pessima idea, la sorella aveva un carattere forte ed è riuscita a rendere pubblico il suo orientamento sessuale, solo per dimostrarmi che non ero responsabile della sua vita.

Dovrei avere una conversazione con questa stronza? Inventare una bugia per tenerlo lontano da mia sorella? Beh, potrebbe funzionare, ma cosa dovrei suggerire?

Non ho avuto nemmeno molto tempo per pensare, la porta della camera di mia sorella si è aperta e ho sentito i due salutarsi. Anche senza sapere cosa avrebbe detto, ho agito d’impulso e quando il progetto lesbico è passato in corridoio, ho trascinato la ragazza nella mia stanza.

Disperata mi sono subito aperta e ho detto che sapevo cosa stava succedendo tra lei e sua sorella, ma non poteva succedere perché era inaccettabile e basta.

La ragazza mi ha guardato per qualche secondo e poi mi ha riso in faccia dicendo che mia sorella era un’ottima troia succhiatrice di fica, che non le importava quello che pensavo e che avrebbe continuato a scopare sua sorella il più a lungo possibile. tutto il tempo che voleva.

Tuttavia ho provato a discutere, le ho detto che potevo succhiarla io stessa, che sapevo farlo molto meglio di mia sorella, con il vantaggio di avere un grosso cazzo e che ero pronto anche a scoparla se me lo avesse permesso. . , sorella mia in pace.

Dicendo queste cose tirai fuori anche il cazzo, mostrandole la vita, per vedere se riuscivo a convincerla.

Il risultato è stato terribile, la ragazza ha riso ancora più forte e mi ha chiesto chi credevo di essere per mostrare il mio cazzo in quel modo.

Poi mi ha dato uno schiaffo e mi ha detto che il mio tentativo di farla mangiare era stato buono, ma che non voleva più scopare e che quella che aveva era proprio una figa, soprattutto la mia!

Capivo che questa ragazza era una dura e non vedevo molto margine di manovra.

Adesso era tutto o niente, dovevo fare appello se volevo tenerlo lontano dalla sorella e salvare il mio onore.

Poi ho mentito: ho inventato che mia sorella avesse la gonorrea e che la ragazza se la sarebbe presa se continuasse a cadere nella figa.

La ragazza mi guardò con sospetto prima di chiedermi come facevo a sapere che, in fondo, le ragazze non dicono mai cose del genere ai loro fratelli.

Maledettamente fastidiosa succhiatrice di figa, questa ragazza non si arrenderebbe nemmeno alla possibilità di contrarre una malattia venerea come quelle che l’insegnante di educazione sessuale ha mostrato nelle diapositive!

Ho deciso di approfondire la bugia, ho detto che sapevo della gonorrea di mia sorella perché… Perché… Perché gliel’ho data mentre scopavamo!

Ha funzionato molto bene, la ragazza ha spalancato gli occhi ed è rimasta senza fiato.

Tuttavia, il problema della menzogna risiede sempre nelle conseguenze imprevedibili.

Mia sorella si deprimeva perché la sua amica non voleva avere niente a che fare con lei, per tutto il fine settimana si lamentava negli angoli con aria stupida e mi si spezzava il cuore, ma allo stesso tempo mi sentivo sollevata perché aveva salvato la reputazione della famiglia l’extra, o almeno questo è quello che pensavo.

Altre storie erotiche  Apertura

Lunedì durante la ricreazione tutti dicevano che non solo avevo mangiato la puttana di mia sorella, ma le avevo anche fatto venire la gonorrea.

Merda, il piano era fallito, il mio onore e quello di mia sorella erano nella spazzatura e dovevo rimediare di nuovo!

Non mi restava che l’unica cosa che potevo fare, a dire il vero: ammettere che tutta questa storia dell’incesto e delle malattie veneree l’avevo inventata io semplicemente perché volevo evitare che mia sorella venisse conosciuta come lesbica.

Ottimo, “la verità ti renderà libero” è quello che dicono.

Più non: maintenant les gens disaient que je voulais guérir ma sœur de son homosessualité en la violant pour lui transmettre volontairement la gonorrhée, donc, en plus d’être pervers, j’étais stupide et j’avais une sœur contagious £ qui aimait sucer Figa.

Era un inferno.

Durante tutti gli anni rimanenti di integrazione, né io né mia sorella eravamo esenti da questa cattiva reputazione.

Né la ragazza più troia di tutte, lei stessa, la studentessa che scopava tutti nella capanna abbandonata dietro il campo sportivo, né lei, volevano darmelo.

Sono rimasta vergine fino alla fine dell’integratore, mia sorella ha smesso di restare nuda in casa e non mi ha più rivolto la parola.

Due anni dopo, ero ancora depressa, non mangiavo, non uscivo e volevo morire quando ho visto la tristezza di mia sorella per il danno che aveva causato alla sua vita con le bugie – e soprattutto con la verità.

Stavo pensando al suicidio, capita spesso tra i giovani, per quanto incredibile possa sembrare. Solo chi è stato vittima di bullismo a scuola sa di cosa sto parlando.

Ho deciso di andare da uno psichiatra per vedere se potevo superare tutto questo; Dopo Tutto, stavo per laurearmi e andare all’università, quindi volevo lasciarmi tutto alle spalle e ricominciare la mia vita da zero. una pagina vuota.

Durante la seduta con il medico gli ho spiegato tutti i miei drammi, raccontandogli dettagliatamente cosa era successo e cosa mi aveva reso quello che ero.

Onestamente, lo psichiatra non ha detto nulla che potesse aiutarmi.

Tuttavia, nel salutarci, come chi non vuole nulla, il medico ha commentato con nonchalance che, sebbene per me fosse molto importante superare tutto questo, c’era solo una possibilità, una possibilità per riuscirci: dovevo, ottenerlo. . riprendere i rapporti con mia sorella e, se possibile, mangiarla finalmente!

Beh, ho pensato che fosse un po’ drastico, dopo tutto sarebbe stato molto strano bussare alla porta di mia sorella dopo tutto questo tempo e dire: “Ciao sorella, come stai?” Senti, sono venuto qui solo per scoparti perché ho bisogno di guarire un trauma che mi sono causato l’anno scorso! »

Il fatto è che ho continuato a cercare di superare il trauma, ma non ci sono mai riuscito e mi stava uccidendo dentro.

Mi resi conto che non avrei avuto tranquillità, quindi presi seriamente in considerazione l’idea di seguire il consiglio del medico. Il giorno dopo, stavo fuori dalla porta della camera di mia sorella, non sapendo davvero come avrei potuto mangiarlo.

Quando ha aperto la porta sono rimasta scioccata: era di nuovo nuda.

La sorella ora è una donna adulta, ma non era una donna qualsiasi, era una donna formidabile, con bellissime tette e un culo succoso, incorniciato da una vita snella.

Apparentemente il dottore aveva ragione, è stato solo quando l’ho vista nuda che il mio cazzo stava già mostrando segni di lotta.

Ero sbalordito, ma lei ha sorriso e ha rotto il ghiaccio, abbracciandomi e dicendo che le mancava parlare con me quando mi ha invitato a entrare.

Lei parlava senza sosta ed io a malapena mormoravo qualche parola, incapace di staccare gli occhi da quel corpo. Cavolo, ci volevo provare davvero, volevo vedere se potevo scopare mia sorella, anche dopo la merda che ho fatto un anno fa.

Un po’ a disagio, finii per parlarle dello psicanalista e di quella pazza che mi aveva raccontato di scopare con mia sorella: “Immagina, sorella mia, che quella donna si sia offerta di scoparti! Può succedere una cosa del genere?

Mia sorella perse subito il sorriso e mi resi conto di aver detto troppo. Lei venne verso di me e io feci un passo indietro, pieno di rimorso.

Poi ha cominciato a schiaffeggiarmi con la mano aperta, chiamandomi apertamente figlio di puttana.

“Non posso credere che tu sia venuto qui solo per provare a mangiarmi, idiota!”

Mi sono lasciato picchiare, meritavo di essere picchiato, ero un figlio di puttana e lei aveva tutto il diritto di farlo. Ma poi mi ha abbracciato, mi ha messo la maglietta e ha iniziato a baciarmi, a strofinarsi contro di me, a passarmi le mani sul sedere…

“Bastardo, ho passato la mia adolescenza a prenderti in giro quando ero nudo a casa e tu non facevi mai niente… Figlio di puttana, non mi hai mai dato quella tua merda… Nemmeno quando mi sono rasata la figa. “Davanti a te volevi scoparmi… E ora appari qui, tutto umile, con voglia di qualcosa… Dai, bastardo, vieni a mangiarmi!”

Era pazzesco, lo ammetto, non avrei mai immaginato che questa puttana di Sis potesse essere così liberatoria, il suo corpo si muoveva con gesti decisi, sembrava più che lei mi stesse mangiando invece che io che mangiavo, Sis era una donna grintosa e mi piaceva diretto cose. .

Mi sono spogliata e abbiamo iniziato a scopare sul suo letto, volevo succhiarle la figa ma lei ha detto di no, che aveva già il meglio, che se volevo dovevo andare lì, metterle il cazzo dentro e basta.

In ginocchio sul letto con mia sorella a quattro zampe, le ho penetrato la figa e ho scoperto il posto più piacevole dell’universo, era una figa calda e bagnata, accogliente, vellutata, deliziosa!

E pensare che mi è mancata in tutti questi anni, mia sorella, la mia piccola puttanella sexy, che voleva cavalcare il mio cazzo mentre mi succhiava la figa, la piccola puttanella super cattiva, che attaccava il velcro…

In quel momento, mentre io inesorabilmente spingevo tutto dentro e lei sussultava di piacere, muovendo con forza i fianchi verso il mio cazzo gonfio, mi sono bloccato quando ho visto la porta della camera da letto aperta e qualcuno ci stava raggiungendo nel bel mezzo dell’azione.

“Oh no, non credo!” Stai male con la gonorrea?

Era la stessa ragazza, quell’amica del pomeriggio a casa, la stessa amica della palese bugia che avevo detto, la ragazza che raccontava le mie bugie a tutti a scuola e che era all’origine della nostra cattiva reputazione!

Spogliandosi mentre camminava verso di noi, ha aggiunto: “Fantastico!” Questa volta lo scoperemo entrambi, come avevamo programmato più di un anno fa! »

DICHIARAZIONE DI BIANCA BERNARDES PAPADOPOULOS

(sic. “Lesbiana”, registrato nell’ottobre 2023)

È vero, ho la reputazione di lesbica a scuola.

No lesbica, odio questo termine. Per me la parola commette l’errore di mascolinizzare con un accrescitivo tutta la bellezza di una condizione che, in sostanza, è prettamente femminile, al punto da aver bisogno di due fighe per esistere.

Altre storie erotiche  Storia erotica pura: catturare la vicina abbronzata

Preferisco definirla lesbica, termine che si riferisce a un’isola greca del passato dove le donne si baciavano.

Quindi, come ho detto, è vero, ho una reputazione lesbica a scuola. Detto tra noi, ecco una confessione che i miei amici non sempre prendono molto bene: in realtà sono nota per essere lesbica, ma non so se è esattamente quello che sono.

Il fatto è che, da quando è emersa la mia sessualità, un po’ prematuramente, mi sono interessato ai ragazzi e alle ragazze.

Per me l’eccitazione è eccitazione e la bellezza esiste ovunque, quindi perché dovrei limitarmi a solo mezza arancia quando posso succhiarla tutta?

Anche se è vero che ci ho messo un po’ per iniziare. Ho passato molto tempo a entrare nelle fiche di altre ragazze e mi è servito perfettamente.

Ho anche avuto una storia d’amore segreta con uno di loro, di cui mi sono innamorato. In quel momento non avevo nemmeno pensato che un cazzo si muovesse dentro di me e mi facesse venire.

Andavo a lezione pensando solo alla mia fidanzata segreta, al suo profumo dolce, alle sue curve da ragazzina desiderose di trasformarsi in donna, al suo pene morbido tra le mie dita e al suo sapore amaro in bocca.

Era come un sogno, anche lei era innamorata, e ogni volta che andavamo a studiare a casa dell’altro, finivamo per fare l’amore finché non arrivavamo tutti e due.

Beh, i ragazzi lo chiamavano “succhiare la fica” o “collare con velcro”, ma per noi era sesso, qualcosa che non avevano nemmeno immaginato di provare con un’altra persona, figuriamoci di accettare tra due donne.

Tutto era molto discreto, silenzioso, perché nessuno sospettasse nulla. A scuola, avere la reputazione di “lesbica” potrebbe distruggere la propria reputazione.

Ed eccomi lì, a divertirmi tantissimo, finendo per succhiare la figa della mia ragazza, fino all’alba. Ero andato a casa sua per far finta che saremmo andati a studiare e a divertirci facendo l’amore, quando è arrivato suo fratello maggiore.

Accidenti, è stato fantastico. No, voglio dire, aveva un cazzo. No, niente di tutto ciò, voglio dire: era così dannatamente sexy!

IL ragazzo aveva un anno più di noi, era più alto e un po’ muscoloso, ma ciò che attirò davvero la mia attenzione fu che somigliava esattamente alla mia ragazza.

Maledizione, era lei, solo un uomo… e con un cazzo!

Non che ne avessi bisogno, sia chiaro, ero felice di scopare un’altra ragazza, ma anche l’idea di avere qualcuno esattamente come lei e portare un cazzo tra le gambe era troppo eccitante per rinunciarci.

Parlava come lei, aveva i suoi stessi gesti, il corpo bianco e i capelli neri come lei, ma era un maschio!

Ho attraversato una fase un po’ confusa, non sapevo bene cosa fosse, non capivo perché ogni volta che scopavo la mia ragazza, immaginavo che suo fratello scopasse me.

Diavolo, ero una lesbica, lesbica, succhiatrice di fica, con adesivo in velcro! Cosa diavolo mi stava succedendo?

Ci ho messo un po’ a capirlo, ma in realtà era una cosa molto comune quando sei giovane e inesperto: ero bisessuale e non lo sapevo!

Ebbene, le persone generalmente non comprendono i dettagli della sessualità e tutte le forme che può assumere. Quindi, a tutti gli effetti, ero lesbica, e così sarebbe stato. Chiama la scuola se scoprono che esco con un’altra ragazza.

Tuttavia, finché non ho dichiarato di essere bisessuale, è stato un po’ complicato.

Una notte ero lì a scopare con la mia ragazza. È venuta velocemente e voleva che venissi anch’io, quindi mi ha fatto questo gran pompino e poi è venuta e ha infilato le sue piccole dita delicate nella mia figa.

Non è che fosse brutto, niente del genere, era buonissimo come sempre, ma volevo qualcosa di più, qualcosa che non esisteva.

Gli ho chiesto di mettere un altro dito e niente.

Gli ho chiesto di approfondire, ma niente.

Gli ho chiesto di pompare forte, di non farlo Ho avuto paura, avrei potuto infilare il braccio se avessi voluto, e poi sono scappato.

Sono venuto come se non fossi mai venuto prima, pensando che fosse il cazzo di suo fratello dentro di me.

Poi mi guardò in modo strano, chiedendosi cosa fosse e cosa mi stesse succedendo. Inventai una scusa e uscii velocemente dalla stanza.

Ho trovato suo fratello che guardava la TV in salotto, con indosso solo un paio di pantaloncini, proprio quelli che gli somigliavano, e gli sputava addosso – e sono quasi tornato solo a guardarlo.

Accidenti, volevo quel cazzo! Ma no, non quello, ero lesbica e dovevo resistere!

Tornando a casa mi sono imbattuto in un sexy shop, sono quasi morto dall’imbarazzo comprando un bastoncino vibrante di plastica, ho speso lì tutti i miei soldi e la commessa mi ha guardato come per dire: “Fai il cattivo, vai a casa e tutto il resto. ” Quello. Questo è !

Beh, sono imbarazzato ad ammetterlo, ma alla fine è esattamente quello che ho fatto.

Chiusa nella stanza, ho tirato fuori questo dal pacchetto e ho iniziato a masturbarmi, pensando a volte a lei, a volte a lui.

Quando fu ben lubrificato, posizionai la punta del pene finto all’ingresso della mia figa e sentii un brivido dalla testa ai piedi, immaginando che tutto avrebbe vibrato dentro di me in pochi secondi.

Ho cominciato ad inserirlo poco a poco, la sensazione era deliziosa, a volte immaginavo che la mia ragazza me lo inserisse, a volte pensavo che fosse tuo fratello a mangiarmi, volevo urlare di piacere, volevo graffiare qualcuno, mordermi il collo . , Vorrei venire, vorrei venire molto, ancora!

Appena mi sono ripresa dal primo orgasmo non ho resistito e ho ricominciato. Era magico, delizioso, non sapevo nemmeno come avevo fatto a scopare fino ad allora senza un bastoncino di plastica!

Dopo essere venuto per la seconda volta, ero al settimo cielo.

Rimasi lì a guardare il rubinetto di plastica. L’ho guardata e lei mi ha guardato. L’ho guardata e quel dannato cazzo di plastica ha guardato me. Ho iniziato ad avere delle idee, qualcosa che non mi era mai venuto in mente prima…

Cosa succede se metto semplicemente la testolina di questa cosa sul filo? Farebbe molto male? Giocavo con quella cosa che avevo davanti al culo, ma avevo paura di andare oltre. Che diavolo stava facendo?

Onestamente, non ho mai incontrato una vera lesbica a cui piacesse fare il culo. Era qualcosa che accadeva solo nei film porno per eccitare gli uomini! Ho buttato via il bastoncino e ho cercato di dormire per dimenticare tutto questo.

Ci ho provato, ma non ci sono riuscito. Una vocina in fondo alla mia testa continuava a dire: “Prendi il gallo, è qui, aspetta, prendi il gallo, sputalo fuori, prendi il gallo e ficcatelo nel culo, vai avanti…”

Mi sono alzato quindici minuti dopo, ho raccolto la pirocona da terra, sono andato in bagno e l’ho lavata, sono tornata in camera da letto, mi sono messa di lato con una gamba sollevata, ho sputato sulla testa di quella cosa e ho provato a metterla sul mio culo.

In un misto di paura ed eccitazione, sono riuscito a lasciare la mancia.

Faceva molto male, o meglio, faceva male come un cazzo, ma mi sentivo bene come un cazzo, o meglio, mi sentivo bene, non so, comunque: era come se mi avessero infilato un cazzo nel culo. : Faceva male ed era delizioso allo stesso tempo!

Altre storie erotiche  Donna usata - Storie erotiche

Ho cominciato a massaggiarmi la figa, facendo dei piccoli cerchi sul clitoride, mettendo lì qualche dita, mentre continuavo a muovere il cazzo di plastica avanti e indietro nel mio culo, ogni volta un po’ più in profondità, finché tutto non si adattava.

Ho immaginato la mia ragazza che si masturbava e il suo sexy fratello che mi scopava, entrambi lì, desiderandomi, mangiandomi, e io in mezzo a loro, abbandonandomi.

Quando il mio culo era già libero con il cazzo intrappolato dentro, ho accelerato la masturbazione e ho iniziato a pomparmelo nel culo.

Devo aver svegliato il vicinato con l’urlo che ho lanciato mentre avevo gli spasmi e crollavo nel miglior orgasmo che avessi mai provato. Seriamente, devo aver tremato involontariamente a letto per circa quindici minuti, senza alcun controllo sui miei muscoli che andavano e venivano in ondate schiaccianti.

Si è fermato solo quando finalmente sono riuscito a togliere la sezione di plastica dal sedere, poi è gradualmente scomparso fino a fermarsi e sono caduto in un sonno profondo.

Il giorno dopo non riuscivo nemmeno a guardare il viso della mia ragazza. Si vergognava di averla tradita, dando il culo al proprio fratello, anche se lui non c’era ed era solo uno stronzo di plastica.

Mi vergognavo anche a fantasticare su un ragazzo, avevo praticamente convinto questa ragazza a uscire con me perché eravamo lesbiche e non ci piacevano i cazzi, e ora arrivai con questa, con la voglia di sedermi con il culo su un rotolo.

No, ho sbagliato, molto sbagliato.

Ho deciso di sbarazzarmi di questi pensieri osceni e tornare alla mia vita normale di succhiare la figa. Quando sono arrivato a casa ho buttato quel cazzo infernale nella spazzatura, ho fatto una doccia e sono andato a casa della mia ragazza per far finta di studiare e scoparmela così forte che la ragazzina avrebbe visto le stelle colorate per un mese.

Tutto è andato bene, ho scopato la ragazza deliziosamente come previsto e ho avuto anche un mini orgasmo mentre lei mi succhiava.

Poi sono andato in bagno a pulirmi, avevo quasi dimenticato che non eravamo soli, la porta era appoggiata, l’ho aperta lentamente e attraverso la fessura ho visto tuo fratello lì, con il suo grosso cazzo eretto e che si masturbava pieno di Volere.

Automaticamente ho avuto le vertigini, la fantasia di dargli il culo è tornata all’improvviso, insieme alla sensazione di piacere per il cazzo di plastica e al senso di colpa per il tradimento che non avevo ancora commesso.

Sono corsa nella stanza senza fiato, ho trovato una scusa, ho finito di vestirmi e sono corsa fuori dalla porta. E poi è successo qualcosa di insolito: il fratello della mia ragazza mi ha afferrato per il braccio nel corridoio e mi ha trascinato nella sua stanza.

Merda, sapeva che ero lesbica e mi aveva vista in camera da letto mentre scopavo con la sua sorellina.

Doppia merda, si stava offrendo di scoparmi ed ero super pronto a darglielo in quel momento.

Tripla Merda, ha ammesso di essersi scopato anche la sorellina, cosa che mi ha fatto diventare una lesbica ingannata da una finta lesbica incestuosa.

Merda quadrupla, lui aveva applaudito sua sorella e io le avevo semplicemente infilato la lingua nella figa.

Dio, mi sono comportato in modo forte in quel momento, ma ne sono uscito inorridito da così tante schifezze. Come sono finito in questo pasticcio?

Mi girava la testa e ora non sentivo più alcun senso di colpa, ero solo arrabbiato, molto arrabbiato. Sono andato nella spazzatura, ho preso il bastoncino di plastica e l’ho lavato con candeggina per disinfettarlo.

Ero determinato, da quel momento in poi non avrei scopato nessuno. Se fosse possibile, sposerei questo cazzo di cazzo vibrante di plastica e voilà, saremmo felici e contenti.

Il giorno dopo, anche se mi stavo masturbando con il cazzo, la mia rabbia non si era fermata. A peggiorare le cose, ho trovato la mia ragazza che prendeva l’integratore. La ragazza cattiva era bellissima e molto sexy, continuava a farmi l’occhiolino durante la lezione e sembrava non sapere nulla.

Figlio di puttana, mi aveva tradito con suo fratello e probabilmente mi aveva contagiato con una malattia venerea! La cosa peggiore è che, nonostante tutto, mi ha eccitato!

Dovevo farla finita ed è stato allora che mi è venuta l’idea più sinistra di tutte: mi sarei vendicato in modo tale che lei non avrebbe mai più voluto guardarmi!

Sono andato nel corridoio e ho trovato la ragazza più loquace della classe, così le ho raccontato tutto degli atti incestuosi della ragazza e di come suo fratello l’aveva contagiata con la gonorrea. All’intervallo lo sapevano tutti e questo progetto di puttana non avrebbe mai più avuto il coraggio di strizzarmi l’occhio.

Quello che non si aspettava era che suo fratello fosse un completo idiota.

Lui stesso ha diffuso a scuola che la storia dell’incesto e della gonorrea era solo una bugia inventata da lui, perché voleva che la ragazza di sua sorella, in questo caso io, smettesse di scoparla.

Stupido, oltre a rivelare la nostra relazione omosessuale, nessuno credeva che quello che dicevo fosse una bugia, e ora tutti sapevano che ero lesbica e avevo succhiato la figa con la gonorrea.

La mia vita con l’integratore divenne un calvario, sembrava che avessi la lebbra, nessuno si avvicinava più a me. Ho sofferto per settimane, finché un giorno sono andato in bagno e ho trovato la mia ex ragazza che piangeva.

Tutte le bugie ferivano anche lui, e anche la parte che era vera. Abbiamo parlato apertamente e abbiamo capito che suo fratello era la causa di tutte le disgrazie.

Cavolo, siamo tornati insieme lo stesso giorno.

Il tempo passò, presi coraggio e regalai alla mia ragazza il cazzo di plastica che lei fingeva fosse di suo fratello. Le piaceva così tanto la mia ragazza di plastica che da allora scopammo solo con lei lì vicino.

Sapeva che immaginavo quel gallo che si muoveva dentro uno di noi era il suo stupido fratello: l’avevo visto masturbarsi in bagno e quell’immagine non mi era mai uscita dalla testa.

Due anni dopo, chi ci avrebbe creduto, sono andato a casa della mia ragazza per scopare, sua madre mi ha fatto entrare e, quando sono arrivato nella stanza, ho avuto lo shock più grande: era a letto a scopare con suo fratello!

Beh, potrebbe essere arrabbiato, dopotutto era un cornuto. Ma sai cosa? Abbiamo fatto finta di scoparlo così a lungo che mi sono tolto i vestiti e mi sono unito al ballo, già strizzando l’occhio al culo…

*Pubblicato da Bayoux sul sito climaxcontoseroticos.com il 24/06/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *