Storia puramente erotica – A Tara de Carla II

di | 17 de Maggio, 2024

La domenica mattina siamo andati alla fattoria e abbiamo preparato tutto per l’incontro con gli amici.

Erano circa le dieci e mezza del mattino e quando arrivò eravamo tutti intorno alla piscina a goderci il sole. Fastidiosamente bello e ridicolo con indosso orribili pantaloncini hawaiani. Il mascalzone arrivò, attirando gli sguardi di tutte le donne con il suo mezzo sorriso e lo sguardo penetrante.

Mi sono seduto a un tavolo a bordo piscina con Nádia. Claudio ha fatto gli onori di casa presentando a tutti il ​​suo amico.

“Chi è questo dio nero che è appena arrivato? Chiede, guardandolo da sopra gli occhiali da sole.

– Un vecchio amico di Claudio. — risposi, senza nascondere la mia antipatia per questo ragazzo.

Nádia è una bella bruna sposata con Marcos, proprietario di una società immobiliare qui a Campinas ed era al barbecue a bere con gli altri mariti.

Lei ed io siamo amici intimi da molto tempo, lei mi conosce bene e ha capito cosa c’era nell’aria.

– Beh, quella faccia, amico mio, questo ragazzo è davvero figo. —Disse, lanciandomene una verde.

“È un ragazzo noioso e arrogante con le galosce, ecco cos’è, un uomo vanitoso. – dissi nervosamente.

– Niente di imbarazzante, il ragazzo è molto simpatico, Carla. Sei attratto da lui, vero? Questa è l’occasione per risolvere questo problema…

– Sei pazza, Nádia, questo ragazzo è un bastardo disgustoso. – dissi indignato per la sua insinuazione.

– Disgustoso o delizioso? Guarda, Claudio lo porta qui.

Il mio onorevole marito lo portò al nostro tavolo e lo presentò a Nadia. Erano entrambi seduti con noi.

“Allora, Adalberto, sei single?” » chiede incuriosita.

“Diciamo solo che non ho ancora trovato la mia anima gemella, o forse è arrivato troppo tardi e lei ha trovato qualcuno più fortunato.” – disse con sottile malizia, rivolgendomi uno sguardo discreto che Nádia colse subito.

“Ma le anime gemelle vanno insieme, anche se hai già sposato qualcun altro, quando si incontrano stanno insieme, è inevitabile. — Disse il mio malvagio amico, aggiungendo altra benzina al fuoco. La guardo.

I pantaloncini che indossa Adalberto sono davvero ridicoli. Non riesco a contenermi e faccio uscire una risata furtiva, coperta dal palmo della mano.

“Cos’è successo, Carla?” – chiede Claudio senza capire la risata.

“Niente, tesoro, niente… sciocchezze mie,” dissi, trattenendo ancora la risata mentre il mio amico mi lanciava uno sguardo curioso e Adalberto faceva finta di non accorgersene.

“Adalberto è uno stallone, può avere qualunque donna voglia. Perché vorresti sposarti? — disse mio marito, esaltando in modo ridicolo la mascolinità del suo amico idiota. In effetti, tutti gli uomini sono idioti in questo senso.

“Non lo so… Forse perché il sesso non è tutto nella vita. Un matrimonio basato esclusivamente sul sesso è destinato al fallimento. Perché due persone si sposino ci vuole molto di più del semplice desiderio, ci vuole amicizia, amore e complicità. – disse lucida Nádia. Gli sorrido, soddisfatta.

Altre storie erotiche  Primo sesso con una donna - Storie erotiche

– Sono completamente d’accordo. – dissi trionfante.

– Con uno psicologo parli così delle cose degli uomini, ti fanno l’analisi gratis. Mio marito ha detto.

Ridiamo tutti.

– È vero che ho un po’ di fortuna con le donne, ma sono d’accordo con Nádia che il matrimonio non è solo una questione di sesso. – disse Adalberto con un sorriso cinico, lanciandomi quello sguardo che mi sconcerta. Era difficile nasconderlo perché mio marito non si accorgesse dell’atmosfera, ma Nádia se ne accorse. I due si salutano e vanno dai ragazzi per parlare di “cose ​​da ragazzi”. Idioti.

“È proprio come ha detto Claudio, ha la donna che vuole e sembra che ora sappiamo chi vuole,” disse guardandomi con il suo sguardo curioso.

Mi sento spiazzato.

“Stai attento, amico mio, potresti pentirtene più tardi. Tuo marito è perfetto. — Aggiunge uno sguardo di rimprovero e beve un sorso di birra. “Gli psicologi hanno il dono di leggerci e di irritarci.

“E pensi che lui voglia… me…?” – L’ho detto un po’ goffamente.

“Penso,” disse, guardandomi da sopra gli occhiali, “e penso che anche tu lo voglia.”

“Sei impazzito,” esplosi. “Potrebbe anche amarmi, ma non sono affatto interessata a tradire mio marito.

– In realtà ? Lo so! “, Lei rispose.

“Sciocca,” dissi alzandomi così in fretta che per poco non rovesciai il tavolo e andai a nuotare.

“Sembra così ovvio?” » » pensai con preoccupazione.

Ho cercato di stargli lontano per evitare commenti maligni. Non volevo davvero lasciarmi coinvolgere nonostante l’immenso bisogno che mi spingeva verso di lui. La scena che ha segnato la mia adolescenza era più vivida che mai e mi tormentava. Il desiderio ardeva in me, ma ero disposto a resistere e per tutta la mattinata l’ho evitato.

Dopo pranzo alcune coppie erano già partite. Claudio e i suoi amici sono andati al campo a giocare a calcio e Adalberto li ha accompagnati.

Nádia e le ragazze giocavano a carte sul balcone e io mi sono sentita piacevolmente sola perché mi piace stare in piscina.

Provai un immenso sollievo e andai a prendere una birra dalla dispensa in una stanzetta dietro il barbecue. Ho aperto il congelatore a pozzetto e, siccome c’era poca scorta, mi sono chinato, ho preso una lattina e quando mi sono voltato mi sono trovato faccia a faccia con Adalberto che mi guardava e sorrideva, soddisfatto del piccolo spettacolo che avevo dato lui. appoggiandosi al congelatore. Arrossisco di vergogna e di odio.

“Mi stai seguendo?” ho chiesto nervosamente e lui ha notato la mia vulnerabilità.

Il bastardo chiuse la porta e, in silenzio, avanzò lentamente verso di me, guardandomi con il suo sguardo fatale che mi disarmò.

Indietreggiai, cercando di allontanarmi da lui. Il mio cuore batteva all’impazzata. Sapeva cosa voleva e sapeva che doveva essere forte per resistere. Ho pensato di urlare, ma la mia voce non veniva fuori. I miei passi si sono bloccati quando ho colpito il congelatore sulla schiena. Non avevo nessun posto dove scappare.

Altre storie erotiche  METAL Stories: un'utopia erotica di un universo fantastico -The Ring 6-

Mi ha toccato il seno e ha percepito la mia eccitazione quando si è reso conto che erano duri, il che lo ha incoraggiato ad andare avanti.

Guardandomi negli occhi, avvicinò le sue labbra alle mie e lentamente fece scorrere la sua lingua morbida sul mio labbro superiore e ripeté lo stesso movimento con il labbro inferiore. Poco dopo mi baciò selvaggiamente, invadendo spudoratamente la mia bocca con la sua lingua audace.

Incapace di resistere, ma molto arrabbiata con me stessa per averlo fatto, ho ceduto a lui mentre premeva forte il suo corpo contro il mio e sentivo la sua potente erezione stridere contro di me.

Ero bagnato, ma disgustato dai miei stessi sentimenti.

Aveva previsto tutto, figlio di puttana, perché ha tirato fuori dalla tasca dei pantaloncini un preservativo e, con un movimento rapido e brutale, mi ha voltato le spalle, facendomi sporgere sul congelatore, strappando l’involucro. Il preservativo con i denti e indossalo. Mi ha separato violentemente le gambe e ha spostato da parte il bikini, lasciando la mia vagina esposta e non protetta.

Mi è venuta la pelle d’oca quando ho sentito quella cosa dura e spessa che veniva spinta violentemente contro la mia vagina bagnata; facendosi strada nella mia carne scivolosa; riempiendomi come mai prima d’ora; affondare in me. Era enorme e sentivo tutte le sue creste premute contro le pareti del mio pene.

Mi stava violentando con colpi decisi e decisi, facendomelo sentire nel profondo. Mi ha preso un misto di rabbia, indignazione ed eccitazione. All’improvviso mi sono ritrovata lì, china su questo congelatore, ad essere la femmina sottomessa di questo selvaggio e a fare uno sforzo enorme per non urlare di dolore e di desiderio. Sentivo questo potente membro con movimenti sempre più rapidi e frenetici, facendo esplodere i suoi testicoli nelle mie natiche, producendo il suono sordo della pelle che colpisce la pelle, mentre le sue mani, afferrandomi la vita, mi attiravano a sé. Ho avuto un orgasmo enorme che mi ha lasciato stordito e quasi senza fiato cercando di contenere l’urlo di piacere.

Poco dopo, eiaculò e si tirò fuori da me quasi con la stessa rapidità con cui era entrato. Lui si è messo i pantaloncini e si è sbarazzato del preservativo, l’ha avvolto in un tovagliolo di carta e l’ha gettato nella spazzatura, mentre io, completamente stordita e con la figa che mi solleticava, mezza morta, mi sono alzata da quel congelatore e mi sono ripresa. Nel miglior modo possibile.

Ero arrabbiato con me stesso. Arrabbiato e pieno di vergogna per ciò che aveva lasciato accadere, mentre lui continuava a sorridere cinico sul volto.

– Resterò a Campinas ancora qualche giorno e mi piacerebbe rivederti. Solo che, questa volta con più calma, in un’atmosfera più romantica… – Disse guardandomi con quello sguardo maledetto.

“Non ti vergogni? – ho urlato sorpreso e ho pianto molto. “Sono la moglie del tuo migliore amico e mi hai appena violentato…

Altre storie erotiche  Scopata indimenticabile con mia moglie

– Ora, Carla, non essere drammatica. Era solo sesso selvaggio ed era quello che volevi, era scritto nei tuoi occhi. L’attrazione tra noi è evidente ed entrambi sapevamo che prima o poi sarebbe successo il sesso tra di noi. Era solo questione di tempo. Se non fosse con me, sarebbe con qualcun altro. È chiaro che non ti soddisfa, quindi è meglio per te essere l’amante del suo migliore amico piuttosto che qualsiasi estraneo. —Disse con irritante convinzione.

“Cosa…? Che assurdo… – dissi indignato – Chi ha detto che non mi soddisfaceva e chi ha detto che saremmo stati amanti?

– Va bene Carla, se vuoi continuare a illuderti fai pure, ma è evidente che sei innamorata di me. Tutti restano. La differenza è che per te sono disposto a correre dei rischi.

“Arrogante figlio di puttana…” dissi, sbuffando di rabbia e gli diedi uno schiaffo.

Lui non ha reagito, mi ha semplicemente guardato per qualche istante e poi ha sorriso con un sorriso cinico.

– Negalo quanto vuoi, ma quando decidi di accettare che io sono l’uomo della tua vita, il maschio che ti eccita e ti mette al tuo posto come donna, cercami. Sai dove trovarmi. Aspetterò. “Lo disse e se ne andò trionfante.

Ho pianto di rabbia fino a non poterne più. Poi lasciai di nascosto la dispensa e, senza che nessuno mi notasse, andai nella mia suite e feci una lunga doccia. Mi sentivo sporca, sporca, per essere più precisi. Come poteva quell’idiota dire che era innamorata di lui? Ma la verità che più mi feriva, che più mi faceva sentire sporca, era che non ero del tutto sicura dei miei sentimenti nei suoi confronti e nei confronti di Claudio.

Quella stessa notte mio marito venne nel mio letto e io mi donai a lui con desiderio. Il sesso con mio marito è stato meraviglioso, come sempre. Gentile e amorevole, mi ha accolto tra le sue braccia una volta soddisfatto. Abbiamo parlato e riso molto, ci siamo divertiti insieme ed è stata la cosa più bella di sempre.

Dopo che si è addormentato, ho pianto piano per il dolore di tradirlo e, peggio ancora, per il dolore di rendermi conto che ero ancora attratto da Adalberto, ma ora più forte.

“Mi innamorerei di questo mascalzone…?” »- pensai con terrore e mi disperai.

Ho passato il resto della notte a pensare a quell’idiota e a incolpare me stesso.

DA SEGUIRE.

claudinha8. Barreto@gmail. Con

*Pubblicato da claudinha8 sul sito climaxcontoseroticos.com il 17/05/24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *